Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 29 giugno 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11
  Ci sarà uno tsar in Russia!

dal blog del sito Orthodox England, 16 maggio 2015

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Introduzione: otto anni

Sono passati otto anni dal giorno dell'Ascensione, il 17 maggio 2007, e dalla tanto attesa entrata in comunione canonica delle due parti della Chiesa ortodossa russa, la stragrande maggioranza nel Patriarcato con centro a Mosca e la piccola minoranza nella Chiesa al di fuori della Russia, con centro a New York. Così, 90 anni dopo il catastrofico rovesciamento dell'Unto del Signore, lo tsar Nicola II, e del governo russo legittimo, momento in cui l'intero pianeta è stato sbilanciato e dilaniato da incessante guerra e terrore, c'è stata una speranza di restaurazione. Questa riconciliazione è stata uno dei primi segni che potrà essere raddrizzata l'ingiustizia storica del rovesciamento dell'Impero russo, che era stato sull'orlo della vittoria nella prima guerra mondiale, e che l'Impero ortodosso potrebbe finalmente essere ripristinato. Ma perché le due parti dell'unica Chiesa russa sono state separate, in primo luogo?

Il passato

Come è noto, la separazione è nata solo per la presa di potere nel 1917 da parte di aristocratici traditori sostenuti dall'Occidente e poi da atei militanti che hanno crudelmente perseguitato la Chiesa in quel che restava dell'ex Impero Russo. Così, quando la Chiesa in Russia, così come fuori dalla Russia, è caduta sotto l'attacco del rinnovazionismo, ci siamo ritrovati insieme fianco a fianco, condannando sia le eresie di Bulgakov a Parigi sia quelle di di Vvedenskij in Russia. Quando i rappresentanti della Chiesa all'interno della Russia sono stati costretti a mentire dicendo che non c'era 'alcuna persecuzione della Chiesa', abbiamo capito che erano ostaggi e abbiamo parlato noi per loro.

Nella libertà ci siamo rifiutati di rimanere in silenzio e abbiamo parlato al mondo della persecuzione della Chiesa russa. Comprendendo la paralisi forzata della gerarchia della Chiesa in Russia, abbiamo proceduto con la canonizzazione di santi, come san Giovanni di Kronstadt, santa Ksenija di Pietroburgo e infine i nuovi martiri e confessori. E quando la gerarchia della Chiesa in Russia è stata costretta ad accettare rappresentanti indegni e rinnovazionisti all'estero, a Vienna, Parigi, Berlino, Londra, New York e altrove, e quando questi si sono impegnati nell'eresia ecumenista, ancora una volta abbiamo parlato e difeso la Chiesa ortodossa e la verità.

Naturalmente, ci sono state minoranze nella Chiesa al di fuori della Russia che hanno anche commesso degli errori. Anche se abbiamo vissuto nella libertà politica non siamo riusciti a canonizzare i nuovi martiri e confessori fino al 1981. San Giovanni di Shanghai lo aveva voluto quasi cinquant'anni prima! Perché abbiamo dovuto aspettare così a lungo? A causa di quelli del ramo politicizzato della Chiesa fuori dalla Russia. Queste erano persone politicamente motivate, in gran parte ai margini della Chiesa, impegnati nella politica anti-russa e in atteggiamenti scismatici, in particolare accettando nella Chiesa negli anni '90 persone che vivevano fuori del nostro territorio canonico, nell'ex Unione Sovietica.

È interessante notare che questi piccoli gruppi, i cultori del rinnovazionismo e gli ecumenisti ai margini del Patriarcato e le sette scismatiche ed estremiste ai margini della Chiesa fuori dalla Russia, si erano allontanati dalla Chiesa prima del 2007, il momento della nostra unità. Gli estremisti non possono sopportare l'unità e se ne sono andati, nel liberale, ecumenista, neo-calendarista Patriarcato di Costantinopoli, oppure si sono persi in vari gruppi non canonici di vecchi calendaristi farisaici. E così, sia i rinnovatori massonici sia gli scismatici politicizzati hanno lasciato il sentiero aureo dell'unità della Chiesa madre russa per entrare nell'isolamento e nella separazione.

Conclusione: il futuro

Negli ultimi otto anni abbiamo continuato a sperimentare la profonda unità spirituale della Chiesa russa. Fuori dalla Russia siamo stati in grado di testimoniare le verità della nostra fede ortodossa senza compromessi, molto più profondamente di prima, alle altre Chiese locali, al mondo eterodosso e all'occidente apostata. All'interno della Russia abbiamo fatto amicizia con coloro che lottano per la Chiesa e per la restaurazione dello Stato e della società ortodossa russa. La nostra opposizione unita all'assalto al popolo ucraino per opera della giunta intallata dagli americani a Kiev è la prova di questa speranza e preghiera, così come anche la nostra fedeltà a sua Santità il patriarca Kirill, il simbolo della nostra unità nella libertà. Infine cerchiamo la restaurazione della monarchia in Russia. Solo uno tsar ortodosso di tutte le terre russe e invero di tutte le terre ortodosse può combattere il mondo occidentale apostata e scongiurare l'Apocalisse, mentre 'l'orrida bestia si trascina verso Betlemme per nascere', come profetizzava Yeats. Ci sarà uno tsar in Russia!

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11