Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 marzo 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  Metropolita Antonij: la "Chiesa ortodossa dell'Ucraina" è un "Titanic" costruito da persone che hanno perduto il timor di Dio

di Tat'jana Chajka

Unione dei giornalisti ortodossi, 11 gennaio 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

il metropolita Antonij di Borispol e Brovary, cancelliere della Chiesa ortodossa ucraina

Secondo il metropolita Antonij (Pakanich), la ragione principale per i sequestri di chiese è l'assenza del timor di Dio e la convinzione di restare impuniti.

I cristiani sfidano il mondo rispettando i comandamenti del Signore; con le loro vite e i loro valori morali, impediscono ad altri di commettere illegalità, quindi il mondo cerca di distruggerli. Lo ha detto il cancelliere della Chiesa ortodossa ucraina, il metropolita Antonij di Borispol e Brovary, in un'intervista a "Vita ortodossa".

"La gente perde la testa, la prudenza e la cautela, così come l'attenzione a se stessi e agli altri, e talvolta commette atti avventati e, soprattutto, irreparabili a causa della fiducia in se stessi. Questa tragedia si sta svolgendo oggi," ha spiegato il metropolita Antonij.

Secondo lui, l'unico modo di combattere e l'unica arma del credente ortodosso "è la preghiera, e uno scudo è una coscienza chiara e buone azioni". Qualunque cosa accada, non tradiremo le leggi stabilite dal Signore ".

Il cancelliere della Chiesa ortodossa ucraina traccia un parallelo tra la chiesa dell'Ucraina di recente creazione e il transatlantico "Titanic": "I costruttori e i proprietari di quella nave gigante affermavano arrogantemente che persino il Signore non sarebbe riuscito a distruggerla, ma la nave appena costruita non è mai tornata dal suo primo viaggio. Quando il suo capitano ha sentito parlare di un iceberg, non ha rallentato e non ha cambiato la rotta perché era molto sicuro della sua inaffondabilità ".

"Oggi assistiamo alla stessa situazione: un piano audace e sicuro di sé per creare 'una chiesa-Titanic inaffondabile' da parte di persone che hanno perso il timor di Dio. Con la loro approvazione e sotto la loro guida si introducono meccanismi distruttivi che violano la pace e portano discordia nella grande famiglia ortodossa. Queste persone saranno responsabili della rovina delle anime che stanno portando su una falsa strada", ha detto il funzionario della chiesa ortodossa ucraina.

Ha spiegato: "Dovremmo riconoscere solo la Chiesa apostolica, che deve esistere nella sua santa, intera, vivente e pura natura, e non essere un ramo frammentato, danneggiato, caduto, secco. Questa non è più la Chiesa. Una caratteristica della vera Chiesa è il fatto che venga perseguitata. "Le sue sofferenze, prove, lacrime e il sangue dei santi martiri per la fede ne sono la principale testimonianza: la vera Chiesa è la Chiesa dei martiri e dei confessori, dei giusti e dei santi ierarchi, sempre perseguitati, ma mai spezzati e perciò invincibili".

"Il Signore ci ha dato la Chiesa per la salvezza e il compito principale del nemico della razza umana è portarla via da noi, ma noi non dovremmo permetterglielo!" ha concluso il metropolita Antonij.

Come riportato dall'Unione dei giornalisti ortodossi, il metropolita Antonij (Pakanich) di Borispol e Brovary ha affermato che la via di Cristo e della Chiesa sta nell'umiltà e nel sacrificio, e se siamo nella Chiesa, dobbiamo seguire la via del nostro Salvatore.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8