Rubrica

 

Informații despre parohia în alte limbi

Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2015&m=4&id=205  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2015&m=4&id=602  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2015&m=4&id=646  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2015&m=4&id=4898  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2015&m=4&id=2779 
Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2015&m=4&id=204  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2015&m=4&id=206  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2015&m=4&id=207  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2015&m=4&id=208  Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2015&m=4&id=3944 
Mirrors.php?locale=ro&blogyears=2015&m=4&id=647         
 

Calendar Ortodox

   

Școala duminicală din parohia

   

Căutare

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 29 giugno 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  Naşii de botez şi rolul lor în viaţa finului  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  Pregătirea pentru Taina Cununiei în Biserica Ortodoxă  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  Pregătirea pentru Taina Sfîntului Botez în Biserica Ortodoxă
 
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook

Biserica are grija duhovnicească a creştinilor ortodocşi care aparţin la Patriarhia Moscovei din oraşul Torino şi din Piemonte / Valle d'Aosta

Archivio

2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 toți anii
Ianuarie Februarie Martie Aprilie Mai Iunie Iulie August Septembrie Octombrie Noiembrie Decembrie

Blogul parohului


 30/04/2015    

Sante mense, reliquiari, cibori e tabernacoli nella visione di un artista ortodosso

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Aidan Hart (nella foto) è un iconografo e artista ortodosso inglese, che non si limita alla pittura, ma ha esplorato anche diverse forme d’arte e architettura ecclesiastica, tra cui le sculture a bassorilievo. Nei suoi studi, noti e apprezzati in tutto il mondo, una particolare enfasi è data all’arte ortodossa paleocristiana in Italia. Presentiamo una mini-serie con due di questi studi, molto dettagliati e illustrati, tratti dal blog Orthodox Arts Journal: il primo è dedicato a sante mense e reliquiari, il secondo a cibori e tabernacoli.

 
 29/04/2015    

La Chiesa e le armi

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Uno degli argomenti in discussione in questi anni a Mosca (di cui abbiamo presentato la lista alcuni giorni fa) è “la giustificazione canonica della possibilità o impossibilità della benedizione ecclesiale di armi”. Per cercare di formarci un’opinione corretta a riguardo, cerchiamo di comprendere il problema attraverso la prospettiva storico-teologica che un sacerdote ortodosso cubano, padre Ernesto Obregon, ci illustra in breve nella sezione “Etica” dei documenti.

 
 28/04/2015    

Un calvario brutale. Un monaco parla della sua tortura

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Anatolij Sharij continua dall’esilio a offrirci testimonianze delle sofferenze inflitte alla popolazione del Donbass, e questa volta lo fa attraverso il resoconto di un monaco ortodosso rapito il 3 marzo e torturato, e solo recentemente liberato. Presentiamo il racconto di padre Teofane (Kratirov) nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti.

 
 27/04/2015    

La Georgia è stata classificata come l'undicesimo paese più religioso del mondo

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

pravoslavie.ru, 23 aprile 2015

La Win/Gallup International, un'associazione leader nelle ricerche di mercato e nei sondaggi, ha pubblicato i risultati del suo ultimo sondaggio dell'opinione pubblica mondiale. 1000 persone sono state intervistate in ciascun paese. I sociologi hanno fatto a ogni intervistato la stessa domanda: "Lei è una persona religiosa o no?" I risultati si sono rivelati prevedibili e allo stesso tempo notevoli.

Secondo il portale Gruzia online, i paesi più religiosi sono: Ghana (il 96% degli intervistati di questo paese si è dichiarato credentr), Nigeria (93%), Armenia (92%), Fiji (92%), Macedonia (90%), Romania (89%), Iraq (88%), Kenya (88%), Perù (86%), Brasile (86%), Georgia (84%), Pakistan (83%), Moldova (83%), Colombia (83%).

La Russia è al centro di questa lista con il 55%. I paesi meno religiosi, secondo i risultati del sondaggio, sono i seguenti: Cina (con solo il 14% dei credenti tra gli intervistati), Giappone (16%), Repubblica Ceca (20%), Turchia (23%), Svezia (29%), Vietnam (30%), Australia (37%), Francia (37%).

Per quanto riguarda l'ateismo, la Cina è al primo posto. Il 47% degli intervistati di questo paese si è detto ateo convinti; poi vengono i seguenti paesi: Giappone (31%), Repubblica Ceca (30%), Francia (29%), Corea del Sud (15%), Germania (15%), Paesi Bassi (14%). La Russia è classificata ventesima in questa lista, con il 6% di atei convinti.

52.000 i residenti provenienti da 57 paesi che costituiscono il 73% della popolazione mondiale sono stati intervistati nel corso di questo sondaggio.

"La religione è ancora dominante nella nostra vita di tutti i giorni e vediamo che il numero totale di persone che si considerano religiose è notevolmente grande", ha detto il presidente dell'associazione Win/Gallup International, Jean-Marc Leger (Canada), commentando i risultati della ricerca.

 
 27/04/2015    

Come ridimensionare i “grandi numeri” degli ortodossi in Guatemala

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Nel nostro primo servizio sulla crescita dell’Ortodossia in Guatemala, abbiamo sottolineato lo straordinario sviluppo che ha portato spontaneamente alla Chiesa ortodossa un gruppo non canonico di origini cattolico-carismatiche, con il quale si era parlato nel 2010 dell’ingresso nell’Ortodossia di oltre mezzo milione di persone (una cifra spropositata, pari a quasi il 4% della popolazione del paese, e da allora ulteriormente gonfiata fino a parlare di 800.000 persone). Oggi, le stesse fonti ufficiali ridimensionano la cifra a circa 40.000 persone, suddivise in circa 100 luoghi di culto che servono circa 300 comunità rurali: ancora un numero notevole, beninteso, ma ben lontano dalle cifre inizialmente annunciate.

Il sito mayanorthodoxy.com aiuta a comprendere la situazione fornendo dati obiettivi, tra cui la scarsità di preti: dopo la morte dell’energico fondatore del gruppo, padre Andres Girón de Leon, nel 2014, il numero dei preti è ridotto a sei, e benché possano contare sull’indispensabile aiuto di alcune centinaia di catechisti nei villaggi, la loro stessa capacità di ammettere persone nella Chiesa non avrebbe permesso loro di raggiungere cifre così alte.

La seguente mappa offre un’idea della dislocazione delle comunità ortodosse, concentrate nella zona sud-occidentale del Guatemala e nelle aree confinanti del Messico:

Alla luce di questi dati, sarà opportuno trattare con ancor maggiore cautela la pretesa della missione della chiesa siro-ortodossa in Guatemala, di cui abbiamo fatto cenno, ricordando che questo movimento arriva addirittura a vantare due milioni di fedeli. Nonostante possa contare su un clero indubbiamente più numeroso, sospettiamo fortemente che anche qui assisteremo a drastici ridimensionamenti demografici.

 
 26/04/2015    

Մեծ Եղեռն (Medz Yeghern, "il grande crimine"): 100 anni dal genocidio degli armeni

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il 24 aprile, si sono tenute tra gli armeni di tutto il mondo le commemorazioni del centenario del genocidio noto col nome di Medz Yeghern ("il grande crimine"), di cui il popolo armeno non ci chiede altro che di riconoscere l’esistenza. Noi lo facciamo volentieri, e anzi siamo fieri di vivere in un paese che riconosce ufficialmente il genocidio armeno. La presa di coscienza di questo immane sterminio di un popolo nei suoi paesi di origine può aprirci gli occhi su analoghi fenomeni quali il genocidio assiro e il genocidio dei greci del Ponto: tutte manovre volte all’annientamento dei cristiani in Medio Oriente, e che non dobbiamo dimenticare, considerando quel che avviene oggi sotto i nostri stessi occhi.

La fiamma eterna di Tsitsernakaberd a Erevan commemora il milione e mezzo di armeni sterminati a partire dal 1915 

 
 26/04/2015    

Riunione del Consiglio Episcopale a Venezia

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il 23 aprile, in occasione della festa patronale della cattedrale di San Giorgio dei Greci a Venezia, si è tenuta una riunione del Consiglio Episcopale inter-ortodosso, suggellata da una concelebrazione eucaristica. Il nostro Arcivescovo Mark era rappresentato dall’archimandrita Antoniy (Sevryuk) segretario dell’Amminstrazione delle parrocchie del Patriarcato di Mosca in Italia.

Il Consiglio ha prodotto un messaggio, di cui possiamo leggere il testo in greco, in italianoin romeno e in russo.

 
 25/04/2015    

Aleksandr Zakharchenko: il governo di Kiev non vuole solo distruggere la Repubblica Popolare di Donetsk, ma anche trasformare l'Ucraina in un cimitero

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Donetsk, 23 aprile – DAN (Agenzia stampa di Donetsk)

La prossima ondata di mobilitazione, che è in corso di preparazione in Ucraina, porterà al paese una moltitudine di nuovi decessi inutili. La dichiarazione è stata fatta dal capo della Repubblica Popolare di Donetsk Aleksandr Zakharchenko.

"In tutto il mondo, in ogni momento, una mobilitazione è in realtà l'inizio di una guerra, e infatti Kiev ha annunciato ufficialmente la preparazione per l'inizio delle ostilità, - ha detto il capo della RPD -. Questa è un'altra prova dell'attitudine di 'amore per la pace' delle autorità ucraine, che vogliono non solo distruggerci, ma anche trasformare l'Ucraina in un cimitero".

Zakharchenko ha esortato le madri ucraine a fare tutto il possibile per garantire che i loro figli non partecipino alla guerra e non perdano le loro vite per le ambizioni dei politici di Kiev.

"Ai giovani che sono spinti nel Donbass per una guerra fratricida, voglio dire: non diventate assassini, non siate orgogliosi del fatto che vi hanno mandato armati contro anziani e donne, - ha aggiunto il capo della RPD -. Io vi consiglio di arrendervi. Vi nutriremo, avremo cura di voi, vi faremo tornare a casa sani e al sicuro. A casa potrete incontrare difficoltà, ma almeno sarete vivi."

 
 25/04/2015    

Gli argomenti teologici della Chiesa ortodossa russa per gli anni dal 2015 al 2018

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Leggendo il documento dell’ordine del giorno delle discussioni teologiche della Chiesa ortodossa russa nei prossimi anni, che presentiamo in italiano, in romeno e in russo nella sezione “Pastorale” dei documenti, rimaniamo stupiti dal grande numero di argomenti sui quali la Chiesa si interroga, e che non relega a commissioni semi-clandestine, ma sui quali anzi invita a un dibattito pubblico ampio e trasparente di ogni documento prodotto, prima di sottoporlo a un’approvazione sinodale. Ci associamo all’apprezzamento del nostro confratello, padre Petru (Pruteanu), che ha tradotto la versione romena dell’ordine del giorno, e che apprezza il modo con cui una Chiesa da alcuni definita “KGBista” non teme discussioni e perfino polemiche con argomentazioni civilizzate sui suoi stessi temi formativi.

 
 24/04/2015    

Il pantheon dei “santi” ucro-nazisti

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Usare le icone per fare propaganda a visioni politico-ideologiche è un vergognoso modo di svilire le immagini sacre. Se un'icona può mai essere usata per propagandare qualcosa, questo qualcosa può essere solo la fede cristiana. Fino a un certo punto, un’icona collettiva dei santi di un determinato paese o nazione può essere giustificata, e magari anche ispirare un senso di dignità patriottica. Ma il caso di pseudo-icona che Saker analizza in un articolo del suo blog, e che presentiamo in traduzione italiana nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti, è un caso che va al di là di qualsiasi legittimo sentimento patriottico. Qualunque cosa possiamo pensare dei tentativi di creare una mistica nazionale ucraina (e non ne pensiamo granché bene), dobbiamo protestare a gran voce contro abusi blasfemi dell’iconografia come quello di cui ci parla Saker. 

 
 24/04/2015    

Oles' Buzina: Lettera aperta all'ambasciatore USA a Kiev (23 gennaio 2014 - un mese prima del colpo di stato)

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Slavyangrad, 20 aprile 2015

Signor Pyatt, mi appello a lei nella mia qualità di scrittore ucraino riconosciuto e ben noto, che non ha mai chiesto e non ha mai avuto alcuna sovvenzione dal suo paese. Questa lettera viene dalla mia iniziativa personale, e non ha alle spalle partiti politici o gruppi oligarchici. Tuttavia, sono sicuro che la mia opinione coincide con i pensieri di molti cittadini ucraini che lei ignora palesemente.

L'altro giorno, quando i disordini in piazza Maidan hanno raggiunto il suo picco, i media hanno riferito che un rappresentante del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Kathleen Hayden, ha intimato al governo ucraino di RITIRARE LE FORZE SPECIALI [Berkut, ndt] dal centro di Kiev. In caso contrario, ha minacciato sanzioni contro gli ucraini, tra cui il divieto dei visti per entrare nel vostro paese.

Credo che, in larga misura, le sue dichiarazioni come funzionaria della Casa Bianca si basino sulle informazioni fornite a Washington dall'ambasciata americana in Ucraina - quindi da lei, signor ambasciatore.

Tuttavia, al momento, l'ordine pubblico è conservato nella capitale, proprio perché le "forze speciali" (cioè le unità del Ministero degli Affari Interni) in realtà si trovano nel centro della capitale della mia patria, e non vorrei che se ne andassero sulla base del parere di stranieri, dal momento che i leader della nostra opposizione politica si sono mostrati finora in grado di controllare i vari gruppi militanti [tra i loro]. La prego di portare questo semplice messaggio al suo governo.

Se non è d'accordo con me, congediamo pure la protezione della polizia ucraina attorno alla vostra ambasciata a Kiev e smantelliamo le recinzioni metalliche alte quattro metri, che finora hanno protetto la sua nuova residenza nei pressi della stazione della metropolitana "Berestejskaja", che si trova su una strada che fino a non molto tempo fa portava il nome "Tankovaja" [via delle brigate corazzate]. Perché tutte queste misure di sicurezza non necessarie? Dopo tutto, a Kiev non accade nulla di pericoloso, tranne un FESTIVAL DELLA DEMOCRAZIA.

Potrà essere sorpreso dalla mia posizione indipendente. Ma io ho raggiunto il successo nel mio paese senza aiuti esterni, e credo che noi stessi, senza interferenze dall'esterno, saremo in grado di risolvere i nostri problemi. Quanto meno i funzionari degli USA interferiranno negli affari interni dell'Ucraina, tanto più velocemente quest'ultima sarà conteggiata come uno tra i paesi di successo del mondo.

 
 23/04/2015    

Un messaggio a sette miliardi di persone: la conferenza inter-ortodossa del 2016

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Padre Andrew Phillips riflette sulla riunione inter-ortodossa previstoa per il 2016, analizzandone i possibili esiti, i rischi, e le potenzialità illimitate che vi si aprono, in un saggio che presentiamo in traduzione italiana nella sezione “Confronti” dei documenti.

 
 22/04/2015    

Novità nel nostro viaggio tra le iconostasi

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Grazie ad alcune novità, tra cui le gallerie fotografiche della Pasqua 2015 del sito della diocesi ortodossa romena d'Italia, abbiamo avuto molte buone sorprese nella nostra ricerca sulle iconostasi.

Infatti, per diverse chiese di cui non appariva ancora l'iconostasi (o di cui apparivano immagini parziali o sfocate) ora sono disponibili immagini che prima non avevamo a disposizione, e in alcuni casi vediamo anche gli sviluppi delle iconostasi che avevamo già descritto. Sono tutti sviluppi positivi, che testimoniano la crescita delle comunità. Aggiungiamo quindi nuove immagini e testi al nostro viaggio tra le iconostasi ortodosse, sperando che possa essere di aiuto e di ispirazione per i nostri lettori.

 
 22/04/2015    

Eterna la tua memoria, Oles' Buzina!

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Domenica 19 aprile i parenti e gli amici di Oles' Buzina lo hanno accompagnato alla sepoltura, prima al funerale alla cattedrale della Lavra delle Grotte di Kiev, quindi al cimitero di Baikove. La Chiesa ortodossa si prende cura delle preghiere per un suo figlio ingiustamente ucciso, e non lo farà solo a Kiev.

 
 21/04/2015    

Le preghiere per i defunti nella Bibbia e nella tradizione

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Con la domenica dopo la Pasqua (oppure il martedì successivo, secondo alcune varianti) riprendono le preghiere per i defunti sospese durante la Settimana Luminosa per riguardo alla Risurrezione. In questo giorni non sarà male riflettere anche sulle obiezioni protestanti alle preghiere per i defunti e al loro posto nelle Sacre Scritture, obiezioni a cui risponde padre John Whiteford in un saggio che presentiamo nella sezione “Domande e risposte” dei documenti.

 
  1 2 3 4 di 4  index.php?id=208&locale=ro&blogyears=2015&m=4&blogsPage=2 index.php?id=208&locale=ro&blogyears=2015&m=4&blogsPage=4