Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=37&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=37&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=37&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=37&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=37&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=37&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=37&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=37&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=37&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=37&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=37&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 7 maggio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 13
  Il gatto - una storia dal libro "Santi quotidiani"

pravmir.com, 1 febbraio 2013

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Vi offriamo una storia dal libro "Santi quotidiani e altri racconti", dell'archimandrita Tikhon (Shevnukov)

 

Che dire? Da noi la gente ama giudicare e criticare i sacerdoti. Una volta mi è capitata la cosa più inaspettata: quando ero nel monastero Donskoj, un parrocchiano di nome Nikolaj si è avvicinato a me e mi ha detto: "Ora capisco: la persone migliori, più grandi, più pazienti e meravigliose al mondo sono i sacerdoti!"

Sono rimasto sorpreso e gli ho chiesto come fosse giunto improvvisamente a questa conclusione.

Nikolaj ha risposto: "ho un gatto. Un gatto veramente buono, intelligente, speciale, bello. Ma c'è qualcosa di strano in lui: quando io e mia moglie andiamo a lavorare, salta sul nostro letto, e - mi perdoni - ci fa la cacca sopra. Abbiamo provato di tutto per fermarlo - l'abbiamo pregato, l'abbiamo punito - niente ha funzionato. Una volta abbiamo messo sul letto una barricata. Ma quando sono tornato a casa, ho visto che la barricata era rotta sul fondo, e il gatto era salito di nuovo sul letto a sporcarlo. Ero così arrabbiato che ho preso il gatto e l'ho picchiato! Il gatto era così sconvolto, che è strisciato sotto una sedia, si è seduto, e si è messo a piangere. Le dico la verità, è stata la prima volta che io abbia mai visto le lacrime scendere dai suoi occhi. Proprio in quel momento, mia moglie è tornata a casa, lo ha visto, e ha cominciato a dirmi: "Dovresti vergognarti di te stesso! E saresti pure ortodosso! Non ti parlerò fino a quando non sarai andato a confessare davanti a un prete il tuo comportamento disgustoso, bestiale, non cristiano!" Non mi rimaneva altro da fare, e mi pesava sulla coscienza, così la mattina sono andato a confessarmi al monastero. Ascoltava le confessioni l’igumeno Gleb. Ho aspettato in coda, e gli ho raccontato tutto.

Padre Gleb, un abate dalla Lavra della Trinità e di san  Sergio, era temporaneamente a servizio al monastero Donskoj, ed era un sacerdote molto gentile di mezza età. Di solito, ascoltava le confessioni stando in piedi, appoggiato al leggio con la barba sul pugno, ascoltando i peccati dei parrocchiani. Nikolaj gli ha raccontato tutta la storia in dettaglio, in tutta onestà. Ha cercato di non nascondere nulla, e così ha parlato a lungo. Poi, quando ha finito, padre Gleb è rimasto in silenzio per un momento, e poi ha detto, sospirando, "Beh... certo che non va bene. Ma non ho capito: questo copto [in russo, la parola "gatto" (кот) e la parola "copto" (копт) suonano molto simili tra loro], chi è? Studia all'università? E lì non hanno un dormitorio? "

"Quale copto?", ha chiesto Nikolaj.

"Beh, quello che vive con te e di cui stavi parlando."

"E poi ho capito," ha concluso il suo racconto Nikolaj, "che padre Gleb, che era un po' debole di udito, mi ha ascoltato umilmente per dieci minuti raccontare di un copto che per qualche ragione vive nel nostro appartamento, fa la cacca sul nostro letto, e che io ho crudelmente picchiato finché è strisciato sotto una sedia a piangere. Poi ho capito che le persone più meravigliose e instancabili, le più pazienti e grandi in tutto il mondo sono i nostri sacerdoti".

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 13