Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 17 settembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11
  Novinskij: gli sforzi di pacificazione della Chiesa ortodossa ucraina dovrebbero ridare fiducia al Donbass

di Tat'jana Chajka

Unione dei giornalisti ortodossi, 2 luglio 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

il capo del "Blocco d'opposizione" Vadim Novinskij. Foto: newformat.info

Per ripristinare la fiducia del Donbass, è necessario sfruttare appieno il potenziale di pacificazione della Chiesa ortodossa ucraina canonica, secondo il deputato Vadim Novinskij.

Il 2 luglio 2019, il capo del "Blocco d'opposizione" Vadim Novinskij nel programma "Segodnia" ("Oggi") sul canale televisivo "Ucraina" ha parlato dell'importanza della politica di pacificazione della Chiesa ortodossa ucraina, come scrive newformat.info.

Secondo lui, la via per la pace è un obiettivo interamente realizzabile per il governo e la società ucraini.

"Dopo l'attuazione degli accordi di Minsk, dovremo rinnovare la fiducia reciproca del Donbass e del resto dell'Ucraina. <...>

Crediamo che per ristabilire la fiducia, sarà anche necessario sfruttare appieno il potenziale di pacificazione della Chiesa ortodossa ucraina canonica, che svolge ancora il suo ministero in tutto il territorio dell'Ucraina - sia nelle zone sotto il controllo del governo che nelle zone non sotto il suo controllo.

La Chiesa dovrebbe partecipare a tutti i negoziati di pace. Ed è la Chiesa che alla fine della guerra guarirà le ferite profonde inflitte da entrambe le parti", ha detto il deputato.

Ricordiamo che sua Beatitudine il metropolita Onufrij ha ripetutamente sottolineato che la Chiesa ortodossa ucraina è stata e continuerà a essere una mediatrice nel rilascio degli ostaggi ucraini. "L'uomo vuole essere libero, è creato da Dio libero, vuole questa libertà", ha detto il primo ierarca.

In precedenza, con il supporto attivo della mediazione della Chiesa ortodossa ucraina, nel Donbass si è svolto uno scambio di prigionieri su vasta scala: sono stati rilasciati circa un centinaio di prigionieri di guerra ucraini. I militari liberati hanno ringraziato il primate e gli hanno chiesto di continuare i tentativi di liberare quelli che erano ancora prigionieri.

Gli esperti hanno sottolineato che, nonostante il fatto che lo scambio sia stato il risultato degli sforzi congiunti della Chiesa ortodossa ucraina e della Chiesa ortodossa russa, l'ex presidente Petro Poroshenko, i rappresentanti del "patriarcato di Kiev" e della Chiesa cattolica, che non hanno fatto nulla per lo scambio di prigionieri, se ne sono presi il merito.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11