Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?id=205  Mirrors.php?id=602  Mirrors.php?id=646  Mirrors.php?id=4898  Mirrors.php?id=2779 
Mirrors.php?id=204  Mirrors.php?id=206  Mirrors.php?id=207  Mirrors.php?id=208  Mirrors.php?id=3944 
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 30 luglio 2017)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
LA PARROCCHIA

LA PARROCCHIA ORTODOSSA DEL PATRIARCATO DI MOSCA A TORINO

 

La Chiesa ortodossa di San Massimo in Torino

La parrocchia ortodossa del Patriarcato di Mosca a Torino è dedicata a San Massimo (V sec.), primo vescovo della città e Padre della Chiesa. La festa patronale è il 25 giugno (8 luglio per gli ortodossi che seguono il vecchio calendario).

La parrocchia è stata fondata nella Diocesi di Chersoneso, come le altre chiese del Patriarcato di Mosca in Francia, Italia, Svizzera, Spagna e Portogallo.

Una comunità di ortodossi italiani ha dato origine nel 1993 all’attuale parrocchia di San Massimo. All’inizio della sua esistenza non aveva una sede permanente, ed è stata ospitata in vari luoghi della città, prima di stabilirsi nel 2001 presso la chiesa del santissimo Redentore (v. foto), nella prima collina di Torino.

Le funzioni seguono il Tipico ecclesiastico (modello di norme e rubriche cultuali) della Chiesa russa; la lingua delle celebrazioni varia a seconda della provenienza dei fedeli: le più usate sono l'italiano, lo slavonico ecclesiastico e il romeno.

La maggioranza numerica dei fedeli proviene dalla Repubblica di Moldova, con una consistente presenza di ortodossi ucraini, russi e italiani, e anche di altre nazionalità (Bielorussia, Romania, ex-Yugoslavia, Georgia, Bulgaria).

Nello spirito missionario che da sempre caratterizza la Chiesa russa, la nostra parrocchia, accanto ai suoi compiti di cura pastorale dei fedeli del Patriarcato di Mosca (e per riflesso degli ortodossi di tradizione slava) in Piemonte e in Valle d’Aosta, cerca di sviluppare una comunità autenticamente locale, dedita alla testimonianza della Fede ortodossa in Occidente.

Nell’avviamento della parrocchia gli ortodossi italiani si sono distinti non solo come organizzatori, ma anche nell’accoglienza dei fedeli immigrati in Italia.

Nei confronti di tutti gli interessati alla vita della parrocchia, cerchiamo di lavorare per una mediazione culturale del messaggio dell'Ortodossia, soprattutto con la traduzione nella lingua locale dei testi liturgici e innografici della Chiesa.

Dato che la testimonianza della Fede ortodossa non può essere separata dalla ricerca di relazioni ideali con i rappresentanti di altre confessioni cristiane, la nostra parrocchia intrattiene un dialogo attivo sui temi delle verità di fede con i cristiani di altri culti a Torino.

Ci troviamo costretti a rifiutare la proposta di concelebrazioni ecumeniche (che presentano sempre il rischio di un minimalismo dogmatico, e talvolta anche quello della confusione sul piano simbolico). Preferiamo proporre la riscoperta delle radici del cristianesimo (e di quanto abbiamo dimenticato della nostra comune tradizione ecclesiastica), oltre all'azione comune nell'accoglienza agli immigrati, e nella loro integrazione nella vita della nostra città.

Com’è noto, uno dei problemi di base del cristianesimo è il mantenimento della vita di comunità; per noi questo è un ideale talvolta difficile da realizzare. Le nostre chiese sono composte da persone di diversi livelli sociali e culturali, separate nello stesso tempo da barriere linguistiche e differenze di mentalità.

Anche se la parrocchia è priva di finanziamenti, e si sostiene solo grazie alla generosità di tutti i fedeli, non possiamo dimenticare che molti ortodossi di recente immigrazione sono ancora in difficili condizioni economiche, e perciò ci adoperiamo per quanto possibile nel sostegno ai più bisognosi, che ci sforziamo di mantenere attivo a fianco del servizio cultuale e della vita di preghiera.

 

Per saperne di più:

DATI GENERALI SULLA PARROCCHIA

 

Condividi: