Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 novembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11
  Perché i russi odiano l'idea della separazione tra Chiesa e Stato

di Matfey Shaheen

Russian Faith, 25 ottobre 2017

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Tagliando l'unione tra Chiesa e Stato, non si diminuisce la corruzione. La si aumenta

Il presidente russo Putin e il presidente bielorusso Lukashenko nella sala del trono del patriarca di Mosca. Insieme con l'Ucraina, la Russia e la Bielorussia formano la Santa Rus'. Notate la bandiera ucraina blu e oro esposta con orgoglio tra Putin e il patriarca Kirill, insieme a tutte le altre bandiere delle terre ortodosse russe.

Una delle critiche più comuni della religione organizzata è che questa ha dei coinvolgimenti negli affari della politica e della guerra.

La gente dice: "Perché i leader religiosi sono coinvolti in discussioni politiche? La politica è politica, la religione è religione, le due cose non si dovrebbero mai incontrare".

Le persone non religiose indicano lo Stato Pontificio e l'inquisizione spagnola come esempi di religione troppo politicizzata. Allo stesso modo, molte persone religiose hanno ragionevoli preoccupazioni che la religione possa essere corrotta dalla politica e usata per scopi nefasti.

Intanto, nel corso della storia, c'è sempre stata una stretta relazione tra la Chiesa ortodossa e diversi stati; questo è vero dai tempi dell'Impero Romano (bizantino) all'Impero Russo e anche nei paesi moderni come la Grecia, la Romania e, naturalmente, la Russia.

"La Chiesa Ortodossa dovrebbe mantenere stretti rapporti con lo Stato?"

Nei paesi ortodossi la risposta è ovvia – ovviamente, lo dovrebbe!

Ma la Chiesa dovrebbe interferire nelle questioni dello Stato, cosa che può degenerare in pericolosi affari di politica e di guerra?

Sì, perché la Chiesa ortodossa non si vede tanto come una "chiesa invisibile, un corpo di eletti", ma come un ospedale spirituale.

Il nostro Padre fra i santi, Giovanni Crisostomo, arcivescovo di Costantinopoli, dice: "Entrate nella Chiesa e lavate i vostri peccati. Poiché qui c'è un ospedale e non un tribunale. Non vergognatevi più di entrare nella Chiesa, vergognatevi quando peccate, ma non quando vi pentite".

La Chiesa ortodossa si è sempre vista innanzitutto come luogo per guarire le persone da una malattia mortale, la malattia del peccato.

Nella teologia ortodossa, il termine 'malato mortale' è piuttosto letterale; gli ortodossi credono che la morte sia il risultato diretto del peccato.

Questa è la comprensione ortodossa del peccato originale: piuttosto che qualcosa che ci fa nascere tutti "colpevoli", crediamo che il peccato originale abbia infettato la razza umana con una malattia terminale – la morte e una tendenza alla morte.

Dove al mondo sono più necessari che altrove gli ospedali e le cliniche? In luoghi dove le persone sono più malate, in luoghi di guerra e di sofferenza.

Se la Chiesa celebra la sua dignità come una torre d'avorio che sorge da una città circondata da sette colline e sette mura, è anche vero che è una Chiesa missionaria.

Il suo popolo, specialmente il suo clero, va dov'è chiamato e dov'è più necessario.

Se la politica e la guerra sono i luoghi in cui si esprimono le azioni umane più tenebrose, allora sono esattamente i luoghi dove deve essere la Chiesa, come un faro nelle notti senza luna per guidare le anime verso un porto sicuro.

la chiesa-faro di san Nicola il Taumaturgo a Malorichensk, in Crimea meridionale

Si potrebbe arrivare a dire che è l'opinione dell'Ortodossia, in particolare dell'Ortodossia russa, che la Chiesa deve essere coinvolta nella guerra e nella politica per impedire la guerra e pacificare il lato più tenebroso degli intrighi politici.

Anche se gli americani e la loro civiltà relativamente giovane assicurano al mondo che la Chiesa e lo Stato debbono essere separati, i russi credono davvero che la rimozione o la separazione della Chiesa dallo Stato distrugga altri ideali molto cari agli americani: le funzioni di controllo e di equilibrio.

Per i russi, la Chiesa è un controllo morale sullo Stato. Se non fosse per la Chiesa ortodossa russa, la Russia avrebbe potuto essere stata distrutta molte volte da nemici stranieri e da quinte colonne interne.

Si potrebbe dire che lo Stato russo – uno degli stati più antichi e il luogo di nascita del patriottismo – provenga dalla Chiesa ortodossa perché fu con il Battesimo della Rus che il santo Vladimir di Kiev unì la Russia.

il Battesimo della Rus' del santo Vladimir di Kiev (il re che regge una croce sulla barca) è stato il momento più importante e seminale della storia russa. Tutto ciò che è conosciuto archetipicamente come russo, ucraino e bielorusso, e ciò che riconosciamo oggi come Russia, è nato in questo momento

Queste due entità non possono essere veramente separate nei paesi ortodossi perché in molti casi è stata la Chiesa che ha formato per la prima volta la coscienza nazionale della nazione stessa o l'ha preservata durante i momenti di occupazione. Come ha detto il Presidente Putin, non è possibile immaginare la Russia senza la Chiesa ortodossa.

Inoltre, i russi ricordano ciò che è successo quando i rivoluzionari russi hanno implementato il comunismo, un'ideologia straniera (inventata da pensatori tedeschi e inglesi) che è stata la prima a cercare di rompere l'antica relazione tra Chiesa e Stato.

Il comunismo, totalmente straniero al contesto russo, è stato fisicamente importato in Russia, quando l'Impero tedesco, durante la seconda guerra mondiale, ha fatto tornare segretamente Lenin in Russia per diffondere la peste della rivoluzione, una cosa più efficace e mortale di qualsiasi arma biologica.

I rivoluzionari che odiano la Russia hanno cercato di separare la Chiesa dallo Stato perché sapevano che questa separazione avrebbe distrutto entrambi. E perché sapevano che non avrebbero mai potuto corrompere lo Stato senza prima attaccare la sua fondazione morale.

"La Russia eterna" di Il'ja Glazunov descrive la perpetua Rus' ortodossa nel periodo tra le tempeste della sua epoca e la nostra

I russi ricordano bene come si viveva sotto un sistema che odiava la Chiesa.

Quando Lenin e il suo seguito bolscevico cercarono di rimuovere la Chiesa da tutti gli aspetti della vita russa, questi sabotatori e traditori promisero che senza la Chiesa che corrompeva lo stato, la politica avrebbe potuto concentrarsi veramente sull'aiuto all'umanità, e la Russia avrebbe prosperato.

Il risultato, tuttavia, è stato in realtà la distruzione senza fine di vite russe.

"Il mercato della nostra democrazia" di Glazunov rappresenta non solo l'inevitabile risultato del comunismo, ma il pernicioso risultato della tendenza "occidentale" che abbiamo vissuto nel nostro paese negli anni '90. La Russia, la sua gente e la sua cultura sono stati effettivamente ridotti a prostitute come l'Israele biblico nella prigionia pagana babilonese o egiziana

È quando la Chiesa e lo Stato russo operano in sinfonia, che il riflusso dell'Ortodossia in Russia diventa possibile.

Lo Stato e la Chiesa russi sono come due teste su un'aquila con lo stesso corpo, operano in modo diverso, ma sono entrambi cruciali per la sopravvivenza del tutto.

Questa relazione è molto pratica.

Il patriarca Kirill ha parlato perfettamente quando si è rivolto ai marinai della flotta settentrionale a Severomorsk nel 2016. Sua Santità ha detto che la Chiesa attribuisce "una grande importanza alla cooperazione con le forze armate".

I critici si fermano immediatamente a questo punto e lo usano come un esempio della Chiesa troppo politicizzata o che appoggia la violenza, ma se avessero continuato a leggere, avrebbero visto che il Patriarca crede che questa relazione aiuti a garantire la pace!

Il Patriarca ha affermato che la condizione delle anime dei soldati è "una parte essenziale del mantenimento della pace".

I cinici si sono mai fermati a considerare che forse se la Chiesa fosse più coinvolta nello Stato e se i sacerdoti fossero tra i soldati nelle loro ore più buie, potrebbero portare una luce nelle notti della guerra?

I soldati russi ci hanno certamente pensato, e quando gli è stato chiesto se volevano più sacerdoti tra i loro ranghi, il risultato è stato un travolgente Da!

La Chiesa mantiene il benessere spirituale dei soldati russi, non solo perché è bene per loro e per la Russia, ma poiché la Russia è una potenza nucleare, la presenza della Chiesa e la sua missione per la pace tra le forze armate russe è una garanzia della pace nel mondo .

Molti dimenticano che anche la guerra in Siria è stata influenzata da questa relazione.

I patriarchi Kirill di Mosca e Ignazio IV di Antiochia (+2012), il leader dei cristiani siriani. Antiochia, l'antica capitale della Siria, è il luogo i cui, secondo la Bibbia, i discepoli di Gesù Cristo furono chiamati per la prima volta cristiani. (Atti 11:26). Il presidente siriano Assad, (sui cartelli), è un protettore dei cristiani in Siria, che li ritiene parte inseparabile della storia del paese.

Il patriarca Kirill ha sollecitato il presidente Putin a proteggere i cristiani in Siria, e Putin ha risposto alla chiamata.

Proprio come il santo Vladimir Svjatoslavich di Kiev aveva inviato la sua guardia "vichinga" all'Impero Romano per combattere i jihadisti, Vladimir Vladimirovich [Putin] sta combattendo il terrorismo per salvare i cristiani in Siria.

Se non siete d'accordo, andate a una chiesa degli ortodossi antiochnei e chiedete agli immigrati siriani di raccontarvi le loro storie, e chiedete loro quale paese li aiuta veramente.

Quello che sentirete potrà sorprendervi.

Così, la prossima volta che pensate di infrangere un'unione millenaria, chiedetevi questo: quando è stata l'ultima volta che avete visto un capo occidentale inchinarsi e baciare le reliquie di san Nicola?

 

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11