Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=205  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=602  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=646  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=4898  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=2779 
Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=204  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=206  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=207  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=208  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=3944 
Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 29 giugno 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11
  Come spingere l'Ucraina sull'orlo dell'abisso

di Mike Whithey

da Counterpunch

9 luglio 2014

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

"Il modello di mondo unipolare è fallito. Ovunque la gente ha dimostrato la propria volontà di scegliere il proprio destino, di preservare la propria identità culturale, e opporsi ai tentativi dell'Occidente di ottenere il dominio militare, finanziario, politico e ideologico".

- Vladimir Putin

"Mentre la politica umana della crisi in Ucraina richiama tutti i titoli dei giornali, è la politica del gas che in molti modi si trova al cuore del conflitto".

- Eric Draitser, Waging war against Russia, one pipeline at a time, RT

Che cosa ha a che fare un oleodotto in Afghanistan con la crisi in Ucraina?

Tutto. Rivela gli interessi commerciali che guidano la politica degli Stati Uniti. Proprio come la guerra in Afghanistan è stata in gran parte combattuta per facilitare il trasferimento di gas naturale dal Turkmenistan al Mar Arabico, così, Washington ha progettato il sanguinoso colpo di stato a Kiev per tagliare le forniture energetiche dalla Russia verso l'Europa e facilitare la presa degli Stati Uniti sull'Asia.

Questo è il motivo per cui i responsabili politici a Washington sono ragionevolmente soddisfatti del risultato della guerra in Afghanistan, nonostante il fatto che nessuno degli obiettivi dichiarati sia stato raggiunto. L'Afghanistan non è una democrazia funzionante, non ha un forte governo centrale, il traffico di droga non è stato debellato, le donne non sono state liberate, e le infrastrutture e le scuole sono peggiori di quanto lo fossero prima della guerra. Per ogni standard oggettivo la guerra è stata un fallimento. Ma, naturalmente, gli obiettivi dichiarati erano solo chiacchiere da pubbliche relazioni. Non significano nulla. Ciò che conta è il gas, vale a dire le vaste riserve non sfruttate in Turkmenistan che possono essere estratte da società private americane che userebbero la loro autorità per controllare la crescita dei concorrenti degli Stati Uniti o di aspiranti rivali come la Cina. Questo era tutto lo scopo della guerra. Il gas sarà trasportato tramite un gasdotto dal Turkmenistan, attraverso l'Afghanistan, il Pakistan e l'India verso il Mare Arabico, evitando il territorio russo e iraniano. Il completamento del cosiddetto gasdotto TAPI mina lo sviluppo di un gasdotto iraniano, sabotando così gli sforzi di un avversario degli Stati Uniti.

Il gasdotto TAPI illustra come Washington sta assicurandosi aggressivamente i beni di cui ha bisogno per mantenere la sua posizione dominante nel prossimo futuro. Ora, fate attenzione a questa citazione da The Express Tribune, del 5 luglio:

"I funzionari di Pakistan, India, Afghanistan e Turkmenistan si incontreranno a Ashgabat la prossima settimana per promuovere il previsto gasdotto transnazionale che collega i quattro paesi e per raggiungere un accordo sulla concessione del progetto multi-miliardario di dollari a società statunitensi.

"Gli Stati Uniti stanno spingendo i quattro paesi a concedere il redditizio contratto gasdotto ai suoi giganti dell'energia. Due imprese americane – Chevron ed ExxonMobil – sono in gara per diventare leader del consorzio, vincere il progetto e finanziare la posa del gasdotto", ha detto un alto funzionario del governo, parlando a The Express Tribune.

Washington ha fatto azioni di lobbismo per il progetto di fornitura di gas, chiamato gasdotto Turkmenistan, Afghanistan, Pakistan e India (TAPI), definendolo uno schema ideale per affrontare le carenze energetiche in Pakistan. D'altra parte, ha premuto su Islamabad per archiviare il gasdotto Iran-Pakistan, a causa di uno stallo nucleare con Teheran ...

Secondo i funzionari, il ministro per il petrolio e le risorse naturali Shahid Khaqan Abbasi guiderà una delegazione nel corso della riunione del comitato direttivo del gasdotto TAPI l'8 luglio ad Ashgabat.

...Allo stato attuale, sono in preparazione documenti di offerta in consultazione con la Banca Asiatica per lo Sviluppo, che sta svolgendo il ruolo di consulente della transazione. I documenti saranno consegnati alle due società solo se prenderanno parte alla gara.

La Chevron sta facendo pressioni in India, Pakistan e Afghanistan per concludere un affare, sostenuta dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Tuttavia, anche altre aziende potrebbero diventare parte del consorzio che sarà guidato da Chevron e da ExxonMobil ("TAPI pipeline: Officials to finalise contract award in Ashgabat next week", The Express Tribune)

Così il piano del gasdotto sta finalmente procedendo e, come osserva l'articolo, "I documenti saranno consegnati alle due società solo se prenderanno parte alla gara".

Bello, eh? Così il Dipartimento di Stato applica un po' di pressione e, "voilà", Chevron ed Exxon concludono l'affare. Che ne è del mercato libero?

E chi pensate che stia proteggendo i 1.000 chilometri di gasdotto attraverso l'Afghanistan ostile controllato dai talebani?

Ma le truppe americane, naturalmente, cosa che è il motivo per cui le basi militari statunitensi sono convenientemente situate lungo il tracciato del gasdotto. Coincidenza?

Nemmeno per sogno. L'operazione "Enduring Freedom" è una bufala ancor più grande dell'ormai logora guerra al terrore.

Quindi cerchiamo di non illuderci. La guerra non aveva niente a che fare con la liberazione delle donne o con il portare la democrazia alle masse non lavate. Si trattava di politica di potere e di una manovra geo-strategica; rubare risorse, travolgere potenziali rivali, e rinforzare i profitti per i voraci giganti del petrolio. Chi non ne è già al corrente? Ecco un po' più di dati dal Wall Street Journal:

"All'inizio di questo mese, il presidente Obama ha inviato una lettera al presidente (del Turkmenistan) Berdimuhamedov sottolineando un interesse comune per aiutare a sviluppare l'Afghanistan ed esprimendo il sostegno di Obama al TAPI e il suo desiderio che sia un importante società statunitense a costruirlo.

...I progressi del TAPI faranno anche ripartire molti degli altri progetti di trasporto trans-afghano, tra cui strade e ferrovie, che sono al cuore della "nuova strategia della Via della Seta" dell'America per l'economia afghana.

La Casa Bianca dovrebbe capire che se TAPI non è costruito, né gli Stati Uniti né le sanzioni delle Nazioni Unite impediranno al Pakistan di costruire un gasdotto dall'Iran". ("The Pipeline That Could Keep the Peace in Afghanistan", Wall Street Journal)

Riuscite a vedere cosa sta succedendo? L'Afghanistan, che è il perno centrale per la strategia di Washington, sta per essere utilizzato per basi militari, estrazione delle risorse e trasporti. Questo è tutto. Non c'è intenzione di compiere una ricostruzione o una costruzione della nazione. Gli Stati Uniti non se ne occupano più. Questo è l'imperialismo nudo e crudo, senza fronzoli, del XXI secolo. "Nessuna nazione per te, amico. Dacci il tuo gas e ce ne andiamo via". Ecco come funziona il sistema ora. È un po' come l'Iraq, oggi il più grande inferno sulla terra, dove "la produzione di petrolio è salita al suo livello più alto in oltre 30 anni" (secondo il Wall Street Journal). E chi sta rastrellando gli utili su quella manna del petrolio?

Ma i giganti del petrolio, naturalmente (ExxonMobil, BP e Shell). Forse è per questo che non avete mai letto che un terribile errore è stata la guerra. Perché per la gente che conta, in realtà non era affatto un errore. In realtà, è andato tutto abbastanza bene.

Naturalmente, gli Stati Uniti sosterranno la parvenza di democrazia a Kabul, ma il governo non avrà alcun potere reale al di là della capitale. E non l'ha mai avuto comunque. (I locali scherzosamente chiamano Karzai il "sindaco di Kabul"). Quanto al resto del paese, sarà governato da signori della guerra come è stato fin dall'invasione del 2001. (Ricordate l'Alleanza del Nord? Odio dare la notizia, ma sono tutti signori della guerra misogini e assetati di sangue, che sono stati reintegrati da Rumsfeld e Co.)

Questo è il nuovo modello anarchico del genere "Mad Max" che Washington sta applicando ovunque interviene. L'intenzione è quella di dissolvere lo stato-nazione, al fine di rimuovere ogni ostacolo all'estrazione delle risorse, motivo per cui compaiono stati falliti ovunque gli Stati Uniti ficcano il loro grosso naso. È tutto progettato. L'obiettivo è il caos. In poche parole: è più facile rubare tutto quel che si vuole, quando non c'è nessun centro di potere che possa resistere.

Questo è il motivo per cui i leader politici in Europa sono così preoccupati, perché non amano l'idea di condividere un confine con la Somalia, che è esattamente ciò a cui l'Ucraina sta per assomigliare, quando gli Stati Uniti avranno finito con lei.

In Ucraina, gli Stati Uniti stanno usando una strategia di divide et impera per mettere l'Unione Europea contro il suo partner commerciale a Mosca. Il Dipartimento di Stato e la CIA hanno contribuito a rovesciare il presidente eletto dell'Ucraina Viktor Janukovich e a installare a Kiev un fantoccio degli Stati Uniti, a cui è stato ordinato di interrompere il flusso del gas russo verso l'Unione Europea e di attirare Putin in una guerriglia prolungata in Ucraina. I pezzi grossi di Washington hanno capito che, con qualche provocazione, Putin avrebbe reagito allo stesso modo in cui ha reagito quando la Georgia ha invaso l'Ossezia del Sud nel 2006. Ma, finora, Putin ha resistito alla tentazione di mettersi in gioco ed è per questo che il nuovo presidente fantoccio Petro Poroshenko sui è messo a fare il "Jackie Chan" e ha intensificato le provocazioni prendendo a pugni senza pietà l'est dell'Ucraina. È solo un modo di incitare Putin a inviare i carri armati.

Ma ecco la parte strana: Washington non ha un piano di back-up. Questo è evidente dal modo in cui Poroshenko continua a fare la stessa cosa più e più volte in attesa di un risultato diverso. Ciò dimostra che non c'è nessun piano B. O Poroshenko attira Putin attraverso il confine nel conflitto, o il piano dei neocon cade a pezzi, cosa che succederà, se non riescono a demonizzare Putin come un "aggressore pericoloso" e inaffidabile come partner d'affari.

Quindi tutto ciò che Putin deve fare è stare fermo, e vincerà, soprattutto perché l'Unione Europea ha bisogno del gas di Mosca. Se le forniture di energia saranno terminate o drasticamente ridotte, i prezzi saliranno, l'Unione Europea scivolerà nella recessione, e Washington si prenderà la colpa. Così a Washington rimane una finestra molto piccola per attirare Putin nella mischia, che è il motivo per cui dovremmo aspettarci un altro incidente sotto falsa bandiera su una scala molto più grande del fuoco a Odessa. Washington è costretta a fare qualcosa di veramente grande e far sembrare che sia colpa di Mosca. In caso contrario, il loro piano si sta per schiantare contro un muro di mattoni. Ecco un piccolo assaggio che i lettori potrebbero non aver notato, nel sito dell'agenzia di stampa bulgara Novinite:

"Il Parlamento ucraino ha approvato un progetto di legge .. in base al quale fino al 49% della rete di gasdotti del paese potrebbe essere venduto a investitori stranieri. Questo potrebbe aprire la strada alle società statunitensi o europee, che hanno messo un occhio sul sistema ucraino di trasporto del gas negli ultimi mesi.

... è stato in precedenza citato il primo ministro Arsenij Jatsenjuk che dice che il disegno di legge permetterebbe a Kiev di "attrarre partner europei e americani nello sfruttamento e nella modernizzazione del trasporto del gas dell'Ucraina", in una situazione del mercato energetico dell'Ucraina che ha descritto come "super-critica". I critici del disegno di legge hanno ripetutamente sottolineato che l'Occidente ha avuto a lungo interesse nei gasdotti dell'Ucraina, con alcuni che vedono nella rivoluzione ucraina un mezzo per ottenere l'accesso al sistema ("Ukraine allowed to sell up to 49% of gas pipeline system", novinite.com)

Caspita, bisogna riconoscerlo alla squadra di Obama. Sanno come scegliere i loro leader golpisti, non è vero? Queste marionette sono state in carica solo per un paio di mesi e stanno già dando via la fattoria.

E a quali condizioni! Le società degli Stati Uniti saranno in grado di acquistare quasi la metà di un gasdotto che muove il 60 per cento del gas che scorre dalla Russia all'Europa. Questo è quello che si chiama un bel colpo, amici miei; e le aziende statunitensi saranno in proprio il posto giusto per estorcere a Mosca ogni goccia di gas naturale che transita per tali gasdotti. E l'estorceranno, ci potete scommettere.

È per questo che il Dipartimento di Stato ha preparato questo putsch di folli? Perché i loro amici facoltosi e scrocconi possano rastrellare più grano?

Questo spiega anche perché la squadra di Obama sta cercando di silurare l'altro grande progetto di un gasdotto russo chiamato Southstream. Southstream è un buon affare per l'Europa e per la Russia. Da un lato, migliorerebbe notevolmente la sicurezza energetica dell'Unione Europea, e dall'altro, fornirà alla Russia le entrate necessarie per continuare a modernizzare e migliorare le loro infrastrutture fatiscenti, e a migliorare gli standard di vita. Ma "il gasdotto proposto che si snoderebbe per circa 2.400 chilometri, dal sud della Russia attraverso il Mar Nero verso la Bulgaria, la Serbia, l'Ungheria e infine l'Austria, è in grado di portare circa 60 miliardi di metri cubi di gas naturale all'anno, sufficienti a consentire alle esportazioni russe verso l'Europa di bypassare gran parte dell'Ucraina" (New York Times) Il gasdotto proposto mina ulteriormente la strategia di Washington, così Obama, il Dipartimento di Stato e potenti senatori degli Stati Uniti (Ron Johnson, John McCain, e Chris Murphy) stanno facendo tutto quanto è in loro potere per silurare il progetto.

"Ciò che dà a Vladimir Putin il suo potere e controllo sono le sue riserve di petrolio e di gas e la dipendenza da queste risorse dell'Europa occidentale e orientale", ha detto il senatore Johnson in un'intervista. "Dobbiamo rompere la sua stretta mortale sulle forniture energetiche. Abbiamo bisogno di spezzare il monopolio". (New York Times)

Che mucchio di fandonie. Putin non ha il monopolio del gas. La Russia fornisce solo il 30 per cento del gas che l'Unione Europea utilizza ogni anno. E Putin non sta neppure ricattando chicchessia. I paesi dell'Unione Europea possono acquistare il gas russo oppure non acquistarlo. Spetta a loro. Nessuno ha una pistola alla testa. E i prezzi di Gazprom sono pure competitivi, a volte ben al di sotto dei tassi di mercato, come è stato il caso per l'Ucraina per anni, fino a quando politici dementi hanno iniziato a infilare il pollice nell'occhio di Putin in ogni occasione; fino a quando hanno deciso che non dovevano pagare più le bollette, perché... ebbene, perché Washington ha detto loro di non pagare le bollette. Ecco perché.

L'Ucraina è oggi nel caos in cui è per una ragione: perché hanno deciso di seguire il consiglio di Washington e di spararsi su entrambi i piedi. I loro leader hanno pensato che fosse una buona idea. Così ora il paese è in crac, senza un soldo e lacerato da tensioni sociali. Purtroppo, non c'è alcuna cura per la stupidità.

I geni neocon apparentemente credono che, se riescono a sabotare Southstream e ad appropriarsi del 49 per cento della proprietà dei gasdotti dell'Ucraina, allora la maggior parte del gas russo dovrà fluire attraverso i gasdotti ucraini. Pensano che questo darà loro un maggiore controllo su Mosca. Ma c'è un problema tecnico a questo piano che l'analista Jeffrey Mankoff ha sottolineato in un articolo intitolato "Può l'Ucraina usare i suoi gasdotti per minacciare la Russia?". Ecco cosa ha detto:

"Il più grande problema di questo approccio è che un taglio delle forniture di gas crea rischi reali per l'economia europea ... In effetti, gli sforzi di Kiev per appropriarsi di gas russo destinato all'Europa per compensare l'impatto di un taglio russo nel gennaio 2009 fornisce un indizio sul perché manipolare le forniture di gas è una strategia rischiosa per l'Ucraina. Mosca ha risposto all'appropriazione indebita interrompendo tutte le vendite di gas attraverso l'Ucraina per un paio di settimane, lasciando gran parte dell'Europa orientale e meridionale letteralmente al freddo. I leader europei hanno reagito con rabbia, accusando sia Mosca sia Kiev per l'interruzione e chiedendo che si risolvessero da soli i loro problemi. Mentre la risposta dell'UE oggi sarebbe probabilmente un po' più solidale con l'Ucraina, la vulnerabilità stessa di Kiev e la necessità di un sostegno finanziario esterno rende molto rischiosa la strategia di suscitare la rabbia europea manipolando le forniture di gas". (Can Ukraine Use Its Gas Pipelines to Threaten Russia?, due paragrafi)

La cosa buffa del gas è che, quando smetti di pagare le bollette, ti chiudono il contatore. È così difficile da capire?

Quindi, sì, gli indovini del Dipartimento di Stato e i loro amici del racket societario potrebbero pensare di tenere Putin per le palle acquistando i gasdotti dell'Ucraina, ma il tizio che possiede il gas (Gazprom) è ancora al posto di guida. E ha intenzione di fare ciò che è nel migliore interesse di se stesso e dei suoi azionisti. Qualcuno dovrebbe spiegare a John Kerry che questo non è altro che il modo in cui funziona il capitalismo.

La politica di Washington in Ucraina è un tale caos, che ti fa davvero chiedere se le persone che se ne escono con queste idee da idioti abbiano una qualche competenza. I cervelloni che hanno concepito questo piano pensavano davvero di essere in grado di accamparsi tra i due principali partner commerciali, spegnere il gas, ridurre un paese di transito vitale in un manicomio come l'Irak, e iniziare a prendere le decisioni per tutti i paesi della regione?

È una cosa da pazzi.

Europa e Russia sono un connubio perfetto. L'Europa ha bisogno di gas per riscaldare le sue case e far funzionare le sue macchine. La Russia ha gas da vendere e ha bisogno di denaro per rafforzare la propria economia. Si tratta di una situazione in cui tutti hanno da vincere. Ciò di cui l'Europa e la Russia non hanno bisogno sono gli Stati Uniti. Di fatto, gli Stati Uniti sono il problema. Finché persiste l'ingerenza degli Stati Uniti, ci saranno disordini sociali, divisioni e guerra. È semplicemente così. Quindi, l'obiettivo dovrebbe essere quello di minare la capacità di Washington di condurre queste operazioni destabilizzanti e costringere i politici americani a farsi i propri affari da folli. Questo significa che ci dovrebbe essere uno sforzo concertato per abbandonare il dollaro, affossare il Tesoro USA, gettare a mare il sistema dei petrodollari e costringere gli Stati Uniti a diventare un cittadino responsabile che si conforma al diritto internazionale.

Non accadrà dall'oggi al domani, ma accadrà, soprattutto perché sono tutti stanchi di tutta questa agitazione, e non ne possono più.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11