Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=35&id=205  Mirrors.php?cat_id=35&id=602  Mirrors.php?cat_id=35&id=646  Mirrors.php?cat_id=35&id=4898  Mirrors.php?cat_id=35&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=35&id=204  Mirrors.php?cat_id=35&id=206  Mirrors.php?cat_id=35&id=207  Mirrors.php?cat_id=35&id=208  Mirrors.php?cat_id=35&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=35&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 marzo 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11
  Poroshenko ha promesso a Costantinopoli delle proprietà in cambio del tomos d'autocefalia

Orthochristian.com, 12 marzo 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

foto: kp.ru

Il presidente ucraino Petro Poroshenko si è impegnato a trasferire "edifici e locali e altre proprietà" alla stavropegia del Patriarcato di Costantinopoli in Ucraina in cambio del tomos d'autocefalia concesso il 6 gennaio a Istanbul.

L'11 ottobre il Santo Sinodo di Costantinopoli ha annunciato che, oltre a creare una nuova chiesa scismatica in Ucraina, stava anche ristabilendo la propria presenza in Ucraina. Hanno nominato l'archimandrita Mikhail (Anishchenko) come capo delle istituzioni stavropegiali nella loro sessione del 9-11 gennaio.

Dopo essere stato illegalmente tenuto nascosto dall'amministrazione presidenziale per quattro mesi, l'accordo sulla cooperazione e l'interazione tra l'Ucraina e il Patriarcato di Costantinopoli, firmato da Poroshenko e dal patriarca Bartolomeo a Istanbul il 3 novembre, è stato presentato e pubblicato da ukranews.com.

Il documento appena pubblicato rivela che Poroshenko ha promesso di facilitare l'acquisizione delle varie proprietà ritenute necessarie "per il funzionamento della missione" in cambio del tomos. Poroshenko ha ripetutamente dichiarato di non aver interferito e che non interferirà negli affari della Chiesa, sebbene lo faccia ripetutamente.

Inoltre, il documento specifica che "In conformità con lo scopo dell'accordo, l'Ucraina faciliterà... l'acquisizione..." (enfasi aggiunta), sebbene l'amministrazione di Poroshenko abbia affermato in precedenza di non essere obbligato a pubblicare l'accordo perché l'aveva firmato come privato piuttosto che come capo di stato, e il documento mostra che tale affermazione è falsa.

Secondo la legge ucraina, tutti i documenti firmati ufficialmente dal Presidente devono essere resi disponibili al pubblico entro 5 giorni lavorativi, ma l'amministrazione ha trattenuto l'accordo per mesi.

Ukranews.com ha offerto una spiegazione per il lungo ritardo:

Dopo aver esaminato l'accordo firmato sulla cooperazione e l'interazione tra l'Ucraina e il Patriarcato ecumenico di Costantinopoli, il motivo per il rifiuto dell'amministrazione di fornire il suo testo diventa chiaro. Non è utile, alla vigilia delle elezioni presidenziali, che Poroshenko riconosca il fatto che il prezzo della creazione di una Chiesa ortodossa locale autocefala e dell'ottenimento del tomos di autocefalia per la Chiesa ortodossa dell'Ucraina è stato il trasferimento di proprietà statali al libero uso permanente del Patriarcato ecumenico.

Ricordiamo che il 18 ottobre il parlamento ucraino adottò una legge per trasferire la storica chiesa di sant'Andrea a Kiev al Patriarcato di Costantinopoli, e la proprietà è stata poi trasferita dal Consiglio dei ministri il 28 novembre. I vescovi di Costantinopoli vi hanno servito per primi, senza la necessaria benedizione di sua Beatitudine il metropolita Onufrij di Kiev e di Tutta l'Ucraina, il 13 dicembre, solo due giorni prima del "concilio d'unificazione". Hanno irritato i loro parrocchiani nazionalisti ucraini celebrando parte del servizio in slavonico ecclesiastico.

In precedenza, la chiesa di sant'Andrea apparteneva alla "Chiesa ortodossa autocefala ucraina" scismatica presieduta da Makarij Maletich, che in seguito ha detto di essere stato ingannato da Poroshenko e si è pentito di aver rinunciato alla chiesa.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11