Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=205  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=602  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=646  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=4898  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=2779 
Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=204  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=206  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=207  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=208  Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=3944 
Mirrors.php?locale=it&cat_id=35&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 29 giugno 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11
  Intanto, nell'esercito ucraino...

Reportage di Gennadij Volkov su Facebook

30 maggio 2014

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Ho recentemente visitato il "fronte orientale", al campo della 51a brigata mobile separata dell'esercito ucraino. Questa è l'unità che recentemente ha subito per mano di attaccanti sconosciuto (presumibilmente separatisti) 17 morti e 30 feriti.

Le mie impressioni del viaggio sono terribili. Permettetemi di riassumerle.

La brigata conta poco più di 4.000 uomini ed è servita da ucraini dell'ovest, per lo più dalla Volinia. La logica è chiara - sarà più facile per gli "occidentali" sparare agli "orientali", la cui mentalità è a loro estranea. Purtroppo, tuttavia, la realtà è molto più complessa.

Ai posti di blocco, i soldati sono molto vigili. La recente tragedia è servito come il miglior avvertimento che le regole di combattimento sono scritte nel sangue, e che la loro vita è solo nelle loro mani. Ho notato che per gli equipaggi ai blocchi stradali, la vigilanza è scritta a lettere maiuscole. TUTTAVIA: Come i soldati hanno ammesso davanti a me in una conversazione fuori onda, i blocchi stradali sono per lo più irrilevanti: i separatisti li superano facilmente passando da strade sterrate di villaggio e vanno ovunque hanno bisogno di andare. "Qui stiamo proteggendo noi stessi".

Il nostro convoglio, guidato da jeep che trasportavano deputati della Volinia che portavano regali per i loro vicini nell'esercito - giubbotti antiproiettile e gadget utili, come visori notturni e a infrarossi - era scortato da un camion che trasportava una squadra di soldati e un ufficiale. Si è scoperto che i soldati non avevano ancora visto il nemico. Solo al comandante avevano sparato prima... i nostri uomini. Ci ha raccontato la storia come segue: un gruppo di soldati è stato inviato a incontrare qualche colonnello che aveva perso la strada con la sua UAZ. Nel luogo in cui stavano cercandolo, il team di ricerca ha visto una Jeep dell'esercito sul ciglio della strada - e all'improvviso dai cespugli sono usciti uomini con fucili, in maschera nera e mimetica. La squadra li ha presi per separatisti e dato gas, e gli uomini, a loro volta, hanno aperto il fuoco. Come risultato, l'autista è stato ucciso, un altro uomo è stato ferito, e si è scoperto che gli uomini mascherati erano del battaglione difesa locale. Il procuratore è arrivato sul posto completamente ubriaco, la polizia lo ha ignorato. Come per l'uomo che ci ha raccontato questa storia, nessuno è stato punito. Questo accade quando uomini con le uniformi identiche senza distintivi di rango e con armi da fuoco identiche combattono tra di loro.

Parlando delle divise - l'esercito ucraino non riesce a vestire correttamente i suoi uomini. I soldati sui blocchi stradali assomigliano a ribelli messicani o a mujaheddin del Caucaso - una sorta di banda paramilitare che indossa un mix di uniformi mimetiche da tutto il mondo e di abiti civili. L'abbigliamento di molti uomini è fortemente usurato e non lavato.

Il che ci porta al prossimo argomento. Non intendo diffondere il panico, ma non si può togliere le parole da una canzone - e le parole che i soldati mi hanno chiesto di riferire sono queste: "Siamo tenuti qui contro la nostra volontà in condizioni da animali, tutti ci hanno mentito".

Dopo aver parlato con i combattenti sono stato più volte, scusate il mio francese, ****utamente scioccato.

Prima di tutto, non ci sono assolutamente volontari tra gli uomini. Tutti sono coscritti, e sembra che abbiano preso letteralmente tutti con la forza.

Chiedo a un ragazzo della Volinia con un AKSU della polizia (sono tutti armati): "Come sei stato mobilitato?" "Mi hanno portato al commissariato militare, mi hanno fatto una foto, mi hanno dato i documenti in un giorno - poi mi hanno messo su un treno e mi hanno mandato nell'esercito. Mi hanno dato un fucile, munizioni - ed eccomi qui. Non mi hanno mai fatto sparare."

Sono rimasto scioccato. Ho chiesto: "Che cosa vuoi dire, non hai mai sparato? Non hai fatto il servizio militare normale?" "No, non sono mai stato nell'esercito".

*****!!!!!

Quest'uomo ha visto i kalashnikov e il servizio militare solo nei film - e prendono e lo inviano alle trincee di Stalingrado! Ora qualche p*****a mi parlerà di Stalin o Zhukov che "seppelliscono il nemico sotto i loro morti". Ecco la carne da cannone del XXI secolo dell'Ucraina indipendente con cui tappano i buchi sul "fronte orientale". Questa è follia! Un nuovo 1941! Hanno preso perfino studenti che non si sono laureati all'università, contadini le cui aziende rimangono inattive.

Tra l'altro, la brigata è meccanizzata principalmente sulla carta. Se crediamo ai soldati, la grande quantità di veicoli corazzati da combattimento che l'esercito ha portato e scaricato in un campo nella regione di Donetsk è per lo più rotta e non si può muovere. Questo è facile da credere, quando guardi i veicoli BMP ed SP che sono stati probabilmente dipinti per l'ultima volta prima del volo di Gagarin.

Le condizioni in cui questi poveretti hanno vissuto per due mesi probabilmente rientrano nella Convenzione di Ginevra. Il problema principale è un terribile deficit di acqua. Ogni giorno i soldati fanno duro lavoro, ma non hanno un posto per lavare se stessi o il loro abbigliamento. Un bagno da campo? Di che cosa state parlando? Non hanno nemmeno qualcosa da bere - potete vedere nel video ciò che passa per acqua potabile. C'è un po' di cibo - ma le cucine da campo che vediamo negli eventi ufficiali dell'esercito in città sono totalmente assenti! Il cibo è preparato su falò o stufe da trincea degli anni '30 o '40.

Le vecchie tende sono bucate come colini. I soldati dormono per terra su materassi sporchi come vagabondi. Non ci sono lenzuola o letti. Se fosse inverno, probabilmente si vedrebbero presto i pidocchi del tifo.

La paga promessa ai volontari è assente... I soldati hanno ricevuto 1.300 grivne per aprile, ma hanno già speso questo denaro nei negozi locali per cibo e acqua. Sono salvati dalle famiglie che inviano loro cibo e denaro. In generale, le truppe e le loro famiglie stanno spendendo il proprio denaro in servizio - e dal momento che molti di questi uomini mantenevano mogli senza posti di lavoro e bambini - potete immaginare da voi stessi lo stato del loro morale.

Non dovrebbe quindi sorprendere vedere l'ubriachezza di massa tra le truppe. Siamo arrivati ​​nel campo della brigata alla sera, abbiamo trascorso lì diverse ore, e il numero di uomini ubriachi in uniforme cresceva davanti ai miei occhi. Ognuno, vi ricordo, è armato. Gli ufficiali lo vedono, ma sono troppo vigliacchi per dire qualcosa, e generalmente preferiscono non disturbare le truppe se non c'è necessità. Fortunatamente i soldati ubriachi non sono aggressivi, dal momento che non bevono per darsi coraggio, ma per disperazione.

Addolorati da questa impressione siamo tornati a casa. Nella regione di Dnepropetrovsk siamo stati fermati a un posto di blocco con una bandiera ucraina. Uomini in abiti civili, armati di kalashnikov, hanno sentito la loro superiorità e hanno fatto di tutto per rovinare il nostro umore. Utilizzando gergo da villaggio hanno usato parole maleducate per chiedere i nostri documenti, ci hanno fatto domande idiote del tipo "che tipo di compagnia televisiva è la vostra? Chi è il vostro padrone?" Non ci hanno buttati a terra, a dire il vero, ma dopo aver capito che non potevano fregarci, ci hanno dato un addio gentile con le parole "Andatevene via da qui affan****".

Se saranno uccisi dai separatisti durante la notte - non piangerò, credetemi.

Ci siamo fermati a mangiare nel villaggio più vicino. Abbiamo chiesto ai passanti di che feccia si trattava (non ci hanno nemmeno detto chi rappresentavano). Ci hanno detto che si tratta di membri di un gruppo di autodifesa locale, che avevano minacciato tutti chiedendo 150 grivne per il passaggio, e obbligando le persone che non hanno denaro a cantare l'inno ucraino. La situazione è cambiata completamente quando siamo entrati a Zaporozh'e da Donetsk - uomini con fucili in uniforme con le insegne - credo - del "Reggimento di Gortitsa" sono stati estremamente vigili ma educati, e, dopo aver capito che non siamo terroristi, ci hanno augurato ogni bene, come se fossimo buoni amici.

Così finisce la nostra favola. Complimenti a chi ha letto fino alla fine. Guardate il video e le immagini (ci sono commenti sotto le foto).

https://www.facebook.com/vovkulak/posts/601619749934132

https://www.youtube.com/watch?v=bDkASKEwnuo

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11