Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 novembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11
  Un monumento al principe Vladimir inaugurato a Mosca nel giorno dell’unità popolare

Pravoslavie.ru, 5 novembre 2016

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Vladimir Putin e il patriarca Kirill di Mosca e di tutta la Rus' hanno inaugurato un monumento al santo grande principe Vladimir, pari agli apostoli e illuminatore della Russia, in piazza Borovitskaja, come riporta il sito del presidente.

Il monumento è stato eretto per iniziativa della società storico-militare russa e del governo di Mosca. L'autore del progetto è stato un artista del popolo della Russia, lo scultore Salavat Scherbakov.

Il primo ministro Dmitrij Medvedev, il ministro della cultura Vladimir Medinskij, il sindaco di Mosca Sergei Sobjanin, membri del governo, deputati, rappresentanti delle organizzazioni pubbliche ed esponenti della scienza, della cultura e dell'arte erano tutti presenti alla cerimonia di inaugurazione.

"Oggi viviamo in un mondo dove la è verità offuscata ", ha sottolineato il patriarca Kirill nel suo discorso ai partecipanti. "Il culto moderno, che ha molti seguaci che non se ne rendono nemmeno conto, è la verità relativa; è la quasi-religione della modernità: tutto ha il diritto di esistere, perché, in realtà, la verità inviolabile ed eterna non esiste", ha osservato.

"Se Vladimir avesse pensato allo stesso modo di alcuni dei nostri contemporanei", ha detto il patriarca, "non avrebbe mai fatto la scelta che ha fatto. Sarebbe rimasto un pagano, o sarebbe diventato egli stesso un cristiano, a livello personale, ma senza battezzare la Russia. Non ci sarebbe stata né la Rus ', né la Russia: né il mondo ortodosso russo, né il grande Impero Russo, né la Russia moderna.

Ma lui non ha cercato il culto del lusso o il conforto mentale che spesso dà la religione. Ha cercato la Verità con la lettera maiuscola, e ha trovato e amato l'immagine di Cristo, e nel santo battesimo è venuto a conoscerlo come Luce, Verità e Vita".

"Questo è un grande, significativo evento per Mosca, per tutto il nostro paese e per tutti i nostri compatrioti russi. È simbolico che questo stia avvenendo nel giorno dell'unità popolare e in particolare qui, nel centro della capitale, accanto alle pareti del vecchio Cremlino, nel cuore stesso della Russia", ha sottolineato Vladimir Putin nel suo intervento.

"Questo nuovo monumento", ha osservato il presidente, "è un tributo di rispetto al nostro antenato illustre, un santo particolarmente venerato, statista e guerriero, e fondatore spirituale dello stato russo".

"Il principe Vladimir è entrato per sempre nella storia come unificatore e protettore delle terre russe, come politico visionario, che ha creato le basi per uno stato centralizzato forte e unito, incorporando così vari popoli, lingue, culture e religioni in un'unica grande famiglia.

La sua epoca ha conosciuto molti successi, tra i quali il più importante e determinante, naturalmente, è il Battesimo della Rus'. Questa scelta è diventata la fontana spirituale comune per i popoli di Russia, Bielorussia e Ucraina, e ha gettato le basi dei valori morali che definiscono la nostra vita fino ad ora.

Proprio questo robusto sostegno morale, la coesione e l'unità ha aiutato i nostri antenati a superare le difficoltà, e a vivere e trionfano per la gloria della Patria, il rafforzamento di generazione in generazione la sua potenza e la grandezza.

E oggi il nostro dovere è quello di stare insieme contro le sfide e le minacce moderne, appoggiandoci sui nostri precetti spirituali, sulla tradizione inestimabile di unità e di armonia, e di andare avanti assicurando la continuità della nostra storia millenaria", ha sottolineato Vladimir Putin.

Dopo la cerimonia di apertura il patriarca Kirill ha benedetto il monumento. Prima, nello stesso giorno il presidente e il patriarca avevano deposto fiori al monumento di Kuzma Minin e Dmitrij Pozharskij sulla Piazza Rossa. Alla cerimonia della posa dei fiori erano presenti rappresentanti delle varie chiese e confessioni della Russia, così come attivisti dei movimenti giovanili e rappresentanti di organizzazioni pubbliche nazionali e culturali.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11