Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=30&id=205  Mirrors.php?cat_id=30&id=602  Mirrors.php?cat_id=30&id=646  Mirrors.php?cat_id=30&id=4898  Mirrors.php?cat_id=30&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=30&id=204  Mirrors.php?cat_id=30&id=206  Mirrors.php?cat_id=30&id=207  Mirrors.php?cat_id=30&id=208  Mirrors.php?cat_id=30&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=30&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 febbraio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6
  Un santuario americano per onorare i martiri imperiali russi

di Andrew Gould

Orthodox Arts Journal, 13 luglio 2018

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Sono stato particolarmente onorato di creare un magnifico santuario e reliquiario dei martiri martiri russi. Il santuario è stato commissionato da un convertito americano all'Ortodossia come dono all'Eremo della Santa Croce, un monastero ortodosso russo in Virginia Occidentale, USA. È stato installato in tempo per commemorare il centenario, il 17 luglio 2018, del tragico omicidio dello tsar Nicola II e della sua intera famiglia.

Il donatore e il monastero hanno richiesto un santuario che rispecchiasse il meglio del design e dell'artigianato americano - per unire questo patrimonio culturale alla tradizionale forma liturgica di un kiot con icona e reliquiario. Dato che avrebbe conservato le reliquie dei santi imperiali, era opportuno che esibisse uno splendore e una raffinatezza particolari. Un secondo kiot doveva conservare un reliquiario degli anziani di Optina.

Come designer, mi piace molto questo problema di unire le tradizioni in modi nuovi. Non c'è creatività nel copiare vecchie soluzioni di fronte alle necessità più consuete. Ma prendere un pezzo unico di arredamento ortodosso - un kiot con icona - e renderlo secondo l'aspetto di un bel mobile americano del XVIII secolo, offre l'opportunità di creare qualcosa di nuovo e splendido!

Posso dire con un certo orgoglio nazionale che i mobili americani storici erano della migliore qualità al mondo, anche se non erano certamente i più decorati. Nel XVIII secolo, quando i mobili europei erano pesantemente barocchi, gli artigiani americani mantenevano una sobria semplicità, con curve e ornamenti usati con grande raffinatezza e contegno. La bellezza era nei materiali. Con l'accesso ai migliori legni duri del mondo, e la convinzione che "qualsiasi cosa vale la pena di essere fatta, vale la pena di essere fatta bene", i mobili americani erano fatti per mostrare la bellezza naturale del legno e la gioia di un artigiano nella falegnameria minuta.

Un highboy americano del XVIII secolo

Ho iniziato a progettare i due kiot tenendo a mente questa filosofia ed estetica coloniale americana: usare i legni migliori e metterli in mostra con una ricca finitura; mantenere gli spessori del materiale ampi e robusti; usare curve barocche per grazia e bellezza, ma mantenerle contenute e sobrie; e consentire che il contrasto dei materiali naturali servisse da ornamento.

Poiché i kiot erano destinati a contenere un reliquiario e un'icona, li ho disegnati con una forma non tipica: la metà inferiore si estendeva in avanti come un tavolo. Ciò si è rivelato di grande successo, poiché ha dato peso architettonico e stabilità alla base e alcune opportunità per curve aggraziate.

Ho scelto il mogano honduregno per la costruzione. Privo di macchie, il mogano ha un colore dorato medio che si coordina magnificamente con le icone e sostiene la calda estetica liturgica delle funzioni ortodosse. Strisce intarsiate a contrasto ravvivano le linee architettoniche principali e dettagli in intarsio fatti di madreperla, ebano e acero figurato creano ricche riflessioni ornamentali. La finitura è una vernice polimerizzata all'olio di tung, passata in dieci mani.

Le icone sono state dipinte in Russia da Natalia Aglitskaja, con belle decorazioni a venatura in gesso nelle aureole dei martiri imperiali. Per loro ho realizzato cornici con basma in nichel-argento sbalzato con sfondi blu scuro, che evidenziano in modo brillante le icone contro il mogano caldo.

Particolare dell'icona dei martiri imperiali, dipinta da Natalia Aglitskaja

Il reliquario è stato un'interessante sfida di design. Non ci sono molto precedenti per dei reliquiari in legno, e ho scoperto che una scatola di legno intarsiato tendeva naturalmente a sembrare troppo simile a una scatola di gioielli o un recipiente per il tè. Alla fine, ho deciso di modellare il reliquiario su un sarcofago romano – una robusta forma architettonica con pilastri ai lati. Questo gli ha dato la necessaria gravità sepolcrale. Il reliquiario è abbondantemente intarsiato con strisce di legno e madreperla. I pilastri sono in acero figurato di qualità strumentale con basi e capitelli in ebano.

L'interno del reliquiario comprende un'icona in pietra intagliata e dorata, realizzata da Jonathan Pageau, che fornisce un piacevole contrasto con l'icona dipinta che sta direttamente sopra. La base del piatto del reliquiario è in argento sterling. Insieme alla lampada d'argento, è stato fabbricato su mio progetto a Taxco, in Messico, con corone sopra ogni reliquia e nomi incisi in slavonico.

Questo progetto ha richiesto più di un anno tra la progettazione e la realizzazione, coinvolgendo in collaborazione una dozzina di abili artigiani. È stato un grande piacere per me creare qualcosa di così bello, e sono particolarmente contento che sia stato realizzato per onorare i martiri imperiali. Può essere una sorpresa per gli stranieri che i cristiani ortodossi in America abbiano una pia devozione ai santi imperiali russi. È giusto che la nostra nazione ora abbia un santuario degno dove le loro reliquie possono essere venerate.

Design generale, intarsio e altri dettagli: Andrew Gould (New World Byzantine / NWB Studios)

Lavorazione del legno: Bruno Sutter (Timber Artisans, LLC)

Tornitura del legno: Ashley Harwood (Turning Native)

Bande di legno: El Henson

Finitore del legno: Patrick Carr

Iconografa: Natalia Aglitskaja

Scultore dell’icona: Jonathan Pageau

Fabbro: Frank Verga

Argentiere: GWSilver

Incisione: Tom Podhrazsky

Autore della basma: Maxim Lavdinskiy

Disegno di rendering del santuario e reliquiario, di Andrew Gould, 2017

I kiot in costruzione

Il maestro falegname Bruno Sutter (a sinistra) con i kiot finiti

L'autore sta preparando l'intarsio del reliquiario

L'autore ritaglia l'aquila imperiale russa in madreperla con un seghetto da gioielliere

L'intarsio dell'aquila pronto per l'installazione

Il maestro finitore Patrick Carr applica la vernice

L'autore riveste le cornici dell'icona con la basma di nichel-argento

Lo sfondo di base viene dipinto di blu e l'eccesso viene cancellato, per ottenere un effetto simile a uno smalto ingioiellato

Il fabbro Frank Verga forgia i ganci di ferro per i lampadari

L'assistente dell'autore, Tom Podhrazsky, incide il piatto d'argento del reliquiario

L'icona scolpita del coperchio del reliquiario in lavorazione nel laboratorio di Jonathan Pageau

L'icona completata

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6