Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 novembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11
  "Il volto della dignità" o "il volto di Giano": perché Petro Poroshenko scommette sugli uniati

di Kirill Aleksandrov

Unione dei giornalisti ortodossi, 5 settembre 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

quando è divenuto chiaro che il Tomos per la "Chiesa ortodossa dell'Ucraina" era inutile alle elezioni, Poroshenko si è riorientato sugli uniati. Foto: unione dei giornalisti ortodossi

L'ex presidente non nasconde più il fatto di voler unire la "Chiesa ortodossa dell'Ucraina" con i greco-cattolici.

Il 1 settembre 2019, l'ex presidente dell'Ucraina Petro Poroshenko ha preso parte alle celebrazioni in occasione del 50° anniversario della consacrazione della chiesa cattolica ucraina di Santa Sofia a Roma. Poco prima, ha visitato il centro spirituale della Chiesa greco-cattolica ucraina a Zarvanitsa. Che cosa significano queste riverenze verso i greco-cattolici da parte del principale lobbista del Tomos e del creatore della "Chiesa ortodossa dell'Ucraina"?

Anche durante la campagna elettorale presidenziale, gli spin-doctor di Poroshenko hanno iniziato a presentarlo come una figura simile al santo principe Vladimir.

San Vladimir ha battezzato la Rus'? Ebbene, si deve fare di Poroshenko il secondo battista dell'Ucraina, della Rus', della Rus'-Ucraina, di qualunque cosa. A sua volta, il capo della "Chiesa ortodossa dell'Ucraina", Epifanij Dumenko, dichiara che la concessione del Tomos è il secondo battesimo dell'Ucraina.

E per rendere ancora più luminosa l'immagine del candidato alla presidenza, hanno deciso di includere il suo nome nell'elenco delle figure storiche eccezionali.

"Il suo nome, signor presidente, entrerà per sempre nella storia del popolo e della Chiesa ucraini accanto ai nomi dei sovrani, i nostri principi Vladimir il Grande, Jaroslav il Saggio, Konstanty Ostrogski, e l'atamano Ivan Mazepa", ha detto Dumenko alla cerimonia della firma del Tomos.

Come sono passate alla storia le persone sopra menzionate?

Il santo principe Vladimir il Grande ha battezzato la Rus'. Ha unito sotto la sua autorità principati sparsi su un vasto territorio e ha creato uno degli stati più potenti del mondo di allora. Ha costruito molte chiese, ha fondato il sistema educativo e ha insegnato al popolo con il suo esempio di misericordia e di adempimento dei comandamenti di Dio.

Il santo principe Jaroslav il Saggio ha costruito a Kiev la chiesa principale della Rus - la maestosa cattedrale di santa Sofia - e molte altre. Ha fondato i primi monasteri russi. Ha costruito decine di città, tra cui Jurjev (Tartu), Jaroslavl (nella regione del Volga e nella regione dei Carpazi), Novgorod-Severskij e altre. Ha pubblicato il primo codice ecclesiastico della Rus' e del diritto civile: lo Statuto della Chiesa e la Ruska pravda (Verità russa). Sotto il suo dominio, è stato creato un avanzato sistema di scuole in cui i bambini di tutti gli strati sociali potevano ricevere istruzione. Sotto di lui, lo stato ha raggiunto un picco tale che un cronista occidentale dell'XI secolo, Adamo di Brema, definì Kiev rivale di Costantinopoli, "la perla più bella".

Il grande atamano lituano Konstanty Ostrogskij ha vinto 63 vittorie sui tatari ed è stato un grande mecenate della Chiesa ortodossa di fronte alle autorità lituane. È stato grazie alle sue preoccupazioni e sollecitazioni che lo stato giuridico della Chiesa è stato saldamente stabilito nel paese, sono state intraprese e parzialmente attuate azioni per innalzare il livello morale e spirituale del popolo ortodosso, la posizione dei vescovi e del clero è stata rafforzata, e l'interferenza delle persone secolari negli affari ecclesiali è stata limitata.

Rimarremo in silenzio sull'atamano Ivan Mazepa a causa dell'ambigua valutazione di questa figura storica.

In cosa Petro Poroshenko si è unito a questa linea? Ricordiamo i suoi meriti e, prima di tutto, i più importanti impegni elettorali nel 2014.

Terminare la "operazione anti-terrorismo" in poche ore. Dopo questo impegno ci furono le sacche di Ilovajsk e Debaltsevo in cui persero la vita migliaia di persone. Ora stanno morendo soldati e civili – la guerra continua ancora.

Fornire ai soldati nella zona operativa antiterroristica uno stipendio di 1.000 grivnie ucraine al giorno. Al tasso di cambio del 2014 di 11 grivnie / 1 dollaro USA, ciò ammontava a circa 2.500 $ al mese. Nel 2018, il personale militare nella zona ha ricevuto circa 17.000 grivnie al mese, o circa 600 $ al tasso di cambio allora.

• Vendere la Roshen e altri beni aziendali. Non è stato venduto nulla. Inoltre, il reddito di Poroshenko nel corso degli anni della sua presidenza, secondo la sua dichiarazione, è aumentato di 95 volte.

• Non aprire procedimenti penali contro giornalisti. Ci sono invece stati casi del genere.

• Garantire il tasso di cambio di 10 grivnie / 1 $. Alla fine del mandato presidenziale di Poroshenko, ha raggiunto 28 grivnie / 1 $.

• Bloccare tutte le attività offshore. Nel 2017, il Centro OCCRP per l'investigazione della corruzione e del crimine organizzato ha pubblicato il cosiddetto "Archivio di Panama", in cui Poroshenko era elencato come proprietario di una serie di società offshore, alle quali era anche incorporata la Roshen.

• Rendere Zhitomir la capitale dello spazio ucraino. Non facciamo commenti.

I risultati del regno di Poroshenko sono stati un aumento multiplo delle tariffe, un massiccio aumento dei prezzi, un crollo della produzione e una migrazione di milioni di ucraini all'estero per guadagnarsi da vivere. Secondo alcuni rapporti, uno su cinque ucraini in età lavorativa ha lasciato il Paese. Secondo l'FMI, l'Ucraina sotto Poroshenko è diventata il paese più povero d'Europa, e secondo la dichiarazione dell'Ufficio internazionale anticorruzione "Transparency International", il più corrotto.

Nella primavera del 2019, l'audit pubblico dell'organizzazione pubblica ha stilato una tabella dei risultati del regime di Poroshenko.

l'Ucraina nelle classifiche mondiali. Fonte: publicaudit.com.ua

E nonostante tutto questo, Epifanij Dumenko mette Poroshenko alla pari con i grandi sovrani del passato.

Fondamentalmente, gli ortodossi sono pazienti e per loro l'impoverimento materiale di un intero paese non è così importante come il fatto che Poroshenko si è rivelato essere un persecutore aperto della Chiesa. "Miei cari, non avete niente da fare qui. Non c'è niente che la vostra Chiesa possa fare <...> Tornatevene a casa in Russia", ha detto il 7 novembre 2018. E queste non erano solo parole. La Chiesa ortodossa ucraina è sopravvissuta alle atrocità dei radicali, al sequestro dei templi, alle leggi anticristiane, ai procedimenti penali contro il clero, agli interrogatori e alle "conversazioni" alla SBU e al Ministero degli interni. Tutto questo è stato organizzato dall'ex presidente.

Nelle condizioni di un completo fallimento della politica interna ed estera, dell'economia e della sfera sociale, Poroshenko ha provato alle elezioni del 2019 di scommettere sulla creazione della "Chiesa ortodossa dell'Ucraina". Ed è riuscito a crearla da due denominazioni scismatiche: il "patriarcato di Kiev" e la "Chiesa ortodossa autocefala ucraina". Ma la scommessa è andata male. Poroshenko ha perso le elezioni presidenziali contro lo showman Vladimir Zelenskij con un punteggio schiacciante: circa il 50% in meno rispetto al vincitore.

E ora questo attore, a quanto pare, ha deciso di cambiare la sua scommessa e ha ovviamente iniziato a recitare con gli uniati.

Si può ricordare la sua visita a Leopoli, dove ha tenuto il suo discorso all'Università cattolica ucraina il 29 aprile 2019 e ha definito questa istituzione educativa un simbolo dell'Ucraina e del valore della nazione: "Sto tra le mura sacre della Università cattolica ucraina, mura che per ogni vero ucraino sono un simbolo della grandezza della nostra nazione, un simbolo del nostro paese, con un obiettivo: ringraziarvi per aver preso una decisione molto importante per il paese, per me e per voi stessi – supportarmi nelle elezioni presidenziali".

Nel luglio 2019, Poroshenko ha visitato il centro spirituale della Chiesa greco-cattolica ucraina a Zarvanitsa, dove ha invitato la maggior parte degli ucraini ortodossi a unirsi alla preghiera comunitaria con i greco-cattolici. Ha detto al leader della Chiesa greco-cattolica ucraina, Svjatoslav Shevchuk, che contava sulla cooperazione: "Sarò contento se la nostra cooperazione continuerà. Infatti, solo insieme possiamo trovare la risposta a nuovi rischi, sfide e minacce che affliggono l'Ucraina".  Tutti conoscono l'essenza di questa cooperazione: Shevchuk, quasi più di Dumenko, ha fatto campagna per Poroshenko durante la sua campagna elettorale.

Il 1 settembre 2019, l'ex presidente ha partecipato alle celebrazioni a Roma in occasione del 50 ° anniversario della consacrazione della locale chiesa greco-cattolica ucraina. Qui, ha già dichiarato senza mezzi termini l'unificazione della "Chiesa ortodossa dell'Ucraina" e della Chiesa greco-cattolica sulla base degli interessi statali: "Oggi la Chiesa greco-cattolica svolge un ruolo estremamente importante nell'unità dello stato. E per me l'unificazione delle nostre Chiese è estremamente importante: sono qui come ortodosso, i presenti qui sono per la maggior parte greco-cattolici, ma stiamo insieme perché preghiamo per l'Ucraina".

Dopo un'esclamazione "Gloria all'Ucraina!" Qualcuno ha gridato "Gloria a Petro!" In questa foto puoi vedere l'espressione facciale di Poroshenko dopo queste parole.

schermata di Priamyi Channel

Poroshenko ha fallito in modo spettacolare alle elezioni. Ora è solo un deputato. Ma è probabile che gli sia rimasta in petto l'idea di tornare di nuovo al potere. Il 29 agosto 2019, al primo incontro della neo-eletta Verkhovna Rada, la deputata del partito "Servo del popolo" Liza Bogutskaya ha scitto a qualcuno un messaggio che l'ex presidente stava preparando un colpo di stato.

la parlamentare Liza Bogutskaja alla Verkhovna Rada. Foto: strana.ua

Nel messaggio ci sono le seguenti parole: "Elena, scriverò un post su questo in seguito. Immagina solo un attacco su Facebook contro l'intera fazione di SP ("Servo del popolo", ndt). Voglio solo scriverti – lasciamo [Arsen] Avakov (come capo del Ministero degli interni, ndt). Non c'è altro modo. Poroshenko sta preparando un colpo di stato. E lo intende davvero. Si aspetta che licenziamo Avakov per lanciarlo immediatamente. Oggi, molto probabilmente, rimuoveremo la sua immunità, ma lo lasceremo come ministro degli interni. Sono molto turbata, ma non c'è altro modo. Rimarrà fino a dicembre. È a dicembre che Petja (Poroshenko, ndt) sta preparando il colpo di stato".

Non sappiamo se Poroshenko stia preparando o no un colpo di stato. Ma l'aspetto stesso di un messaggio del genere può dire molto.

Durante le elezioni presidenziali, Poroshenko ha tentato di nuovo di tornare al potere sulle spalle del Tomos e della "Chiesa ortodossa dell'Ucraina", da lui creata. La scommessa è stata un fallimento. Sta ora cercando di tornare sulle spalle dei cattolici ucraini di rito ortodosso? Gli uniati hanno abbastanza esperienza di partecipazione attiva ai colpi di stato: l' Unione dei giornalisti ortodossi ha ripetutamente scritto del loro, per dirla in modo moderato, contributo significativo all'organizzazione di due Majdan ucraini.

Ma c'è qualcos'altro a cui pensare: l'oscillazione di Poroshenko dagli ortodossi agli uniati è un segno della sua doppia faccia, della sua doppia mente?

"...un uomo che ha l'animo oscillante e instabile in tutte le sue azioni" (Giacomo 1:8).

Quindi, se una tale persona ha fondato o, almeno, ha preso parte attiva alla fondazione della "Chiesa ortodossa dell'Ucraina", è tempo di pensare a cosa sia questa organizzazione. Il nome di Petro Poroshenko è iscritto nel Tomos e questo fatto non rimane in silenzio – questa è storia. Ma se un politico può permettere a se stesso di essere ipocrita, può un'organizzazione religiosa, chiamandosi Chiesa, piegarsi a questo? I leader di una simile organizzazione, che si definiscono ortodossi, possono sforzarsi di unirsi ai greco-cattolici? Epifanij Dumenko dichiara di poterlo fare. Ma San Teodosio delle Grotte di Kiev dice che non si può.

"Non unirti alla fede latina (cattolica), non aderire ai loro riti, fuggi alla loro comunione, evita tutti i loro insegnamenti e aborri i loro costumi. Attenti, figli, ai loro distorti credenti e a ciò che dicono, perché la nostra terra ne è piena. Se qualcuno salva la sua anima, lo fa solo vivendo nella fede ortodossa, perché non esiste altra fede migliore della nostra pura e santa fede ortodossa" (dal testamento di san Teodosio al gran principe Izjaslav).

Chi di loro dovremmo ascoltare?

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11