Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?locale=it&blogyears=2016&m=6&id=205  Mirrors.php?locale=it&blogyears=2016&m=6&id=602  Mirrors.php?locale=it&blogyears=2016&m=6&id=646  Mirrors.php?locale=it&blogyears=2016&m=6&id=4898  Mirrors.php?locale=it&blogyears=2016&m=6&id=2779 
Mirrors.php?locale=it&blogyears=2016&m=6&id=204  Mirrors.php?locale=it&blogyears=2016&m=6&id=206  Mirrors.php?locale=it&blogyears=2016&m=6&id=207  Mirrors.php?locale=it&blogyears=2016&m=6&id=208  Mirrors.php?locale=it&blogyears=2016&m=6&id=3944 
Mirrors.php?locale=it&blogyears=2016&m=6&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 7 maggio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook

La parrocchia ha la cura pastorale dei cristiani ortodossi del Patriarcato di Mosca nella città di Torino e in Piemonte / Valle d'Aosta

Archivio

2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 tutti gli anni
Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Il Blog del Parroco


 30/06/2016    

L'ossessione bolscevica dell'invenzione dell'Ucraina

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Presentiamo la traduzione italiana di un piccolo ma esauriente testo sulla formazione dello stato ucraino nel XX secolo, che riporta alcuni dati storici meno noti, ma non per questo meno rilevanti, tipo il fatto che non è mai esistito uno stato ucraino prima della rivoluzione bolscevica. L’autore, Vladislav Sotirović, è docente di scienze politiche a Vilnius, nonché attivo blogger di saggistica geopolitica.

 
 29/06/2016    

Dopo il Concilio...

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Dopo avere offerto la carrellata storica degli elementi rilevanti di tutti i Concili ecumenici, padre Petru (Pruteanu) trae le conclusioni di ciò che è venuto fuori da Creta, con i principali risvolti positivi e negativi, e soprattutto la rilevanza teologica delle affermazioni sinodali. Presentiamo le considerazioni conclusive di padre Petru nell’originale romeno e in traduzione italiana nella sezione “Confronti” dei documenti.

 
 28/06/2016    

Come sono stati convocati e tenuti i Concili ecumenici

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Attendendo qualche considerazione finale sul Concilio di Creta, presentiamo in romeno e in italiano un saggio storico di padre Petru (Pruteanu), che ci accompagna in un breve esame di tutti gli elementi rilevanti degli antichi Concili ecumenici, per un doveroso confronto storico con quello che vediamo accadere oggi. 

 
 28/06/2016    

Aggiornamento sull'icona dei santi locali

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Iniziano a delinearsi i volti dei santi:

 
 27/06/2016    

Nel patriarcato di Mosca hanno sottolineato a Costantinopoli l'irrilevanza delle regole della democrazia nella vita della Chiesa

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Mosca. 25 giugno. Interfax

Nella Chiesa ortodossa russa hanno ricordato al patriarcato di Costantinopoli l'incompatibilità delle tradizioni della democrazia nelle decisioni conciliari.

La ragione per la discussione sono state le parole dell'arcivescovo costantinopolitano che ha ricordato che tutte le decisioni prese nel forum inter-ortodosso a Creta saranno obbligatorie per tutte le Chiese ortodosse, comprese quelle che hanno rifiutato di parteciparvi.

"Purtroppo, in un paese democratico, non tutti partecipano alle votazioni. Questo significa che il voto che ha avuto luogo in un tale paese è illegittimo?", ha detto l'arcivescovo Giobbe di Telmisso in un briefing dopo la sessione di venerdì del forum, rispondendo alla domanda di una giornalista russa.

"Capisco che l'atmosfera a Creta sia tesa, e comunicare con i giornalisti sia estenuante. Tuttavia mettere a confronto un concilio ecclesiale con una procedura di elezione democratica mi sembra maldestro e difficilmente rilevante, sulle labbra di un portavoce di un concilio", ha detto sabato in proposito al corrispondente di Interfax-Religion il vice capo del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca, l'arciprete Nikolaj Balashov.

"Nella Chiesa non c'è democrazia, fin dal primo secolo, e non ci sarà mai", ha aggiunto, spiegando che la democrazia è il potere del popolo e nella Chiesa "il potere appartiene a Dio."

Secondo il sacerdote, "se si cerca di verificare i canoni ecclesiastici secondo il loro rispetto degli standard democratici, si ottiene una grande confusione."

"Qualsiasi democratico che si rispetti avrebbe chiesto a vladyka Giobbe qual è la durata del suo mandato e quando tale mandato perderà la sua legittimità; infatti, dal punto di vista della democrazia, ogni potere irrevocabile è un male. E da noi le donne non solo elette all'episcopato. Che democrazia è questa?" ha detto il rappresentante della Chiesa russa.

Ha inoltre ricordato ai sostenitori di Costantinopoli che nelle elezioni democratiche una piccola percentuale di maggioranza porta già a una convincente vittoria, come è stato il caso con Brexit, di cui si è pure discusso durante la conferenza stampa a Creta.

"Ma nella Chiesa c'è un meccanismo decisionale del tutto diverso", ha detto il sacerdote, ricordando le parole del primo concilio apostolico: "Abbiamo deciso, lo Spirito Santo e noi..."

"Perché i vescovi possano parlare così, deve esserci l'unanimità, una concordia comune", ha detto l'intervistato all'agenzia.

L'incontro, che doveva essere un Concilio pan-ortodosso, si è aperto il 20 giugno e durerà fino al 25 giugno: vi hanno partecipato i capi di dieci delle 14 chiese ortodosse.

In precedenza, le Chiese bulgara, antiochena, georgiana, serba e russa sono state favore del rinvio del Concilio per la risoluzione delle controversie e il completamento de progetti di suoi documenti. Tuttavia, il Patriarcato di Costantinopoli ha respinto l'iniziativa e ha insistito che fosse condotto come da programma. Di conseguenza, hanno preso parte al forum Chiese che rappresentano una minoranza dell'episcopato, del clero e dei fedeli del mondo ortodosso.

Per questo il capo del Dipartimento sinodale per le relazioni esterne, il metropolita Ilarion, in un'intervista a Interfax-Religion, ha detto che se il Concilio avrà ancora luogo in questa situazione", non avrà carattere né autorità pan-ortodossi".

I partecipanti discutono sei temi: il rapporto della Chiesa ortodossa con il resto del mondo cristiano, il digiuno, il matrimonio, la missione della Chiesa nel mondo moderno, la cura degli ortodossi nella diaspora, la proclamazione dell'autonomia delle Chiese ortodosse.

 
 27/06/2016    

Il trono di spade e la morte dell'Occidente

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Giunti al momento del finale di stagione della popolare serie televisiva Game of Thrones (in Italia Il trono di spade), presentiamo alcune osservazioni sullo spettacolo da un punto di vista cristiano tradizionale. Un articolo di Gunnar Bjornson, scritto per il sito Katehon all'inizio di quest'ultima stagione televisiva, analizza la serie come specchio della decadenza della letteratura fantasy, utilizzata in questo contesto per rispecchiare la morte della cultura cristiana. Alle interessanti valutazioni dell'articolo, che abbiamo tradotto in italiano nella sezione "Confronti" dei documenti, vogliamo aggiungere solo una nostra osservazione: in questo mondo fantastico estremamente dettagliato, che pesca a piene mani da immagini della storia medievale (feudale) dell'Europa occidentale e anche da civiltà antiche dell'Asia e dell'Africa, non c'è un solo riferimento alla storia europea, asiatica o africana del cristianesimo ortodosso. Questo ci sembra un dato da sottolineare.

 
 26/06/2016    

Un dialogo su cristianesimo e reincarnazione

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Il gruppo Ortodossi nel mondo ci propone un video nel quale cerchiamo di dare alcune risposte ai giovani in ricerca, che si chiedono se il cristianesimo è compatibile con la reincarnazione:

 
 25/06/2016    

Risposta del patriarcato di Antiochia al portavoce del Concilio di Creta

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

In questi giorni, uno dei rappresentanti del patriarcato di Costantinopoli (incidentalmente, una nostra conoscenza), agendo come portavoce della segreteria del Concilio di Creta, ha fatto alcune dichiarazioni relative all’assenza del patriarcato di Antiochia. Tali dichiarazioni hanno provocato una secca smentita del metropolita Damaskinos del Brasile, che abbiamo tradotto in italiano nella sezione “Confronti” dei documenti.

 
 25/06/2016    

Sulla 'de-giudaizzazione' del cristianesimo

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Sull'onda del dialogo inter-religioso degli ultimi decenni, in diversi cristiani è sorto il dubbio che la Chiesa abbia perso qualcosa, rinunciando a seguire molte delle regole della legge di Mosè (regole indubbiamente seguite dai primi cristiani, che iniziarono la predicazione della Chiesa all'ombra del Tempio di Gerusalemme). Rispondiamo a un nostro corrispondente riguardo a questo processo di 'de-giudaizzazione' del cristianesimo, in un articolo che presentiamo nella sezione "Domande e risposte" dei documenti.

 
 24/06/2016    

Due figure inquietanti dietro il Concilio di Creta

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Il protopresbitero Alexander Karloutsos e il politico Alex Rondos (nella foto) sono due personaggi di grande importanza per il patriarcato di Costantinopoli, e gestiscono i flussi di cassa dalla ricca arcidiocesi greca d’America e una rete impressionante di influenze internazionali. In questi giorni, il loro contributo all’organizzazione del Concilio pan-ortodosso è stato di estrema importanza. Quello che davvero lascia molto inquieti è l’estensione delle loro attività, che mette alcuni enti benefici della Chiesa ortodossa pericolosamente vicini alle organizzazioni che manovrano le rivoluzioni colorate e le destabilizzazioni internazionali, a partire da quelle nei Balcani. Il sito di analisi Katehon ha pubblicato due allarmanti articoli su questi personaggi, e noi presentiamo le traduzioni in italiano di questi articoli nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti. Questi dati giustificano i nostri dubbi su quali siano le Chiese ortodosse veramente libere.

 
 23/06/2016    

Recensione cinematografica: Cirillo e Metodio – Apostoli degli Slavi

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Presentiamo nella sezione “Pastorale” dei documenti la recensione di un film sui due santi che più di tutti hanno segnato il cammino della pastorale ortodossa: i fratelli Costantino (noto con il nome moastico di Cirillo) e Metodio, oggetto nel 2013 di un film e di una serie televisiva di co-produzione internazionale (con una parte assegnata anche all’Italia!) e con base nella Repubblica Ceca. Anche se non è il massimo come produzione cinematografica e televisiva, rimane comunque una preziosa testimonianza di una storia ortodossa poco conosciuta dal grande pubblico.

 
 22/06/2016    

Il Concilio pan-ortodosso rende la vita difficile ai media

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Samuel Lieven, per La Croix, Kolymbari (Creta), 20 giugno 2016

Cronaca del Concilio 1. Dei 140 giornalisti accreditati presso il patriarcato di Costantinopoli, diverse decine hanno gettato la spugna dopo che il patriarca di Mosca ha rinunciato a venire a Creta, ma anche a causa di un'organizzazione complicata.

Priva di esperienza in questo settore, la Chiesa ortodossa ha preferito rendere l'evento quanto più possibile bloccato, il che rende difficili le condizioni di lavoro dei giornalisti presenti.

la tenda dove i giornalisti aspettano pazientemente al margine del Concilio pan-ortodosso (Samuel Lieven)

La sala stampa è una grande tenda eretta ai piedi dell'Accademia ortodossa, a quindici metri da una spiaggia cretese da cartolina. Fin qui, tutto va bene. Ma dentro, i quaranta gradi a mezzogiorno, l'aria condizionata guasta e la carenza di infrastrutture hanno già messo alla prova i nervi dei giornalisti più determinati a coprire il "santo e grande" Concilio, che si tiene dalla mattina di lunedì 20 giugno fino a sabato 25 giugno, sotto la presidenza del patriarca ecumenico Bartolomeo di Costantinopoli.

"Gli organizzatori hanno commesso un grave errore bloccando tutto"

L'annuncio che il patriarca Kirill di Mosca non sarebbe stato presente aveva già seriamente sgonfiato l'appetito delle redazioni internazionali, che privilegiano una lettura politica dell'evento. "L'agenzia per la quale lavoro sporadicamente non mi ha commissionato altro che un resoconto per lunedi e sembra poco interessata al seguito", dice Stefanis, un giornalista greco presente a Heraklion alla vigilia del Concilio per la celebrazione della Pentecoste.

Quanto agli inviati speciali a Kolymbari, la località all'altra estremità di Creta dove si tengono le sedute del Concilio, si sono trovati fin dall'apertura di fronte a un dispositivo di sicurezza che impedisce l'accesso ai 200 vescovi e metropoliti che partecipano al Concilio. Debitamente scortati in gruppi di dieci, i giornalisti non hanno potuto entrare che per soli tre minuti in aula quando il patriarca Bartolomeo ha pronunciato il suo testo di apertura, appena il tempo per un selfie o per fare qualche foto...

"Gli organizzatori hanno commesso un grave errore bloccando tutto", sostiene Andromaca Nikoulara, giornalista della televisione pubblica greca, che non ha lesinato sulle risorse con l'invio di una grande squadra per garantire la trasmissione in diretta per cinque ore. Una delusione. A parte i fotografi del patriarcato, nessun'altra fotocamera è stata ammessa all'interno. "La recente esperienza della visita di papa Francesco e del patriarca Bartolomeo a Lesbo ha tuttavia dimostrato che è possibile combinare le esigenze di sicurezza e il contatto con il pubblico e i media".

Niente pubblico

Di pubblico, non ce n'era neppure alla celebrazione di Pentecoste, in cui i primati erano soli nella cattedrale di san Mina a Heraklion. "Che segnale di comunione si vuole inviare? Comunione con chi?", si chiede un altro giornalista greco.

A essere messa in causa è un'organizzazione subappaltata alle staffette americane del patriarcato di Costantinopoli, che è incapace di assicurare lo svolgimento di un tale evento con il proprio denaro, o di fare affidamento su un'infrastruttura che non ha. "La Grecia, che ospita l'evento, non ha più soldi", conclude Gheorghios Ferdis, giornalista greco specializzato nell'Ortodossia. "Il patriarcato cerca dunque il denaro e le risorse altrove".

Costituita da una sequenza di chiese indipendenti (dieci sono presenti a Creta sulle 14 invitate), l'Ortodossia non ha l'esperienza del Vaticano nell'organizzazione degli eventi.

Alcuni media generalisti

Se i media greci, confessionali o generalisti, costituiscono il grosso delle troupe sotto la tenda, alcuni media europei malgrado tutto hanno fatto il viaggio. Hildegard Suehling anima in Germania un programma laico dedicato alle religioni sulla catena WDR5. "Già molte in Germania a causa di un'immigrazione antica, le comunità ortodosse sono rafforzate dal recente afflusso di profughi dal Medio Oriente. Il dieci per cento tra loro è costituito da cristiani, di cui la maggior parte è legata al patriarcato ortodosso di Antiochia".

Christian Rathner, della televisione pubblica austriaca, stima a 400.000 il numero di ortodossi nel suo paese. Come in Germania, le conversioni all'Ortodossia aumentano con il numero di rifugiati. Abbastanza da alimentare per lui l'interesse del grande pubblico per il mondo ortodosso.

In ogni caso, anche l'accesso ai lavori del Concilio può ancora rischiare di complicarsi nei prossimi giorni. Le sessioni di lavoro dei vescovi si terranno questa volta completamente al chiuso fino alla presentazione del messaggio finale. Questo sarà sabato 25 giugno, e a quel punto, la tenda dal fascino di una serra tropicale potrebbe ben essersi svuotata... 

 
 22/06/2016    

Storia della Russia in fotografie

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Presentiamo un articolo introduttivo che annuncia la nascita di un nuovo portale web con 80.000 fotografie della Russia dal 1860 al 2000, a cura del Museo d'arte multimediale di Mosca. Il portale è di uso semplice, anche per chi non sa il russo, e aiuta ad approfondire ogni ricerca legata alla storia del paese più grande del mondo.

 
 21/06/2016    

Antiochia non ha mai dato l'assenso alla convocazione del Concilio

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

La scansione del documento dice, al posto riservato alla firma di Antiochia:

"La Chiesa di Antiochia ha un'opinione contraria e pertanto non firma".

Ringraziamo l’agenzia stampa Romfea per avere rivelato quello che noi sapevamo già, ma di cui non si è voluta dare notizia alla stampa. Ci auguriamo che i soloni vaticanisti che hanno sproloquiato in questi giorni sul Concilio di Creta boicottato da Mosca vogliano trarne le dovute conseguenze, e magari ammettere che se non sapevano di questo semplice dato di fatto, sono degli ignoranti irresponsabili; se lo sapevano, invece, sono complici di una mistificazione; in entrambi i casi, dopo avere diffamato una Chiesa con qualcosa di più di un centinaio di milioni di membri, farebbero cosa carina a chiedere scusa.

 
 21/06/2016    

Putin e la sua visione del futuro

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Phil Butler, autore di un articolo sugli attacchi alla religione della Russia, che abbiamo già presentato sul nostro sito, ci offre un saggio che vuole analizzare l’influenza del filosofo Ivan Il’in (uno degli autori preferiti del presidente Putin) nella ricerca di una possibile “terza via” diversa sia dal comunismo sia dal capitalismo, centrata sulla realtà spirituale dell’uomo. Presentiamo il saggio di Phil Butler in traduzione italiana nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti. 

 
  1 2 3 4 di 4  index.php?locale=it&blogyears=2016&m=6&blogsPage=2 index.php?locale=it&blogyears=2016&m=6&blogsPage=4