Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&blogsPage=6&id=205  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&blogsPage=6&id=602  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&blogsPage=6&id=646  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&blogsPage=6&id=647  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&blogsPage=6&id=4898 
Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&blogsPage=6&id=2779  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&blogsPage=6&id=204  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&blogsPage=6&id=206  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&blogsPage=6&id=207  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&blogsPage=6&id=208 
Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&blogsPage=6&id=3944  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&blogsPage=6&id=7999  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&blogsPage=6&id=8801  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&blogsPage=6&id=9731  Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&blogsPage=6&id=9782 
Mirrors.php?cat_id=30&locale=it&blogsPage=6&id=11631         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

04/10/2023  Scoperte, innovazioni e invenzioni russe  
14/03/2020  I consigli di un monaco per chi è bloccato in casa  
11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 3 febbraio 2021)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 21 dicembre 2022)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: aprile 2015)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



La parrocchia ha la cura pastorale dei cristiani ortodossi del Patriarcato di Mosca nella città di Torino e in Piemonte / Valle d'Aosta

Archivio

2024 2023 2022 2021 2020 2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 tutti gli anni

Il Blog del Parroco


 10/03/2024    

Diaconesse, donne diaconi e l'ordine del giorno del Phoebe Center for Deaconesses

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Vi presentiamo un serrato confronto tra il centro americano che spinge per la restaurazione dell'antico ordine delle diaconesse e il nostro amico padre John Whiteford. Quest'ultimo sa fin troppo bene che lo scopo degli accademici che sostengono questa mossa non è il mero ripristino delle antiche diaconesse, ma piuttosto l'apertura del sacerdozio alle donne, come avvenuto nella Comunione anglicana. Nel portare alla superficie e nel confutare questi propositi inconfessati, padre John è in grado di aiutare anche noi a tenerci lontani da un errore disastroso.

 
 09/03/2024    

Non rimandate MAI l'educazione religiosa dei bambini

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Vi presentiamo una serie di commenti del patriarca Kirill su un tema sempre attuale: l'effetto che l'educazione religiosa e la frequenza in chiesa hanno sui nostri figli.

 
 08/03/2024    

Quanto è vicina la Chiesa macedone al riconoscimento della "Chiesa ortodossa dell'Ucraina"?

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Vi presentiamo in traduzione italiana un'analisi di Nazar Golovko che testimonia le pressioni e i ricatti sulla Chiesa ortodossa macedone, affinché cambi la propria posizione sugli scismatici ucraini in cambio di un riconoscimento da parte del Fanar dell'autocefalia ottenuta l'anno scorso dalla Chiesa serba.

 
 07/03/2024    

Una lettura illuminante sulla disumanità corrente nei paesi baltici

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Vi consigliamo la lettura del saggio di geopolitica La persecuzione dei Russi nei paesi baltici, di Antonio de Felip, apparso su Ricognizioni il 4 marzo 2024.

La carrellata delle prepotenze di questi paesi contro la loro minoranza russa (che in Estonia e Lettonia rappresenta più di un quinto, quasi un quarto, degli abitanti dei paesi) è molto precisa, e trattata perfino con garbo (l'autore non cita i tremendi "passaporti alieni" che per anni hanno fatto indignare l'opinione pubblica, ma ce n'è abbastanza per gridare a molti scandali).

Forse non sarebbe stata fuori luogo una breve analisi di come i paesi baltici siano diventati tre delle nazioni più depresse del pianeta, a causa delle politiche economiche europee del tutto sconsiderate, e se ora le loro popolazioni "europee" possono contare su posti di colf, badanti e (per le creature più carine) prostitute nei paesi occidentali, forse si capisce che l'unico sfogo delle loro frustrazioni è prendersela con i parenti di quegli "invasori" che avevano offerto loro posti di medici, ingegneri e scienziati.

In questo articolo ci rincresce soltanto una citazione a dir poco agghiacciante: nel condannare le tendenze (vere) di pulizia etnica dei tedeschi del Baltico attuate dai paesi baltici indipendenti prima della loro annessione forzata all'URSS, come esempio di questa minoranza l'autore non trova di meglio da citare che uno dei più disumani leader militari del XX secolo: "Molti avranno letto della figura straordinaria del barone Roman Nicolaus von Ungern-Sternberg, generale dell'esercito zarista e poi 'signore della guerra', capo di un'Armata Bianca formata da russi, cosacchi, mongoli, buriati e altri asiatici, che in Siberia e in Mongolia si batté vittoriosamente per anni contro i bolscevichi. Catturato solo per un tradimento, venne fucilato dai rossi dopo un processo farsa". Per una valutazione un po' più oggettiva del 'barone sanguinario', suggeriamo la lettura delle pagine 88-90 di Contro il buddismo di Roberto dal Bosco (Verona: Fede e Cultura), dove si analizza la figura di Ungern, che di 'straordinario' ebbe solo la crudeltà, tanto che fu consegnato ai bolscevichi dai suoi stessi soldati. Se proprio si voleva trovare qualche persona rappresentativa dei tedeschi del Baltico, e ben più vicina allo spirito dei russi, si potrebbero ricordare i nomi di tanti teologi ortodossi provenienti da famiglie di baroni baltici (Schmemann e Meyendorff non sono proprio nomi slavi...), per finire con un discendente di conti tedeschi d'Estonia, Aleksej (von) Ridiger, più noto come patriarca Alessio II.

 
 06/03/2024    

Ragazzi e tecnologia: I sorprendenti risultati dell'esperimento di una psicologa

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Vi presentiamo i risultati, tanto interessanti quanto inquietanti, di un esperimento condotto da una psicologa di San Pietroburgo, che ha chiesto a 68 ragazzi dai 12 ai 18 anni di vivere per 8 ore (una giornata delle vacanze estive) senza dispositivi elettronici come cellulari, Internet, computer, radio e TV. Pur avendo a disposizione una gamma immensa di attività e di divertimenti consentiti, solo tre dei ragazzi sono riusciti a portare a termine l'esperimento con successo, e in quasi tutti i casi ci sono stati effetti psicologici negativi. Questi dati preoccupanti ci aiutano a capire il ruolo che le nuove tecnologie ricoprono nell'educazione e nel controllo sociale.

 
 05/03/2024    

Stoccolma contro la Chiesa ortodossa russa: la guerra dei sospetti ideologici

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

La Svezia ha tagliato i fondi statali alla Chiesa ortodossa russa per il 2024... perché?

Ecco cosa appare nel rapporto della Säpo (il servizio di sicurezza svedese) del 20 febbraio: "La polizia di sicurezza valuta che lo Stato russo stia utilizzando la Chiesa ortodossa russa del Patriarcato di Mosca in Svezia come piattaforma per condurre raccolte di informazioni e altre attività pericolose per la sicurezza sotto forma di influenza contro la Svezia".

Il pretesto che scatena queste accuse è sempre lo stesso: l'attitudine della Chiesa russa verso la guerra, un tema che ormai non conta più niente, poiché qualunque cosa si affermi, viene sempre presunta la ragione ideologica preferita dal governo. In questo tripudio di ipocrisia, l'Agenzia per il sostegno alle comunità religiose ha dichiarato che i rappresentanti della Chiesa russa in Svezia non supportano la guerra e si occupano solo di questioni spirituali, tuttavia fa propria l'opinione della Säpo che vede nella Chiesa una minaccia alla sicurezza dello stato.

 
 04/03/2024    

L'anti-Chiesa di Dumenko e l'ipocrisia del Fanar arrivano a Mosca

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Nella città di Noginsk, a 60 chilometri a est di Mosca, è stato aperto un luogo di culto della "Chiesa ortodossa dell'Ucraina" (nella foto) in cui è stata registrata una "eparchia", guidata dal "metropolita" Adrian (Valentin Egorovich Starina), cittadino della Federazione Russa. I dati curiosi di questo contraltare (in tutti i sensi del termine) sono questi:

1) i seguaci di Dumenko possono registrare e aprire luoghi di culto sul territorio della Russia, dove nessuno li sequestra. Un bel po' di differenza da casa loro, vero?

2) tali seguaci, per registrare legalmente le loro organizzazioni in Russia, devono essere cittadini russi, e secondo la legge ucraina (NON secondo la legge russa), la loro cittadinanza russa li esclude automaticamente dall'essere cittadini ucraini. Niente male per essere i rappresentanti dell'ucrainismo presso Mosca, vero?

3) Noginsk è la città il cui antico nome, Bogorodsk, è stato scelto alcuni anni fa come sede titolare per il vescovo del Patriarcato di Mosca residente in Italia: oggi il titolo è assegnato al vescovo moldavo Ambrozie (Munteanu), che vive poco lontano da Bologna. Ora dovremo necessariamente parlare del "vero" vescovo di Bogorodsk e di quello farlocco.

4) la cosa più ipocrita (e dal punto di vista ecclesiastico, la più pericolosa) di questo show del circo di Dumenko è che, secondo il "Tomos" generosamente rifilatole dal Fanar, la "Chiesa ortodossa dell'Ucraina" non ha il diritto di aprire neppure una chiesetta (figuriamoci un'eparchia) al di fuori dei confini dello Stato ucraino. O il patriarca Bartolomeo si è convinto che Mosca faccia parte dello Stato ucraino (visto il tenore delle sue dichiarazioni, questa non sarebbe un'ipotesi del tutto peregrina), oppure ora sta decretando che i suoi seguaci possono aprire "eparchie" all'interno del territorio canonico delle altre Chiese locali. A quando la fondazione di "eparchie" fanariote alle periferie di Belgrado, Varsavia, Praga, Bratislava, Bucarest, Sofia, Tbilisi, Tirana e Gerusalemme...?

 
 03/03/2024    

Per la sovversione dell'Ortodossia, un'immagine vale più di mille parole

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Il blog Orthodox Reflections, sempre attento alle deviazioni odierne dalla Fede ortodossa, ci presenta un articolo di denuncia di quelle azioni discutibili, presentate come casi isolati ed estremi (nella foto, un momento di presenza del vescovo greco-ortodosso Athenagoras di Nazianzo alla consacrazione di un tempio induista), ma che in realtà condizionano l'opinione pubblica dei fedeli molto più efficacemente di tanti discorsi, quando sono viste in immagini fotografiche ad alta diffusione.

 
 02/03/2024    

Un altro metropolita ucraino sotto attacco

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

A quanto sembra, il regime di Kiev non riesce proprio a smetterla di fare figuracce, continuando a perseguitare un metropolita ortodosso dopo l'altro. La nuova vittima è il metropolita Evlogij (Gutchenko, nella foto) di Sumy e Akhtyrka, accusato di "incitamento all'odio religioso" (cioè, per dir le cose come stanno, accusato di aver diffuso la notizia vera e incontrovertibile che molte Chiese ortodosse locali non hanno riconosciuto la "Chiesa ortodossa dell'Ucraina") e forse, ancor di più, per aver rifiutato di firmare un documento in cui si auto-accusava di collaborazionismo con i russi. L'aspetto paradossale di questa vicenda è il fatto che, nel 2022, proprio il metropolita Evlogy e la diocesi di Sumy erano stati i primi a interrompere la commemorazione liturgica del patriarca Kirill e a premere per una dichiarazione unilaterale di autocefalia della Chiesa ucraina canonica: una dimostrazione lampante che se c'è una cosa più pericolosa che essere sotto il mirino del regime ucraino, è proprio l'essere graditi al regime ucraino.

 
 01/03/2024    

Il raddoppio della stupidità

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

L'arcidiacono John Chryssavgis (al podio nella foto) ha pronunciato il 22 febbraio un discorso in cui critica la Chiesa di Grecia per essersi opposta alla legge sul matrimonio omosessuale, concludendo che "Il mondo può non ascoltare l'obsoleto monologo della Chiesa".

Il nostro amico George Michalopulos, che come noi non crede alla teoria del monologo obsoleto, pubblica una seria riflessione sullo sprofondamento del Fanar in un ulteriore livello di stupidità, che gli alienerà anche le simpatie (e il sostegno) di tanti ortodossi greci.

 
 29/02/2024    

Tutte le religioni condividono la fede in un unico Dio?

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Di fronte a una delle domande che è diventata un tormentone dell'ecumenismo moderno, vi presentiamo una risposta del professor Aleksej Osipov, che come sempre si dimostra lucido conoscitore delle verità della fede cristiana.

 
 28/02/2024    

Un altro "chierico" che non sa fare nemmeno il segno della croce

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Il patetico personaggio nella foto qui accanto, Jurij Bol'shakov, è uno dei due "preti" di Dumenko che il 22 febbraio hanno cercato di sequestrare la chiesa di san Panteleimone a Vyshgorod, presso Kiev.

Oltre a saper spaccare le serrature (un'abilità che probabilmente fa parte dei crediti formativi di seminario nella "Chiesa ortodossa dell'Ucraina") sa vestirsi con una tuta mimetica (ha perfino scritto "batjushka" sulla targhetta del nome, un segno poco serio per un cappellano militare), ma deve essersi addormentato il giorno in cui insegnavano a fare il segno della croce.

In questo video lo potete vedere mentre, spronato da alcuni a farsi almeno il segno della croce, lo sbaglia in pieno per ben due volte di fila.

Poiché questo non è un caso isolato (possiamo rivedere questo articolo per altri esempi di come i pagliacci del circo di Dumenko trattano il segno della croce), desideriamo che queste storie restino a futura memoria, per ogni volta in cui i sostenitori del patriarca Bartolomeo e delle sue disgraziate azioni vorranno farci lezione su cosa sia l'Ortodossia.

 
 27/02/2024    

Celebrazione dei trent'anni del monastero Sretenskij

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

In una colossale galleria di oltre 300 fotografie, vi presentiamo la storia del monastero Sretenskij di Mosca dal 1994 (quando era appena uno dei tanti piccoli monasteri della capitale, riaperto con fatica da alcuni monaci di Pskov) fino ai giorni nostri, passando per tutte le fasi che ne hanno fatto un protagonista della riunificazione con la ROCOR, nonché un colosso di iniziative editoriali ed educative di alto livello, fino alla costruzione della splendida cattedrale dei Nuovi Martiri e Confessori della Chiesa russa.

 
 26/02/2024    

I parrocchiani di una chiesa ucraina se la riprendono dopo il sequestro

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Nella chiesa di san Panteleimone a Vyshgorod si è assistito a un evento finora insolito. Dopo aver subito uno dei soliti sequestri (questi purtroppo non insoliti) da parte di due "preti" di Dumenko (già sequestratori di altre chiese, e naturalmente sostenuti pienamente dalla polizia locale), i parrocchiani e il rettore legittimo sono passati alla riscossa. Hanno buttato fuori a calci i due "preti" sequestratori, affermando che nessuno li voleva, hanno preso loro le chiavi della nuova serratura installata poco prima, e sono rientrati nella loro chiesa a celebrare (nella foto) un officio di ringraziamento.

Al di là di un comprensibile esercizio di legittima difesa, questo caso è anche una cartina di tornasole che avverte che in Ucraina il vento sta cambiando.

 
 25/02/2024    

Il metropolita Feodosij subisce un infarto in un raid dei sevizi segreti

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Al primo mattino del 22 febbraio la SBU ha condotto un'altra incursione nella residenza del metropolita Feodosij (Snigirjov, nella foto) di Cherkassy, bloccando la Divina Liturgia che stava celebrando nella sua cappella domestica e provocandogli un infarto. Dopo i casi dell'ictus del metropolita Longhin nel luglio del 2023 e dell'infarto del metropolita Pavel il 9 agosto 2023, questo è il terzo caso documentato di un'aggressione di forze dell'ordine a un metropolita ortodosso ucraino, totalmente ingiustificata dal punto di vista legale, ma con conseguenze quasi fatali per la salute della vittima. Quelli che subiscono simili aggressioni per nessun'altra ragione che la loro appartenenza alla Chiesa, se sopravvivono, sono chiamati confessori della fede.

 
index.php?cat_id=30&id=602&locale=it&blogsPage=1 index.php?cat_id=30&id=602&locale=it&blogsPage=5   1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21> di 367  index.php?cat_id=30&id=602&locale=it&blogsPage=7 index.php?cat_id=30&id=602&locale=it&blogsPage=367