Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=29&id=205  Mirrors.php?cat_id=29&id=602  Mirrors.php?cat_id=29&id=646  Mirrors.php?cat_id=29&id=4898  Mirrors.php?cat_id=29&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=29&id=204  Mirrors.php?cat_id=29&id=206  Mirrors.php?cat_id=29&id=207  Mirrors.php?cat_id=29&id=208  Mirrors.php?cat_id=29&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=29&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 febbraio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 5
  Perché nelle icone nessuno sorride?

Irina Jazykova

pravmir.com, 9 marzo 2012

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Domanda: Non ho mai visto un santo sorridente raffigurato su un'icona. Davvero non sorridevano mai? Sorridere è un peccato? - Julia.

 

Risposta di Irina Konstantinovna Jazykova, storica dell'arte, titolare della cattedra di cultura cristiana presso l'Istituto Teologico Biblico di sant'Andrea e docente presso il seminario teologico di Kolomna.

Cara Julia, va da sé che sorridere non è un peccato. Ma sorridere è un'emozione naturale - si potrebbe dire un'emozione terrena. Può anche essere la cosa più bella sulla terra, soprattutto se è il sorriso puro di un bambino, il sorriso gentile di una madre, o il sorriso sincero di un amico. Ma l'icona ci parla di qualcosa al di sopra della natura, è l'immagine di un'altra realtà, la realtà trasfigurata: è una immagine del Regno celeste.

L'icona non è un ritratto; è l'immagine trasfigurata e ideale di uomo. Pertanto, non c'è posto qui per lo psicologismo, le vivide espressioni del viso, o la rappresentazione di qualsiasi influenza. Nella terminologia iconografica, il viso è chiamato il volto [in russo: lik, termine che riflette il senso del greco prosopon], in quanto non mostra la condizione naturale dell'uomo, ma piuttosto la sua natura trasfigurata. Pertanto, il volto sull'icona dovrebbe essere come la superficie chiara dell'acqua, in cui si riflette il volto di Cristo.

L'apostolo Paolo scrive quanto segue circa la meta della vita cristiana: Figli miei, di cui soffro le doglie finché Cristo sia formato in voi (Galati 4,19). Il Salvatore disse: colui che ha visto me ha visto il Padre (Giovanni 14:9), perciò il santo raffigurato su un'icona è una rappresentazione non solo di se stesso - ma per mezzo di lui, e con lui, ci troviamo di fronte a Cristo. In una parola, il significato e il contenuto delle icone è molto lontano da quello che sarebbe ammissibile nei ritratti, sia che siano realistici, d'avanguardia, o di qualsiasi altro tipo.

Naturalmente, questo non significa che ogni emozione deve essere bandito dall'icona. L'emozione è espressa nell'iconografia attraverso i gesti: il gioioso gesto benedicente dell'arcangelo Gabriele nell'icona dell'Annunciazione, la leggera elevazione delle mani in preghiera verso il cielo nell'immagine della Theotokos orante, o la mano pressata sulla guancia come espressione di sofferenza, con cui la Theotokos è raffigurata sotto la Croce, ecc. Si prenda comunque nota che il volto rimane spassionato, calmo e chiaro.

Immagini un po' più emotive sono ammissibili nei pannelli di una icona raffigurante la vita terrena di un santo, ma anche qui solo in modo sobrio.

Gli occhi sono di importanza cruciale per l'icona. Nelle icone antiche erano raffigurati grandi, come se fossero spalancati. La nota espressione che "gli occhi sono lo specchio dell'anima" non si applica in nulla meglio che nell'icona. Gli occhi contengono anche la chiave emotiva dell'immagine. Confrontate diverse icone del Salvatore, e vi accorgerete che in una egli è misericordioso, in un'altra è severo, nella terza attento, nella quarta distaccato, e così via. L'accento sugli occhi crea l'effetto che non sei tu che stai guardando l'icona, ma è l'icona che guarda te, per così dire. Ma questa non è una questione di emozione, ma piuttosto di espressione. Non è un caso che l'archimandrita Zinon, l'eccezionale iconografo contemporaneo, dice che sulle icone c'è bisogno di rappresentare non tanto gli occhi, quanto piuttosto l'espressione.

Infine, la luce fornisce intensità emotiva nell'iconografia. Pertanto, gli affreschi e le icone di Teofane il Greco sono descritti come drammatici e pieni di energia, perché hanno una luce molto intensa, come se esplodesse da dentro. Al contrario, le icone di Andrej Rublev sono caratterizzate come tranquille, chiare, calme e contemplative, perché non hanno effetti di luce, lampi, o fasci di energia; invece, la luce si riversa uniformemente sulla superficie delle icone, cadendo dolcemente sulle colline e sugli indumenti tessuti, con i volti illuminati da una luce interiore. Allo stesso tempo, va rilevato che entrambi i maestri raffigurano l'espressione dei volti senza alcuna emozione esterna. Non troverete volti sorridenti nell'iconografia classica sia di Bisanzio sia della Rus', perché questi sono i volti di coloro ai quali ci rivolgiamo in preghiera. Anche i personaggi secondari sono raffigurati quasi senza alcuna emozione attiva, anche se nei loro confronti vi erano requisiti meno rigorosi erano a posto con loro.

Per riassumere: Nessuno sorride nelle icone non perché sorridere è un peccato, o perché il Regno dei Cieli è un luogo triste, ma piuttosto perché l'icona è una rivelazione non solo su Dio, ma anche sull'uomo; la natura umana dei santi rivela una profondità molto più grande di quanto siamo abituati a percepire nel nostro mondo di tutti i giorni.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 5