Rubrica

 

Informații despre parohia în alte limbi

Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=27&id=205  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=27&id=602  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=27&id=646  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=27&id=4898  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=27&id=2779 
Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=27&id=204  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=27&id=206  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=27&id=207  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=27&id=208  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=27&id=3944 
Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=27&id=647         
 

Calendar Ortodox

   

Școala duminicală din parohia

   

Căutare

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 novembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  Naşii de botez şi rolul lor în viaţa finului  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  Pregătirea pentru Taina Cununiei în Biserica Ortodoxă  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  Pregătirea pentru Taina Sfîntului Botez în Biserica Ortodoxă
 
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook

Biserica are grija duhovnicească a creştinilor ortodocşi care aparţin la Patriarhia Moscovei din oraşul Torino şi din Piemonte / Valle d'Aosta

Archivio

2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 toți anii
Ianuarie Februarie Martie Aprilie Mai Iunie Iulie August Septembrie Octombrie Noiembrie Decembrie

Blogul parohului


 10/06/2014    

40 giorni dalla strage di Odessa

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il metropolita Agafangel (Savvin) di Odessa e Izmail invita tutte le chiese della sua diocesi a pregare per le anime delle vittime della strage del 2 giugno nella casa dei sindacati, in occasione del memoriale del quarantesimo giorno dalla loro morte.

Ci uniamo anche noi alla preghiera per i defunti: никто не забыт и ничто не забыто ("nessuno è dimenticato e nulla è dimenticato"). Ricordiamo le vittime della barbarie anti-ortodossa, perché quello che si è visto a Odessa non si ripeta più.

 
 09/06/2014    

I padri Daniil Sysoev e Andrew Phillips a confronto sulla pastorale

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Uno dei grandi vantaggi di condividere i propri programmi pastorali in Internet è che si può imparare facilmente dall’esperienza di altre chiese, liberando enormi quantità di risorse per dirigerle verso scopi più sensati e produttivi. D’altra parte, le esperienze pastorali di ogni chiesa dipendono in larga parte dalla società in cui la chiesa si trova a operare, e quel che porta buoni frutti da una parte può essere inefficace (o perfino controproducente) in un altro contesto. Presentiamo un paragone tra due esperienze parrocchiali di spicco e – per quanto umanamente si possa dire, parlando di chiese – di notevole successo degli inizi del XXI secolo: la parrocchia missionaria di san Tommaso Apostolo a Mosca, retta da padre Daniil Sysoev, e la parrocchia di san Giovanni di Shanghai e San Francisco a Colchester (Inghilterra), retta da padre Andrew Phillips. Da questo confronto pastorale, che è stato presentato nel 2010 dal portale Pravmir e che riportiamo nella sezione “Pastorale” dei documenti, possiamo ammirare un caso “da manuale” di ottima evangelizzazione in Russia, e al tempo stesso capire perché le stesse tecniche pastorali possono non funzionare nelle nostre parrocchie ortodosse in Occidente.

 
 08/06/2014    

Sull'uso del velo da parte delle donne ortodosse

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il nostro confratello ieromonaco Petru (Pruteanu) ci aiuta a capire le radici bibliche e teologiche della tradizione ortodossa dell’uso del velo da parte delle donne. Poiché la questione è profondamente radicata in diverse sensibilità locali, ed è spesso affrontata in modo piuttosto estremista, giudichiamo molto positivo l’approccio rispettoso di padre Petru all’argomento. Possiamo leggere le sue considerazioni nell’originale romeno e in traduzione italiana nella sezione “Domande e risposte” dei documenti.

 
 07/06/2014    

Il Donbass al centro di un conflitto di civiltà... e di fede

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Mentre le guardie di frontiera di Lugansk abbandonano i loro posti e si parla di 150 chilometri di confine aperto tra Ucraina e Russia, attraverso i quali poter portare a termine operazioni umanitarie, come l'evacuazione dei bambini di Slavjansk, vediamo il primo "successo" militare dell'Ucraina indipendente: la prima cattura di una cittadina di meno di 30.000 abitanti, Krasnij Liman. Risultato: esecuzione immediata sul posto di 37 tra combattenti feriti e civili ricoverati nell'ospedale ferroviario locale, oltre ad almeno una persona del personale ospedaliero. La democrazia e l'integrazione europea avanzano di pari passo con il nobile concetto di tutela dell'integrità territoriale, di fronte ai quali evidentemente anche crimini di guerra di questa portata sono poca cosa. Cosa succederà alle altre città se faranno la stessa fine? A Krasnij Liman si sono già visti: irruzioni in case civili, confische di beni privati, uccisioni e stupri a caso,  deportazione di tutti gli uomini in età militare... la strada verso la "democrazia" non si cura di simili ostacoli.

Forse la notizia più sconvolgente (e che per questo NON vi sarà data dai media asserviti) è che è finita anche la pazienza dei minatori del Donbass. La marcia di 3000 manifestanti a Donetsk mercoledì 4 giugno segna la fine della neutralità dei lavoratori del bacino minerario, che fino a questo punto avevano scelto di non partecipare ad azioni antigovernative.

Ma la cosa che meglio sottolinea la portata epocale di questo conflitto di civiltà è il suo carattere di guerra di religione, o forse meglio, di guerra alla religione (e ovviamente, scordatevi pure un cenno a questa notizia sui media dell'Occidente libero...). Il ministro degli esteri russo Sergej Lavrov (nella foto) ha accennato in un articolo di Sedmitza.ru che la Russia sta tornando ai valori spirituali tradizionali, radicati nell'Ortodossia, e questo è uno dei motivi per cui l'Occidente si sta allontanando da lei, e cerca di imporre una scala occidentale di valori, sempre più distaccata dalle proprie radici cristiane e sempre meno sensibile ai sentimenti religiosi delle persone di altre fedi.

 
 07/06/2014    

Raccolta fondi per le vittime delle ostilità nel Donbass

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

L'arciprete Alexey Yastrebov (nella foto), parroco della chiesa delle Sante Donne Mirofore a Venezia, ha organizzato una raccolta di fondi per le vittime delle azioni militari nel sud-est dell'Ucraina, soprattutto nel Donbass. Padre Alexey si sta adoperando per far arrivare gli aiuti nel modo più possiibile mirato, attraverso il fondo internazionale «Справедливая Помощь» ("Giusto aiuto", www.doctorliza.ru/) diretto dalla dott. Elizaveta Glinka. Questo canale permette la sicurezza che tutti gli aiuti inviati saranno utilizzati solo per scopi umanitari.

Gli aiuti possono essere inviati direttamente al fondo internazionale (tramite il link sopra indicato), oppure al conto intestato alla Parrocchia delle Sante Donne Mirofore:

Conto Corrente: 462991/39

COORD IBAN: IT82I0533602006000046299139

Banca: «Banca Popolare Friuladria»

Filiale: 0328 - Mestre - Via Piave

ABI: 05336

CAB: 02006

Codice SWIFT (BIC) BPPNIT2P328

 
 07/06/2014    

Elezioni presidenziali 2014 a confronto

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

SIRIA

Affluenza alle urne: 73,42%

Percentuale del vincitore (Bashar Assad): 88.7%

Mancano i voti di alcune aree in cui i ribelli islamisti (che combattono il presidente eletto) sparano sui civili

UCRAINA

Affluenza alle urne: 45%

Percentuale del vincitore (Petro Poroshenko): 55%

Mancano i voti di alcune aree in cui la guardia nazionale (comandata dal presidente eletto) spara sui civili

 
 06/06/2014    

Ieromonaco Giovanni (Guaita): speriamo che la dichiarazione tra il Papa e il Patriarca non rimanga un insieme di parole vuote

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il nostro confratello ieromonaco Giovanni (Guaita) è uno dei collaboratori del Dipartimento delle relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca: lo abbiamo già presentato sul nostro sito il 27 novembre 2012. In questi giorni il portale Pravmir ha chiesto a padre Giovanni alcune osservazioni sul recente incontro ecumenico di Gerusalemme: le presentiamo nell’originale russo e in traduzione italiana nella sezione “Confronti” dei documenti.

 
 05/06/2014    

Duro monito del metropolita Ilarion sugli uniati

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Al Forum europeo ortodosso-cattolico che si sta tenendo in questi giorni a Minsk, il metropolita Ilarion (Alfeev) di Volokolamsk ha esordito con una denuncia di grande durezza e chiarezza sulle azioni degli uniati, che, nelle parole del presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca, “hanno inflitto un enorme danno non solo all'Ucraina e ai suoi cittadini, ma anche al dialogo ortodosso-cattolico”. Esaminiano con attenzione le parole di vladyka Ilarion nel testo originale russo e in traduzione italiana nella sezione “Confronti” dei documenti.

 
 05/06/2014    

La Russia accoglie i soldati della Berkut

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

In questo servizio fotografico di The Voice of Russia possiamo vedere la cerimonia di giuramento di fedeltà di 10 nuovi membri della polizia speciale antiterrorismo (OMON) della Federazione Russa.

La caratteristica insolita di queste nuove "reclute" è che sono tutti ex membri della polizia antisommossa di Kiev, la Berkut, disciolta da uno dei primi atti della giunta golpista il 25 febbraio (atto che ha praticamente consegnato la sicurezza di Kiev nelle mani di bande paramilitari). Circa un centinaio dei membri della Berkut è ora in corso di integrazione nelle unità di polizia antisommossa in Russia, e altri hanno deciso di entrare in altre forze dell'ordine della Federazione Russa. A tutti è concesso ciò che il governo fantoccio dell'Ucraina ha voluto loro negare: non solo l'onore militare, ma la pensione, le cure mediche (vi siete chiesti chi paga per i poliziotti che abbiamo visto bruciare vivi a Kiev nei giorni delle sommosse?), oltre naturalmente a un programma di integrazione e protezione dei familiari.

Questi soldati non sono comunque che una piccola parte di questo corpo speciale altamente addestrato (e la cui resistenza è stata messa a dura prova nei giorni del golpe): si sa che alcuni di loro sono profughi in Crimea, e molti altri stanno ora continuando a fare il loro dovere proteggendo la popolazione civile del Donbass dalla stessa teppaglia che dava loro addosso a Kiev. Il comportamento dei veri militari, che sentono un dovere di proteggere il loro popolo, si vede da questi esempi.

 
 04/06/2014    

Gli angeli della notte che aiutano i poveri e i malati di Mosca

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Ripresentiamo sul nostro sito, nella sezione “Figure dell’Ortodossia contemporanea”, l’eccellente fotoreportage di Elena Pochetova da Russia Beyond the Headlines riguardo all’Autobus della Misericordia (Miloserdie), una delle molte mani tese dalla Chiesa ortodossa ai poveri e ai senza tetto di Mosca.

 
 04/06/2014    

Mostra per i 30 anni della parrocchia ortodossa di Modena

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Per festeggiare i suoi 30 anni di attività e apostolato, la parrocchia ortodossa dedicata a Tutti i Santi a Modena inaugura una mostra di oggetti liturgici, paramenti ecclesiastici, libri e altre testimonianze di vita ortodossa presso la chiesa di San Giovanni, detta "la Rotonda", a 200 metri dal duomo di Modena.

La mostra sarà inaugurata sabato 7 giugno 2014 alle ore 19, e resterà aperta tutti i giorni fino a domenica 22 giugno, con orario pomeridiano dalle 15 alle 19.

Nel corso dei giorni della mostra, ci sarà anche la celebrazione della Liturgia del trentennale, alla mattina della Domenica di Tutti i Santi (22 giugno, presso la chiesa in piazza Liberazione, Modena Est). La Liturgia sarà presieduta dal nostro arcivescovo Mark di Egor'evsk, con la presenza di clero e delegazioni di altre parrocchie ortodosse.

Per informazioni sulla mostra e sulle festività del trentesimo anniversario della chiesa, chiamate il parroco, padre Giorgio Arletti, al numero 328.1718863.

In questa pagina potete vedere un reportage fotografico con alcune immagini della chiesa.

 
 03/06/2014    

Il potere della tonaca

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

La presbitera Krista West, specializzata in sartoria ecclesiastica, tiene una rubrica di trasmissioni alla radio ortodossa Ancient Faith Radio. Abbiamo tradotto in italiano un suo articolo sul significato e sulla dignità della tonaca, che presentiamo nella sezione “Ortoprassi” dei documenti.

 
 02/06/2014    

L’Ucraina, la Russia e il mondo – come NON li vedrete dai media

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il blog The Vineyard of the Saker, che continua a monitorare la crisi ucraina dal punto di vista di un osservatore ortodosso, segnala due importanti testi di riferimento, che presentiamo anche ai nostri lettori nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti. Il primo è un magistrale lavoro di analisi politico-economica (qui nell’originale russo e in traduzione italiana) che cerca di rispondere alla domanda che molti si chiedono (anche dolorosamente), “perché la Russia non interviene a mano armata di fronte alle sofferenze delle popolazioni del Donbass?”

Il secondo articolo, proposto da Gennadij Volkov su Facebook (qui nell’originale russo e in traduzione italiana), ci porta dietro le linee del “fronte orientale” a vedere le condizioni disastrose dell’Ucraina e della sua popolazione, costretta a combattere una guerra in cui nessuno crede davvero, ma che senza dubbio arricchisce alcuni. Ci siamo permessi di censurare in entrambe le versioni le parole più offensive usate nell’articolo originale, ma possiamo ben capire le ragioni che hanno portato simili espressioni nella mente dell’autore.

L’importanza di questi due testi è che offrono una visione interna di un fenomeno del quale la macchina mediatica NON ci lascia analizzare le cause, e pertanto ci permettono una valutazione al di sopra di quella indotta dalla propaganda dominante.

 
 01/06/2014    

Corrispondenza di padre Andrew Phillips del maggio 2004

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Abbiamo ora aggiunto la traduzione russa del saggio di padre Andrew Phillips, “L'ultimo baluardo dell'Ortodossia”, che abbiamo presentato ieri sul nostro sito. La versione russa viene dal portale di informazione e analisi Russkaja Narodnaja Linija, che segue da diversi anni il sito Orthodox England.

Oggi presentiamo anche, nella sezione “Domande e Risposte” dei documenti la versione italiana dell'ultimo testo sul blog di padre Andrew: le domande e risposte dalla corrispondenza del maggio 2014, che trattano di una varietà di argomenti su temi principalmente geopolitici (il conflitto in Ucraina, le sue ragioni e le ripercussioni in Russia e nel mondo, le aperture all'Ortodossia in Asia orientale, la russofobia nel mondo ortodosso greco, il nazionalismo russo, i diversi tipi di imperialismo, il futuro dell’Occidente e la riunificazione della Chiesa russa).

 
 01/06/2014    

Requiem per l’Ucraina

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

 

Меня убили под Славянском

При миномётном артобстреле,

Убили брата в Краматорске -

Сожгли «гвардейцы» в горотделе,

Убили дядю в Одессы нацисты

В доме профсоюзов,

Убит племянник в Волновахе –

Мальчишка стал «двухсотым» грузом,

Сестра убита в Лисичанске –

На блокпосту из автомата,

Убили деда под Луганском –

Воронка там, где била хата,

Жена застрелена в Донецке,

Из СВД стреляли в спину.

Нас всех убили за «Едину

Та незаложену Украина».

Mi hanno ucciso a Slavjansk,

mi ha centrato un colpo di mortaio. [1]

Hanno ucciso mio fratello a Kramatorsk ...

la "guardia" lo ha bruciato al distretto.

I nazisti hanno ucciso mio zio a Odessa,

era una delle vittime della casa dei sindacati.

Hanno ucciso mio nipote a Volnovakha...

una delle 200 vittime del giorno.

Hanno ucciso mia sorella a Lisichansk,

le hanno sparato con un mitra a un checkpoint.

Hanno ucciso mio nonno a Lugansk...

Ora c'è un cratere dov'era la sua casa.

Hanno sparato a mia moglie a Donetsk ...

i cecchini l'hanno presa alla schiena.

Hanno ucciso tutti noi per

"un'Ucraina unita e libera".

[1] Il fuoco di artiglieria sulle aree di abitazione civile è stato uno dei crimini di guerra che hanno condotto alla convenzione di Ginevra.

 
index.php?id=4898&locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=1 index.php?id=4898&locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=26   <20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41> di 49  index.php?id=4898&locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=28 index.php?id=4898&locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=49