Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?blogsPage=168&id=205  Mirrors.php?blogsPage=168&id=602  Mirrors.php?blogsPage=168&id=646  Mirrors.php?blogsPage=168&id=4898  Mirrors.php?blogsPage=168&id=2779 
Mirrors.php?blogsPage=168&id=204  Mirrors.php?blogsPage=168&id=206  Mirrors.php?blogsPage=168&id=207  Mirrors.php?blogsPage=168&id=208  Mirrors.php?blogsPage=168&id=3944 
Mirrors.php?blogsPage=168&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 febbraio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook

La parrocchia ha la cura pastorale dei cristiani ortodossi del Patriarcato di Mosca nella città di Torino e in Piemonte / Valle d'Aosta

Archivio

2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 tutti gli anni

Il Blog del Parroco


 14/03/2014    

Congratulazioni a padre Cristian Vasilescu

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 
Il sito della parrocchia ortodossa romena di Santa Parascheva a Torino si è arricchito di varie novità. Siamo contenti di sapere dell'ordinazione presbiterale di padre Cristian Vasilescu, che vediamo (nella foto) affiancare suo padre nella celebrazione della Domenica dell'Ortodossia. Ci auguriamo che questo esempio possa aprire una traccia per tutti quei figli di sacerdoti ortodossi in Italia che vorranno seguire la chiamata dei loro padri al servizio ministeriale.
La mulţi ani fericiţi alături de cei dragi!
 
 13/03/2014    

La minaccia alla pace è reale: 10 cose che i media non vi dicono

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Continuiamo il nostro piccolo contributo all’informazione su ciò che sta veramente succedendo in Ucraina (e in ambito internazionale), con l’ultimo articolo del blog Orthodox England, che abbiamo tradotto nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti. Mentre i cristiani ortodossi, entrati nella Grande Quaresima, si sforzano di pregare e digiunare, è in atto una delle più grandi minacce alla Chiesa Ortodossa dal tempo della rivoluzione bolscevica (la cui prima vittima tra gli ortodossi di un certo rango fu – è importante sottolinearlo – il metropolita di Kiev). Non smettiamo di pregare e digiunare, ma al tempo stesso, come i nostri confratelli in tanti paesi, proseguiamo lo sforzo di informare correttamente.

 
 13/03/2014    

Il seminario di Halki e i suoi custodi

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Con la recente concentrazione di interesse sulla sede del Patriarcato Ecumenico, è stato pubblicato e riportato da Pravmir anche un breve articolo sul seminario di Halki, che ci è sembrato interessante riportare in traduzione italiana nella sezione “Confronti” dei documenti. Il seminario in cui si sono formati per oltre un secolo i patriarchi di Costantinopoli, chiuso nel 1971 e ancora tenuto in ottime condizioni in attesa di una sempre improbabile apertura, è una parte importante dei negoziati tra poteri ecclesiastici e statali. 

 
 13/03/2014    

Sulle "regole di preghiera"

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

È molto semplice. Seguite il libro di preghiere. Quello appartiene alla Chiesa, non a individui che si presentano come "padri spirituali". Leggete le preghiere del mattino e della sera, e costringetevi a farlo giorno dopo giorno.

Se siete di fretta al mattino, potete leggerle mentre andate a lavorare o sostituirle con la Preghiera di Gesù, recitata in segreto e senza alcuna esposizione di nodi di preghiera (che devono essere tenuti in tasca, non vistosamente avvolti intorno ai polsi come decorazione). In alternativa, alzatevi prima!

Le regole di preghiera sono per i monasteri. Seguite la Chiesa. È semplice, non inventate cose che la Chiesa non ha stabilito.

Padre Andrew Phillips

 
 12/03/2014    

VIDEO – Voci laiche e religiose sulla situazione in Ucraina

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Continuano, come prevedibile, le disinformazioni sistematiche sulla situazione dell’Ucraina (chi è stanco di lavaggi mediatici del cervello e ha un’ora a disposizione, può cercare di rimettere a posto i pezzi mancanti con la video-intervista di Salvo Mandarà a Giulietto Chiesa).

Anche sul fronte delle novità ecclesiali, continuano le confusioni con una inquietante enfasi sugli scismatici ucraini, presentati come voce “autentica” dell’Ortodossia del paese, verosimilmente in funzione politica antirussa. Sentiamo invece cosa ha da dire sul tema dello scisma in Ucraina il patriarca Kirill, nel video della predica tenuta domenica 23 febbraio, che riportiamo con la sua trascrizione in russo, in romeno e in italiano nella sezione “Confronti” dei documenti.

 
 12/03/2014    

Eterna memoria a padre Dimitrij Mel’nichuk

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Il sito della parrocchia di santa Caterina riporta la notizia del decesso improvviso dell’arciprete Dimitrij Mel’nichuk dell’eparchia di Chernovtsy. Padre Dimitrij dal 2012 ha servito per un paio di anni in Italia, presso le nostre chiese a Milano e a Crema. Lo abbiamo incontrato a Milano diverse volte in occasione dei congressi e delle assemblee della nostra diocesi, e ci rimane di lui un ricordo di un sacerdote cordiale e buono. Ci associamo alle condoglianze mandate dal nostro arcivescovo al metropolita Onufrij. Che Dio lo riposi insieme con i giusti!

 
 12/03/2014    

www.ortodossia.it: Sito diocesano rinnovato

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

L'arcidiocesi del Patriarcato Ecumenico con sede a Venezia, e chiese in Italia, San Marino e Malta, è stata la prima giurisdizione ortodossa in Italia ad avere un sito internet, già nel 1999. Con lo sviluppo delle tecnologie dei siti, si faceva sentire la necessità di un aggiornamento: la nuova versione è stata inaugurata nell'occasione della Domenica dell'Ortodossia.

Il nuovo sito è ottimo nella sua struttura, di facile navigazione e permette di trovare i dati di tutte le presenze che fanno capo all'arcidiocesi, con liste aggiornate del clero e delle chiese. Il lettore (soprattutto se interessato a mettersi in contatto con la chiesa più vicina) potrà trovarsi disorientato da due scelte metodologiche:

1 - L'ordine della presentazione di clero e chiese segue quello dei vicariati zonali, che per quanto sia chiaro dal punto di vista amministrativo interno, non lo è per un nuovo visitatore. Chi vuole rintracciare un prete di cui conosce solo il nome, o cercare le parrocchie della sua zona, avrà un po' di difficoltà.

2 - Il sito prevede una sezione particolare, "programma funzioni religiose". La sezione per il momento è ancora piuttosto vuota, ma presumibilmente si riempirà presto con il programma di ogni parrocchia. Purtroppo, anche questa sezione è strutturata per vicariati, e per di più gli orari delle funzioni arrivano in diversi formati, sia di grafica sia di editor. Al povero visitatore è invece negato il colpo d'occhio iniziale su quel dato che era presente sulla vecchia versione del sito, e che è fondamentale per chi va in chiesa: sapere se in una data chiesa c'è oppure no la Liturgia alla domenica (o in una particolare domenica o festa). Con un numero di luoghi di culto superiore di oltre un terzo al numero dei preti, mantenere questa informazione immediatamente visibile sarebbe stato di un certo valore.

Il sito rinnovato annuncia la diffusione di contributi interessanti, sotto forma di video, di una newsletter periodica e di altri materiali. Auguriamo a www.ortodossia.it un buon successo nel panorama della rete italiana. Χρόνια Πολλά!

 
 11/03/2014    

Vladimir Burega: gli eventi delle ultime due settimane in Ucraina

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Presentiamo nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti la versione originale russa presa da Pravmir e la traduzione italiana dell’intervista al professor Vladimir Burega, pro-rettore dell’Accademia teologica di Kiev e membro della commissione appena costituita (o, come meglio spiega lui stesso, ricostituita dopo oltre tre anni di inattività) per un dialogo con gli ortodossi non canonici in Ucraina. Dal suo punto di vista di persona indubbiamente informata sui fatti (nell’Ucraina di oggi, un raro privilegio) siamo in grado di ricostruire elementi di valutazione sulla situazione dell’Ortodossia nel paese.

 
 11/03/2014    

Padre Milovan Katanic: L'armatura dell'astinenza

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Il redattore della rivista della Chiesa ortodossa serba in America, il sacerdote Milovan Katanic (nella foto) ricorda all’inizio della Grande Quaresima la distinzione fondamentale (non solo nel campo della pratica del digiuno) tra le due attitudini di base nell’affrontare le difficoltà: “non posso” e “non voglio”. Presentiamo l’articolo di padre Milovan nella sezione “Ortoprassi” dei documenti.

 
 10/03/2014    

Buone e cattive notizie per gli ortodossi antiocheni

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Il patriarcato di Antiochia gioisce della liberazione delle 13 monache del monastero di santa Tecla a Ma'lula, con la loro badessa madre Pelagia (nella foto), rapite da estremisti islamici il 2 dicembre e rilasciate il 9 marzo in Libano dopo estenuanti negoziati.

Al tempo stesso, alla Sinassi dei primati delle Chiese ortodosse appena conclusa alla chiesa di san Giorgio al Fanar, la delegazione del patriarcato di Antiochia si è ritirata dopo il rifiuto dei ogni trattativa da parte del patriarcato di Gerusalemme sulla questione controversa della nuova diocesi del Qatar; pubblichiamo nella sezione "Confronti" dei documenti la dichiarazione del patriarcato di Antiochia su questo tema.

 
 10/03/2014    

Ierodiacono Nikolaj (Ono); un monaco della stirpe dei samurai

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Pochi giorni fa, il portale Pravoslavie.ru ha realizzato un’intervista a padre Nikolaj (Ono), lo ierodiacono giapponese che studia a Mosca, e di cui abbiamo già parlato in una notizia del blog lo scorso 6 febbraio. Presentiamo la sua intervista in russo e in traduzione italiana nella sezione “Figure dell’Ortodossia contemporanea” dei documenti.

 
 09/03/2014    

Novità dalla riunione dei primati ortodossi al Fanar

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 
Nell'attesa che giungano commenti alla recente sinassi dei primati delle Chiese ortodosse autocefale presso la sede del Patriarcato Ecumenico, presentiamo il video dell'intervento preliminare del Patriarca Kirill:

Il punto più importante che ci preme sottolineare è che è stato accettato il principio proposto dalla Chiesa Ortodossa russa, che tutte le decisioni del futuro Grande Concilio siano prese all'unanimità, e non a semplice maggioranza. Questa è una notizia MOLTO rassicurante, perché previene tutti i possibili giochi di pressione per ottenere una maggioranza di voti (con comprensibili conseguenze negative soprattutto per le Chiese più piccole). Invece, non è stata accettata la proposta iniziale della stessa Chiesa russa di permettere la partecipazione al Concilio di tutti vescovi ortodossi. La scelta di ammettere delegazioni di 20 vescovi per ciascuna Chiesa farà sì che il Concilio non sia solo una mera riunione di primati, anche se effettivamente ciascuna Chiesa autocefala disporrà di un solo voto. Non è ancora chiaro come potranno far fronte a questo dettaglio quelle Chiese autocefale (Cipro, Albania, Polonia, Terre Ceche e Slovacchia) che non hanno almeno 20 vescovi nel loro episcopato.

 
 09/03/2014    

Il tempio di Gerusalemme e l'antico culto cristiano

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Presentiamo nella sezione “Confronti” dei documenti un altro breve ma brillante articolo del suddiacono ortodosso italo-americano Gabe Martini, che ci ha già offerto alcuni spunti interessanti di riflessione sul culto eucaristico e sull’iconografia tra i primi cristiani.

In poche parole, Gabe Martini ci sottolinea come il culto del tempio di Gerusalemme trova compimento nel culto cristiano ortodosso, estendendo nel mondo il carattere di “specchio del culto celeste” che non si può più trovare nelle forme di culto (come quelle del protestantesimo o del giudaismo contemporaneo) che hanno ridotto la preghiera pubblica alla sola forma sinagogale.

 
 09/03/2014    

Perché l'arcivescovo di Canterbury non è diventato padre Roman?

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

L’ex primate della Comunione anglicana, Rowan Williams (nella foto), è uno dei tanti personaggi importanti del mondo cristiano occidentale che ha avuto una profonda influenza ortodossa: stando alle sue stesse parole, il suo primo ‘incontro con il Dio vivente’ ebbe luogo durante la sua adolescenza, in una visita in una chiesa ortodossa russa. È lecito chiedersi perché tanti personaggi come il dr. Williams non hanno proseguito questo cammino all’interno della Chiesa ortodossa. Padre Andrew Phillips, in un articolo sul sito Orthodox England, ci aiuta a capire quali sono i dilemmi che si pongono davanti a una persona influenzata dall’Ortodossia e desiderosa di servire la Chiesa in Occidente. Presentiamo l’articolo di considerazioni sull’ipotetico ‘padre Roman Williams’ nella sezione “Confronti” dei documenti.

 
 08/03/2014    

Padre Dimitrij Sidor e i carpato-russi, il popolo discriminato dell’Ucraina “indipendente”

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Proseguiamo il viaggio nell’Ucraina che i nostri media non vogliono farvi conoscere, quella che paradossalmente meriterebbe davvero il nome di U-craina (ovvero Sul-confine) ma non vi si identifica: la Rus’ Subcarpatica (Подкарпатская Русь, Podkarpatskaja Rus’) più nota in Italia (ovvero appena un po’ meno ignota in Italia) con il nome di Rutenia. Questo luogo, che nello stato ucraino corrisponde geograficamente a una regione, ha la sua lingua, la lingua rutena, o russina (русиньскый язык, rusinskyj jazyk), parlata in Ucraina da quasi 600.000 persone (per intenderci, sarebbe come l’intera popolazione di Genova), “cancellate” dalla retorica negazionista ucraina.

Padre Dimitrij Sidor (nella foto) è un leader spirituale della Carpato-Russia. Nato nel 1955, ha studiato fisica all’Università di Uzhgorod, e teologia all’Accademia teologica di Mosca. Dal 1990 è il rettore della cattedrale dell’Esaltazione della Croce a Uzhgorod, chiesa di cui è stato anche l’architetto. Il suo ruolo attivo nella promozione della lingua rutena (versioni dei Vangeli in lingua russina moderna), nei media (gestione del principale sito sul popolo ruteno) e nella vita politica (è il presidente del Parlamento dei russini subcarpatici, Сойм подкарпатских русинов, l’organizzazione delle associazioni rutene) ne fa uno dei più importanti e autorevoli rappresentanti del suo popolo. È anche un fervente sostenitore dell’unità degli ortodossi slavi, soprattutto di quelle che possiamo chiamare le ‘quattro Russie’: la Grande Russia, la Piccola Russia (oggi chiamata Ucraina, o “Frontiera”), la Russia Bianca (Belarus’) e la Carpato-Russia, sotto la guida di un unico patriarca di tutta la Rus’.

Presentiamo nella sezione “Geopolitica ortodossa” dei documenti due contributi di padre Dimitrij: un saggio etnografico (in russo e in traduzione italiana) e un’intervista (in russo e in traduzione italiana), pubblicati rispettivamente nel 2006 e nel 2007 su Pravoslavie.ru, ma quanto mai attuali nell’odierno clima di disinformazione sulla vera situazione dell’Ucraina.

 
index.php?blogsPage=1 index.php?blogsPage=167   <160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181> di 224  index.php?blogsPage=169 index.php?blogsPage=224