Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 novembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11
  Un residente di Donetsk racconta la sua tragedia

Video-intervista di Aleksej Zhuravko

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Il mio nome è Oleg Bakharovskij, sono il padre del piccolo Vlad Bakharovskij, che è stato ferito il 29 luglio 2015. La nostra casa è stata colpita da un proiettile proveniente dalle forze armate ucraine. Il proiettile è entrato direttamente nella nostra casa! Qui intorno non ci sono separatisti o cosiddetti militanti, non c’era nessuno qui, solo la mia famiglia! Una famiglia che è stata semplicemente cancellata in un solo istante. Non parlo neppure della casa – è solo una casa... mia moglie è rimasta uccisa – aveva solo 29 anni. Vlad è rimasto senza mamma, io sono rimasto senza moglie. Vlad ha una ferita aperta sul capo e un danno cerebrale, diverse ossa rotte, non posso neppure descrivere la piena diagnosi a questo punto, è una cosa troppo dura, e Vlad ha perso pure l’occhio destro. Sembrava impossibile che sopravvivesse, ma l’ho portato in macchina all’ospedale e sono riuscito a salvargli la vita. Lo scoppio mi ha strappato un dito, ma non è nulla a paragone... non gli darei neppure attenzione. (sospira) Anche se vorrei guardare negli occhi quel generale, o colonnello, o sergente, o chiunque abbia dato questo genere di ordine di bombardare una casa civile! Vorrei veramente vedere questo tipo. Di fatto, non vorrei solo vederlo... Lo so che è impossibile, così faccio un appello a tutti gli ucraini che hanno preso le armi contro i residenti del Donbass, di Donetsk e Lugansk. CHE COSA STATE FACENDO? Perché siete venuti nella nostra terra a ucciderci? Noi siamo venuti noi da voi. Noi viviamo qui. Andate a casa vostra, da voi avete un bel po’ da ripulire. Andate a salutare Poroshenko e Jatsenjuk con le vostre armi; Turchinov, Parubyj, potrei elencarne molti altri qui. Tutti i responsabili di aver ucciso e mutilato la gente del Donbass. Mio figlio aveva 6 anni quando ha iniziato a partecipare alle prime gare di pugilato. Ora con i suoi traumi non lo può più fare... ma è sempre stato un bambino forte. E grazie a Dio è ancora qui con me. Siamo insieme. Sopravvivremo. Siamo forti. (tace) Andatevene via! Andatevene solo via da qui! Lo sto ancora chiedendo con garbo. Salvatevi. Può arrivare presto il momento in cui noi inizieremo la nostra offensiva, e allora non sono sicuro se e quando saremo capaci di fermarci. Pensateci per un secondo. Pensate alle sofferenze delle vostre famiglie. Voi siete quelli che provocheranno questa azione. Ve lo prometto, voi ne pagherete le conseguenze, se non ve ne andate di buon grado ORA. Nessuno vi inseguirà, quando vi ritirerete. Vogliamo solo che ci lasciate stare. Se non ascolterete il mio appello, capiete cosa significa stare dall’altra parte. E se sarete tanto fortunati da sopravvivere, sarete voi che porterete fiori sulle tombe dei vostri cari, come faccio io. Non ho altro da aggiungere.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11