Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?blogsPage=167&id=205  Mirrors.php?blogsPage=167&id=602  Mirrors.php?blogsPage=167&id=646  Mirrors.php?blogsPage=167&id=4898  Mirrors.php?blogsPage=167&id=2779 
Mirrors.php?blogsPage=167&id=204  Mirrors.php?blogsPage=167&id=206  Mirrors.php?blogsPage=167&id=207  Mirrors.php?blogsPage=167&id=208  Mirrors.php?blogsPage=167&id=3944 
Mirrors.php?blogsPage=167&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 15 ottobre 2018)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook

La parrocchia ha la cura pastorale dei cristiani ortodossi del Patriarcato di Mosca nella città di Torino e in Piemonte / Valle d'Aosta

Archivio

2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 tutti gli anni

Il Blog del Parroco


 26/11/2013    

Diario dal Kossovo - 25 novembre 2013

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 
Oggi ho avuto per la prima volta l'occasione di vedere il Kossovo in tutta la sua estensione geografica e sociale, dal nord al sud. Cerco di focalizzarmi su quattro punti del mio viaggio:
1 - Gracanica
In confronto alla frenetica, moderna e sfacciatamente ricca vita di Pristina, la nuova capitale, l'enclave serba di Gracanica (pron. Graciànitsa) sembra bloccata nel passato e nei ricordi, con un gioiello di monastero (patrimonio dell'umanità tutelato dall'UNESCO), una sede episcopale un po' forzata (la vera sede del vescovo del Kossovo era a Prizren, nel sud) e un conglomerato di alcune migliaia di abitanti che nel momento del maggiore bisogno non hanno trovato un punto migliore del monastero per agglomerarsi e per difendere la propria identità e i propri diritti. I lavori pubblici sono frutto degli sforzi della diocesi, che qui deve occuparsi anche di far costruire strade, di far funzionare un ospedale, di offrire speranza a decine di famiglie di profughi che hanno perso tutto e vivono in container... ci sarebbe molto da dire, troppo per una visita tanto breve.
Voglio ricordare un momento curioso della visita all'antica chiesa... tra i cartelli di vari divieti (di abbigliamento scollato, etc.), che capita di vedere in molte chiese, ne spicca uno di divieto di ingresso con armi da fuoco. Chissà come reagirebbero, in Italia, a un simile divieto in evidenza di fronte a una chiesa).
2 - Gazimestan
Anche la torre-ricordo della battaglia di Kosovo Polje fa parte degli edifici vandalizzati nei pogrom del 2004. Qui neppure quattro mura del genere sono indenni dalla furia distruttiva. Mentre guardo l'antica zona della battaglia dalla cima della torre, mi chiedo quanto tempo dovrà ancora passare per vedere la pace dopo secoli di lotta impari, che hanno visto i cristiani sempre in minoranza, sempre costretti a battaglie già perse, sempre disposti a sacrificarsi volontariamente. Anche quando tutto sembra far sperare per il meglio... nelle foto della celebrazione del 1989, si vede un impressionante milione di persone radunato attorno alla torre di Gazimestan (il "luogo degli eroi"). Dove sarà ora, quel milione di persone? Che cosa starà pensando? Mentre osservo e rifletto, turbini di vento portano i primi fiocchi di neve di questa stagione invernale. Speriamo che la neve, che qui cade abbondante, non porti isolamento e disperazione a tanti tra i più poveri e diseredati, privati di un futuro dignitoso da giochi di potere molto più grandi di loro.
3 - Kosovska Mitrovica
Molto più che nelle enclavi nel resto del paese, la situazione del nord del Kossovo riflette i paradossi, i vicoli ciechi dell'umanità e del buon senso che hanno martoriato questa terra. Mitrovica (pron. Mìtrovitsa), come perfetto esempio di "città divisa in se stessa", vede contrapposte, sulle rive del fiume Ibar, la parte sud albanese e musulmana (con l'antico cimitero cristiano ortodosso), e la parte nord serba e cristiana ortodossa (con l'antico cimitero musulmano). La stupidità sembra equamente divisa su entrambe le rive, con bande giovanili che si affrontano quotidianamente a insulti e sassate (e raccontano tutto un mondo di mancanza di visione del futuro da parte dei giovani locali), ma le attitudini generali di rispetto non sono le stesse: il cimitero cristiano al sud subisce profanazioni su base praticamente quotidiana, esaurendo la pazienza dei carabinieri italiani che devono presidiarlo; il cimitero musulmano al nord non ha mai avuto danni.
Si potrebbe aggiungere molto sulla situazione di Mitrovica, e sull'inadeguatezza generale di ogni tentativo di soluzione. Passeggio sul "ponte della discordia", con le sue barricate di sassi e terra erette per bloccare i blindati, le sue postazioni di cecchini da entrambe le parti, il suo posto di guardia di carabinieri stanchi, che ormai intervengono solo nei casi di estrema tensione. Come prevedibile, vengo salutato da una parte e guardato con disprezzo dall'altra: chissà cosa direbbero se sapessero che non faccio parte di nessuno dei due schieramenti, ma ironicamente sono proprio un connazionale di quei carabinieri nel mezzo... o forse chi deve saperlo lo sa, e non spreca tempo e parole con uno straniero che non cambierà nulla della loro situazione. Penso a Belfast, a Gerusalemme, a Nicosia, a tante città divise in due: piuttosto che "uno spaccato di una società", qui vedo "una società spaccata". Non sono tanto cretino da pretendere di avere una soluzione in tasca, ma neppure tanto insensibile da dire che non mi compete fare qualcosa. Le impressioni di questa visita - e la ricerca di un'uscita da questo caos - mi accompagneranno a lungo.
4 - Prizren
Sono atteso per il vespro e per la cena al seminario di Prizren, dove padre Andrej, il monaco di Decani che da anni è noto in tutte le chiese ortodosse in Italia, ha assunto per il terzo anno il ruolo di pro-rettore del seminario recentemente restaurato e rinato a nuova vita. Domani mi riprometto di parlare più diffusamente dei miracoli che hanno circondato questa rinascita, e spero di iniziare la giornata con la Liturgia del giorno di festa di san Giovanni Crisostomo: in una concelebrazione tra preti del Kossovo, di Cipro e dell'Italia dovrei essere l'unico che non proviene da una terra divisa a metà... a tutti buona festa del santo più di tutti legato alla Divina Liturgia, e restate in ascolto!
 
 26/11/2013    

L'Ortodossia in Costa Rica

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Continuiamo il nostro viaggio alla scoperta dell'Ortodossia in tutti i paesi del mondo: presentiamo nella sezione "Pastorale" dei documenti un'intervista fatta da Miguel Palacio, collaboratore del metropolita Ilarion (Alfeev) al Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca, al fondatore della prima chiesa ortodossa in Costa Rica, Nicholas Zacharov. L'intervista, oltre che a presentare dati interessanti sullo sviluppo relativamente tardivo della Chiesa ortodossa in Costa Rica, racconta dati preziosi sulla storia dei profughi russi nel mondo, e sul loro attaccamento alla Chiesa.

 
 25/11/2013    

Diario dal Kossovo – 24 novembre 2013

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

È terminata la celebrazione della festa del santo re Stefano di Decani, che è anche la Slava del monastero. Il patriarca Irinej è da poco partito assieme al vescovo Teodosije, con un vero commiato di un padre dai suoi figli, lasciando la solita quantità di ricordi che ci vorrà tempo per incasellare nella nostra memoria.

Ricorderemo a lungo nella nostra parrocchia una Liturgia patriarcale nella quale il parroco ha avuto l’onore di essere il secondo prete concelebrante, come si può vedere nella seguente foto, appena caricata sulla pagina Facebook del seminario teologico di Prizren:

Il nuovo konak (edificio monastico) è stato ufficialmente inaugurato, e il regno di Norvegia, che ne ha finanziato la costruzione, ha avuto le massime onorificenze di gratitudine da parte della Chiesa ortodossa serba.

Il nuovo konak (dalla pagina di news dell'Associazione Amici di Decani)

Mi accompagnano le molte impressioni raccolte (almeno per il giorno della festa, tutte positive!) tra i rappresentanti del corpo diplomatico, i militari, i pellegrini (di cui un gruppo dall’Italia) e gli amici del monastero. Spero di riuscire a raccogliere nel corso dei giorni che verranno alcune di queste testimonianze (è in preparazione un filmato in cui sono stati inclusi anche alcuni secondi di una mia intervista personale) e di metterle a vostra disposizione: restate in ascolto…

 
 25/11/2013    

Che cosa significa questo gesto della mano nelle icone?

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Spesso ci troviamo di fronte a icone - soprattutto di Gesù Cristo - in cui si raffigura un particolare gesto con le mani. Per capirne il significato simbolico e le probabili origini, immergiamoci nella lettura di un articolo di spiegazione che presentiamo nella sezione "Testimoni dell'Ortodossia" (di fatto, il gesto è una testimonianza di fede cristiana ortodossa) dei documenti.

 
 24/11/2013    

Diario dal Kossovo – 23 novembre 2013

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Il resoconto di oggi da Decani deve essere più breve, perché resta poco tempo prima della Veglia della festa patronale. Gli ospiti importanti stanno iniziando ad arrivare; da poco è giunto sua Santità il Patriarca Irinej, che dopo la dossologia di benvenuto nella chiesa sta visitando il nuovo konak (edificio di abitazione dei monaci), offerto in parte grazie a una generosa donazione del governo norvegese, ma frutto degli sforzi di tutti. C’è ancora un embargo sulle immagini dei nuovi quartieri monastici, che dovrebbe durare fino alla loro benedizione da parte del patriarca e all’inaugurazione ufficiale, ma credo di poter già condividere alcune delle impressioni della visita che mi hanno concesso di fare ieri ai locali. In parte la nuova costruzione monastica riesce a offrire un poco d’isolamento all’interno del complesso di Decani, ormai visitato da sempre più persone: tutto, in questo “monastero all’interno del monastero”, parla di serietà e di mentalità monastica autentica: costruzioni sobrie ma solide, fatte per durare, realizzate con cura ma senza sprecare nulla, nella consapevolezza che tutti quelli che hanno donato qualcosa per il monastero lo hanno fatto a grande costo personale. I nuovi quartieri danno anche testimonianza della devozione espressa dalla comunità, che per oltre due decenni ha dovuto vivere piuttosto allo stretto.

Le notizie non si fermano, purtroppo, al momento di gioia della festa: questa mattina ho avuto la prima occasione di fare una visita - che mi era stata impossibile dieci anni fa - alle poche enclave serbe ancora rimaste in Metohija. Le sensazioni sono troppo complesse per essere descritte in breve: in particolare, le continue notizie di violazioni di diritti umani (che farebbero inorridire chiunque in Italia) meriteranno qualche ulteriore approfondimento. Per ora, affidiamo al santo re Stefano (che da sovrano secolare era molto sensibile al grido di dolore del suo popolo) le speranze che ancora portiamo nel cuore.

PS. Un ringraziamento a tutti i lettori del sito, che da questa mattina ci hanno fatto superare il numero di 50.000 visite totali! Da parte nostra, continuiamo a darci da fare per offrire a tutti un servizio utile e di qualità.

 
 24/11/2013    

Ancora sul rapporto tra confessione e comunione

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Lo ieromonaco Petru (Pruteanu) ci accompagna in un'altra serie di considerazioni sul tema - che abbiamo già trattato in alcune occasioni, anche in saggi tradotti dal suo blog - della frequenza della comunione eucaristica e del rapporto tra confessione e comunione. Padre Petru ci avvisa di fare attenzione alle facili generalizzazioni (tanto più quelle che vorrebbero dividere artificialmente gli ortodossi fra "tradizionalisti" e "liberali"), e analizza quattro di versi tipi di approccio pastorale, delineando quello che a suo avviso è il più indicato. Riportiamo il testo romeno e la traduzione italiana del saggio di padre Petru nella sezione "Ortoprassi" dei documenti.

 
 24/11/2013    

L'Ucraina sceglie la libertà

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Presentiamo nella sezione "Geopolitica ortodossa" dei documenti un commento dell'arciprete Andrew Phillips sulla recente decisione dell'Ucraina di fermare il processo del suo inglobamento nella Comunità Europea. Le considerazioni di padre Andrew, benché note nel cuore della cosiddetta "ortosfera", sono probabilmente ignorate (quando non deliberatamente travisate) dai media dell'Europa occidentale: vale la pena di riflettere sul perché un paese gande e popoloso all'incirca quanto l'Italia non ha alcun interesse di entrare a condividere la nostra condizione.

 
 23/11/2013    

Diario dal Kossovo – 22 novembre 2013

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Di ritorno in Kossovo e al monastero di Decani dopo dieci anni, ho molto lavoro da fare per metabolizzare i cambiamenti di questa terra, con la quale mi sono tenuto peraltro in stretto contatto in tutto questo periodo. Il monastero sfida il passaggio dei tempi e dei regimi politici ed economici, continuando a essere un faro d’ispirazione spirituale; il santo re Stefano continua a proteggere il suo popolo, e sotto molti aspetti il monastero è ancora quello che ho visto per la prima volta, arrivando sotto scorta militare una notte di fine novembre di dieci anni fa.

Non immaginavo, invece, di vedere un altro aspetto sostanzialmente immutato: la precarietà.

C’è una preoccupante mancanza di visione per quanto riguarda il futuro dei cristiani ortodossi marginalizzati e sofferenti. Questa mancanza di visione è ben visibile nel risultato delle recenti elezioni. I serbi del Kossovo hanno appena perso la possibilità di esprimere candidati propri a livello amministrativo locale (l’unico campo in cui la loro voce può contare qualcosa in questo paese), suddivisi tra l’oltranzismo nazionalista dei boicottaggi (e della deplorevole demonizzazione di quanti hanno voluto comunque esprimere un voto), e la polverizzazione dei voti validi tra diversi candidati in concorrenza tra loro. Non ho potuto far altro che annuire (amaramente) quando mi è stato detto che la sopravvivenza dell’Ortodossia serba in Kossovo, in queste circostanze autolesioniste, è la più evidente prova dell’esistenza di Dio.

Ora fervono i preparativi per la celebrazione della festa patronale del monastero, con l’attesa di ospiti davvero importanti. Restate in ascolto… intanto, ecco alcune foto dalla recente Liturgia della festa dei santi Arcangeli al monastero:

 
 23/11/2013    

Le icone non si "scrivono"

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Anche in lingua italiana, come in inglese, si legge talvolta la terminologia "scrittura di icone" per tradurre il greco "iconografia". Questa terminologia strana e convoluta ha fatto nascere teorie altrettanto strane sul fatto che le icone "non si dipingono, ma si scrivono". Cerchiamo di fare chiarezza in questo equivoco esclusivamente linguistico con un articolo tratto dal sito Orthodox History, che presentiamo in traduzione italiana nella sezione "Ortoprassi" dei documenti.

 
 22/11/2013    

Il sito cambia prospettiva per alcuni giorni

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Da domani, per circa una settimana, gli aggiornamenti del sito saranno fatti non da Torino, bensì dal Kossovo, dove una nostra visita era da lungo tempo attesa. Da una parte potrebbero esserci alcuni ritardi nelle novità quotidiane, e ce ne scusiamo in anticipo con i nostri lettori; d’altra parte speriamo che le novità possano acquistare ulteriore profondità con un apporto da parte della prospettiva della Chiesa ortodossa serba.

 
 22/11/2013    

Celebrazione nelle Filippine sulle orme di san Giovanni il Taumaturgo

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

In questi giorni in cui le Filippine sono al centro dell’attenzione del mondo intero, ricordiamo anche le presenze - vecchie e nuove - di cristiani ortodossi nell’arcipelago. Da oltre due mesi è apparso in rete il resoconto, con un album fotografico, del recente viaggio nelle Filippine dell’arciprete Seraphim Bell (un prete americano della ROCOR, oggi missionario in Nepal). Il racconto parla della celebrazione di una Divina Liturgia sull'isola di Tubabao (all’estremità sud-orientale di Samar, sul golfo di Leyte), dove dopo la seconda guerra mondiale vissero per alcuni anni 5.000 profughi russi, tra i quali san Giovanni Maksimovich. Presentiamo nella sezione “Pastorale” dei documenti la traduzione italiana del racconto di padre Seraphim, che ci aiuta a vedere gli eventi del passato e del presente nell’ottica del disegno provvidenziale dell’evangelizzazione ortodossa nel mondo.

 
 21/11/2013    

40° anniversario della parrocchia del Patriarcato di Mosca a Bologna

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

http://www.stcaterina.org/ru/news/full.php?nid=758

Il 17 novembre a Bologna, l'arcivescovo Mark di Egor'evsk ha presieduto alla celebrazione del 40° anniversario della parrocchia di san Basilio il Grande. La comunità della Chiesa ortodossa russa nella capitale della regione Emilia-Romagna - una delle più grandi in Italia - è stata fondata con gli sforzi dell'archimandrita Marco (Davitti) e riunisce credenti ortodossi di diverse nazionalità sotto l'omoforio del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus'.

Alla liturgia festiva hanno concelebrato con l'arcivescovo Mark gli archimandriti Antoniy (Sevryuk) e Dimitri (Fantini), il rettore della parrocchia padre Serafino (Valeriani), il rettore della parrocchia moldava di Bologna padre Trifon Bulat e altri sacerdoti in pellegrinaggio. All'inizio della funzione nella chiesa è stato portato dalla cattedrale il reliquiario dei primi martiri di Bologna, patroni della città - i santi Vitale e Agricola.

Prima dell'inizio della Liturgia Vladyka ha tonsurato lettori due parrocchiani a Bologna - Andrea Della Lena Guidiccioni e Aleksandr Gusljakov. Al Piccolo Ingresso, in considerazione della sua assidua fatica pastorale, al chierico della parrocchia, il sacerdote Sergij Averin, è stato assegnato il diritto di indossare la kamilavka. Dopo il Grande Ingresso, l'arcivescovo Mark ha ordinato al sacerdozio il chierico della parrocchia dei santi Sergio, Serafino e Vincenzo a Milano, lo ierodiacono Siluan (Yaroslavtsev). Durante la funzione è stata celebrata la preghiera funebre per il sempre memorabile archimandrita Marco (Davitti).

Al termine della Liturgia è stata celebrata la venerazione dell'arca con le sacre reliquie, dopo di che Vladyka si è congratulato il clero e i parrocchiani per la festa. In ricordo di preghiera l'arcivescovo ha donato alla parrocchia un'icona dei santi martiri imperiali. Vladyka ha inoltre accolto con favore alla funzione il rettore della cattedrale cattolica di Bologna, ringraziando il sacerdote per aver portato le reliquie dei santi martiri di Bologna per la venerazione dei fedeli ortodossi.

L'incontro dell'arcivescovo con il clero e i parrocchiani è continuato al pasto festivo.

 
 21/11/2013    

Visita pastorale a Puerto Rico

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

http://eadiocese.org/News/2013/nov/puertorico.en.htm

http://eadiocese.org/News/2013/nov/pr2.en.htm

Il Metropolita Hilarion (Kapral), primo ierarca della Chiesa russa all'estero, ha compiuto una visita pastorale a Puerto Rico dall'8 al 13 novembre 2013. La meta principale della visita sono state le celebrazioni dei servizi divini nella comunità ortodossa di san Giovanni Climaco, temporaneamente ospitata nei locali messi a disposizione da padre Gregorio Justiniano presso la sua hacienda. La visita ha incluso anche incontri con le autorità e la popolazione della città di San German, e un'intervista alla radio locale.

La Divina Liturgia di domenica 10 novembre è stata servita principalmente in spagnolo, e molti dei fedeli locali sono stati particolarmente commossi dagli sforzi di sua Eminenza di pregare nella loro lingua. "Per me è stata una cosa molto importante ascoltare il metropolita servire nella mia lingua", dice il diacono Isidoro Valle, appena ordinato; "ho parlato con alcuni dei partecipanti alla funzione che non erano ortodossi, ed erano molto impressionati: 'è venuto a parlarci nella nostra lingua', li sentivi dire".

Il metropolita ha anche preso parte a una fiesta locale, organizzata presso i locali della comunità nella speranza di familiarizzare la popolazione con la fede ortodossa, e con l'uso di elementi di cultura locale: cibo, musica, lingua, arte, e così via.

"Abbiamo voluto mostrare alla gente della comunità locale che la nostra Chiesa è una Chiesa di libertà", ha detto padre Gregorio. "Possiamo condividere musica, arte e cucina senza alcun peccato. Le denominazioni protestanti a Puerto Rico insegnano alla gente che bere un bicchiere di vino o ascoltare musica secolare è un peccato. Una delle cose più belle dell'Ortodossia è che crediamo nella libertà che ci è stata data da Dio. La fede ortodossa non guarda con disprezzo alla cultura locale, ma la abbraccia".

 
 20/11/2013    

Assemblea generale del clero delle parrocchie del Patriarcato di Mosca in Italia

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

http://www.stcaterina.org/ru/news/full.php?nid=755

Sabato 16 novembre, a Milano, sotto la presidenza dell'arcivescovo Mark di Egor'evsk si è tenuta un'assemblea generale del clero che serve nelle parrocchie del Patriarcato di Mosca in Italia.

L'incontro si è aperto con la preghiera, "Re celeste", e quindi l'amministratore delle parrocchie si è rivolto ai partecipanti all'incontro con un discorso di apertura. Vladyka ha dato alcune statistiche sulle comunità della Chiesa ortodossa russa in Italia, annunciando i più importanti eventi del periodo dopo l'ultima riunione. L'arcipastore ha anche parlato del suo incontro, nel settembre di quest'anno, con il clero moldavo che serve nel paese.

Nel suo intervento, l'arcivescovo Mark ha toccato una serie di questioni pratiche. In particolare, è stato preparato un modello di un certificato per i chierici dell'Amministrazione delle parrocchie del Patriarcato di Mosca in Italia. Il certificato in russo e italiano, con una fotografia del chierico e la firma del vescovo ordinario, timbrato, servirà come documento principale per identificare un sacerdote appartenente alla struttura canonica della Chiesa ortodossa russa nella Repubblica italiana.

Vladyka ha anche annunciato l'imminente lancio della versione pilota del sito dell'Amministrazione. La rappresentanza delle parrocchie in Italia su internet conterrà informazioni di carattere generale sull'amministrazione, la gestione e le attività quotidiane, una banca dati regolarmente aggiornata delle parrocchie, e racconterà la vita delle comunità. Per decisione dell'assemblea è stato nominato responsabile del funzionamento del sito l'arciprete Alexey Yastrebov. La versione in lingua italiana sarà supervisionata dall'igumeno Ambrogio (Cassinasco) e dallo ieromonaco Teofilo (Barbieri), quella moldava dall'arciprete Sergiu Popescu e dall'arciprete Ioann Grebanosu. Responsabile per il dipartimento "Pellegrinaggi" è stato nominato l'igumeno Alexey (Nikonorov). La gestione complessiva del sito sarà effettuata dalla segreteria dell'Amministrazione .

I partecipanti alla riunione hanno anche ascoltato le relazioni dei respondabili per l'opera sociale e la catechesi, e hanno poi discusso varie questioni pratiche. In particolare, si è deciso di sviluppare un formulario comune dei certificati di battesimo e di matrimonio in russo, italiano e moldavo, e preparare opuscoli che raccontano questi sacramenti.

L'incontro, che è durato più di tre ore, si è concluso con una lista di istruzioni e con il canto della preghiera "Dostojno est'".

Nella stessa serata, l'arcivescovo Mark è arrivato a Bologna, dove ha officiato il Grande Vespro presso la parrocchia di san Basilio il Grande.

 
 20/11/2013    

Un punto di vista di un nuovo ortodosso sulla "Sola Scriptura"

  Pubblicato : Padre Ambrogio / Vedi >  Apri la notizia del blog
 

Il 14 ottobre 2013 un blogger americano, Ryan Adams, ha annunciato il suo ingresso nella Chiesa ortodossa.

Il portale Pravoslavie.ru ha scelto tra i temi del suo blog un articolo che riflette il suo cammino verso l'Ortodossia: la reazione al principio protestante del basarsi sulla sola Bibbia come criterio di fede (un principio che isola le Sacre Scritture dal contesto di quella stessa Chiesa apostolica che le ha prodotte). Abbiamo già presentato sul nostro sito una lunga analisi del fenomeno della Sola Scrittura, del nostro confratello padre John Whiteford. Aggiungiamo anche, nella sezione "Confronti" dei documenti, la nostra traduzione italiana del saggio di Ryan Adams.

 
index.php?blogsPage=1 index.php?blogsPage=166   <160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181> di 209  index.php?blogsPage=168 index.php?blogsPage=209