Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=31&id=205  Mirrors.php?cat_id=31&id=602  Mirrors.php?cat_id=31&id=646  Mirrors.php?cat_id=31&id=4898  Mirrors.php?cat_id=31&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=31&id=204  Mirrors.php?cat_id=31&id=206  Mirrors.php?cat_id=31&id=207  Mirrors.php?cat_id=31&id=208  Mirrors.php?cat_id=31&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=31&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 febbraio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 7
  Nostalgia dell'Ortodossia: un'intervista a padre John Whiteford

الحنين إلى الأرثوذكسية لقاء مع الأب جون وايتفورد

dal Blog di John Anton, 13 ottobre 2013

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

 لعلها خبرة رائعة جدا أن نتعرف على شخصية مثل الأب جون وايتفورد ، لهذا أقدمت على هذه التجربة و جمعت كل أفكارى و تساؤلاتى بشأن قصته و حياته و فكره و ما أثار رغبته الشديدة فى نبش آبار الأرثوذكسية القويمة ، و الرجوع إليها و ما آثار فكره و حير عقله و ما كانت أسئلته ، و ما كانت أحواله و .أحوال أسرته ، و هل توافقوا أم لا و كيف اعتمدوا ، و انضموا إلى حضن الأرثوذكسية

تعرفت على قدس الأب المبجل جون وايتفورد من مقالته المشهورة جدا ال Sola Scriptura بعنوان ”فى غرور فكرهم” مناقشا و مفندا هذا المبدأ ألا و هو ”النصوص وحدها تكفى” ، موضحا كيف أن الكتاب المقدس وحده لا يكفى كنصوص ، لابد من شروحات آبائية و تقليد … إلخ ، فأثار فى العديد من .الأسئلة لذا راسلته و بكل محبة و اتضاع قد جاوب اسئلتى

:و كان الحوار كالآتى

Padre John, può presentarsi?

Il mio nome è John Whiteford, e sono il parroco della chiesa ortodossa di san Giona a Spring, in Texas.

Sono cresciuto nella Chiesa del Nazareno, ma ho iniziato a studiare l'Ortodossia mentre lavoravo al mio baccellierato in teologia presso la Southern Nazarene University a Bethany, Oklahoma. Ho deciso di convertirmi non molto tempo dopo avervi preso la laurea nel 1990. Sono stato battezzato alla chiesa Ortodossa di san Benedetto a Oklahoma City il 10 novembre 1990.

Ho scritto un articolo intitolato Sola Scriptura: nella vanità delle loro menti, che abbozzava molte delle ragioni teologiche per la mia conversione. Questo articolo è stato pubblicato in The Christian Activist nel 1995, e poi è stato pubblicato in una forma riveduta e un po' ampliata dalla Conciliar Press nel 1996, sotto il titolo Sola Scriptura: un'analisi ortodossa della prima pietra della teologia della riforma. Questo saggio è stato tradotto in russo, serbocroato, romeno, bulgaro, portoghese, italiano, cinese, arabo e svedese. Il testo russo è stato pubblicato come libretto dalla fraternità di sant'Aleksander Nevskij a Nizhny Novgorod, nel 2000.

Nel 1988 ho sposato Wendy Woo, che è stata battezzata nel 1991 e ha preso il nome di "Patricia". Ho due figlie, Elizabeth e Catherine.

Sono stato ordinato diacono dal metropolita Hilarion il 4 marzo 1995 e sacerdote dal vescovo Gabriel il 14 gennaio 2001.

Sono attualmente il curatore del St. Innocent Liturgical Calendar, e pubblico anche testi liturgici sul nostro sito web parrocchiale.

Il suo nome prima di essere prete?

Il mio nome non è cambiato. Mia madre ha chiamato tutti i suoi figli con nomi di persone della Bibbia. Io sono stato chiamato John da san Giovanni Apostolo, e quando sono diventato ortodosso, non ho visto alcuna ragione per cambiar nome.

Il suo lavoro prima di essere prete?

Ho lavorato per lo stato del Texas negli ultimi 20 anni. Per 13 anni ho lavorato per l'agenzia statale di assistenza sociale, e gli ultimi 7 anni ho lavorato per l’agenzia della protezione dei bambini. La mia parrocchia non è ancora in grado di pagare uno stipendio pieno, anche se si sta muovendo in quella direzione.

Qual era la sua denominazione prima di essere ortodosso ?

La Chiesa del Nazareno.

Come ha conosciuto l'Ortodossia? Quali sono le principali motivazioni che l'hanno portata a essere ortodosso?

Mentre aumentavano i miei dubbi sul protestantesimo, mi sono trovato in una situazione molto spiacevole. Come pastore associato, avevo alcune responsabilità, che comprendevano la guida di un piccolo gruppo la domenica sera, e di tanto in tanto anche la predicazione della domenica mattina. Ho continuato a svolgere questi compiti, ma ero sempre meno convinto delle cose che ci si aspettava che dovessi insegnare e predicare. Ho anche iniziato a frequentare al sabato sera i vespri alla chiesa di san Benedetto su base regolare, e poi la domenica mattina ero di nuovo nella chiesa semi-carismatica del Nazareno di cui ero pastore associato. Il contrasto tra questi due stili molto diversi di culto su base settimanale ha avuto l'effetto di convincermi sempre più della superficialità del culto protestante in generale, ma soprattutto dello stile "contemporaneo" di culto che la mia Chiesa del Nazareno stava usando. C'erano due "canti di culto" che si distinguevano come particolarmente superficiali. Uno era "Come David fece innanzi a Geova, io danzerò con tutte le mie forze " - che non aveva alcun significato diverso da quello di seguire le note del gruppo rock che suonava la musica. Un altro era "Suonate la tromba in Sion", che era basato sulle parole del capitolo 2 di Gioele. Tuttavia, questo canto distorceva il significato delle parole in quella profezia suggerendo che si stesse parlando di un potente esercito del popolo di Dio, quando in realtà la profezia è una profezia di giudizio sul popolo di Dio che ha peccato. L'esercito di cui si parla in quel passo, che sta per "correre in città" e "correre sulle mura" è un esercito che sta venendo a distruggere Sion (Gerusalemme) per ordine di Dio. Si suona la tromba in Sion per dare l'allarme, perché Gerusalemme è sotto attacco. Dio sta chiamando il suo popolo a pentirsi, se vuole evitare questo giudizio... ma questo canto di "culto contemporaneo" è tutt'altro che un canto penitenziale. Una domenica, quando mi è stato chiesto di predicare, ho predicato su Gioele 2, e ho spiegato perché questo canto distorce il significato del brano, e che cosa significa realmente. La domenica successiva, il "gruppo di lode" lo ha cantato di nuovo come al solito.

Il Centro Sonlight aveva avuto poco successo nella costruzione di una congregazione, ma inizialmente aveva avuto un finanziamento dal distretto (che è simile a una diocesi), e aveva fatto un contratto di locazione molto costoso di una struttura molto bella e grande in posizione centrale; il distretto però aveva promesso di fornire sostegno finanziario per un periodo di circa un anno, ed è arrivato il giorno in cui tale sostegno si è concluso. Io non ero molto coinvolto nel lato economico di quella chiesa, ma si è deciso che avevamo bisogno di cercare un locale nuovo e più conveniente. Mentre eravamo in fase di transizione, abbiamo tenuto stati per un certo tempo i nostri servizi presso una chiesa ebrea messianica, che ovviamente non aveva i servizi di domenica, dal momento che li aveva il sabato. Ma dal momento che ci ospitavano, ho partecipato ad alcuni dei loro servizi, che non avevano quasi nessuna somiglianza con un servizio tradizionale di sinagoga ebraica. In sostanza, il loro era un tipico culto carismatico, con l'aggiunta di qualche elemento ebraico dozzinale, e molta musica nello stile del film Fiddler on the Roof. Ho scoperto che i fedeli nella chiesa erano quasi tutti battisti del sud dall'Oklahoma, che erano alla ricerca di qualche forma di tradizione. Ho pensato che fosse triste che invece di cercare nella tradizione cristiana, si fossero gettati nella direzione del cristianesimo giudaizzante. Questa era solo una prova ulteriore del crollo del mondo evangelicale, cosa che non ha fatto che accelerare negli anni successivi.

Come vedeva la santa tradizione prima e dopo essere diventato ortodosso?

Ovviamente le letture sulla dottrina e la tradizione ortodossa sono una parte importante del processo, anche se negli anni in cui mi sono convertito c'era molto meno disponibile in inglese, di quanto vi sia oggi. Ora, se si conoscono i siti su cui andare, è possibile trovare una serie di informazioni con pochi clic del mouse, ma allora c'erano solo libri (che in genere non si potevano trovare presso la biblioteca locale, e così si dovevano acquistare), e un certo numero di periodici ortodossi a cui mi sono abbonato. Una cosa che ho trovato particolarmente utile è la lettura dei romanzi di Feodor Dostoevskij. I suoi romanzi trasmettono lo spirito dell'Ortodossia in un modo che non può fare un arido testo generale sull'Ortodossia. Ma un corpo di letteratura ortodossa che spesso trascurano gli interessati all'Ortodossia e i nuovi convertiti è la lettura delle vite dei santi, e questa è una delle cose più importanti a cui dobbiamo dedicare il nostro tempo e attenzione. Il vescovo Peter (Loukianoff) dice che san Giovanni di Shanghai sottolineava notevolmente l'importanza delle vite dei santi, e spesso quando gli facevano una domanda su alcune questioni di fede o di pratica, rispondeva citando qualcosa da queste vite, di cui aveva una vasta conoscenza. E tutte le letture sull'Ortodossia nel mondo saranno di poco aiuto se non si frequentano regolarmente le funzioni, non si digiuna, non si prega e non si vive la tradizione ortodossa nella propria vita quotidiana. San Massimo il Confessore ha detto "La teologia senza la pratica è la teologia dei demoni".

La sua famiglia ha accettato la mentalità ortodossa, o no?

Poiché fino a quel punto avevo studiato a lungo l'Ortodossia per conto mio, prima di metterne al corrente mia moglie, lei ha avuto un certo lavoro di recupero da fare. Non era di mentalità chiusa in materia di Ortodossia, ma non era neppure intenzionata a convertirsi solo per farmi felice. Nel corso degli anni ho conosciuto persone che presumono che le donne asiatiche siano tutte obbedienti e sottomesse come le mogli giapponesi che hanno visto nei film. Non ho avuto modo di conoscere molte donne giapponesi, ma ne ho conosciute molte cinesi, e non sono così. Una volta ho lavorato come cameriere in un ristorante cinese, e la moglie del proprietario, che era alta circa un metro e mezzo, e relativamente sottile, si è seriamente offerta di proteggermi quando avevo a che fare con clienti rissosi (e io ero al tempo ero alto un metro e 90, pesavo 85 chili e avevo studiato arti marziali per 2 anni). Quindi non mi facevo illusioni che mia moglie si convertisse per motivi diversi dai suoi. Avevo sperato di essere in grado di convincerla col tempo con gli argomenti che avevano convinto me, ma all'inizio dell’autunno del 1990 ho cominciato a pensare che avrebbe potuto non convertirsi mai. Mia moglie ha detto che il giorno del giudizio sarebbe stata lei a dover rispondere per la sua decisione, e non io... e su questo non potevo discutere.

La decisione di mia moglie di convertirsi o di non convertirsi era una domanda che avrebbe deciso alla fine la mia possibilità di proseguire a diventare un prete ortodosso, perché un prete ortodosso non può essere sposato con una donna non ortodossa. La moglie di un prete ortodosso è una carne sola con il marito, e così ha un grado di partecipazione nel sacerdozio. I requisiti canonici per essere la moglie di un prete sono praticamente gli stessi che la il marito per essere sacerdote, a parte la questione del proprio sesso. La moglie del prete ha anche un titolo simile. Nella tradizione greca , la moglie del sacerdote è chiamata "presbitera", che è la forma femminile di "presbitero" (la parola greca per "prete"). Gli arabi chiamano un prete "Khouri" ( che significa "prete" ), e sua moglie "Khouria" (ancora una volta, la forma femminile per prete). I russi chiamano un prete "Batiushka" (letteralmente "piccolo padre"), e sua moglie è chiamata "Matushka" ("piccola madre"). La Matushka di una parrocchia non ha alcun ruolo liturgico nella parrocchia, ma ha un ruolo materno, e questo è il motivo per cui un sacerdote non può essere sposato con una non ortodossa. Quindi, di fronte alla probabilità che la decisione di mia moglie di non convertirsi eliminasse la possibilità di diventare sacerdote, ho dovuto considerare che altro avrei potuto fare con la mia vita.

A quel tempo, la prima guerra del Golfo era all'orizzonte, e così ho deciso di fare il militare, per due motivi: 1) perché, come figlio di un veterano della seconda guerra mondiale, mi sentivo come se fosse giunto il mio turno, e 2) perché se non potevo essere un sacerdote, ho pensato che la cosa migliore sarebbe quella di servire nei Marines degli Stati Uniti. Nessuno sapeva in anticipo che la guerra sarebbe stata tanto breve e unilaterale come si è rivelata essere. I media hanno esagerato la forza e le dimensioni dell'esercito iracheno, e molti predicevano che saremmo finiti in un pantano che poteva proseguire per molti anni. Ho prestato giuramento (nello stesso edificio che Timothy McVeigh avrebbe poi fatto saltare in aria) ai primi di novembre del 1990.

Mi ero mosso lentamente fino a questo punto, con la speranza di essere battezzato assieme a mia moglie, ma a lei andava bene che fossi battezzato dopo essermi arruolato, perché sapeva che sarei andato presto al campo di addestramento, e probabilmente poco dopo in guerra. E così il 10 novembre 1990 sono stato alla fine battezzato. È stata una grande gioia essere in grado di partecipare pienamente ai servizi, e di ricevere la comunione per la prima volta il giorno successivo. Ho pregato che mia moglie mi seguisse, ma ho deciso che mi sarei limitato a rispondere alle domande che mi faceva, e non dire nulla che potesse sembrare che la stavo spingendo ulteriormente sull'argomento.

Avevo trascorso molto tempo a pregare per la mia decisione di arruolarmi, e avevo trascorso un bel po' di tempo a chiedere consigli e a pensarci. Ma, al momento, mi sembrava la cosa giusta da fare, e speravo che questa fosse la volontà di Dio, ma una delle cose che avevo imparato dagli scritti di Charles Finney era che era una buona idea di pregare Dio di contrastare quello che stiamo facendo, se questa non è la sua volontà. Così pregavo regolarmente che se non era volontà di Dio che io diventassi un marine, egli non lo permettesse. Mentre ero in attesa di partire per il campo di addestramento, ogni mese dovevo partecipare a un "incontro dei coscritti". Nel gennaio del 1991, la fase aerea della guerra era ben avviata, e un fervore patriottico stava spazzando la nazione. Tutti i coscritti si sono riuniti presso la stazione di reclutamento dei marines, e siamo corsi in formazione verso un parco vicino. Mentre correvamo con le bandiere, la gente si fermava per applaudire, e dalle auto suonavano il clacson con approvazione. Una volta al parco ci siamo esercitati, abbiamo ottenuto un assaggio dei metodi che i nostri istruttori ci avrebbero riservato al campo di addestramento, e poi abbiamo giocato a flag football. Avevo appena finito il college, e quindi ero un po' più grande rispetto alla maggior parte degli altri ragazzi, che erano appena usciti dalla scuola superiore. Molti di loro sembravano intenti a impressionare i loro reclutatori, e così stavano giocando a flag football usando piuttosto i placcaggi del calcio normale, ma senza il casco e le protezioni. A un certo punto, qualcuno mi ha colpito da dietro e ho sentito un leggero colpo alla base della schiena. Al momento, non ci ho pensato molto, ma quando siamo corsi di nuovo alla stazione di reclutamento, ho provato molto dolore. Non lo sapevo in quel momento, ma Dio aveva risposto alla mia preghiera.

Il giorno dopo non potevo sedermi, camminare o stare in piedi senza dolore intenso, e non stavo molto meglio quando ero sdraiato. Non avevo l'assicurazione sanitaria, al college avrei dovuto averla, ma avevo semplicemente messo nel modulo che la mia assicurazione era coperta dalla "YHWH, Inc", e il mio numero di polizza era " MT0817 " (che era un riferimento a Matteo 8:17 "affinché si adempisse ciò che era stato detto dal profeta Isaia:" Egli stesso ha preso le nostre infermità e si è addossato le nostre malattie") . E anche se avevo giurato, non ero un militare in servizio attivo (perché non ero ancora andato al campo di addestramento) e così non avevo copertura sanitaria neanche dall'esercito. Quindi, tutto quello che potevo fare era andare da un medico generico e pagare di tasca mia, e, purtroppo questi non aveva alcuna idea di quale fosse il problema. Ha pensato che fosse uno stiramento, e mi ha prescritto alcuni farmaci anti-infiammatori e alcuni antidolorifici ... dosi da 500 milligrammi di ibuprofene. Un giorno mi venne in mente che normalmente ne prendevo ben oltre per un mal di testa, e quindi non c'era da meravigliarsi che fosse di scarsa utilità. I giorni diventavano settimane e mesi, e avevo avuto solo un lieve miglioramento. La mia data di partenza per il campo d'addestramento continuava a slittare, e nel frattempo, la guerra è finita.

A un certo punto mia moglie ha provato un rimedio cinese che includeva un cerotto a base di erbe sulla mia schiena, e poi ha messo un pezzo di pelle di cane bollita sul cerotto, per tenerlo a posto. Quando è arrivato il momento di rimuoverlo, ho scoperto che questo rimedio non era stato progettato per i caucasici con molti peli sul corpo. Ho finito per doverlo radere via, ululando come un cane di cui avevo attaccato un pezzo di pelle alla mia schiena.

Curiosamente, una cosa che mi ha portato un po' di sollievo è stata fare molte prosternazioni. Ho scoperto che se facevo almeno 50 prosternazioni al giorno, avevo meno dolore, ma se non riuscivo a farlo, il mio dolore aumentava.

Dopo un po', è sembrato che il dolore si facesse gestibile, e ho cominciato a lavorare per ritornare in forma. Ma mentre lavoravo all'aperto, un giorno, ho sentito un altro colpo alla schiena, e sono ritornato al punto di partenza. Poco dopo, sono giunto alla conclusione di non essere in grado di andare al campo di addestramento, e quindi, dopo aver chiesto al mio deputato di sostenere il mio caso, sono stato finalmente in grado di ottenere il congedo che mi liberava dal mio arruolamento. C'è voluto circa un altro anno perché il mio problema alla schiena se ne andasse (anche se ancora mi dà qualche dolore oggi) . Quando finalmente ho avuto dopo anni un'assicurazione sanitaria, mi è stato detto che si era sovraestesa una giuntura semi mobile nella zona lombare della schiena.

Ma tutto questo si è rivelato provvidenziale. Il cambiamento nella direzione dei miei piani ha pressato mia moglie a prendere una decisione. Inoltre, mia madre si era trasferita da me in quell'estate, e i suoi continui sforzi per convincermi ad abbandonare l'Ortodossia hanno aiutato mia moglie a entrarvi. E nel frattempo continuava a frequentare le funzioni con me, e dopo la funzione delle Lamentazioni del Sabato Santo del 1991, è stata così profondamente commossa, che mi ha informato che voleva essere battezzata. È stata battezzata il sabato luminoso, la settimana successiva, un'altra risposta inattesa alla preghiera.

Ho appena visto una sua foto con suo fratello che è un protestante... andate d'accordo l'uno con l'altro? E qual è la definizione di "accettare l'altro" nel vostro caso?

Mio fratello maggiore è un ministro nella Chiesa del Nazareno. Quando sono diventato ortodosso, la sua reazione è stata molto negativa. Tuttavia, nel corso degli anni, è diventato molto più comprensivo.

Quali sono le principali differenze tra la vita nell'Ortodossia e nelle denominazioni protestanti dal suo punto di vista di prete ortodosso ?

Potrei scrivere un libro sulle differenze. Ci sono state alcune cose nella mia formazione che in realtà mi hanno reso più facile diventare ortodosso.

Come vede la varietà delle denominazioni protestanti al giorno d'oggi?

Purtroppo, continuano a moltiplicarsi, e ogni anno che passa si allontanano dalle loro radici nella tradizione cristiana storica. Tuttavia è vero che molti protestanti sono diventati più aperti all'Ortodossia in questi ultimi decenni.

Quali sono i suoi desideri per la Chiesa?

Che la nostra gente abbracci la propria tradizione con un nuovo zelo.

Che ne dite dei giovani nelle chiese ortodosse?

Abbiamo bisogno di assicurarci che i nostri giovani capiscano i problemi del relativismo che viene imposto nella cultura. Hanno bisogno di capire cosa sia la verità, e che questa non è relativa. Noi non arriviamo ad avere la nostra verità personale. E poche ore in chiesa in una settimana non sono sufficienti a controbilanciare una settimana trascorsa in scuole pubbliche, davanti alla TV, e a navigare sul web. Ogni famiglia deve prendere molto sul serio la propria responsabilità di istruire i loro figli nella fede, altrimenti la Chiesa li perderà.

Penso anche che sia importante, in Occidente, avere le nostre funzioni in una lingua che i nostri giovani possono capire. Questo è particolarmente vero negli Stati Uniti, che ha una cultura molto accogliente, ma è una cultura con una grande quantità di pressione verso l'assimilazione. I bambini possono crescere comprendendo la lingua dei loro genitori, ma non la capiranno altrettanto bene, e nella stragrande maggioranza dei casi, i figli non capiranno affatto quella lingua. Potete lottare per istruire rigorosamente i vostri figli nella vostra lingua e cultura d'origine, ma la cosa più importante è quella di istruirli nella fede, e questo sarà fatto più facilmente nella lingua del posto.

Padre, ci può parlare dei suoi libri e articoli?

Avrei voluto avere più tempo per scrivere di quanto ne ho, ma ho scritto alcuni articoli nel corso degli anni. Sola Scriptura è stato il primo. Ho anche scritto su cose quali la venerazione delle icone, e articoli per rispondere agli attacchi protestanti contro l'Ortodossia.

Qual è la sua opinione sui dogmi protestanti che invadono alcune chiese ortodosse?

Molte persone crescono ortodosse, e non si rendono conto di quanto siano state influenzate dal pensiero protestante. È un problema serio. Questo può essere combattuto solo avendo un buon programma nella vostra parrocchia che si concentra non solo sull'insegnamento ai bambini, ma anche agli adulti.

Dal suo punto di vista quali sono le sfide dogmatiche che la Chiesa e la gioventù ortodossa affrontano oggi?

L'indifferenza alla dottrina. Troppe persone semplicemente non pensano che sia abbastanza importante imparare ciò che la Chiesa insegna.

Ha mai visitato l'Egitto, padre John? Conosce qualcosa della Chiesa copta ortodossa?

Non sono mai stato in Egitto. Conosco però la Chiesa copta ortodossa. I copti mi sembrano persone molto pie. Senza dubbio, sono più vicini a noi di qualsiasi altra chiesa al di fuori della Chiesa Ortodossa calcedoniana. Sembra che ci sia poco che ci separa oggi, tranne che la storia. Spero che qualcuno trovi una soluzione in grado di affrontare le questioni storiche che ci dividono, senza compromettere la verità della fede.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 7