Rubrica

 

Informații despre parohia în alte limbi

Mirrors.php?cat_id=28&locale=ro&id=205  Mirrors.php?cat_id=28&locale=ro&id=602  Mirrors.php?cat_id=28&locale=ro&id=646  Mirrors.php?cat_id=28&locale=ro&id=4898  Mirrors.php?cat_id=28&locale=ro&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=28&locale=ro&id=204  Mirrors.php?cat_id=28&locale=ro&id=206  Mirrors.php?cat_id=28&locale=ro&id=207  Mirrors.php?cat_id=28&locale=ro&id=208  Mirrors.php?cat_id=28&locale=ro&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=28&locale=ro&id=7999  Mirrors.php?cat_id=28&locale=ro&id=647  Mirrors.php?cat_id=28&locale=ro&id=8801  Mirrors.php?cat_id=28&locale=ro&id=9731  Mirrors.php?cat_id=28&locale=ro&id=9782 
 

Calendar Ortodox

   

Școala duminicală din parohia

   

Căutare

 

In evidenza

14/03/2020  I consigli di un monaco per chi è bloccato in casa  
11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 3 febbraio 2021)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 21 dicembre 2022)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: aprile 2015)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  Naşii de botez şi rolul lor în viaţa finului  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  Pregătirea pentru Taina Cununiei în Biserica Ortodoxă  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  Pregătirea pentru Taina Sfîntului Botez în Biserica Ortodoxă
 
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Biserica are grija duhovnicească a creştinilor ortodocşi care aparţin la Patriarhia Moscovei din oraşul Torino şi din Piemonte / Valle d'Aosta

Archivio

2023 2022 2021 2020 2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 toți anii

Blogul parohului


 28/05/2023    

Jan Tasksjur trasferito in Russia dopo uno scambio

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Lo scrittore e giornalista Jan Taksjur (nella foto), accusato di tradimento e condannato 12 anni di prigione a Kiev, è stato liberato nel corso di uno scambio di prigionieri ed è in viaggio per Mosca attraverso Lugansk.

Le nostre ipotesi sulle motivazioni e le modalità di questo scambio valgono quanto le ipotesi di chiunque altro, ma è logico pensare che al regime ucraino non sarebbe piaciuta la notizia della morte in prigione di un giornalista (di 71 anni e affetto da un tumore) per cui si sono mobilitati in molti da tutto il mondo.

 
 27/05/2023    

Tonsura al monastero ortodosso di Arona

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

In occasione della festa dell'Ascensione, al monastero di Cristo Pantocratore ad Arona, il nostro fratello Vadim Găina, che per molti anni è stato nostro parrocchiano a Torino, è stato tonsurato monaco rassoforo con il nome di Filaret:

Caro padre Filaret, possa tu essere salvato nell'ordine angelico! E poiché il tuo nome monastico significa “amante della virtù”, ti auguriamo di stare sempre in guardia contro tutti quelli che vogliono distorcere o strumentalizzare le virtù cristiane in qualsiasi modo.

 
 26/05/2023    

L'arcivescovado di Ohrid del Patriarcato di Serbia è stato dissolto e integrato nella Chiesa macedone autocefala

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Uno dei processi dell'integrazione della Chiesa macedone nella comunione ortodossa riguardava l'integrazione delle due gerarchie presenti nel paese: il Patriarcato di Serbia aveva infatti un proprio arcivescovado di Ohrid, con quattro vescovi e un gran numero di monaci e monache.

L'integrazione delle due strutture ha richiesto quasi un anno: il Santo Sinodo macedone ha votato il 25 aprile 2023 l'integrazione dei vescovi macedoni dipendenti dalla Chiesa Serba, e il Concilio episcopale serbo ha confermato tale decisione il 20 maggio.

Chi pensa che l'integrazione di un unico organismo gerarchico ortodosso in un paese con più giurisdizioni parallele sia una cosa semplice è un illuso (oppure cela secondi fini). Il processo a cui abbiamo appena assistito ha avuto luogo in un paese in cui tutti i vescovi delle due parti erano etnicamente appartenenti allo stesso popolo: possiamo solo immaginarci le difficoltà di un'integrazione in un luogo dove siano radicati rappresentanti di popoli, lingue e culture diverse tra loro.

 
 25/05/2023    

La "galleria dei furfanti" di accademici, vescovi e fondazioni che lavorano per sovvertire la fede cristiana ortodossa

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Vi presentiamo un estratto di un lungo studio che il sito Orthodox Reflections ha dedicato alle persone che, nominalmente fedeli alla presentazione esteriore della Chiesa ortodossia, stanno operando per svuotarla dall'interno, soprattutto attraverso la svalutazione della morale cristiana. Curiosamente, accanto alla loro denigrazione dei fondamenti della morale, questi autoproclamati riformatori sembrano considerare la Chiesa ortodossa russa come il loro principale nemico. Forse essi stessi non sono completamente coscienti del male di cui si stanno facendo complici, ma dovere di ogni cristiano ortodosso che sente minacciata la propria fede è di mettere in guardia contro tali minacce, esponendo alla luce i tentativi di sovversione dell'Ortodossia.

 
 24/05/2023    

Una parrocchia di Vecchio Rito in Alaska passa alla ROCOR

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il fenomeno delle chiese russe di Vecchio Rito che rientrano nella comunione ortodossa è cosa ben diffusa in Russia (dove ha dato origine al movimento della Edinoverie), ma molto meno nota in Occidente, dove l'unica comunità di Vecchi Credenti di una certa consistenza ad aver compiuto questo passo era la parrocchia della Natività di Cristo a Erie, in Pennsylvania, entrata nella ROCOR nel 1983. Oggi questo passo si ripete a Nikolaevsk, in Alaska, dove circa 20 famiglie stanno costituendo una nuova parrocchia di Vecchio Rito sotto la ROCOR. Il rettore della nuova parrocchia non è altri che il nostro caro, vecchio amico padre Nikola Yakunin (a sinistra nella foto), che agli inizi del nuovo millennio aveva celebrato più volte per i Vecchi Credenti di Torino. Padre Nikola, assieme al figlio, il diacono Vasily (a destra nella foto), avvierà una chiesa in cui la lingua delle celebrazioni sarà l'inglese. Pur mantenendo il Vecchio Rito in tutta la sua interezza, la nuova parrocchia avrà così modo di accomodare al proprio interno anche i fedeli che non sono di madrelingua russa, o che comunque hanno difficoltà con lo slavonico ecclesiastico. Con un atto di grande lungimiranza, la comunità parrocchiale della ROCOR costruirà per sé una nuova chiesa, lasciando la proprietà del vecchio luogo di culto alla metropolia di Vecchio Rito. Auguriamo al caro padre Nikola, al diacono Vasily e a tutti i parrocchiani il successo e la benedizione di Dio nel loro sforzo missionario.

 
 24/05/2023    

La condanna degli insegnanti ortodossi non autorizzati nella Grecia del XIX secolo

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Ogni epoca ha avuto i suoi insegnanti problematici, come i sofisti ai tempi di Socrate e i farisei ai tempi di Gesù Cristo. Poiché ne abbiamo anche nella Chiesa di oggi (e ci soffermeremo presto su alcune delle loro figure), vi aiutiamo a familiarizzarvi con questi conflitti di pensiero attraverso uno studio storico sul (cattivo) esempio di due di questi insegnanti nella Grecia del XIX secolo, padre Theophilos Kairis (a sinistra) e Apostolos Makrakis (a destra). Mentre il primo è oggi largamente dimenticato, il secondo ha avuto un certo seguito (e qualche influenza teologica di dubbio valore) nella fondazione della confraternita Zoe, un importante movimento di risveglio della Grecia del XX secolo.

 
 23/05/2023    

Nuovo sito della scuola domenicale della nostra parrocchia

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il sito della scuola domenicale della parrocchia, disponibile in italiano e in russo, è ora di nuovo operativo ai link che vi indichiamo in queste righe. Vi chiediamo scusa se i collegamenti alla scuola domenicale sul menu laterale del sito rimandano ancora al vecchio indirizzo ormai disattivato: entro pochi giorni li rimetteremo in funzione con i link al nuovo sito.

 
 22/05/2023    

Servitrici d'altare e lettrici proposte nell'Arcidiocesi greca d'America

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Una recente risoluzione dell'arcivescovo Elpidophoros di "sviluppare il ruolo delle donne e delle ragazze nella vita della Chiesa ortodossa contemporanea in America" non è passata perché era stata presentata in modo improprio.

In sostanza, la proposta dell'arcivescovo era quella di aprire ufficialmente la strada alla tonsura delle donne come lettrici e dare loro accesso al santuario per il servizio all'altare.

Di per sé queste proposte sono perfettamente fattibili e, anche se non collimano con la pratica ortodossa degli ultimi secoli, non sono anti-tradizionali. Di fatto, tali ruoli esistono ancora nei monasteri ortodossi greci, e la pratica delle donne servitrici d'altare non è mai venuta meno nelle Chiese non calcedoniane degli armeni, copti ed etiopi.

Tuttavia, il desiderio di per sé legittimo di estendere le presenze femminili nelle funzioni nasce sotto l'influsso di cattivi maestri: tra i promotori dell'iniziativa leggiamo i nomi della dottoressa Carrie Frost, una convinta sostenitrice delle donne preti, e dell'arconte George Demacopoulos, il cui disservizio ai ruoli maschili e femminili nella Chiesa è troppo lungo per essere riassunto in poche righe.

Ci sono tutte le ragioni per sospettare che questa iniziativa sia solo un ulteriore "grimaldello" per scardinare ulteriormente la Tradizione ortodossa e per imboccare le stesse vie autodistruttive che stanno portando all'estinzione le componenti liberali della comunione anglicana.

 
 21/05/2023    

7 motivi per cui i vescovi ortodossi nel mondo sostengono la Chiesa ortodossa ucraina senza condannare la Russia

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Con l'indottrinamento mediatico dello scorso anno, può essere difficile capire la posizione di tanti vescovi ortodossi nel mondo. Vi offriamo un'analisi veramente illuminante in tal senso, scritta da Nicholas, un ortodosso americano del Patriarcato di Antiochia.

 
 20/05/2023    

La delegazione del Consiglio Ecumenico delle Chiese tra Ucraina e Russia

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

I membri della delegazione del Consiglio Ecumenico delle Chiese, giunti a Kiev l'11 maggio in risposta all'appello della Chiesa ortodossa ucraina, hanno ricevuto dal Concilio pan-ucraino delle Chiese e delle organizzazioni religiose la rassicurazione che "in Ucraina non esiste alcuna persecuzione religiosa":

Naturalmente è un'affermazione a cui non crede nessuno, da entrambi i lati del tavolo delle discussioni, ma è un'ottima occasione per delle foto davvero conciliatorie.

Il 13 maggio la delegazione si è recata a Chernovtsy, dove il nostro amico di lunga data, il metropolita Meletij (Egorenko), ha ricevuto gli ospiti della delegazione, raccontando loro storie di cui vi avevamo già parlato, oltre a resoconti assortiti di quelle persecuzioni religiose che "in Ucraina non esistono":

Per dovere di par condicio, il 17 maggio la delegazione si è recata a Mosca, dove il patriarca Kirill ha ricordato i ripetuti appelli (non dal 2022, ma dal 2014) da lui presentati a diversi organismi internazionali (tra cui lo stesso Consiglio Ecumenico delle Chiese) per una risoluzione pacifica del conflitto in Ucraina:

Se per caso non siete stati informati dai nostri media italiani di questi appelli del patriarca di Mosca alla conciliazione, state in guardia: magari è possibile che tali appelli in realtà non esistano... proprio come le persecuzioni religiose in Ucraina.

 
 19/05/2023    

Satanisti contro la Chiesa, oggi... e ieri

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il 17 maggio 2023 un gruppo di giovani satanisti (nella foto) ha tenuto una cerimonia blasfema davanti alle mura della Lavra delle Grotte di Kiev. Nell'analisi di Konstantin Shemljuk, vediamo alcuni dettagli di questa manifestazione e consideriamo gli inquietanti paralleli con le processioni blasfeme fatte dai bolscevichi 100 anni fa.

 
 18/05/2023    

Due giorni, due presidenti, due icone: attitudini a confronto

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Mosca, 15 maggio 2023: il presidente Putin (un cristiano ortodosso) decreta dopo oltre 100 anni la restituzione alla Chiesa dell'icona miracolosa della Trinità di Rublev. Dopo un anno di esposizione alla cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca, l'icona ritornerà su base permanente alla Lavra della santa Trinità e di san Sergio, da dove era stata sequestrata nel 1920 dai bolscevichi.

Roma, 16 maggio 2023: il presidente Zelenskij (un ebreo ateo) presenta a papa Francesco una parodia di un'icona della Madre di Dio Odighitria, con un vuoto nero al posto del bambino Gesù. L'immagine, nelle intenzioni del suo pittore Oleksij Revika, dovrebbe richiamare le perdite dei bambini dell'Ucraina in seguito all'aggressione russa dello scorso anno. Ovviamente, menzionare le perdite dei bambini del Donbass in seguito all'aggressione ucraina degli otto anni precedenti non sarebbe bon ton, per cui non vi faremo alcun riferimento. Ci limitiamo a invitarvi a confrontare le relative attitudini nei confronti delle immagini sacre.

 
 17/05/2023    

Una retrospettiva sull'incoronazione

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

L'incoronazione di re Carlo III d'Inghilterra ha suscitato reazioni diverse, e talora contrastanti, tra i credenti di diverse fedi. Il nostro amico George Michalopulos ci offre un punto di vista ortodosso sull'evento e sul suo significato nella visione cristiana della storia.

 
 16/05/2023    

Gli ortodossi ucraini continuano a pregare all'aperto

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Con le loro chiese prese in ostaggio dai predoni fanarioti, gli ortodossi ucraini continuano a celebrare le loro funzioni, ma sono costretti a riunirsi all'aperto. Le due immagini che seguono vengono da Bojarka (il luogo del sequestro operato da Vasyl Lilo, il "pellegrino al Monte Athos" di cui vi abbiamo fatto cenno lo scorso 9 maggio) e da Ivankov presso Borispol.

 
 15/05/2023    

Le autorità ucraine sostengono una "chiesa" che non esiste

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il vescovo serbo Irinej di Bačka (nella foto) ha rilasciato un'intervista in cui stigmatizza gli scismatici ucraini come organizzazione illegale e, dal punto di vista ecclesiale, del tutto inesistente.

 
  1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21> di 344  index.php?cat_id=28&id=602&locale=ro&blogsPage=2 index.php?cat_id=28&id=602&locale=ro&blogsPage=344