Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?locale=it&cat_id=27&id=205  Mirrors.php?locale=it&cat_id=27&id=602  Mirrors.php?locale=it&cat_id=27&id=646  Mirrors.php?locale=it&cat_id=27&id=4898  Mirrors.php?locale=it&cat_id=27&id=2779 
Mirrors.php?locale=it&cat_id=27&id=204  Mirrors.php?locale=it&cat_id=27&id=206  Mirrors.php?locale=it&cat_id=27&id=207  Mirrors.php?locale=it&cat_id=27&id=208  Mirrors.php?locale=it&cat_id=27&id=3944 
Mirrors.php?locale=it&cat_id=27&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 29 giugno 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 3
  Padre Georgij Maksimov – Bere acqua santa a digiuno? Bagni in acqua gelata? Non sono tradizioni ortodosse

Russian Faith, 22 gennaio 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Cari fratelli e sorelle, buona festa della Teofania! In questo giorno vorrei dire alcune parole sulla giusta attitudine verso l'acqua santa e i cosiddetti "bagni della Teofania", in particolare immergendosi nelle buche di acqua scavate nel ghiaccio.

Sia alla vigilia di Teofania, sia nel giorno della Festa della Teofania stessa, celebriamo il servizio della "Grande benedizione delle acque". È una consuetudine consolidata che il nostro popolo consumi acqua santa solo a stomaco vuoto. Questo lo si può leggere in molte fonti diverse e molte persone insistono su questo punto in modo abbastanza enfatico.

Tuttavia, se guardiamo a ciò che è scritto nel Tipico – il libro che espone le regole per i servizi della Chiesa – vediamo le seguenti parole:

"Sia noto, a proposito dell'acqua santa, che tutti coloro che se ne privano perché prima hanno mangiato, non stanno agendo bene: secondo la grazia di Dio, quest'acqua è data per la santificazione del mondo. È spruzzata ovunque, anche nei luoghi impuri e persino sotto i nostri piedi, quindi dov'è la saggezza di coloro che dicono che non puoi berla se hai mangiato in precedenza? Comprendete che non è attraverso il consumo di cibo che entra in noi l'impurità, ma a causa di azioni impure. Poiché il cibo non ci contamina, beviamo senza dubbio l'acqua santa".

Come possiamo vedere, il Tipico dice chiaramente che possiamo bere l'acqua santa in qualsiasi momento, non necessariamente a stomaco vuoto.

Certo, non c'è nulla di male se qualcuno decide, per riverenza verso l'acqua santa, di berla solo a stomaco vuoto: è suo pieno diritto farlo. Ma quando è presentato come un dovere, o una regola della Chiesa, o la legge della Chiesa, questo semplicemente non è vero.

È particolarmente sbagliato quando le persone trattano l'acqua santa come un sostituto della santa comunione, dicendo che proprio perché digiuniamo prima della comunione, dobbiamo anche digiunare prima di bere l'acqua santa. Certo, questo è un paragone sacrilego, perché nulla in questo mondo, nessun oggetto o cosa sacra, è uguale alla santa comunione. Quando riceviamo la santa comunione, prendiamo parte al corpo e al sangue di nostro Signore Gesù Cristo, il mistero più alto e più sacro che esista. E anche se l'acqua santa è davvero una sostanza sacra, non possiamo paragonarla al santissimo corpo e sangue di Cristo.

Quindi, anche se avete già mangiato, se sentite il ​​bisogno di bere un po' di acqua santa, potete senza dubbio berla senza scrupoli o esitazioni.

bagno della Teofania in acqua gelata

Per quanto riguarda il cosiddetto "bagno della Teofania", in nessun modo questa è una regola della Chiesa, e neppure una pia tradizione. Piuttosto, potremmo chiamarlo un costume di intrattenimento popolare. Il libro della Guida del clero ortodosso pubblicato prima della rivoluzione russa afferma quanto segue:

"Coloro che fanno bagni in questo giorno sono di solito quelli che si sono vestiti in costumi pagani durante gli Sviatki (i "dodici giorni di Natale") e hanno predetto il futuro e compiuto attività simili, supponendo in modo superstizioso che un tale bagno li avrebbe purificati da questi peccati. Inutile dire che questo e altri costumi simili, in quanto contrari alla sacralità della festa e contraddittori dello spirito del vero cristianesimo, non possono essere tollerati e dovrebbero essere sradicati".

Come sottolinea la guida del clero, è superstizioso e del tutto inopportuno pensare che fare il bagno in una buca di acqua gelata ci purifichi dai peccati, ed è un'idea assurda che questo possa essere trattato come se fosse equivalente al mistero del battesimo.

Secondo me, se la salute di una persona lo permette, e questa si bagna in acqua ghiacciata semplicemente per partecipare a questo intrattenimento popolare – e non a causa del pensiero superstizioso descritto sopra – allora, perché no? Penso che sia abbastanza accettabile. Tuttavia, una persona non dovrebbe considerare questo costume come una regola della Chiesa, o una sorta di attività divina e pia, o qualche tipo di "atto di fede", ecc. Questi bagni di acqua ghiacciata non hanno nulla a che fare con tali cose.

Abbiamo semplicemente bisogno di capire che nel corso degli anni si sono sviluppate tra la nostra gente varie abitudini e consueudini. Queste usanze non hanno necessariamente a che fare con le regole o le leggi della Chiesa, e abbiamo bisogno di avere saggezza per distinguere le une dalle altre.

Ancora una volta, buona festa della Teofania, e che Dio vi benedica!

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 3