Rubrica

 

Informații despre parohia în alte limbi

Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&m=5&id=205  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&m=5&id=602  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&m=5&id=646  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&m=5&id=4898  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&m=5&id=2779 
Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&m=5&id=204  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&m=5&id=206  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&m=5&id=207  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&m=5&id=208  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&m=5&id=3944 
Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&m=5&id=647         
 

Calendar Ortodox

   

Școala duminicală din parohia

   

Căutare

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 29 giugno 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  Naşii de botez şi rolul lor în viaţa finului  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  Pregătirea pentru Taina Cununiei în Biserica Ortodoxă  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  Pregătirea pentru Taina Sfîntului Botez în Biserica Ortodoxă
 
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook

Biserica are grija duhovnicească a creştinilor ortodocşi care aparţin la Patriarhia Moscovei din oraşul Torino şi din Piemonte / Valle d'Aosta

Archivio

2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 toți anii
Ianuarie Februarie Martie Aprilie Mai Iunie Iulie August Septembrie Octombrie Noiembrie Decembrie

Blogul parohului


 31/05/2014    

L'ultimo baluardo dell'Ortodossia

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

In un breve resoconto degli attacchi anti-cristiani nel corso della storia, padre Andrew Phillips nota come la russofobia non sia solo una normale cattiva abitudine umana, ma l’epitome di una serie di assalti contro l’Ortodossia, che non solo non vogliono vedere la rinascita di un potente stato ortodosso, ma neppure vogliono che questo stato possa aiutare gli ortodossi indeboliti in molti altri paesi. Presentiamo la traduzione italiana del saggio di padre Andrew nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti.

 
 31/05/2014    

Un'ottima lezione di ortoprassi

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il blog Fos Ilaron ci presenta la traduzione italiana di un articolo da Pravmir, in cui lo ieromonaco Makarij (nella foto) commenta la tendenza a dipendere da una serie di regole e istruzioni spirituali personalizzate. Per chi soffre di questa tendenza allo scrupolo, è forse meglio partire da una singola istruzione spirituale, senza le quale le altre non hanno senso... leggete l'articolo per scoprire di quale istruzione si parla!

 
 31/05/2014    

Dal nostro corrispondente a San Pietroburgo: la scuola di iconografia

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Buona festa dell'Ascensione del Signore!

Questa sera sono stato ospite della Scuola di iconografia della nostra Accademia e ho pensato che i lettori del sito avrebbero gradito qualche foto. Il piano di studi prevede quattro corsi annuali a cui sono iscritti una decina di studenti per classe. Un'allieva, sapendo delle mie origini italiane, con entusiasmo mi ha mostrato il programma di esami dove un considerevole spazio è dedicato all'iconografia ortodossa italiana.

I russi sono un popolo meraviglioso, ogniqualvolta sentono pronunciare "Italia" e "italiano" sorridono estasiati ripetendo nomi di artisti, registi, piatti tipici e città della nostra terra. I russi amano l'Italia e gli italiani, peccato che molti dei nostri disinformati connazionali lo ignorino.

Diacono Eugenio

 

 
 30/05/2014    

Adresarea Întâistătătorului Bisericii Ruse către Președintele ales al Ucrainei P.A. Poroșenko

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

27 mai 2014, Patriarhul Moscovei și al Întregii Rusii, Kirill a trimis o scrisoare presedintelui-ales al Ucrainei P.A. Poroșenko.

Către președintele ales al Ucrainei P.A. Poroșenko.

Stimate Piotr Alexeeveci!

Aflând despre alegerea făcută de majoritatea poporului ucrainean la 25 mai, aş dori să vă felicit și să vă adresez un cuvânt pastoral, împărtășindu-vă gândurile și speranțele mele.

Noutățile despre evenimentele din Ucraina ne aduc în fiecare zi o durere nouă, pentru că mor și suferă oamenii în continuare. Țară este scufundată într-un abis de confruntări. Patriarhului Moscovei și al Întregii Rusii, Domnul i-a fost încredințată grija păstoriei spirituale a mai multor popoare.  Îmi sunt fel de importante problemele și aspirațiile tuturor celor care alcătuiesc comunitatea Bisericii Ortodoxe Ruse, indiferent de locul lor de trai. Și mă rog cu osârdie pentru ca sperantele poporului ortodox al Ucrainei să nu fie zădarnice.

Împreună cu mulți alţi oameni sper ca prerogativele de putere, care astăzi nimeresc în mâinile Dvs vor sluji în binele și estului, și vestului, și nordului, și sudului Ucrainei. Sper că pentru totdeauna se va opri vărsarea de sânge , că nimeni nu va mai fi asuprit sau umilit, că se vor realiza alegerile ideologice și culturale făcute de fiecare grup al populației, că viața religioasă va continua fără nici un fel de impunere din partea statului, iar deciziile necesare pentru normalizarea , îmbunătățirea și dezvoltarea acestei vieți vor fi luate în mod liber și neîngrădit , într- un spirit de loialitate față de ordinea canonică .

Vă veţi confrunta cu o sarcină dificilă și foarte importantă — să găsiţi o cale de reconciliere, să faceţi tot posibilul pentru a restabili pacea civilă. În situația actuală, este necesar să se mențină un dialog deschis cu oamenii și liderii comunității, pentru a asculta punctele de vedere ale tuturor locuitorilor ţării.

Cu şase luni în urmă, flăcările ostilităţii au izbucnit la Kiev, iar acum ele fac ravagii în sud — estul țării, necruţând nici femeile, nici copiii şi nici bătrânii. Astăzi Ucraina are nevoie în primul rând de pace și stabilitate, adevăr și dreptate. Și să devină un garant al unei asemenea vieţi poate fi doar o persoană care-şi cunoaște și iubește poporul, care se ridică hotărât în apărarea valorilor morale, vede sprijinul vieții personale şi a poporului său într-o familie puternică, primind înțelepciune de la adevăratele surse spirituale.

Vă doresc călăuzirea lui Dumnezeu în toate lucrările viitoare și deciziile importante. Dumnezeu să binecuvânteze cu pace și prosperitate dragul inimii mele, poporul Ucrainei.

Cu respect

 + Kiril, Patriarhul Moscovei și al Întregii Rusii

 
 30/05/2014    

Peccato e controllo: sull'Ortodossia e i disordini alimentari

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Dopo la festa dell’Ascensione, riprendono nella vita dei cristiani ortodossi i giorni di digiuno: in questi momenti di contrasto tra feste e astinenza alimentare, non è male sottolineare anche gli atteggiamenti verso i disordini alimentari, tanto comuni nella parte più benestante nella nostra società, e le risposte non sempre univoche date dalla chiesa e dai terapeuti. Presentiamo nella sezione “Ortoprassi” dei documenti la riflessione di Sarah Sparks sull’Ortodossia e i disordini alimentari, a partire dai concetti di peccato e di controllo.

 
 29/05/2014    

Rivela i tuoi santi e rivelerai la tua Chiesa

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Sulla scia delle impressioni lasciate dall’incontro a Gerusalemme tra il patriarca ecumenico e il papa di Roma, Gabe Martini cerca nel suo blog On Behalf of All di presentare un campo diverso di confronto tra cattolici e ortodossi: le figure dei santi canonizzati dalle rispettive Chiese. La sua opinone, mediata dalle osservazioni del professor Aleksej Osipov di Mosca, è che nel canonizzare un santo una Chiesa non parla tanto del santo in questione, quanto piuttosto del modo che ha di vedere se stessa. La tesi ci trova del tutto concordi, al punto da permetterci di suonare una nota d’allarme quando vediamo canonizzazioni ortodosse (per fortuna rare) condotte con metodologie cattolico-romane. Presentiamo il saggio di Gabe Martini nella sezione “Confronti” dei documenti.

 
 28/05/2014    

Che cosa ha scritto Cristo sulla sabbia?

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

L’unica testimonianza che abbiamo dai Vangeli che Cristo abbia scritto qualcosa è un episodio insolito, e avvolto da un certo mistero: si tratta di ciò che ha scritto (e il testo del Vangelo di Giovanni non dice cosa abbia scritto di specifico) nella sabbia, mentre gli anziani degli ebrei gli portavano la donna adultera che volevano lapidare.

Che cosa a scritto il Signore in quel momento? La domanda è lecita e la risposta patristica ortodossa, commentata nel blog di padre John Whiteford, merita attenzione. La presentiamo in traduzione italiana nella sezione “Domande e risposte” dei documenti.

 
 27/05/2014    

Cronache da un nuovo fronte: la guerra ai giornalisti

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Si stanno moltiplicando dal fronte ucraino le storie di giornalisti arrestati, sequestrati, imprigionati illegalmente, rilasciati dietro riscatto, e anche vittime di guerra (di questo ci si è resi conto in Italia solo perché tra le vittime ci sono un reporter italiano e un suo traduttore russo con cittadinanza italiana), uccise nelle pretese operazioni anti-terrorismo nelle quali si bombardano obiettivi civili.

Ma la vita di un giornalista non muore solo sulle barricate... per avere osato pubblicare un reportage da Slavjansk non "politicamente allineato", perfino la direttrice del New York Times Jill Abramson è stata licenziata.

A queste persecuzioni dirette possiamo aggiungere anche l’immensa opera preventiva di un’informazione libera: ne sono testimoni i numerosi giornalisti respinti alle frontiere ucraine, non solo per la loro intenzione di coprire gli eventi nelle regioni orientali, ma anche le elezioni presidenziali ucraine. Quanta differenza tra le elezioni avvenute in Crimea sotto il pettine di ogni sorta di osservatori, e di quelle più recenti nel Donbass, in cui la popolazione locale ha espresso chiaramente la sua volontà di autodeterminazione pur sotto minaccia armata...

In una nazione presunta civile, ci si aspetterebbe che un giornalista abbia il diritto a commentare la “miracolosa” apparizione in una cassetta elettorale trasparente di un bel blocco di schede nettamente impilate l’una sull’altra:

“Questo non è un miracolo – queste sono le elezioni nell’Ucraina”

In una nazione presunta civile, un’immagine come questa circolerebbe apertamente e farebbe gridare fino al cielo a brogli elettorali su vasta scala. Ma in una nazione presunta civile, ci si aspetterebbe anche che ai giornalisti venga permesso di fare liberamente il proprio lavoro.

Un altro esempio di totale sterminio di libertà giornalistica: chi ha notizie dalla Rus’ Carpatica? Proprio in questi giorni, stanno sfuggendo alla censura poche notizie di inizi di insurrezione locale (e per portare i russini alla resistenza armata, come sa chi li conosce, sono necessarie misure persecutorie di un livello estremo). Purtroppo, dal giornalismo di oggi non abbiamo nessuna notizia fondata da comunicarvi. Ci limitiamo a offrirvi un pezzo del giornalismo di ieri, il documentario Я русин был, есмь и буду... Неудобная правда о Подкарпатской Руси (Io ero, sono e sarò russino... La scomoda verità della Rus' Subcarpatica), tra i cui protagonisti figura padre Dimitri Sidor (di cui abbiamo chiesto e non cessiamo di chiedere il rilascio), e che illustra chiaramente quanto ci sia di “europeista” in questo estremo lembo occidentale dell’Ucraina.

La libertà dei giornalisti è anche un indicatore della nostra libertà... se si impedisce di raccontare le sofferenze subite da una o più persone, questo equivale a mantenere tali persone in stato di schiavitù. Ricordiamocene!

 
 27/05/2014    

Un altro pastore luterano entra nella Chiesa ortodossa

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il nostro sito ha già trattato il fenomeno dell’aumento delle conversioni dal luteranesimo alla Chiesa ortodossa in un articolo di due mesi fa. Oggi presentiamo nella sezione “Figure dell’Ortodossia contemporanea” dei documenti il resoconto tratto dal blog theorthodoxchurch.info sulla conversione all'Ortodossia di un pastore del Sinodo del Missouri (una delle denominazioni luterane più conservatrici) assieme alla sua famiglia.

 
 26/05/2014    

Sua Santità il patriarca Kirill: un ritratto non ufficiale

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Presentiamo nella sezione "Figure dell'Ortodossia contemporanea" le versioni russa e italiana di un lungo reportage fotografico raccolto dal portale Pravmir sugli aspetti meno appariscenti (ma non per questo meno importanti) del ministero del patriarca Kirill, offerti a sua Santità in occasione del suo onomastico (san Cirillo pari agli apostoli, 11/24 maggio) con una serie di auguri sinceri, ai quali si associa la nostra comunità parrocchiale.

 
 26/05/2014    

5 sacerdoti scismatici con 1.500 seguaci ritornano all'Ortodossia in Congo

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il blog Mystagogy, il 7 aprile 2014, riporta una notizia dal periodico missionario greco Φως των Εθνών (Luce delle Nazioni) dal titolo "Beato ritorno alla Chiesa Madre". Sua Eminenza il metropolita Ignazio della Pentapoli descrive il ritorno alla metropolia dell'Africa centrale sotto il Patriarcato di Alessandria di 5 sacerdoti e circa 1500 loro seguaci a Kananga, in Congo, provenienti da un gruppo scismatico:

Il leader di questo gruppo scismatico era padre Chrysostomos Mbakualsimbasu, che è stato il primo a tornare alla Chiesa canonica, e altri quattro sacerdoti lo hanno seguito cercando la salvezza delle loro anime. Immediatamente hanno consegnato le loro tonache e paramenti e sono ritornati allo stato laicale, lasciando il loro futuro nelle mani del Patriarcato, e a questo hanno fatto seguire la firma del documento di pentimento.

Uno di questi sacerdoti aveva sette villaggi sotto di lui, un altro sei villaggi, e altri due avevano un villaggio ciascuno, con circa 1.500 fedeli complessivamente, e tutti si sono pentiti e sono ritornati alla Chiesa attraverso il battesimo e la cresima, a seconda della loro situazione. Tutto questo è stato fatto con la benedizione del Metropolita Niceforo dell'Africa Centrale.

Un sacerdote ha parlato del vuoto nella sua anima per essere stato fuori dalla Chiesa madre, e della paura che provava per il gregge che lo seguiva, non considerandosi un vero sacerdote. Egli ha detto: "Mi sentivo esausto e come se tradissi i "misteri" che celebravo, perché non credevo di essere veramente un sacerdote".

Il metropolita Ignazio conclude: "La tristezza del loro ritiro è stata spazzata via dalla gioia del loro ritorno e rigenerazione!"

Questo è uno dei due possibili epiloghi (quello a lieto fine) delle vicende dei gruppi scismatici: l'altro epilogo è l'inevitabile avvizzimento, presto o tardi, del tralcio tagliato via dalla vigna. Anche a fronte di tutte le giustificazioni su come si può essere ortodossi al di fuori della Chiesa ortodossa, il nostro compito è quello di continuare a dire che chi si trova nelle comunità scismatiche si trova fuori della Chiesa, e ne perde la vita spirituale. Così come non c’è coercizione a far parte della Chiesa ortodossa per chi non desidera farne parte, allo stesso modo la porta è aperta per il ritorno di chi non vuole più appassire al di fuori del corpo mistico di Cristo.

 
 26/05/2014    

L’ingresso nella chiesa dei bambini e delle bambine

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Presentiamo nella sezione “Domande e risposte” dei documenti una risposta di padre John Whiteford a una domanda sul suo blog riguardo all’apparente “doppio standard” del rito dell’ingresso in chiesa dei bambini e delle bambine, in cui solo i primi sono portati all’altare, in segno della loro possibilità di servizio sacerdotale. La risposta di padre John si evolve in diverse considerazioni sui ruoli complementari dei servizi di uomini e donne nella Chiesa.

 
 25/05/2014    

Una sfida importante per il cristianesimo greco ortodosso

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Tra le giurisdizioni ortodosse in America, l’Arcidiocesi greco-ortodossa è la più numerosa per numero di parrocchie e per le loro relative dimensioni. Tuttavia, in un rapporto scritto alcuni anni fa, gli indicatori di crescita sociale rivelano una preoccupante tendenza al collasso in un periodo non molto lontano. A suo credito, l’Arcidiocesi greco-ortodossa d’America ha onestamente affrontato questo problema, mettendo sul proprio sito il testo del rapporto, che presentiamo in traduzione italiana nella sezione “Pastorale” dei documenti. Forse alcuni degli indicatori di questo rapporto possono metterci in guardia di fronte al sorgere di simili tendenze nel mondo ortodosso (non necessariamente di matrice greca) in Italia.

 
 25/05/2014    

Un nuovo blog su scienza e fede ortodossa

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il nostro amico John Sanidopoulos, dopo avere portato il suo blog Mystagogy al livello di un apprezzato ministero online, ha iniziato a diversificare le tematiche da lui trattate. Dopo avere creato agli inizi del 2014 il blog Honey and Hemlock, dedicato a una vasta gamma di temi sociali in una prospettiva ortodossa (ne abbiamo dato un cenno sul nostro sito), John ha lanciato in questi giorni il blog Bio-Orthodoxy, in cui vuole esplorare i legami tra scienza e fede ortodossa, con una particolare attenzione alle teorie sull’origine del cosmo e della vita (anche teorie molto diverse tra loro), viste in una prospettiva cristiana. Facciamo il nostro augurio al nuovo blog, e invitiamo i nostri lettori che conoscono l’inglese e il greco a seguire (e se possibile, a sostenere) il lodevole sforzo missionario online di John Sanidopoulos.

 
 24/05/2014    

Due testi di Rod Dreher sull’Ortodossia in America

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Presentiamo nella sezione “Figure dell’Ortodossia contemporanea” dei documenti due saggi di Rod Dreher, lo scrittore e blogger ortodosso americano che abbiamo già introdotto sul sito parlando dei commenti di un convertito dal Cattolicesimo romano. Il primo testo, che si intitola Senza forze di fronte alla bruttezza, è una testimonianza di come l’Ortodossia riesce a considerare la bellezza come parte integrante del suo messaggio, e di conseguenza non la perde come è accaduto al mondo cattolico in America. Il secondo testo, dal titolo Mangiare gamberi come un ortodosso, ci presenta un'interessante figura di convertita all’Ortodossia, Shawnee Smith, attrice di Hollywood di una certa fama, che si sta adoperando per presentare la Chiesa ortodossa attraverso un film documentario professionale.

 
  1 2 3 4 5 di 5  index.php?locale=ro&blogyears=2014&m=5&blogsPage=2 index.php?locale=ro&blogyears=2014&m=5&blogsPage=5