Rubrica

 

Informații despre parohia în alte limbi

Mirrors.php?locale=ro&blogsPage=203&id=205  Mirrors.php?locale=ro&blogsPage=203&id=602  Mirrors.php?locale=ro&blogsPage=203&id=646  Mirrors.php?locale=ro&blogsPage=203&id=4898  Mirrors.php?locale=ro&blogsPage=203&id=2779 
Mirrors.php?locale=ro&blogsPage=203&id=204  Mirrors.php?locale=ro&blogsPage=203&id=206  Mirrors.php?locale=ro&blogsPage=203&id=207  Mirrors.php?locale=ro&blogsPage=203&id=208  Mirrors.php?locale=ro&blogsPage=203&id=3944 
Mirrors.php?locale=ro&blogsPage=203&id=7999  Mirrors.php?locale=ro&blogsPage=203&id=647       
 

Calendar Ortodox

   

Școala duminicală din parohia

   

Căutare

 

In evidenza

14/03/2020  I consigli di un monaco per chi è bloccato in casa  
11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 novembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  Naşii de botez şi rolul lor în viaţa finului  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  Pregătirea pentru Taina Cununiei în Biserica Ortodoxă  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  Pregătirea pentru Taina Sfîntului Botez în Biserica Ortodoxă
 
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook

Biserica are grija duhovnicească a creştinilor ortodocşi care aparţin la Patriarhia Moscovei din oraşul Torino şi din Piemonte / Valle d'Aosta

Archivio

2020 2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 toți anii

Blogul parohului


 09/05/2014    

Preghiere per la pace in Ucraina

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Ecco una nostra idea di preghiera per la pace in Ucraina. Non è un filmato di cronaca degli ultimi giorni: è del 19 febbraio. L'arcivescovo Mitrofan (*) di Lugansk, insieme al suo clero, prega di fronte all'icona della Madre di Dio di Lugansk.

(*) Attenzione a un rischio di omonimia: entrambi gli arcivescovi delle diocesi vicine di Lugansk e di Slavjansk si chiamano Mitrofan! L'arcivescovo Mitrofan (Jurchuk) di Lugansk è il più anziano dei due, e lo abbiamo incontrato pochi giorni dopo la sua consacrazione episcopale a Kiev, nell'estate del 2000. Il più giovane è l'arcivescovo Mitrofan (Nikitin) di Gorlovsk e Slavjansk.

Oggi siamo chiamati a partecipare a diverse iniziative di preghiera per la pace in Ucraina. Sarebbe bene mostrare un filmato come questo a chi ci fa inviti alla preghiera per l'Ucraina, e a chiedere che vengano rispettati per lo meno i canoni di preghiera della Chiesa a cui la maggioranza della popolazione ucraina dichiara di appartenere. Sulle parole non ci formalizziamo, né tanto meno sulla lingua (su questo blog, nel post del 21 aprile 2014, abbiamo riportato, anche in traduzione italiana, il testo di una preghiera simile fatta dal patriarca Kirill il Sabato Santo), ma vorremmo che la preghiera sia la stessa che si innalza dai cuori dei fedeli dell'Ucraina martoriata, e non formule inventate da estranei.

 
 09/05/2014    

Metropolita Onufrij: connazionali, fermatevi!

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

pravmir.ru

Fonte: Ufficio stampa della Chiesa Ortodossa Ucraina

Fermate l'aggressione; non usate le armi contro i vostri fratelli e compagni di fede! Dobbiamo renderci conto che nessuna idea politica vale la pena di uno spargimento di sangue

Metropolita Onufrij di Chernovtsy e Bucovina

4 maggio 2014

Appello del locum tenens della cattedra metropolitana di Kiev, il metropolita Onufrij di Chernovtsy e della Bucovina, in relazione ai recenti avvenimenti in Ucraina.

Già da diversi mesi, l'Ucraina sta vivendo un'impegnativa prova. La situazione rimane estremamente travagliata nelle regioni di Donetsk e Lugansk. Spaventosi eventi sono avvenuti il 2 maggio a Odessa, dove, a seguito di sanguinosi scontri e fuoco nella Casa dei Sindacati decine di persone sono state uccise e centinaia di altre sono rimaste ferite.

La Chiesa ortodossa ucraina esprime le sue condoglianze alle famiglie di tutte le vittime. Offriamo preghiere per il riposo dell'anima di chi ci ha lasciato, e per la pronta guarigione dei feriti. L'amore di Dio abbraccia tutti noi. Nell'oceano della Divina Misericordia scompaiono tutti i nostri desideri e confronti terreni. Per questo la Chiesa di Cristo non divide il suo gregge in base a nazionalità o preferenze politiche. Preghiamo per tutti, a prescindere da quale lato della barricata si siano trovati.

Durante tutti i mesi di crisi socio-politica in Ucraina, la nostra Chiesa ha sempre chiesto la riconciliazione e ha cercato modi per evitare spargimenti di sangue. Abbiamo fatto appello alle autorità dello Stato e all'opposizione a cessare le ostilità e a sedersi al tavolo dei negoziati.

La situazione politica nel paese è cambiata, ma la posizione della Chiesa rimane invariata. Ancora una volta sollecitiamo sia il nuovo potere sia la nuova opposizione a compiere ogni sforzo per fermare lo spargimento di sangue. Ci appelliamo ancora una volta a voi, nostri connazionali: fermatevi! Fermate l'aggressione, non usate le armi contro i vostri fratelli e compagni di fede!

Dobbiamo renderci conto che nessuna idea politica vale uno spargimento di sangue. Non si può costruire una società giusta sulla violenza, l'aggressività e il confronto. Infatti, tra i cittadini dell'Ucraina ci sono differenze significative: su questo non dobbiamo chiudere gli occhi.

Tuttavia, la ricerca un terreno comune e un compromesso non va fatta con le armi in mano, ma al tavolo dei negoziati. Ogni violenza genera sempre e solo altra violenza. E ogni omicidio comporta nuove vittime. Dobbiamo rompere questo circolo infernale e non dare al diavolo la possibilità trasformare il nostro paese in un campo di guerra fratricida.

In questo momento difficile, esorto i chierici della Chiesa ortodossa ucraina a una posizione pastorale equilibrata e responsabile. Dobbiamo ricordare che la missione della Chiesa è il Vangelo della riconciliazione dell'uomo con Dio e dell'uomo con l'uomo. Il clero deve fare uno sforzo per fermare l'escalation del conflitto.

Esorto tutti i fedeli della Chiesa ortodossa ucraina a una fervente preghiera. Preghiamo il nostro Signore Gesù Cristo, perché sotto la protezione della sua purissima Madre arresti tra noi l'odio e il fratricidio. Che la pace di Cristo e il perdono reciproco entrino nei nostri cuori!

+ Onufrij, metropolita di Chernovtsy e Bucovina, locum tenens della cattedra metropolitana di Kiev

 
 08/05/2014    

‘L'Ortodossia, principale ostacolo all’apostasia dell’Occidente’

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Quando abbiamo iniziato a ricordare su questo blog i pericoli di una visione anti-ortodossa in ascesa nel mondo occidentale, ci siamo presi tutte le accuse di essere polarizzati, politicizzati, unilaterali... ma siamo andati avanti lo stesso. Oggi, tanto per confermare che non avevamo colto tanto fuori dal segno, possiamo lasciare la parola niente meno che al ministro degli esteri svedese, Carl Bildt (nella foto), e alla sua recente dichiarazione che ‘l'Ortodossia è la principale minaccia alla civiltà occidentale’. Cerchiamo di capire qualcosa di più su questa affermazione (davvero inqualificabile per un diplomatico di professione) e su ciò che essa comporta, nell’analisi di padre Andrew Phillips, che riportiamo nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti.

 
 08/05/2014    

James Joyce e la Settimana Santa ortodossa

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

James Joyce (1882-1941) è di solito considerato un letterato ateo, decaduto dalle sue origini cattoliche irlandesi. Tuttavia, una ricerca di alcuni episodi poco noti della sua vita rivela una sua profonda sensibilità al mistero delle celebrazioni della Settimana Santa, a cui cercò sempre di partecipare, e di preferenza nelle chiese ortodosse. Nelle sue indagini dei rapporti dei grandi letterati con il culto ortodosso, e in particolare con le funzioni pasquali, John Sanidopoulos ricorda i contatti con il culto ortodosso nella vita di Joyce (contatti che hanno avuto luogo anche alla chiesa di San Niccolò dei Greci a Trieste) nel suo blog Honey and Hemlock; riportiamo le considerazioni su Joyce in traduzione italiana nella sezione “Confronti” dei documenti.

 
 08/05/2014    

Benvenuto, padre Nicolas!

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Con effetto dal 1 maggio 2014, l'arcivescovo Job di Telmessos ha sollevato l'arciprete Nicolas Rehbinder dalla sua funzione di rettore della parrocchia della Presentazione al Tempio (91, rue Olivier de Serres) a Parigi e gli ha dato la sua benedizione per lasciare l'Esarcato ed entrare nella diocesi di Chersoneso del Patriarcato di Mosca. Nel milieu ortodosso francese questo evento è salutato come una decisione intelligente e amichevole dell'arcivescovo Job. Per diversi anni, infatti, padre Nicolas ha fatto sentire la sua voce a sostegno di un ritorno canonico alla Chiesa madre, sulle linee proposte dal patriarca Alessio II nell'aprile del 2003. Grazie a Vladyka Job per la sua decisione, e un benvenuto a padre Nicolas sulla strada verso l'obiettivo da lui costantemente indicato e sostenuto: la fondazione di una Chiesa ortodossa autonoma in Europa Occidentale.

 
 07/05/2014    

Il grido di libertà non si ferma

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

La dissoluzione dell'utopia dello stato ucraino continua a grandi passi, con il generoso contributo dei promotori stessi della sua ideologia.

Accogliendo l'invito fatto la settimana scorsa dal nostro patriarca, cerchiamo di non identificare la Chiesa in una delle parti in lotta, non promuoviamo scontri e men che meno ci mettiamo ad arringare la folla verso questo o quell'altro (di solito entrambi sconsiderati) corso d'azione. Tuttavia, questo non significa che possiamo trattare con la stessa imparzialità i sostenitori di un referendum di federalizzazione e gli autori di questo massacro (visione del link sconsigliata a chi è debole di stomaco).

Esaminiamo perciò il grido di libertà popolare delle regioni considerate "calde" dai resoconti d'attualità in un quadro più ampio, presentando le considerazioni di padre Andrew Phillips nell'ultimo articolo del suo blog, dedicato alla libertà dei popoli dell'Ucraina e dell'Europa, che presentiamo in traduzione italiana nella sezione "Geopolitica ortodossa" dei documenti.

 
 06/05/2014    

Con la benedizione del Metropolita Agafangel si sono compiute le funzioni funebri a Odessa

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 
Il 3 maggio, con la benedizione del metropolita Agafangel di Odessa e Izmail, sua Grazia Diodor vescovo di Juzhne, vicario della diocesi di Odessa, ha compiuto i servizi di commemorazione funebre sul campo di Kulikovo, dove il giorno prima, a causa di fatti di sangue che hanno sconvolto il mondo, sono state uccise più di 40 persone. 
Con il vescovo Diodor hanno concelebrato il decano della diocesi di Odessa, arciprete Pavel Poleshchuk, e numerosi sacerdoti. 
Hanno offerto preghiere per i defunti più di 1500 abitanti di Odessa, usciti in piazza. I fedeli hanno portato fiori e acceso lampade in memoria dei morti. 
Nello stesso giorno, con la benedizione del metropolita i chierici della Cattedrale della Trasfigurazione a Odessa hanno compiuto servizi di commemorazione funebre sulla via Grecheskaja, dove, sempre a causa degli scontri del giorno precedente, sono state uccise diverse persone.
 
 06/05/2014    

La Pasqua continua

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Per chi è abituato al modo di celebrare le feste cristiane in Occidente, le festività ortodosse costituiscono una vera sorpresa: dopo il giorno della festa, si continua a celebrare nell’atmosfera della festa, per un periodo la cui lunghezza ricorda quella del periodo di preparazione alla festa. Per la Pasqua, le celebrazioni e le feste continuano tutti i quaranta giorni fino alla festa dell’Ascensione, corrispondenti alla Quaresima. Anche il digiuno del mercoledì e del venerdì è alleviato, e nella Settimana Luminosa dopo la Pasqua è abolito del tutto.

Continuiamo a ricordare l’atmosfera della festa, con un articolo e un filmato.

L’articolo che proponiamo nella sezione “Ortoprassi” dei documenti si intitola Perché i greci tingono le uova rosse per la Pasqua?, e ci dà alcune semplici spiegazioni delle origini di questo interessante uso cristiano.

Il filmato che segue ci fa ascoltare il canto del tropario pasquale in Ghana, al termine di una Divina Liturgia, in un modo del tutto “locale” (il meglio dell'inculturazione!):

 

 
 05/05/2014    

Una luce differente: giovani viaggiatori nell'America contemporanea

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Il portale Pravoslavie.ru ha proposto un’intervista a due giovani viaggiatori americani, esponenti di quella sotto-cultura, o contro-cultura, che vede nella libertà del viaggio un’espressione di ricerca del significato della vita. L’aspetto un po’ insolito di questa ricerca è che entrambi gli intervistati sono catecumeni in attesa di essere ricevuti nella Chiesa ortodossa in una parrocchia che ha una particolare dote di accoglienza per persone di diverse provienenze socio-culturali (si veda l’intervista al diacono della parrocchia e alla moglie, provenienti dal mondo rastafariano). L’intervista ci aiuta a capire quanto la contro-cultura giovanile americana – quando sa prendere se stessa sul serio – ritrova nella Fede ortodossa la risposta a tante delle sue domande. Riportiamo la traduzione italiana dell’articolo nella sezione “Figure dell’Ortodossia contemporanea” dei documenti.

 
 05/05/2014    

Dichiarazione di sua Santità il patriarca Kirill in connessione con l'ulteriore aggravamento del conflitto civile in Ucraina

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

patriarchia.ru, 3 Maggio 2014

Sua Santità il patriarca Kirill di Mosca e tutta la Rus' ha fatto una dichiarazione in connessione con l'ulteriore aggravamento del conflitto civile in Ucraina.

In Ucraina si sparge di nuovo sangue. Gli scontri nella regione di Donetsk e i tragici eventi di Odessa hanno provocato la morte di decine di persone, destabilizzando ulteriormente il paese. Molti stanno vivendo disperazione, paura per la loro vita e per la vita dei propri cari.

In questo pesantissimo momento il mio cuore è con l'Ucraina, con ognuno dei suoi figli e figlie, che stanno vivendo dolore, afflizione, sconcerto, rabbia, disperazione. Prego per il riposo di tutti i defunti del massacro, per la salvezza delle vite delle vittime, per la pronta guarigione dei feriti. La mia preghiera fervente è per la guarigione del paese, per la pacificazione delle inimicizie, perché non si sparga più sangue e perché ogni violenza si fermi.

La responsabilità di ciò che accade ora ricade principalmente su quelli che invece che al dialogo hanno fatto ricorso alla violenza. Di particolare rilevanza è l'uso nel conflitto civile di equipaggiamenti militari pesanti. La ragione per l'uso della forza è spesso l'attaccamento al radicalismo politico, la negazione del diritto dei cittadini di esprimere le loro convinzioni.

Nell'Ucraina di oggi non può essere dichiarata possibile solo e universalmente una delle posizioni politiche. Questo è disastroso per il paese. Sono convinto che con un tentativo di rafforzare un proprio punto di vista si dovrebbe abbandonare il ricorso alla forza una volta per tutte. Esorto tutte le parti ad astenersi da usare le armi, e a risolvere tutti i problemi attraverso negoziati. A breve termine, l'Ucraina ha bisogno di almeno una tregua, e a lungo termine, di un mondo solidale e duraturo .

L'Ucraina può guarire e proseguire sulla strada della creazione di una vita dignitosa per i suoi cittadini, purché sia la casa comune di persone di diverse convinzioni politiche, in gran parte diverse tra loro. Non c'è nessuna alternativa al dialogo. È necessario, finché c'è ancora una tale opportunità, ascoltare gli altri e cercare non solo di risolvere il conflitto in corso, ma anche di rinnovare la fedeltà ai valori spirituali e morali cristiani che hanno formato il popolo ucraino, arricchito la sua saggezza e il suo amore per la verità. Credo che proprio questi valori aiutino oggi a trovare una via per la pace e la giustizia, senza la quale non ci sarà un futuro dignitoso per il paese.

Dio grande, unico! Custodisci la Rus'-Ucraina!

 
 04/05/2014    

Patriarhul Chiril: «Una dintre cele mai importante preocupări ale Bisericii la ziua de azi este rugăciunea și lucrările legate de ceea ce se întâmplă în Ucraina»

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

patriarchia.ru, 30 aprilie 2014

Sarcina Bisericii este slujirea împăcării oamenilor, de aceea ea nu ar trebui să servească unor anumite opinii politice sau să fie de partea uneia dintre părţile conflictului civil, a spus Patriarhul Moscovei și al Întregii Rusii, Chiril.

„Una dintre cele mai importante preocupări ale Bisericii la ziua de azi — este rugăciunea și lucrările legate de ceea ce se întâmplă în Ucraina. Noi primim cu durere în inimă situația dificilă și suferințele reale prin care trec oamenii din Ucraina», — a spus Întâistătătorul Bisericii Ortodoxe Ruse, înainte de întrunirea Consiliului Suprem al Bisericii, care a avut loc la 30 aprilie, la Catedrala Hristos Mântuitorul din Moscova.

În conformitate cu cuvintele Sanctităţii Sale, Biserica trebuie să își desfășoare activitatea pastorală, misiunea mântuitoare, să se roage, să împace oamenii, dar «în nici un caz nu ar trebui să servească anumitor opinii politice, poziții, concepte», aceasta îi permite Bisericii să fie în afara conflictului și să servească împăcării părţilor acestuia.

«Punctul nostru de vedere este că biserica ar trebui să fie mai presus de orice luptă. Biserica trebuie să-și mențină capacitatea sa împăciuitoare chiar și atunci, când pare că nu există nici o posibilitate de menținere a păcii. Aceasta nu este o poziție uşoară, pentru că toată lumea care împărtășește un anumit punct de vedere , care intră într-un conflict civil, încearcă să caute sprijinul Bisericii. Dar Biserica poate și trebuie să ofere sprijinul numai în limitile la ceea, ce a poruncit Dumnezeu Bisericii,»- a spus Întâistătătorul Bisericii Ortodoxe Ruse .

«Ceea ce se întâmplă în prezent în Ucraina, relatează despre faptul că o astfel de poziție o are doar Biserica noastră — a spus Sanctitatea Sa. – Practic ceilaţi au fost capturați de aceste evenimente și au pierdut acea rezistenţă, care şi provine dintr-o punere în aplicare corectă și consecventă a misiunii Bisericii «.

«Cunoaşteţi că poziția Bisericii rămâne aceeași care a fost pe parcursul la aproape 25 de ani. Și atunci când confruntările civile au avut loc în Rusia, la Moscova, şi atunci când apar astfel de conflicte pe teritoriul spațiului post-sovietic, Biserica noastră nu se lasă atrasă de ademeniri politice și refuză slujirea oricăror poziții politice, «- a spus Sanctitatea Sa Patriarhul.

«Bisericii nu îi este uşor în aceste condiții — a continuat Primatul Bisericii . — Îmi amintesc critica adusă Bisericii noastre la începutul anilor 1990, atunci când unii cereau ca Biserica să iasă în Piața Manezhului, să facă declarații politice , sprijinându-i pe acei, care atunci au ieşit învingători … Dar Biserica în totalitatea sa a respins această poziție, cu toate că a fost criticată puternic de cei căre de parcă au învins. Viaţa a arătat că aceasta a fost singura poziție corectă, pentru că şi cei de dreapta și cei de stânga aparțin Bisericii.»

Preafericitul Patriarh i-a îndemnat membrii Consiliului Suprem al Bisericii să depună toate eforturile pentru «ca pacea să pogoare pe pământul ucrainean, ca oamenii să se împace, să restabilească legea și ordinea, pentru ca să se asigure drepturile oamenilior și să nu încalce demnitatea lor.»

«În mai multe declarații cu privire la Ucraina, ne-am exprimat îngrijorarea în privinţa la posibilitatea atacurilor asupra bisericilor noastre» — a reamintit Sanctitatea Sa.

«După cum se știe, astfel de încercări au fost, dar prin harul lui Dumnezeu nu s-au încununat cu succes, și putem spune că astăzi nu se întreprind astfel de atacuri. Să dea Dumnezeu ca aşa să fie şi în continuare, deoarece utilizarea forței duce întotdeauna la o contra-forță, și, prin urmare, la declanşarea unui conflict, «- a spus în încheiere, Sanctitatea Sa Patriarhul Chiril, menționând că instigarea conflictelor religioase va complica şi mai mult situația dificilă din Ucraina.

Serviciul de presă al Patriarhului Moscovei și al întregii Rusii

 
 03/05/2014    

Intervista a Serafim Maamdi, un curdo ortodosso

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Padre Georgij Maksimov intervista per Pravoslavie.ru un curdo ortodosso, Serafim Maamdi, che racconta dettagli interessanti e di grande respiro sulle autentiche possibilità di evangelizzazione ortodossa di un popolo di ben trenta milioni di persone, tra i più discriminati del Medio Oriente. L’intervista offre alcuni spunti interessanti sulla semisconosciuta religione degli yazidi e sul suo collegamento organico con il cristianesimo ortodosso. Presentiamo l’intervista nell’originale russo e in traduzione italiana nella sezione “figure dell’Ortodossia contemporanea” dei documenti.

 
 03/05/2014    

Gli armeni accolgono il messaggio di condoglianze del premier turco

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

L'arcivescovo Aram Ateşyan, vicario patriarcale armeno di Costantinopoli, ha incontrato il 1 maggio il primo ministro turco Recep Tayyip Erdoğan dopo che quest'ultimo ha inviato il 23 aprile un sorprendente messaggio di cordoglio ai nipoti degli armeni morti nel 1915. Essendo la prima volta che un premier turco parla pubblicamente del lutto del popolo armeno, questo primo passo è stato molto apprezzato all'interno della comunità armena. Molto resta comunque da fare: il 24 aprile gli armeni commemorano il genocidio del proprio popolo, ampiamente documentato e riconosciuto come tale in tutto il mondo, anche se la Turchia continua a negare questa definizione, citando i massacri degli armeni come risultati di scontri inter-etnici in Anatolia. La dichiarazione a sorpresa di Erdoğan è stata inviata in nove lingue (turco, tedesco, francese, inglese, spagnolo, russo, arabo, armeno occidentale e armeno orientale) per una diffusione più ampia possibile.

 
 03/05/2014    

"In Siria cristiani crocifissi"

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Avvenire.it - Cristiani siriani crocefissi se rifiutano di abiurare la loro religione e di abbracciare l'islam; jihadisti che giocano a pallone con le teste delle loro vittime fra cui dei bambini: a denunciarlo è una suora siriana in un'intervista a Radio Vaticana in francese, in cui racconta di atrocità commesse dai ribelli jihadisti nelle città e nei villaggi da loro occupati nel conflitto siriano.

"Nelle città o nei villaggi occupati dagli uomini armati – si legge nell'intervista di suor Raghida, che vive in Francia –, i jihadisti e tutti i gruppi musulmani estremisti propongono ai cristiani la 'shahada' (la professione di fede musulmana, ndr) oppure la morte. Alcune volte chiedono solo un riscatto e in questi casi si offrono l'abiura, un riscatto o la morte. Ma quando è impossibile per loro rinnegare la loro fede, allora subiscono il martirio. E si tratta di un martirio terribilmente disumano, di una violenza indicibile. Se volete degli esempi, a Ma'lula hanno crocefisso due ragazzi perché non hanno voluto recitare la shahada. Allora (i jihadisti) hanno detto 'allora voi volete morire come il vostro maestro nel quale voi credete? A voi la scelta: o recitate l'abiura, oppure sarete crocefissi". "Uno è stato crocefisso davanti al suo papà, che poi è stato ucciso a sua volta". "E successo, per esempio ad Abra, nella zona industriale, alla periferia di Damasco: appena entrati in città, – aggiunge suor Raghida – hanno cominciato a uccidere gli uomini, le donne e i bambini. E dopo il massacro, prendevano le teste e ci giocavano a calcio. Per quanto riguarda le donne incinte, prendevano i loro feti e li impiccavano agli alberi con i cordoni ombelicali. Per fortuna la speranza e la vita sono più forti della morte: dopo che l'esercito ha ripreso la città, abbiamo celebrato messe di requiem e la preghiera si è fatta ancora più intensa".

 
 02/05/2014    

Miti sulla Russia e altre manipolazioni svelate

  Pubblicato: Padre Ambrogio / Vedi >  Deschide vestea din blog
 

Presentiamo nella nostra sezione "Geopolitica ortodossa" dei documenti un trittico di articoli recenti di padre Andrew Phillips:

- Miti sulla Russia contemporanea è un colpo d'occhio su tutte le favole che ci propinano sulla Russia per distruggerne la credibilità, minando contemporaneamente l'immagine della Chiesa ortodossa.

- Il tortuoso sentiero della religione occidentale nel mondo globalizzato è un'analisi spietata del collasso di un tipo di cristianesimo che, per aver voluto allontanarsi dalle proprie radici ortodosse, deve auto-giustificare continuamente il proprio disfacimento interno... magari canonizzandone i responsabili.

- Un'Europa ucrainizzata? è un saggio che ci aiuta a capire come i drammi dell'Ucraina attuale (governi non rappresentativi, maggioranze in dissenso e non ascoltate, diritti di popoli interi calpestati, pesanti interferenze esterne) non sono poi tanto diversi da quelli dell'Unione Europea in generale, e richiamano a una scelta spirituale prima ancora che politica, economica, etnica o sociale.

 
index.php?id=1011&locale=ro&blogsPage=1 index.php?id=1011&locale=ro&blogsPage=202   <200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221> di 267  index.php?id=1011&locale=ro&blogsPage=204 index.php?id=1011&locale=ro&blogsPage=267