Rubrica

 

Informații despre parohia în alte limbi

Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=10&id=205  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=10&id=602  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=10&id=646  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=10&id=4898  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=10&id=2779 
Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=10&id=204  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=10&id=206  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=10&id=207  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=10&id=208  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=10&id=3944 
Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=10&id=647         
 

Calendar Ortodox

   

Școala duminicală din parohia

   

Căutare

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 29 giugno 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  Naşii de botez şi rolul lor în viaţa finului  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  Pregătirea pentru Taina Cununiei în Biserica Ortodoxă  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  Pregătirea pentru Taina Sfîntului Botez în Biserica Ortodoxă
 
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook

Biserica are grija duhovnicească a creştinilor ortodocşi care aparţin la Patriarhia Moscovei din oraşul Torino şi din Piemonte / Valle d'Aosta

Archivio

2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 toți anii
Ianuarie Februarie Martie Aprilie Mai Iunie Iulie August Septembrie Octombrie Noiembrie Decembrie

Blogul parohului


 06/10/2014    

Lettere dall'Unione Europea...

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il nostro amico Ennio Bordato, nell’ottimo blog da lui curato, Russia.it, ci presenta Tatjana Zhdanoka (nella foto), europarlamentare russa dalla Lettonia, che ha ricevuto enormi e inqualificabili pressioni da parte dei capi del Parlamento Europeo per aver “osato” parlare fuori del coro a proposito del referendum della Crimea. Riportiamo l’accaduto, nelle parole della stessa signora Zhdanoka, nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti.

 
 05/10/2014    

Che cosa ci rivela la battaglia per l'aeroporto di Donetsk

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

In questi giorni, a chi riceve notizie da Donetsk non saranno sfuggite quelle un po’ contraddittorie relative all’aeroporto della città, dato alternativamente per “quasi del tutto riconquistato” oppure “totalmente riconquistato dalle forze della Novorossija. Sia che il capitolo sia ormai chiuso, sia che resti poco per chiuderlo, l’episodio dell’aeroporto di Donetsk rimane comunque uno dei punti più inconcepibili di questa guerra già del tutto inconcepibile. Come sempre, Saker ci viene incontro con una spiegazione che ci aiuta a capire cosa sia successo in mesi di un assurdo assedio di una struttura priva di alcun valore strategico, in un’analisi che presentiamo nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti.

 
 04/10/2014    

Resoconto della guerra da un prete di Lugansk

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Presentiamo nella sezione “Figure dell’Ortodossia contemporanea” dei documenti la versione russa e la traduzione italiana, corredate da fotografie e da un video, della recente testimonianza di un parroco di Lugansk, l'arciprete Aleksandr Ponomarev, pubblicata dal portale Pravoslavie.ru. È toccante sentire come hanno reagito agli orrori della guerra i parroci rimasti al loro posto a condividere le difficoltà e le angosce del loro gregge.

 
 03/10/2014    

Si avvicina l'inverno nell'Ucraina

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Padre Andrew Phillips condivide con noi alcune considerazioni sui disastri subiti dall’Ucraina in quest' anno tragico, e sulla situazione che ora attende il paese, nel panorama di un attacco a livello mondiale contro la fede ortodossa e contro la Chiesa. Presentiamo i pensieri di padre Andrew in traduzione italiana nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti.

 
 03/10/2014    

Il declino dello stato ucraino e la zuppa di pesce

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Estratto dal blog The Vineyard of the Saker, 1 ottobre 2014

Il moltiplicarsi di casi di impunità omicida nelle città ucraine ufficialmente sotto "controllo governativo" è significativo perché tutti questi sono chiari segni di una società che cade a pezzi, di un ordine sociale sostanzialmente distrutto e sostituito dal dominio della violenza a tutti i livelli. Questo è molto importante perché una società che discende per quella strada non può fare altro che crollare globalmente: davvero, cessa di essere una "società".

Si tratta di una questione aperta, se rimane veramente alcun tipo di "autorità" in quel che resta dello stato ucraino. Mentre Poroshenko sembra avere un certo controllo su Kiev, e Kolomoiskij sembra essere il "proprietario" di Odessa, è solo il Settore destro, che ha filiali in tutta l'Ucraina controllata dalla giunta e abbastanza attivisti per spaventare qualsiasi funzionario o civile da Lvov a Dnepropetrovsk e da Chernigov a Odessa. Tutto questo comincia a sembrare stranamente simile all'Afghanistan, alla Libia o all'Iraq, dove un gruppo controlla (più o meno) la capitale, mentre il resto del paese è completamente fuori controllo e gestito da varie bande armate.

L'Ucraina è sempre stata una finzione storica, un'entità completamente artificiale, originariamente concepita dal Papato, ma che ha acquisito veramente una forma materiale solo grazie a Lenin e Stalin (gli ucroidi non dovrebbero abbattere le loro statue, dovrebbero onorarle come loro "padri fondatori", in realtà). Eppure, dal 1991 al 2013 è esistita. Era molto imperfetta e soffriva di molti problemi, ma almeno esisteva. Ora quell'Ucraina è andata per sempre. Se fate bollire un acquario, è facile trasformarlo in una zuppa di pesce. Ma non si può ri-trasformare una zuppa di pesce in un acquario. Quello che osserviamo oggi è questo processo di "ebollizione sociale", da cui non esiste ritorno.

 
 02/10/2014    

L’ignoranza occidentale delle atrocità ucraine è un oltraggio

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

In questi giorni stanno diffondendosi le notizie di scoperte di fosse comuni nei luoghi del Donbass abbandonati dai “liberatori” dell’esercito ucraino. Chi, come noi, ricorda le tempeste mediatiche intorno alle fosse comuni (vere o false) in Bosnia e in Kosovo, rimarrà assordato dal silenzio dei nostri media su questi ultimi ritrovamenti.

In una delle sue prime collaborazioni con il sito Russia Insider, Saker analizza questa ennesima riprova di doppi standard dell’Occidente, in un breve ma efficace articolo che presentiamo in traduzione italiana nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti.

 
 02/10/2014    

"La causa della catastrofe greca non è stato un cataclisma naturale, ma un piano deliberato del governo mondiale"

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Russkaja Narodnaja Linija, 24/09/2014

Il metropolita Seraphim del Pireo ha partecipato a un concerto di beneficenza dedicato alla raccolta di fondi per i greci bisognosi...

Giorni fa in Grecia, un concerto di beneficenza è stato organizzato dalla metropolia del Pireo della Chiesa ortodossa greca. L'evento ha radunato un gran numero di persone. Sono stati raccolti fondi considerevoli, che andranno ad aiutare le vittime della crisi finanziaria, secondo Pravoslavie.ru.

Alla manifestazione ha partecipato il metropolita Seraphim del Pireo: "Viviamo in un momento tragico per il nostro paese. La causa della catastrofe non è stato un cataclisma naturale, ma l'avidità e un piano deliberato del governo mondiale. Ma la Grecia ha attraversato prove molto più dure e le ha vinte sempre con la fede in Cristo e gli ideali immortali della nostra nazione. La Chiesa ortodossa è sempre stata l'arca di salvezza per i greci".

Parlando dei compiti di carità della Chiesa, il vescovo Seraphim ha detto:

"La Chiesa non è un ministero di protezione sociale, il suo scopo e finalità è il regno dei cieli, e in questo ci spinge a superare noi stessi. In condizioni moderne, quando lo stato è impotente e il suo spazio si svuota, l'attuazione dei suoi compiti è assunta dalla Chiesa. Abbiamo poche possibilità, ma con amore sconfinato e fiducia nel Signore compiamo il nostro ministero. Se necessario, siamo pronti a vendere anche i lampadari e le lampade delle nostre chiese per aiutare chi è nel bisogno".

 
 01/10/2014    

Un confessore dell'Ortodossia: l'arciprete Mikhail Shuvar (1958-2009)

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Cinque anni fa, il 26 settembre 2009, è morto a Pescara uno dei parroci del Patriarcato di Mosca, padre Mikhail Shuvar, che era stato assegnato all’Italia dalla diocesi di Ivano-Frankovsk agli inizi del 2007. Abbiamo incontrato padre Mikhail nel corso della conferenza del nostro clero diocesano a Parigi nel novembre del 2007. La sua insistenza sui problemi dell’uniatismo allora ci sembrava un poco eccessiva: la capivamo come parte del vissuto di padre Mikhail, che veniva da una delle regioni a maggior conflitto tra ortodossi e uniati di tutta l’Ucraina occidentale, ma questo problema non era per noi la maggior preoccupazione pastorale. Eppure, a distanza di anni, la crisi ucraina del 2014 ha dimostrato che avremmo dovuto dare molta più attenzione al grido di allarme che padre Mikhail ha cercato di trasmetterci. Un’altra ragione per ascoltarlo era il suo stato di salute che lo avrebbe portato alla tomba entro un paio d’anni: il suo fisico era debilitato dai pestaggi (con spranghe di ferro divelte dalle cancellate di una chiesa) che aveva subito da parte dei teppisti che avevano occupato per conto degli uniati le chiese ortodosse della sua regione negli anni precedenti. Forse non un martire in senso stretto, ma certamente un confessore della fede, padre Mikhail rimane per noi un esempio luminoso di figura profetica e di coraggioso pastore d’anime dei nostri tempi: presentiamo nella sezione "Testimoni dell’Ortodossia" dei documenti un paio di articoli su di lui in russo e in traduzione italiana, che comprendono un’intervista da lui rilasciata poco prima di morire.

Eterna la sua memoria! Вечная ему память!

 
 01/10/2014    

Forgiati nella guerra

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Nel blog The Soul of the East, Mark Hackard riporta un brano dello scrittore Ivan Solonevich (1891-1953), esponente dei russi bianchi e critico del liberalismo. Presentiamo nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti la traduzione italiana di questo brano, che analizza le attitudini speculari verso la guerra dei regimi autoritari (sia per scelta, come la monarchia, sia per costrizione, come le dittature) e dei regimi liberali, che finiscono per trasformare la guerra in opportunità di sfruttamento mercenario, per la loro incapacità di coinvolgere il proprio popolo in una vera causa patriottica. Il brano ci offre molti spunti per valutare l’evoluzione delle guerre contemporanee.

 
 30/09/2014    

10 miti sulla demografia della Russia

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il blog Da Russophile di Anatolij Karlin, dedicato a sfatare i miti occidentali sulla Russia, ci offre un quadro dei miti sul tracollo demografico della Russia, e le attente confutazioni di tutti queste teorie. Da demografo professionista, Karlin offre strumenti, fonti, ricerche, tabelle, ma soprattutto una generosa dose di osservazioni acute e di buon senso che servono a distruggere uno dei principali miti russofobi, ovvero che la Russia sia un paese morente. Presentiamo le osservazioni di Anatolij Karlin nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti

 
 29/09/2014    

La risposta russa a una doppia dichiarazione di guerra

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Le recenti parole di Poroshenko al Congresso americano e di Obama all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite lasciano pochi dubbi che sia in corso una “dichiarazione di guerra non dichiarata” contro la Russia. Quella che stupisce è la risposta apparentemente debole della Russia, che tuttavia ha una ragione abbastanza profonda, e Saker ha i mezzi per cercare di analizzarla e spiegarla ai suoi lettori. Riportiamo l’analisi di Saker nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti.

 
 29/09/2014    

La morte dell'Ucraina nelle nostre predizioni e nella cronaca recente

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 
Esattamente cinque mesi fa, il 29 aprile, chiedevamo sul nostro blog: "chi ha voluto la morte dell'Ucraina?"
In questi giorni, sta facendo il giro della rete un articolo che sembra dare esattamente la risposta alla nostra domanda, ed esattamente nei termini che avevamo ipotizzato:
L'Ucraina non sarà mai più un paese unito. Abituatevi all'idea. 
Con tutte le ipotesi sui negoziati di pace in Ucraina, è essenziale tenere a mente un paio di cose: 
In primo luogo, tutte le chiacchiere occidentali di come i russi stanno tenendo le redini dei negoziati sono semplicemente aria fritta, e non del tipo che potrebbe aiutare gli ucraini a sopportare il freddo pungente di questo inverno. 
In secondo luogo, anche Putin e la sua cerchia si sbagliano se pensano di poter mettere di nuovo insieme Humpty Dumpty, anche se penso che probabilmente già lo sanno, e stanno semplicemente recitando un copione. 
Il fatto evidente è che l'idea di uno stato unitario chiamato Ucraina è completamente morta, e non vi è alcun "protocollo Lazzaro" in attesa dietro le quinte. 
Qualunque sia la forma che assumerà, per quanto a lungo il processo sarà portato avanti, e per quanti sforzi contorti si facciano per rimettere il genio nella bottiglia, la campana ha suonato e semplicemente non si può annullarne il suono. 
Il popolo della Novorossija ha visto i propri fratelli e sorelle assassinati, prima a Odessa, poi a Mariupol, e poi bombardati senza pietà a Lugansk e Donetsk, uccisi senza esitazione o rimorso da un gruppo di teppisti impazziti incitati dall'Occidente. 
Gli Stati Uniti hanno fatto della morte dell'Ucraina una certezza assoluta finanziando, armando e sostenendo fascisti e oligarchi per commettere atrocità sui propri connazionali. La Russia in questo non ha alcuna responsabilità, e anzi ha tentato invano di spiegare all'Occidente che questo avrebbe distrutto l'Ucraina, un paese che capiscono molto meglio di noi. 
Che ci sia un'amnistia, o qualche trattato o comunicato fasullo, è in gran parte irrilevante. Gli abitanti di queste regioni, semplicemente, non saranno più disposti a vivere sotto il controllo di Kiev, mai più. Nessun piano, protocollo o trattato di pace può cambiare questo fatto. 
La forma specifica di come avverrà tutto questo è ancora sfocata; le linee generali non lo sono. 
Sono già state scritte con il sangue.
 
 28/09/2014    

La minaccia della guerra e la risposta russa

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Presentiamo nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti una complessa analisi di Sergej Glaz'ev (nella foto), di cui abbiamo già ospitato alcune interviste e video sul nostro sito. Oltre a offrirci il quadro più ampio possibile (e come tale, pieno di numerose incognite) della complessa arte della gestione dello stato più esteso del mondo, Glaz'ev non fa altro che ribadire come lo scontro di civiltà nel mondo è dovuto alla resistenza ai piani di egemonia mondiale, piani che oggi vedono nella Russia il principale ostacolo. Non sarà inopportuno avere questi panorami più ampi nel nostro personale orizzonte mentale, quando sarà chiesto anche a noi dove vogliamo schierarci nel conflitto che si sta preparando nel mondo.

 
 27/09/2014    

L'informazione sull'Ucraina messa in satira in Germania

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il programma televisivo tedesco die Anstalt ("il manicomio") prende in giro la stampa occidentale e la sua presunta informazione libera e imparziale in una geniale satira dal titolo "La guerra dell'informazione per l'Ucraina". Presentiamo nella sezione "Umorismo" dei documenti il video con la trascrizione italiana dello spettacolo di satira.

 
 27/09/2014    

La Russia che gli americani hanno perso

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Una delle più grandi perdite subite dall’America con la politica che ha portato alla crisi ucraina è più importante del reddito influenzato da qualsiasi sanzione. Si tratta della perdita (irreparabile) della fiducia che un’intera generazione di russi post-sovietici ha dato generosamente e senza condizioni all’Occidente, per vedersi poi tradita. Dmitrij Sokolov-Mitrich, che fa parte di questa generazione, ricorda l’apertura dei russi all’America e il tradimento di tale apertura, in un articolo che presentiamo nell’originale russo e in traduzione italiana nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti.

 
index.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=1 index.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=9   1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21> di 49  index.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=11 index.php?locale=ro&blogyears=2014&blogsPage=49