Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=30&id=205  Mirrors.php?cat_id=30&id=602  Mirrors.php?cat_id=30&id=646  Mirrors.php?cat_id=30&id=4898  Mirrors.php?cat_id=30&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=30&id=204  Mirrors.php?cat_id=30&id=206  Mirrors.php?cat_id=30&id=207  Mirrors.php?cat_id=30&id=208  Mirrors.php?cat_id=30&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=30&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 1 marzo 2018)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6
  Uno degli uccisi a Ma'lula: "Io sono un cristiano, e se volete uccidermi per questo, non mi oppongo"

pravoslavie.ru, Damasco, 18 settembre 2013

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

"Io sono un cristiano, e se volete uccidermi per questo, non mi oppongo" - queste sono state le ultime parole di uno dei tre cristiani, uccisi da estremisti dopo il loro rifiuto di accettare l'islam a Ma'lula, che è già diventata famosa tra i fedeli come "terra di martiri".

 

Una donna piange ai funerali dei cristiani uccisi in Ma'lula. Foto: AFP - Anwar Amro

I cristiani della Siria chiamano Ma'lula "terra di martiri", dopo che questa piccola città cristiana è stata più volte attaccata da diversi gruppi armati.

Si segnala che il 10 settembre, a Damasco, il patriarca della Chiesa greco-cattolica melchita Gregorio III (Laham), in presenza di gerarchi di diverse confessioni cristiane, è stato alla testa del funerale dei cristiani uccisi a Ma'lula, riporta calam1.org. 

L'agenzia di stampa vaticana Fides ha fatto un tentativo di ricostruire il corso degli eventi che hanno portato all'uccisione di tre cristiani a Ma'lula, con l'aiuto di una donna, testimone oculare, il cui nome è nascosto per motivi di sicurezza. Al momento attuale questa donna sta subendo un trattamento medico in uno degli ospedali della capitale siriana.

Secondo la sua testimonianza, il 7 settembre un gruppo di individui appartenenti ai gruppi armati che erano entrati nella città ha fatto irruzione nelle abitazioni della popolazione civile, per intimidire i residenti e fare atti vandalici contro i loro oggetti sacri domestici. La donna ha raccontato come i militanti hanno fatto irruzione nella casa dove alloggiava insieme con i suoi parenti: Michael Taalyab, suo cugino Anton Taalyab, e suo nipote, Sarkis Al-Zajim. Gli estremisti hanno detto ai presenti che sarebbero stati forzati ad accettare l'islam, al che Sarkis ha risposto: "Io sono cristiano, e se volete uccidermi per questo, non mi oppongo". Quindi gli islamisti hanno ucciso a sangue freddo il giovane insieme ad altri due uomini e hanno inflitto numerose lesioni alla donna. La donna ferita è stata poi evacuata a Damasco per il trattamento.

Sorella Carmel, che aiuta con il trasporto di profughi da Ma'lula a Damasco, ha osservato nel colloquio con l'agenzia Fides che Sarkis "è un martire in Cristo, nel senso pieno di questa parola, poiché è stato ucciso solo per odio religioso!"

 

Secondo le informazioni da fonti locali, le forze governative sono entrate a Ma'lula per eliminare i cecchini che avevano consolidate le loro posizioni in residenze locali. Nel frattempo, il paesaggio e le specificità architettoniche degli edifici della città, che si stende sui pendii delle montagne, impediscono le operazioni.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 6