Rubrica

 

Informații despre parohia în alte limbi

Mirrors.php?locale=ro&cat_id=31&id=205  Mirrors.php?locale=ro&cat_id=31&id=602  Mirrors.php?locale=ro&cat_id=31&id=646  Mirrors.php?locale=ro&cat_id=31&id=4898  Mirrors.php?locale=ro&cat_id=31&id=2779 
Mirrors.php?locale=ro&cat_id=31&id=204  Mirrors.php?locale=ro&cat_id=31&id=206  Mirrors.php?locale=ro&cat_id=31&id=207  Mirrors.php?locale=ro&cat_id=31&id=208  Mirrors.php?locale=ro&cat_id=31&id=3944 
Mirrors.php?locale=ro&cat_id=31&id=647         
 

Calendar Ortodox

   

Școala duminicală din parohia

   

Căutare

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 7 maggio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  Naşii de botez şi rolul lor în viaţa finului  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  Pregătirea pentru Taina Cununiei în Biserica Ortodoxă  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  Pregătirea pentru Taina Sfîntului Botez în Biserica Ortodoxă
 
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Pagina principală  >  Documente  >  Sezione 7
  Nello spazio alla gloria di Dio

Intervista all'igumeno Iov (Talats), padre spirituale del distaccamento dei cosmonauti

Marina Lev, Pravoslavie.ru, 12 aprile 2013

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Răspândește:

Che cosa hanno in comune gli astronauti e i monaci? Hanno la benedizione per uno studio dell'universo? Come comportarsi con le "prove" di contatti con alieni? Perché un monaco ha bisogno di sottoporsi a una "preparazione ai viaggi nel cosmo"? Come pregano i "monaci" delle stazioni spaziali? Queste e altre domande sono state fatte dalla corrispondente del portale Pravoslavie.Ru all’igumeno Iov (Talats), rettore della Chiesa della Trasfigurazione a Zvezdnij Gorodok ("Borgo delle stelle"), che per tradizione stabilita fa gli auguri ai cosmonauti prima del loro volo nello spazio.

Padre Iov in assenza di gravità

Padre Iov, prima di iniziare la nostra discussione, vorrei ringraziarla per aver dedicato del tempo per incontrare - perché siamo alla vigilia del Giorno dei cosmonauti, che è diventato per lei quasi una festa professionale, più importante di molte occasioni di festa.

Sì, cerco sempre di partecipare attivamente alle attività legate allo spazio. E quest'anno, è successo che poco prima della festa è andata in orbita una nuova missione spaziale - l'equipaggio della "Soyuz TMA-08M": Pavel Vinogradov, Alexander Misurkin e Christopher Cassidy. E la spedizione precedente è rientrata con successo.

Accompagna i cosmonauti nel loro viaggio?

- Sì; di solito, prima di essere inviati al cosmodromo di Bajkonur, arrivano alla Lavra della Trinità e di san Sergio, inizialmente si accostano alle reliquie di San Sergio, poi serviamo un Moleben nella chiesa di san Nikon, li aspergo di acqua santa e dono a ciascuno per il viaggio un dittico di icone con la Madre di Dio e il Salvatore, così come un piccolo vangelo.

Se non chiedono di confessarsi e comunicarsi poco prima del volo, io resto alla Lavra della Trinità e di san Sergio e prego che i ragazzi abbiano successo alla stazione spaziale. Ma se lo richiedono, vado con loro circa cinque giorni prima del lancio da Bajkonur. Là non è consentito a nessuno di stare vicino a loro - sono in regime di osservazione, tanto che devo dare loro la comunione tre giorni prima della partenza. Ma a volte mi faccio vedere sulla scala del veicolo spaziale. Con la croce.

Si sa che i cosmonauti da tempo hanno periodicamente visitato la Lavra della Trinità e di san Sergio, anche Jurij Gagarin è stato qui, però dopo il volo. Probabilmente hanno avuto contatti con qualcuno dei monaci del monastero. Come è accaduto che proprio lei sia diventato padre spirituale del distaccamento dei cosmonauti?

Per caso. Anche se... la Scrittura dice che tutti i capelli del nostro capo sono contati e non vi è nulla di casuale. L’anziano Varsonofij di Optina ha detto che se la gente guardasse con attenzione la propria vita passata e presente, allora potremmo prevedere il futuro. Il caso non esiste. Non c’è mai stato e non ci potrà mai essere. Per rispondere alla sua domanda, dico: naturalmente, per la Provvidenza di Dio. Non perché io sia tanto buono o intelligente. Ma così ha giudicato Dio. È la mia croce, che devo portare. Ma quanto a come sono andate le cose... Ho un amico. Un caro amico, con il quale siamo stati tonsurati assieme - il vescovo Zosima di Jakutsk. Una volta eravamo seduti in monastero, e mi ha chiesto se ero stato a Zvezdnij Gorodok. Ho risposto, "Certo che no. Come ci potrei arrivare!" E devo dire che sono interessato allo spazio fin dall'infanzia. Anche nella vita da monaco non ho abbandonato la mia passione: in cella ho un telescopio e mappe del cielo stellato. I fratelli erano al corrente della mia ricerca... Quindi, il vescovo Zosima mi ha detto felice che in mezz'ora sarebbe arrivato al monastero il suo amico - Valentin Vasil’evich Petrov, docente dell’Accademia J. A. Gagarin, e che mi avrebbe potuto condurre in visita a Zvezdnij Gorodok. Così 11 anni fa sono andato a Zvezdnij in gita turistica. Mi hanno portato in giro, mi hanno mostrato i simulatori e mi hanno permesso di salire dappertutto, di toccare tutto, di provare tutto. Sono stato felice, ma ho pensato che la storia fosse finita. E poi, dopo una settimana e mezzo o due, è venuto a trovarmi da Zvezdnij il cosmonauta Jurij Lonchakov. Prima da solo, poi con la moglie, e poi portando il distaccamento dei cosmonauti, e poi mi ha presentato al capo del Centro per la Preparazione dei Cosmonauti (allora il capo del CPC era Vasilij Vasil’evich Tsibliev).

Benedizione del cosmonauta Roman Romanenko per un volo. Icona di San Nettario di Egina - un dono della badessa del monastero di san Nettario - che Roman ha portato con sé in orbita. In piedi: il sacrestano Aleksandr, R. Romanenko, p. Iov, il cosmonauta Valerij Korzun con lo sticario.

I cosmonauti hanno iniziato a venire più spesso alla Lavra. Abbiamo parlato. A volte, le conversazioni duravano otto ore. Con Vasilij Vasil'evich Tsibliev, Jurij Valentinovich Lonchakov, Fedor Yurchikhin, Yuri Gidzenko. Con molti. Il giorno dopo, appena svegli - ancora una volta otto ore di conversazione. In un primo momento, tanto discutevamo di questioni spirituali.

A poco a poco, è venuta l'idea che i cosmonauti che si preparano a lavorare in orbita - quelli che lo desiderano - venissero alla Lavra: a pregare per il loro cammino, a ricevere la benedizione. Ma da chi? Dallo stesso Abba Sergio - l’igumeno della terra russa. E in tutto questo tempo, solo uno dei nostri cosmonauti si è rifiutato. E poi - sono arrivati ​​gli americani, e gli astronauti europei, e anche giapponesi e coreani. C’è stato un caso: è arrivata la prima donna cosmonauta coreana. Ho pensato che fosse buddista, e quando i ragazzi hanno ricevuto la benedizione, con tatto l’ho mandata a fare un’escursione. Ma poi mi si è avvicinata, ha tirato fuori una croce, me l’ha mostrata: "Io sono cristiana, batjushka. Mi benedica! "

Quindi, a partire dal 2007, ho cominciato ad accompagnare tutti gli equipaggi che hanno volato nello spazio.

Ha detto che è stato interessato dallo spazio fin dall'infanzia, e, a quanto pare, non era una fugace passione da bambino, come quando un ragazzo sogna avventure eroiche, e si immagina oggi cosmonauta e domani vigile del fuoco.

Sì, anche prima di prendere la decisione di diventare monaco, ho pensato molto sul serio di entrare nel distaccamento dei cosmonauti. All’inizio avevo progettato di completare l’accademia militare di Kachin, e quindi di fare la domanda di ammissione al distaccamento.

Da cosa veniva questo sogno - di andare in volo spaziale?

Non posso dire. Non perché sia un segreto. È un mistero di Dio. Ecco, pensate: già a tre anni ero entusiasta dei missili! A scuola costruivo modellini di razzi di tutti i tipi, di cartone, che si alzavano per un metro e mezzo o due ed esplodevano. Non volavano. Mi ricordo che potevo trascorrere ore seduto sul balcone a guardare il cielo notturno. Ma ora, guardando indietro, mi rendo conto che, senza capirlo fino alla fine, ho sempre voluto cercare Dio. Quando il tempo era buono, non c'era la luna, e la Via Lattea era chiaramente visibile, guardavo - e già sentivo con il respiro: "Signore!" Quando vedevo il numero delle stelle, mi rendevo conto che non era così per caso - qualcuno le aveva disposte. E poi, quando mi è stato insegnato a pregare (ero ancora un bambino, mia nonna ha insegnato le preghiere, e probabilmente già a 5 anni conoscevo le preghiere della Madre di Dio, e il "Padre nostro"), ho letto le preghiere della notte, guardando l’estensione del cielo stellato. L'ammirazione per questo universo è stata sempre molto profonda dentro di me, e l’interesse per la scienza non ha mai contraddetto la mia fede. Non mi sono mai stancato di studiare il cielo stellato sopra le nostre teste, meravigliandomi come di tutto è sapientemente disposto dal Signore dell'universo. Ho potuto dire solo una cosa: "Signore, come hai creato tutta questa saggezza! Signore, quanto è bello tutto! Signore, e tu chi sei, se hai creato un mondo tanto bello, chi sei, allora, tu? "

Quand’è stato il punto di svolta? Quand’è che il futuro cadetto della scuola di volo ha deciso di diventare un seminarista?

Quando ho letto il Vangelo per intero. Lentamente. A un tratto tutto è caduto al proprio posto. La prima volta ho letto il Vangelo durante il servizio militare... Ma quando sono tornato dall'esercito, l'ho letto lentamente. Prima di allora, mi facevo tutti i tipi di domande: perché le cose vanno così, e non diversamente? E chi sono io? Perché sono qui? E perché sono vivo? …Quando ho letto il Vangelo, tutti i problemi sono scomparsi. In generale. Non ho capito molte cose nelle sacre Scritture, ma ho provato un tale stato da poter ripetere le parole degli apostoli Cleopa e Luca... Ricordate, dopo che hanno fatto parte della strada verso Emmaus, fianco a fianco con il Signore, hanno detto: "Non ci ardeva forse il cuore quando ha parlato con noi? "

L’igumeno Iov nel cielo a testa in giù durante un’acrobazia "a vite" su un aeroplano L-39

Così, quando ho letto i Vangeli, mi ardeva il cuore... Provavo una tale gioia! Sapevo che era la verità. Tutta la verità è nel Vangelo, tutta. E il problema era risolto, dovevo cercare un altro cielo. Il cielo che siamo in grado di vedere attraverso un telescopio è interessante, e contemplandolo possiamo essere felici e più vicini a Dio. Ma questo era un viaggio più lungo. E più diretto - puntava direttamente verso il cielo supremo!

Circa cinque anni fa, ero seduto nel monastero della Trinità e di san Sergio, di cui sono monaco, insieme con i cosmonauti Jurij Lonchakov e Valerij Aleksandrovich Korzun. Era venuto a farci visita un famoso teologo greco - vladyka Hierotheos (Vlachos), che ha scritto un libro sulla preghiera di Gesù. Ha detto che i cosmonauti e i monaci hanno molto in comune - i cosmonauti, così come i monaci, tendono al cielo: tutte le forze, tutta l'energia della mente, del cuore, dell’anima, del corpo - tutto è diretto verso di lui. Solo che i cosmonauti sono attratti dal secondo cielo, e i monaci direttamente dal terzo. Ma il compito del cosmonauta, che si avvicina al secondo cielo, è di spingere il cuore ulteriormente - verso il terzo.

Ci spiega che cosa sono il secondo e il terzo cielo?

Sappiamo dalla tradizione della Chiesa che Dio ha creato tre cieli. Il primo è l'atmosfera visibile. Il secondo è il firmamento celeste: è lo spazio, che vediamo quando guardiamo il cielo stellato, e dove vediamo le stelle, le galassie, i pulsar, i quasar. L'intero universo è per noi il secondo cielo. È piuttosto esteso. Ora il telescopio "Hubble" cattura i confini dell'universo visibile, e il punto più estremo è ad una distanza di 14 miliardi di anni luce. Immaginate: la luce arriva a 300 mila chilometri al secondo, a da lì ci vogliono 14 miliardi di anni - pensate che distanza inimmaginabile! Il nostro sistema solare non è nemmeno un grano di polvere in confronto con l'universo.

E il terzo cielo è il mondo supremo.

E dove si estende?

Il mondo supremo è un mondo diverso! Non c'è spazio o tempo. Dal momento che viviamo in un mondo materiale, possiamo indicare, destra-sinistra, ma là è tutto il resto! Là non volano le astronavi! Ci si può salire solo con un cuore puro. Si dice: "Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio" Nel mondo supremo può salire qualsiasi persona, non deve essere un cosmonauta. È accessibile alla nonna semplice e al professore. All’istruito e all’incolto. La principale condizione è adempiere i comandamenti di Dio, purificare il proprio cuore. In questo modo ci avviciniamo al nostro Cristo. E poi ci si apre il mondo supremo - un altro universo. Sul fatto che Dio ha creato due universi, ci sono testimonianze. La Scrittura dice: "In principio Dio creò il cielo e la terra." Il beato Agostino e molti altri Padri ha scritto che il cielo di cui parla questa parte della Scrittura, non è solo il cielo materiale - è il mondo spirituale, l'universo spirituale. È stato scritto in ebraico antico, ma noi usiamo meno parole. Per noi "cielo" è sia quello che si vede sopra le nostre teste, sia il cielo di Dio, ma nella Scrittura "cielo" significa il mondo supremo, quello spirituale, in cui sono stati creati gli angeli, dove è il Signore, dove non c'è corruzione. E la terra, creata da Dio, non è solo il nostro pianeta - la nostra sfera, è il mondo materiale, l'universo materiale: la Terra, il Sole, la galassia M-31, la galassia M-81, la galassia IC 1101, ecc, ecc.

Ma già quando si descrive il secondo giorno della creazione, e il discorso passa sulla Terra, tutto si restringe al nostro sistema solare e, infine, - alla nostra sfera. Ha capito? E ancora - tutto ciò che è attorno alla parola "terra". Le parole in lingua russa non sono sufficienti per descrivere le differenze...

Batjushka, non c’è forse una percezione che il secondo cielo sia un luogo abitato da spiriti maligni...

Sì, senza dubbio.

Che cosa significa: che tutto ciò che circonda il nostro pianeta è un mondo di spiriti maligni? Così, i cosmonauti dovrebbero letteralmente cadere nell'inferno?

No, davvero. I demoni non sono solo nello spazio - sono ovunque. E anche sulla Terra. Vediamo quante guerre, violenze, saccheggi... Gli uomini ne combinano molte, ma non da soli - che cosa pensa, chi li spinge? Sono qui! Sono venuti sulla Terra, ma possono essere anche nello spazio. Sono spiriti - esseri incorporei. Sono gli angeli caduti lontano da Dio (circa un terzo di tutti quelli creati dal Signore degli angeli), e divenuti demoni. Noi abbiamo un corpo, ci muoviamo lentamente, ma essi sono dotati di poteri ed energie incredibili. San Serafino di Sarov ha detto che il più debole diavoletto può far girare il mondo con il dito mignolo. Dio non lo voglia. Solo la sua grazia ci sostiene. E angeli caduti possono muoversi con grande velocità - sulla Terra e nello spazio. Non hanno bisogno di razzi, che volino alla velocità della luce, non hanno bisogno di scafandri, perché sono al di fuori dell'influenza di queste forze materiali: temperature e altre esposizioni elevate. Essi non sono soggetti a questi effetti, e noi invece sì. E, naturalmente, possono servirsene. Il grande anziano Sofronio (Sakharov), un discepolo di san Silvano, ha detto che le esigenze di una persona, non importa dove sia - qui, sulla Terra, o in qualche altro universo - sono in primo luogo di imparare a pregare e di essere con Dio! Per questo ogni persona deve entrare in un confronto con gli angeli caduti. Quando una persona nasce, il diavolo manda un suo angelo caduto per tentare l'uomo. Quando siamo battezzati, Dio ci dà un angelo custode. Queste due creature ci accompagnano per tutta la vita. Una spinge al peccato, l'altra a fare il bene. A seconda di chi ascoltiamo di più, viviamo in modo corrispondente. Se ci affidiamo di più all’angelo custode, andiamo in chiesa, ci sforziamo di vivere una vita cristiana. E se commettiamo errori per la nostra debolezza, allora abbiamo un grande mistero - la confessione. Andiamo a pentirci di non essere vissuti come immagini di Dio. Chiediamo perdono al Signore - e andiamo avanti. Ma se siamo testardi e ci impuntiamo: "Voglio questo", vuol dire che stiamo seguendo i consigli di una creatura completamente diversa. Ed essi ci tentano ovunque con i loro pensieri. Pensa che un astronauta in orbita intorno alla terra abbia più pensieri? E noi, qui, di meno? Basta vedere: ci arrabbiamo, ci irritiamo, condanniamo... Cosa non entra nel nostro cuore!

Sì, ma se una persona nel mondo ha la possibilità di andare in chiesa, alla confessione, alla comunione, gli astronauti a bordo di una stazione orbitale sono dei diseredati. Com’è che questo si riflette su quelli che sono abituati a ricorrere regolarmente ai sacramenti sulla Terra? In realtà, tra i cosmonauti queste persone non sono poche...

Sì, per loro è difficile. Ma pregano. E poiché Dio giudicherà prima di tutto i nostri desideri ... Per esempio, se uno ha la possibilità di andare in chiesa e partecipare ai sacramenti, e non lo fa - questo è una cosa. Ma se questo non è possibile, a per questo prega, chiede aiuto, benedizioni, ci sarà comunque una grazia molto speciale a proteggerlo. Il Signore custodisce i cosmonauti che si rivolgono a lui. Ed essi si rivolgono al Signore il più possibile. Per esempio, so che Jurij Lonchakov, Fedor Jurchikhin, Sasha Samokutjaev, Valerij Korzun, hanno letto le preghiere del mattino e della sera durante il loro soggiorno sulla Stazione Spaziale Internazionale. Jurij Lonchakov ha fatto in tempo a studiare tutta la Bibbia da cima a fondo. Poi hanno condiviso le loro impressioni, che anche nello spazio, durante la lettura delle sacre Scritture, hanno chiaramente sentito la presenza di Dio. E purtroppo hanno ammesso che sulla Terra la sensazione si è persa rapidamente.

Padre Iov e il cosmonauta Jurij Lonchakov subito dopo l'atterraggio. Steppa kazaka.

Ci sono stati casi in cui persone non credenti hanno volato in orbita, e, vedendo la bellezza dell'universo, si sono rese conto che non poteva essere nato dal caos e hanno potuto sentire la mano di un Creatore sapiente. Questa presa di coscienza, per esempio, è venuta a Gennadij Manakov durante le passeggiate spaziali. Si è reso conto che un pianeta tanto speciale nell'universo non si poteva ottenere attraverso l'evoluzione. Per lui questa questione era risolta. E anche Onufrenko ha detto che, di ritorno da un ultimo volo, a 10 chilometri di altezza, si sono guastati i sistemi di paracadute. E ancora a 9 chilometri non funzionavano, e a 7 ...A questo punto ha iniziato a pregare, chiedendo a Dio di aiutarlo. E il Signore, naturalmente, lo ha ascoltato...

Ma succede anche a persone che ricorrono all'aiuto di Dio, lavorando sodo, che ancora qualcosa non torni. Non è un segreto che molti degli astronauti hanno avuto problemi con il distaccamento o con l'equipaggio della nave. Un credente dovrebbe vedere in questo la Provvidenza di Dio, e pensare: forse non ne vale la pena, forse per lui questo cammino è disastroso?

Possono esserci diverse situazioni. Se ci capita qualcosa di sbagliato, potrebbe significare che Dio mette alla prova una persona. Forse il Signore richiede di dimostrare volontà e perseveranza. È scritto: "Bussate, e vi sarà aperto, chiedete e vi sarà dato". Solo una persona con una comprensione spirituale può vedere la luce, la vera causa degli altri casi. Ecco perché è necessario chiedere benedizioni, consultarsi con i padri spirituali, con gli anziani. Forse il Signore richiede pazienza: "chi persevera sino alla fine sarà salvato". Immaginate se l’apostolo Paolo, venendo alla città di Corinto, avesse detto: "Bene, non mi hanno accettato, vuol dire che è la volontà di Dio " ...e se ne fosse andato. Fu lui a muoversi e ad andare al popolo, e il popolo è diventato cristiano, si è pentito e si è corretto.

Oppure, per esempio, un ostacolo per raggiungere quel che desideriamo è la nostra passione. Ci vuole coraggio perché l’uomo superi la sua debolezza. Se lo fa, con l'aiuto di Dio, lottando e soffrendo, piangendo, si pente, si umilia, alla fine, credo, riceve la grazia. Se ci è permesso di cadere in qualche tentazione, il motivo principale è perché siamo orgogliosi... non appena ci umiliamo, non ci colpisce più niente. Nessuna pallottola spirituale. Nessuno sarà in grado di catturarci. E se una persona è abile, di talento, intelligente, deve ricordarsi che ogni dono che Dio ci dà, deve glorificare il Creatore.

Se un uomo di grande abilità e di incredibile umiltà, dopo aver superato con dignità le prove della gloria del mondo, e avendo, a mio parere, un vero dono di amore per il popolo fino al sacrificio, fino a quando dovrà ancora sperimentare dolori? Ed essere anche tragicamente ucciso? Voglio dire, il primo cosmonauta - Jurij Gagarin. La sua morte è stata un disegno della provvidenza?

È difficile ora dire perché sia ​​stato ucciso. Non abbiamo ancora alcuna conoscenza reale di ciò che è accaduto nella realtà. Mi è stato detto che gli erano stati rivelati alcuni segni che non avrebbe più dovuto volare. La mamma di Jurij Alekseevich, Anna Timofeevna era amica della schima-monaca Macaria, che viveva nella provincia di Smolensk. Gagarin andò tre o quattro volte da madre Macaria e portò i suoi medici dell'ospedale del Cremlino, l’aiutò con legna da ardere. E lei lo avvertì di non volare. Tuttavia, egli non era una persona di chiesa - e non le diede ascolto. Deve essere incredibilmente grande la fiducia in una persona che ti sta parlando così. E Jurij probabilmente non aveva completa fiducia. Sì, per un pilota abbandonare il volo, anche se comprende tutto - è molto difficile. Ho avuto anch’io a che fare con una simile esperienza di umiltà, so di cosa parlo. Volevo scappare via sul Monte Athos. Non avevo detto a nessuno dei miei piani – solo che volevo andare in pellegrinaggio. Ma le cose non stavano andando bene con i documenti... e i fratelli sono andati a incontrare l’anziano Nikolaj Gurianov sull'isola di Zalit; e qui io in modo subdolo - senza rivelare tutta la verità - ho chiesto di ottenere la benedizione di batjushka Nicola per il mio viaggio. I fratelli sono tornati, e hanno riferito il messaggio che Padre Nikolaj ha chiesto di darmi: potevo andare in pellegrinaggio, ma non dovevo andarmene per sempre. Ma come poteva conoscere i miei veri piani? È con le sue parole che il Signore mi ha fermato. E io le ho ascoltate. Ma altri fino allora non li volevo ascoltare! Non so cosa sarebbe accaduto, se non ci fosse stato padre Nikolaj. Ma Jurij Gagarin magari non poteva fidarsi. Certo, era un uomo buono, straordinario, ha aiutato moltissime persone, ha procurato loro appartamenti, le ha protette. Ma... era un pilota, giovane, pieno di energia - e poi improvvisamente gli è stato detto di non volare. Ed era andato per la seconda volta nello spazio! Qui, naturalmente, la Provvidenza di Dio era probabilmente il fatto che se fosse stato un uomo di chiesa e avesse ascoltato qualche anziano, avrebbe trovato la forza di essere umile...

Il comandante dei cosmonauti, Jurij Lonchakov, ha portato con sé a bordo della Stazione Spaziale Internazionale le icone di san Nicola

Quando morì, la cosa fu segnalata, naturalmente, all’anziana Macaria. Lei chiamò un prete, e fece il servizio funebre a Jurij proprio nella sua cella. Matushka disse: "Jura era una persona molto limpida, non era colpevole di niente". Disse così, perché prevedeva le accuse future, quando alcuni hanno affermato che Gagarin e il suo istruttore Seregin avevano bevuto prima del volo. Erano tutte menzogne ​​e calunnie. Facendo l'analisi dei resti non si è trovato un grammo di alcol. Erano tutte speculazioni.

Il 27 marzo di quest'anno ha segnato il 45 ° anniversario della morte del primo cosmonauta. Come ha ricordato questa data triste?

Io, purtroppo, questa volta stavo partendo per Bajkonur - per scortare l'equipaggio. Di solito il 27 marzo vado insieme ai cosmonauti a Kirzhach - la cittadina nei pressi della quale si è schiantato Gagarin. Là in chiesa ha luogo una commemorazione funebre - serve padre Andrea, e spesso io vi prendo parte. Poi c’è un piccolo incontro e una processione con fiori - andiamo al luogo della morte di Gagarin. E poi incontri, conversazioni. In generale, lo ricordo a ogni funzione che celebro. Come per tutti i nostri ragazzi. Sergej Korolev, e Boris Rauschenbach, e Pavel Popovich, German Titov e - in generale, tutti coloro che sono stati battezzati. E anche i genitori di Gagarin e Korolev.

Le è stato richiesto dai parenti di Jurij Alekseevich?

No, penso solo che è il mio dovere. Sa, ho iniziato a ricordare costantemente Jurij Alekseevich - nella lettura del Salterio, e nella Liturgia - sei o sette anni fa. E circa un anno dopo ho fatto un sogno... Certo, non si deve credere nei sogni, ma ve lo racconto come è stato... vedo un giardino fiorito. Alberi di melo. E dal giardino esce Jura, tutto vestito di bianco, ride, sorride. E io sto sul confine del giardino - non vi entro, e lui viene da me, mi abbracciò, e senza dire nulla, rientra. Ecco come è stato il sogno. Ho pensato che significava che dovevamo pregare ancora.

Padre Iov, come padre spirituale degli astronauti, lei ha qualche nomina ufficiale regolare?

A dire il vero, mi è stato offerto di entrare nel gruppo, che vola in assenza di gravità e di prendere parte a tutti i voli di addestramento. Ma ho rifiutato. Ho chiesto consigli qui alla lavra - e sono giunto alla conclusione che non posso sempre volare. Spesso ci sono addestramenti a cui non posso partecipare, perché nello stesso momento ho da celebrare funzioni. E oltre a questo, ho molte responsabilità nella chiesa della Trasfigurazione, e non solo nel tempio. Avevo paura di piantare in asso i fedeli. Ma, se necessario, posso sempre volare. Quando invitano i bambini, cerco immancabilmente di esserci.

E qual l’addestramento a questi "voli in assenza di gravità"?

Si svolge su un aereo "IL-76", a quanto pare. C'è un salone enorme. 4 metri di larghezza, 3 metri di altezza. Volare come un uccello - è così bello! Lo stato di assenza di gravità si ottiene durante un volo parabolico, e cioè l'aereo fa delle "colline" - va in su, poi comincia a scendere, e in quel momento vi è assenza di peso. Dura circa 30 secondi. Poi sale di nuovo - e di nuovo cade per 30 secondi. Ogni volo comprende una decina di colline.

Quante volte ha "volato in assenza di gravità"?

Nove.

Padre Iov (Talats) in assenza di gravità

Ma è molto difficile! È necessario avere un buon apparato vestibolare. È stato esaminato prima del volo?

Sì, sono stato controllato a suo tempo. A dire il vero, là non mi sento male. All’inizio, naturalmente, quando abbiamo fatto il primo volo, mi è stato chiesto come mi sentivo. In assenza di peso si ruota su se stessi. Voli una volta, due volte, poi riprendi sempre più peso. Ma, grazie a Dio, tutto è andato bene.

Ci descriva, la prego, le sue sensazioni durante il volo in assenza di gravità.

È difficile da spiegare... Provate a immaginare: noi viviamo qui sulla Terra, in termini di gravità, a causa di questo siamo in grado di camminare. Gettiamo un sassolino - questo cade. Ma non possiamo strisciare sul soffitto o sulle pareti come le mosche. E negli addestramenti, nei momenti di assenza di peso si può salire sul soffitto, volare come un uccello. Quando si versa l'acqua, questa non ricade, e fluttua in forma di palline. Naturalmente, è una sensazione incredibile, perché si inizia a capire che l'intero universo materiale è in questo stato, in cui tutti gli oggetti più grandi  giacciono in assenza di gravità, che c’è molto poca gravità nell'Universo. L’assenza di peso è come uno stato primigenio...

Pensa che in assenza di peso l'uomo ritorni davvero a uno stato primigenio?

No, non penso. Poiché gli esseri umani hanno vissuto in Paradiso, e non era davvero un mondo in cui non c'è gravità - avevamo un corpo, ma non ne avremmo avuto bisogno, e neppure di gambe e braccia. Si tratta semplicemente di un altro stato. Non siamo in grado di rispondere a tutte le domande. Per esempio, Dio ha creato l'universo - spirituale e materiale. Se prima della caduta c'era un universo materiale come è ora, non lo sappiamo per certo. Ma si può dire, almeno per quanto riguarda i rapporti con alcune leggi, che, ovviamente, in questo ambiente materiale non c'era la morte. Infatti la morte è venuta con il peccato dell'uomo. Ed è entrata, non solo nella persona - è arrivata nell'universo. C'è una legge - la seconda legge della termodinamica: tutto va dal complesso al semplice, poi ognuno muore e si decompone. Ora l'universo funziona così. Prima della caduta, credo, non era così.

Ma per quanto riguarda l’assenza di gravità, il peso non è davvero una manifestazione del peccato dell'uomo. Penso che questa sia una legge fondamentale, che si basa sulla grande saggezza dell'universo. Come è detto nel libro di Giobbe il sofferente: "Dio stende il nord sullo spazio vuoto e tiene sospesa la terra sul nulla". Parole meravigliose. Vale a dire, la Terra e il Sole, e le stelle n sono appese sul nulla. Dio ha creato il mondo con tali leggi. Penso che le persone che sanno purificare il loro cuore siano in grado di vedere.

Padre Iov, è riuscito immediatamente a stabilire una comprensione reciproca con tutti i membri del distaccamento degli astronauti? Dopo tutto, un prete, un monaco che prende parte attiva alla vita del distaccamento - è abbastanza inusuale per i cosmonauti di quegli anni.

All’inizio mi hanno tenuto sotto osservazione. Poi mi è stato offerto di passare nell’organico della preparazione dei cosmonauti.

E lei ha accettato? Di chi è stata questa idea?

La proposta è venuta da Vasilij Vasil’evich Tsibliev, che allora era responsabile dei centri di formazione. Persona meravigliosa. Tenente Generale, Eroe della Russia, due volte nello spazio, vi ha spento un incendio...

In un primo momento ho dubitato. Da un lato, è interessante, ma - io sono un monaco. Ci ho pensato e ripensato: non vi è alcun peccato, ma è necessario? Ho chiesto a uno dei nostri anziani alla lavra. E lui ha detto, devi farlo! Come ha scritto l'apostolo Paolo: "mi sono fatto Giudeo con i Giudei, per guadagnare i Giudei; con coloro che sono sotto la legge sono diventato come uno che è sotto la legge, pur non essendo sotto la legge, allo scopo di guadagnare coloro che sono sotto la legge. Con coloro che non hanno legge sono diventato come uno che è senza legge, pur non essendo senza la legge di Dio, anzi essendo nella legge di Cristo, per guadagnare coloro che sono senza legge. Mi sono fatto debole con i deboli, per guadagnare i deboli; mi sono fatto tutto a tutti, per salvare ad ogni costo qualcuno". E l’anziano ha aggiunto: "Può essere che risponderai per queste persone al Giudizio Universale! Devi aiutarli, in primo luogo a venire a Cristo! Se accetteranno Cristo sulla terra, ogni attività, ovunque siano - anche su un altro pianeta - sarà per la gloria di Dio!" Qualunque cosa la gente può fare, deve farla in nome di Dio...

Così ho cominciato a ricevere una formazione. Il primo allenamento è stato una simulazione di uscita nello spazio aperto "Exit 2". In uniforme completa - in una tuta spaziale "Orlan-MT". Sono andato insieme a Valerij Korzun, vi abbiamo lavorato per circa due ore.

Padre Iov, l'ex capo del Centro di Preparazione dei cosmonauti V. V. Tsibliev e il cosmonauta Valerij Korzun in un idrolaboratorio. Padre Iov e V. Korzun indossano tute blu a raffreddamento idrico, in cui l'acqua ​​circola in tubicini cavi per evitare il surriscaldamento della tuta da astronauta sotto carichi pesanti

Circa due settimane dopo, ho volato in assenza di gravità, e dopo altre due settimane - il secondo volo. Un mese o due o tre, sono passato alla idro-assenza di gravità. Questa consiste in passeggiate spaziali simulate, ma in acqua, per imparare a lavorare in uno spazio privo di supporti. I corsi di formazione sono in una grande piscina, dove a una profondità di circa 8-12 metri hanno costruito una riproduzione in grandezza naturale del segmento russo della Stazione Spaziale Internazionale. Vi ho lavorato per 2 ore - 2 ore e mezza, e durante questo periodo ha perso 1,5 kg. E questo è molto poco! Per i ragazzi l’allenamento o il lavoro reale può durare fino a 6 ore!

Ho volato sugli aeroplani "A-39". Su voli acrobatici. In primo luogo, aiuta a imparare a navigare nel cielo, ma ero curioso di provare un carico di gravità superiore. La prima volta ho avuto un sovraccarico di 5 g! Ho volato con una tuta anti-pressione. La seconda volta, ho fatto figure di pilotaggio complicato: un giro da battaglia con due giri della morte - da una parte e dall’altra, un pilotaggio Nesterov, un cavatappi e una campana! La terza volta che ho provato senza la tuta anti-pressione, c'era un carico di circa 6,5 ​​g. Beh, mi schiacciava un po'. Mi si sono anche incavate le guance.

Ho dovuto imparare la struttura del veicolo spaziale - con Jurij Lonchakov. Naturalmente, in modo limitato. E ho anche fatto l’esame. Beh, come uno scherzo. Abbiamo organizzato situazioni di emergenza. E alla fine, ricordo di essermi seduto - e improvvisamente è uscito fumo dal basso. Chiedo: "Jurij, cosa devo fare adesso?" E lui risponde: "Padre, non resta che una sola cosa da fare - pregare!"

In alcune interviste, i cosmonauti, parlando di situazioni di emergenza, dicono, "Agire secondo le istruzioni, e correre subito a pregare - è poco professionale". Quindi, al Signore ci si deve rivolgere in circostanze assolutamente inevitabili, quando l'unica speranza di un miracolo?

Naturalmente, questo non è del tutto vero. Credo che i ragazzi dicono così perché proprio non comprendono completamente. Sì, un cosmonauta una volta mi ha chiesto: "Batjushka, se scoppia un incendio, e io prego, il fuoco si spegne, o cosa?" Se avesse fede come gli antichi, come i grandi apostoli - allora sì! Avrebbe solo da inginocchiarsi, pregare - e tutto si spegnerebbe in un attimo. E dal momento che non ha una tale fede, deve solo incrociare le dita e dire: "Signore, benedici", e andare a spegnere il fuoco. E Dio lo aiuta a spegnere le fiamme. E se ne avete la possibilità, ma la ignorate, vi inorgoglite e sperate solo nelle vostre forze, non sono sicuro che riuscirete a spegnere correttamente il fuoco...

L’ho già detto, e lo ripeto ancora una volta, perché è molto importante: tutto, ma proprio tutto ciò che un uomo fa, deve essere per la gloria di Dio. Non dobbiamo dimenticare di ringraziare il Signore. Sempre. "Senza di me non potete fare nulla" - ricordate questo detto. Dio può tutto. Ma se gli esseri umani non vogliono nulla e non fanno nulla per la propria salvezza, anche se noi preghiamo per loro, non siamo sempre in grado di aiutarli.

Mentre l'uomo in estasi di orgoglio si crede il conquistatore dell'universo... Sono sempre commosso quando dicono, i conquistatori dello spazio... Ma cosa hanno conquistato? - Vorrei chiedere. Esplorato, forse.

Come si sente per il fatto che la gente sta cercando di guardare sempre più verso la vastità dell'universo? Ed è anche alla ricerca di cosiddetti "pianeti extrasolari" - se non una seconda Terra, un pianeta molto simile alle nostre condizioni di vita su cui l'uomo potrebbe, in futuro, trasferirsi. Ma nella Bibbia non c'è traccia del fatto che le persone vivono da qualche parte oltre alla Terra... Vuol dire che queste ricerche saranno senza risultato?

Da nessuna parte si dice che una tale ricerca non sia lecita. Nella Scrittura c'è la storia di come il Signore ha creato l'universo. E a capo dell'universo in realtà ha posto l'uomo. Così, sa, la lotta verso le stelle, verso altri mondi - è insita in noi. Io credo che i misteri insondabili dell'universo che colpiscono le persone durante questa ricerca, le sue dimensioni e la sua diversità possono ancora una volta ricordarci la grandezza del Creatore, che ha creato tutto così sapientemente! E possono farci pensare, "Ma chi sei tu, se hai creato tutto così sapientemente? E chi siamo noi, se ci hai creati così? Dovremmo essere posti da Dio al controllo dell'universo. Siamo diventati mortali per i nostri peccati". Ecco dove abbiamo bisogno di andare. E, in generale, per la nostra fede non c’è assolutamente alcuna differenza - che al centro dell'universo ci sia la Terra o Marte o qualsiasi altro pianeta, che lo spazio sia curvo o ritorto ...

Un'altra cosa è colonizzare altri pianeti, credo che il Signore non ce lo permetterà. Perché con la nostra moralità moderna, è improbabile che abbiamo strumenti tecnici che possano sostenere altri pianeti, e li aiutino a crescere dalle radici.

Che rapporto hanno la morale e il progresso tecnologico?

- L'anziano Iosif ha detto: "La terra disprezza la terra, la terra si esalta al di sopra della terra, la terra umilia la terra". Tra noi c’è così tanta ostilità, e che cosa potremmo portare ad altri mondi? Su Marte sarà lo stesso. Ma perché? Chi ne ha bisogno? Io credo che il Signore non lo permetterà.

C'è solo una condizione che potrebbe aiutare le persone a trovare la tecnologia per viaggi di lunga durata nello spazio - è il compimento dei comandamenti del Vangelo. Vivere il Vangelo. E allora Dio metterà tutto a posto. Penso che a Dio non dispiaccia nulla. A colui che è salito sulla Croce e si lasciato crocifiggere - non dispiace. Ho parlato con molti scienziati, e tutti hanno detto che se gli americani e gli europei non fossero in contrasto con i russi, ci saremmo già familiarizzati con tutto il sistema solare! Avremmo già navi veloci, protette da radiazioni solari e galattiche. Ma gli esseri umani sono scollegati. Questa guerra è già stata avviata ai tempi di Adamo quando Caino uccise Abele, e da allora siamo andati sempre peggio. E la morte si espande sempre più. Questa guerra è ancora nel cuore di ogni uomo. Siamo in guerra gli uni con gli altri, gli stati con gli stati...

Ma ci sono già stati tentativi di mettere tutti insieme. Su Marte, per esempio, sta per volare un’equipe internazionale. Gli scienziati ritengono che le condizioni ambientali del Pianeta rosso - il nostro vicino più prossimo del sistema solare - finirà col tempo per creare una nuova casa per gli esseri umani. E gli scienziati hanno cercato attivamente su Marte, perché, secondo una teoria, la vita è iniziata sul Pianeta rosso, ed è stata portata sulla Terra da meteoriti...

Kyrie, eleison! (Batjushka si segna.)

...e poi a causa di una grande catastrofe cosmica, o per qualche altra ragione, lo sviluppo della vita su Marte si è fermato. Ma il nostro mondo è stato più fortunato.

 

Queste sono sciocchezze - teorie esclusive! Ora abbiamo ben pochi veri scienziati, ma questa è demagogia, che opera su base politica. Lo scienziato deve basarsi sui fatti. E quali sono i fatti? No. Sono solo dicerie, fantasie. Questi visionari fanno un sacco di soldi. Non pensa che i politici non siano in grado di approfittarsi della scienza per raggiungere alcuni dei loro vili obiettivi? Ma qui non abbiamo alcuna prova di questa teoria. Nessuno è stato su Marte. Là non c’è alcun segno di una civilizzazione enorme. Quindi, su quali basi? Vi sono stati mandati alcuni veicoli esplorativi, che hanno esaminato uno spazio relativamente piccolo, non vi hanno trovato nulla, e costantemente siamo bombardati da indiscrezioni, "Ecco, hanno trovato qualcosa di sensazionale!" Ma perché? Dio ha creato il mondo, l'universo. La Scrittura ci mostra che Dio ha creato la vita, l'uomo. La sacra Scrittura non è un testo di astronomia, geologia, anche se mostra a volte i fatti della creazione del mondo. Quindi, se c'è vita su Marte, o se non c'è vita su Marte - per noi tutto è uguale. Come su Giove, Tritone, Titano, le altre stelle...

Vi è la teoria della panspermia, presentata molto tempo fa, nel 1907. Gli autori hanno suggerito la teoria che nell'universo esiste una vita eterna - per esempio, sotto forma di nebulose cosmiche - embrioni di piantagioni organiche. Gli elementi di base sono trasferiti tra i pianeti e i corpi cosmici: dalle meteoriti, per esempio, e anche da esseri intelligenti. E dove ci sono le condizioni favorevoli, questi germogli attecchiscono e cominciano a crescere.

Spesso mi chiedo, perché avete fiducia in questi scienziati? Sono stati orgogliosi, immorali, egoisti. Come spiegano, per esempio, da dove è venuta la vita stessa nell'universo? Non lo dicono. Ma una risposta c’è. Nelle sacre Scritture.

Ma voi credete a questi pseudo-scienziati. Perché non vi fidate dei geni in un altro settore? Quali? Il venerabile Sergio, san Serafino di Sarov, san Giovanni Climaco. Si tratta di persone che avevano paura di dire una brutta parola, o di fare del male a qualcuno.

Ma come spiegare una tale persistenza nella ricerca della vita su altri pianeti?

Possono esserci altre cause. La prima - l'orgoglio umano. Le persone sono diverse. Ho condotto interviste con i nostri cosmonauti e con gli astronauti della NASA e dell'Agenzia europea, ecc. Ci sono state diverse sorprese. A volte si tratta di una curiosità sincera insita dentro di noi - siamo stati creati a immagine di Dio, e vogliamo costruire qualcosa, imparare. L'uomo si differenzia dagli animali, ha curiosità, sete di conoscenza. Quindi qualcuno potrebbe essere realmente interessato a conoscere - e a ringraziare Dio per questo. Per esempio, James Irwin, un astronauta americano che ha camminato sulla Luna nella spedizione "Apollo 15" ed è tornato sulla Terra, è andato alla ricerca dell'arca di Noè. E pensiamo che l'importanza di questa missione non è minore di quella di un volo sulla Luna! E un uomo ha ringraziato Dio per questo.

Ma qualcuno fa tutto con presunzione. Io! Noi - gli esseri umani! Cominciano a circolare alcune sciocchezze che dicono che siamo venuti da un'esplosione.

Forse queste persone vogliono solo trovare fratelli nella ragione?

Certo, i fratelli nella ragione sono tra noi - sono spesso presenti nelle nostre vite ...

Ora sto pensando a quei "fratelli nella ragione" che ci spingono a uccidere, rapinare e violentare.

Sta parlando dei demoni?

Certo. Padre Seraphim (Rose) ha scritto molto bene, che cosa rappresentano per lui gli UFO, che ha studiato. Leggetelo, ve lo consiglio! Un uomo sapiente, conosceva tre o quattro lingue, era laureato presso diverse università. Ha studiato i materiali della NASA sui dischi volanti, i contatti umani con gli alieni. Ed è giunto alla conclusione che le azioni degli alieni sono molto simili a quelle dei demoni. In primo luogo, hanno paura del segno della croce. In secondo luogo, sempre più persone entrano in contatto con loro, quindi va sempre peggio. Ma ancora una volta voglio ricordare che una civiltà che ha raggiunto un alto livello di sviluppo, non può essere del tutto cattiva. In caso contrario, Dio non avrebbe permesso questo sviluppo. Questo sembrerà paradossale, ma è così. Se avessimo un alto livello morale, voi sareste in pena per, io per voi - onestamente! Se il vostro dolore fosse il mio dolore, allora andremmo lontano. Un popolo altamente morale non può desiderare la morte di nessuno. Nemmeno della più piccola creatura! Ma dopo aver incontrato i cosiddetti "uomini verdi" alle persone cominciano i guai, a volte sono spinti al suicidio! Gli alieni... stanno cercando di confondere la testa della gente. E questa è felice di credere a ogni sorta di favole. Solo alla verità che viene da Cristo - non credono. Come dice la Sacra Scrittura: "Verrà giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, per il prurito di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo le proprie voglie, rifiutando di dare ascolto alla verità per volgersi alle favole. Tu però vigila attentamente".

Igumeno Iov (Talats)

Ma vi sono, per esempio, manufatti, a dimostrazione che nell’antichità sulla Terra c'erano civiltà altamente sviluppate, alle quali erano accessibili i viaggi spaziali. Ciò è dimostrato dalle immagini lasciate sulle rocce - la cosiddetta biblioteca di pietra Iki (il nome della tribù). I ricercatori di questi manufatti, che la scienza ufficiale non riconosce, hanno mostrato immagini che ritraggono presunti contatti umani con extraterrestri. Cosa ne pensa di questo?

È complicato rispondere in due parole. Lei e io non sappiamo come fosse la civiltà prima del diluvio. Se ne parla molto poco nella Scrittura e nella Tradizione. È possibile che ci sia stata una civiltà spiritualmente avanzata, che si è allontanata da Dio, e che ha combattuto Dio. Potrebbe aver sviluppato tecnologia. Ciò conferma quanto ora sappiamo, per esempio, circa le piramidi egizie. Là sono state utilizzate tecnologie, che ora non ci sono disponibili. E anche i reperti nelle città inca, maya, dello Yucatan e degli aztechi. Le strutture sono costruite con tecnologie che ancora oggi non padroneggiamo. E sono state fatte in montagna. Che cosa rappresentavano, questi edifici? È solo il progresso di persone così arroganti da causare il diluvio? Oppure sono stati aiutati da "fratelli nella ragione", da demoni? Non dimenticate che ci potrebbe essere non solo una civiltà tecnotronica, cioè sviluppata tecnicamente, ma una civiltà tecnotronica E spirituale. Abbiamo dalla Scrittura testimonianze che le persone erano scese a un tale livello di empietà da unirsi ai demoni. Forse i demoni possono averli aiutati a creare simili civiltà, ed è possibile che abbiano creato anche apparati che potevano volare. La Scrittura non è in contrasto con questa ipotesi, credo che questo sia possibile. Fino a che punto - non lo sappiamo. Si alzavano di 1-2-3 metri o più in alto? Ma Dio non ha permesso tutto questo, perché la gente è pazza, e senza Dio non c'è vita. Le Sacre Scritture ci dicono che prima del diluvio, la gente era carnale. Ed è spaventoso. Solo desideri e interessi carnali. È spaventoso. Diventiamo animaleschi, se siamo spinti solo dal desiderio carnale. Sì, siamo esseri viventi, abbiamo dei bisogni fisici, ma questo è solo una parte di noi. Tali esigenze devono essere monitorate dallo spirito! E se le persone mettono i bisogni fisici in primo piano a scapito della spiritualità, allora sono già esseri bestiali. E una persona non può essere costantemente in uno stato simile a quello degli animali, senza essere prima influenzata dal diavolo. E diventa quindi un essere diabolico. Perché le persone compiono questi terribili peccati, talvolta di follia: uccisioni di migliaia, di milioni? A commettere simili atrocità disumane sono le persone che sono già sotto il controllo dello spirito di malignità, per odio verso la gente. Perché, secondo la tradizione, noi prendiamo il posto degli angeli caduti.

Ma, grazie a Dio, ci sono anziani che pregano per noi. Ci sono santi ai quali siamo in grado di ricorrere per aiuto e intercessione.

E perché non vi preoccupiate, vi dirò che Abba Sergio ha più volte camminato in processione intorno alla nostra Terra.

Si riferisce al caso in cui Jurij Lonchakov ha portato con sé in orbita un pezzo delle reliquie di San Sergio?

Sì, le reliquie sono state sei mesi in orbita, Yuri Lonchakov è stato due volte con loro nello spazio aperto. Gli ho anche chiesto di benedire periodicamente con loro la Terra - la Stazione Spaziale Internazionale fa 16 giri al giorno intorno alla Terra - 16 processioni. Quindi fate i calcoli: queste reliquie hanno viaggiato mezzo anno, passando 16 volte al giorno attorno alla Terra.

E Jurij mi ha detto che ha anche sentito vicina la presenza viva di san Sergio.

Di chi è stata l'iniziativa - di inviare le reliquie in orbita?

Mia. Ho solo pensato che fin dai tempi antichi, i russi, i greci, e tutti i popoli ortodossi hanno cercato di fare processioni nei giorni di gravi prove - in giro per villaggi e città. E ora abbiamo l'opportunità di fare una processione attorno alla Terra!

E quali altri santi sono stati nello spazio?

Fedor Jurchikhin ha portato le reliquie dei martiri Teodoro Stratilate e Teodoro Tirone, e parte della bara di legno, dove si trovavano le reliquie di San Nicola, quando sono state trasferite a Bari. L’abate Beauvais, rettore della basilica di Bari, ci ha dato questo pezzo di legno. Dopo un volo ne abbiamo riportato una parte a Bari, e una parte l’abbiamo tenuta, come concordato.

Ho dato ad Anton Shkaplerov le reliquie di san Pietro, metropolita di Mosca e di san Filippo, metropolita di Mosca.

Al ginnasio ortodosso di Vladimir ritornano dall'orbita le reliquie del santo ierarca Afanasij (Kovrovskij)

Sergej Volkov ha portato con sé in orbita le reliquie di sant’Afanasij (Sakharov). Anche queste per sei mesi.

Maxim Suraev ha portato con se in orbita una particella della Croce, e anche questa e stata in orbita per mezzo anno.

Mi auguro che questa tradizione continui. Al prossimo turno di guardia cosmico, a Dio piacendo, ci proteggerà san Giorgio il trionfatore!

Răspândește:
Pagina principală  >  Documente  >  Sezione 7