Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=205  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=602  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=646  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=4898  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=2779 
Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=204  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=206  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=207  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=208  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=3944 
Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 novembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11
  Perché l'Organizzazione delle Nazioni Unite dovrebbe spostarsi a San Pietroburgo

dal blog del sito Orthodox England

25 aprile 2017

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

La storia ci dice che il padre spirituale delle Nazioni Unite è stato l'ultimo imperatore cristiano, lo tsar Nicola II. Proprio alla fine del XIX secolo, fu lui a chiedere un'organizzazione internazionale dove la pace poteva essere negoziata, e la guerra si fermò. Fu lui a voler vietare le armi crudeli come le armi chimiche e biologiche, i bombardamenti aerei (che a quel tempo si facevano dai palloni aerostatici) e gli attacchi subacquei. Anche se la Corte Internazionale dell'Aia nacque dalla sua iniziativa, fu poi sequestrata da coloro che presero il potere in tutto il mondo dopo la rivoluzione russa, e non è usata per quello a cui servirebbe.

Per quanto riguarda gli appelli alla pace dello tsar Nicola, questi furono fermamente ignorati dalle potenze occidentali, che solo cinque anni dopo, nel 1904, scatenarono il Giappone militarista finanziato dall'Occidente e finanziato dall'Occidente sul pacifico Impero Russo. Alla soglia della vittoria, nonostante il tradimento nel suo impero, lo tsar Nicola fece la pace con un Giappone in bancarotta, nella speranza che le potenze occidentali avessero imparato la loro lezione; l'avevano imparata, ma solo per alcuni anni, fino al 1914. Trentasei anni dopo, le due maggiori potenze occidentali riuscirono a mietere la tempesta che avevano seminato in Giappone nel 1904, a Pearl Harbor e alla resa a Singapore dove l'esercito britannico, disperatamente a corto di equipaggiamento, fu assolutamente umiliato dai giapponesi.

Nondimeno, l'idea dello tsar Nicola, di un forum internazionale per la pace, ha prodotto frutti nella Lega delle Nazioni e poi nelle Nazioni Unite. Sfortunatamente, quest'ultima è stata occupata dall'élite mondiale, che l'ha stabilita a New York e l'ha utilizzata come strumento per altri fini, come la NATO a Bruxelles, il suo vicino, l'Unione Europea, il G7, la Corte Internazionale dell'Aia o la Fondazione Nobel. Oggi, come un tempo, l'ONU non è rappresentativa del mondo reale, essendo una pedina corrotta nelle mani dell'élite. Cosa si può fare?

In primo luogo, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite potrebbe rappresentare sicuramente in futuro i continenti del mondo reale. Al momento l'America del Nord è rappresentata dagli USA, l'Europa dalla sua nazione più grande, la Federazione Russa e l'Asia (compresa la minuscola popolazione australiana) dalla Cina. Tuttavia, l'America del Sud e l'Africa non sono affatto rappresentate, né la seconda più grande popolazione del mondo in India, e la piccola Europa occidentale è rappresentata da due piccole nazioni, vassalli americani, che non contano più molto nel mondo odierno. Sicuramente, invece di tutto questo, la potente India dovrebbe avere un posto nel Consiglio di Sicurezza (attraverso la Cina e l'India quasi un terzo della popolazione mondiale sarebbe rappresentata), seguita dalla nazione più grande in Sud America, il Brasile, e dalla nazione più potente in Africa, la Repubblica Sudafricana.

In secondo luogo, facciamo in modo che l'ONU sia trasferita a San Pietroburgo, la città in cui lo tsar Nicola II ha avuto l'idea di un'organizzazione internazionale per evitare la guerra. Trasferita via dalle manipolazioni dei guerrafondai globali del mondo e delle loro storie genocide, l'Organizzazione delle Nazioni Unite, rappresentata dal mondo reale e non dal ghetto dell'Occidente ricco e potente, potrebbe finalmente avere successo.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11