Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 1 marzo 2018)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  Metropolita Ilarion: La Chiesa serba deve prendere l'iniziativa per risolvere il problema della Chiesa macedone

Orthochristian.com

30 gennaio 2018

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Il metropolita Ilarion (Alfeev) di Volokolamsk, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del patriarcato di Mosca, ha recentemente affrontato il problema in corso dello status non canonico della Chiesa ortodossa macedone in un'intervista a "Tvhram" della Chiesa ortodossa serba, sottolineando l'importanza del ruolo della Chiesa serba.

Trovare una soluzione al problema della Chiesa scismatica macedone che è attualmente in cerca di riconoscimento da parte delle Chiese ortodosse canoniche è "inconcepibile senza la Chiesa ortodossa serba", ha affermato il metropolita.

"Siamo convinti che la soluzione della questione della Chiesa macedone debba essere risolta all'interno del quadro canonico, ed è inconcepibile non tener conto, in questo processo, del ruolo guida della Chiesa ortodossa serba, da cui la 'Chiesa macedone' si è separata 50 anni fa", ha detto.

Il 9 novembre, la Chiesa macedone ha inviato una lettera alla Chiesa bulgara, cercando la restaurazione della comunione eucaristica e chiedendo ai bulgari di prendere i macedoni sotto la loro ala come "Chiesa madre" e di rappresentare il loro desiderio di comunione e autocefalia alle altre Chiese ortodosse canoniche.

La questione è complicata dal fatto che la Chiesa macedone si è formata come un corpo separato compiendo uno scisma dalla Chiesa ortodossa serba, di cui era un membro autonomo, nel 1967. Inoltre, l'Arcivescovado ortodosso di Ohrid sotto l'arcivescovo Jovan (Vraniskovski) si è separato dalla chiesa macedone nel 2002 per cercare la riunificazione con la Chiesa serba. L'arcivescovo ha poi sopportato diversi anni di pesanti persecuzioni, inclusa la prigione.

La dichiarazione del metropolita Ilarion riecheggia i sentimenti di entrambe le chiese, serba e greca.

Secondo quanto riferito, sua Santità il patriarca Irinej di Serbia ha espresso il suo sconcerto per la decisione della Chiesa ortodossa bulgara di assecondare la causa per la canonicità e per l'autocefalia della chiesa ortodossa macedone scismatica. Il Santo Sinodo serbo si è anche incontrato il 27 novembre, affermando che "è stato sorpreso dalla decisione del Patriarcato bulgaro" e che "spera che il Sinodo di Sofia aderirà all'ordine canonico, dato che l'arcivescovado di Ohrid, guidato dall'arcivescovo Jovan (Vraniskovski) è la legittima chiesa canonica in Macedonia, e questo è riconosciuto anche dalla Corte europea dei diritti dell'uomo ".

Nell'affrontare la decisione della Chiesa bulgara di assumere il ruolo di "Chiesa Madre" della Chiesa macedone, anche il Santo Sinodo greco ha espresso la sua preoccupazione per il fatto che la Chiesa bulgara interviene in tal modo nella giurisdizione di un'altra Chiesa locale, vale a dire la Chiesa ortodossa serba, da cui la Chiesa macedone si è separata. Secondo la stima della Chiesa greca, ciò costituisce un atto contrario ai santi Canoni e alla Tradizione della Chiesa.

Sua Santità il patriarca Neofit della Chiesa bulgara ha recentemente dichiarato ai giornalisti che esiste un "consenso sulle principali questioni per la futura unità" con la Chiesa ortodossa macedone.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8