Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=35&id=205  Mirrors.php?cat_id=35&id=602  Mirrors.php?cat_id=35&id=646  Mirrors.php?cat_id=35&id=4898  Mirrors.php?cat_id=35&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=35&id=204  Mirrors.php?cat_id=35&id=206  Mirrors.php?cat_id=35&id=207  Mirrors.php?cat_id=35&id=208  Mirrors.php?cat_id=35&id=3944 
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 aprile 2016)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11
  Trump dice che non toglierà le sanzioni alla Russia. La nostra risposta: BENE!

del consiglio di redazione di Russia Insider

4 febbraio 2017

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Le sanzioni hanno costretto la Russia a diventare più auto-sostenibile, in particolare nel settore agricolo. Mantenete le sanzioni, e la Russia sarà presto un centro di agricoltura e di produzione manufatturiera.

Abbiamo letto con grande divertimento l'ultimo scoop di Politico sulla Russia: L'ex primo ministro ucraino e criminale di lunga data Julija Timoshenko sostiene che Trump l'abbia rassicurata personalmente a margine della National Prayer Breakfast che le sanzioni contro la Russia resteranno in vigore.

Che cosa sta mai facendo la Timoshenko alla National Prayer Breakfast? Politico si è preso gioco di lei quando l'ha descritta come "un membro del parlamento che si sta posizionando per una campagna presidenziale contro l'assediato presidente in carica Petro Poroshenko"? (Le risposte sono: "elemosina soldi" e "speriamo che sia così").

Non c'è assolutamente alcuna ragione di credere a qualsiasi cosa trasmessa dalla Timoshenko, ma per amor di discussione, supponiamo che lei abbia detto una cosa giusta: Trump manterrà le sanzioni contro la Russia.

La nostra risposta: BENE!

Fin dal primo giorno delle sanzioni, gli analisti politici occidentali hanno scritto voluminosi tomi su come le sanzioni occidentali schiacceranno la Russia; su come l'economia russa crollerà; su come i russi moriranno di fame per strade polverose; su come a Putin resteranno mesi – o forse giorni! – prima di essere deposto da una folla inferocita di russi affamati, brasi del dolce sapore del mais Monsanto e di una rivoluzione colorata.

Che assoluto piacere è stato leggere cose simili e ridere.

La verità è che le sanzioni (e le contro-sanzioni) potrebbero aver salvato l'economia russa. Lottando con il crollo a picco dei prezzi del petrolio, la Russia ha trovato salvezza nella sua manifattura e nelle industrie agricole, che erano poco sviluppate ma altamente competitive a causa del rublo svalutato. Lo stanco cliché sulla Russia come "un distributore di benzina gigante" (tanto di cappello a John McCain), è sempre stato un'esagerazione infantile. Ma prima delle sanzioni (e delle contro-sanzioni), la Russia era davvero poco efficiente in termini di produzione agricola e manifatturiera.

Le sanzioni hanno sostanzialmente costretto all'innovazione e agli investimenti in questi settori – con risultati spettacolari:

Mantenete in vigore le sanzioni!

 

La stampa economica occidentale (se proprio dovete leggere le notizie occidentali, leggete le notizie di affari – la gente diventa stranamente obiettiva quando è in gioco il denaro) ora chiama la Russia una "superpotenza del grano":

Non si muore di fame. Niente affatto.

Il ministro dell'Agricoltura russo Alexander Tkachev ha detto a settembre che il governo russo preferirebbe che le sanzioni rimanessero:

"Vorremmo che (le sanzioni) proseguissero per altri cinque anni. (Ma), anche se le rimuovono, non sarà poi così male", ha detto Tkachev, aggiungendo che le sanzioni e le contro-sanzioni russe hanno già reso più competitivi i prodotti agricoli russi.

Tkachev ha anche sostenuto che il termine delle contro-sanzioni dirette all'l'Europa avrebbe scarso effetto sulla agricoltura russa, dal momento che i prodotti russi stanno godendo di un aumento della domanda da parte dei consumatori russi, in parte a causa della svalutazione del rublo. Ma se le sanzioni fossero tolte (da entrambe le parti), il valore del rublo sarebbe quasi certamente aumenterà. Quindi, meglio non rischiare.

E, naturalmente, mantenere le sanzioni in vigore consentirà agli agricoltori russi più tempo per rendere il loro paese veramente auto-sostenibile. L'Associated Press ha recentemente condotto una storia di un mago del computer russo che è diventato un fabbricante di formaggi. Era estremamente aperto nel suo sostegno alle sanzioni:

L'uomo d'affari russo Oleg Sirota è un grande fan di Donald Trump, tanto che ha costruito un pupazzo di neve del nuovo presidente degli Stati Uniti al di fuori della sua fabbrica.

È un'ironia quindi che egli teme che Trump possa portare alla rovina dei suoi affari.

Sirota, che ha preso in prestito ingenti somme da banche e parenti, e ha ricevuto contributi pubblici, prevede che la rimozione del divieto russo alle importazioni di prodotti alimentari inonderebbe la Russia di importazioni di latte a buon mercato, spazzando via le aziende alle prime armi come la sua.

"È come spedire un ragazzino a prendere a botte un campione del mondo," ha detto. "Abbiamo bisogno di un minimo di cinque o sei anni di sanzioni per sfondare nel campo. Questo scudo ci ha protetto e abbiamo bisogno di mantenerlo in funzione",

Sirota vede se stesso come l'orgoglioso erede di una tradizione agricola russa devastata dalla guerra e dalla rivoluzione del XX secolo. È fortemente contrario alla globalizzazione e sostiene la politica estera di Putin in Ucraina.

Ora lui e altri agricoltori stanno prendendo in considerazione di scendere in piazza.

"Se c'è un discorso serio di annullare le sanzioni, ci appelleremo sicuramente a Vladimir Putin per avere sostegno. Forse avremo proteste a favore del loro mantenimento, perché annullarle è estremamente dannoso per noi," ha detto. Se le sanzioni finiranno, Sirota vuole tariffe più elevate sui prodotti importati, chiedendo "perché gli americani possono farlo e noi non possiamo?"

La crescita più grande è stata nell'agricoltura, ma anche il settore manifatturiero russo ha beneficiato del rublo svalutato, rendendo il "Made in Russia" più competitivo in patria e all'estero.

Sì, le sanzioni hanno reso i beni di lusso importati più costosi. E sì, nonostante tutti i suoi vantaggi, il rublo svalutato ha reso la vita un inferno ai russi che hanno stipulato prestiti in valuta estera, e ai russi che viaggiano frequentemente all'estero. Ma indovinate un po'? In Russia, un rublo è ancora un rublo. E grazie alle sanzioni, i prodotti manifatturieri e i beni di consumo di fabbricazione russa non sono solo accessibili, ma stanno aumentando anche in termini di qualità.

Eliminare le sanzioni molto probabilmente aumenterà il valore del rublo, e porterà alla rimozione delle contro-sanzioni. Cattiva idea.

Lasciate che l'Occidente inventi favole sulla povera Russia sanzionata. Nel frattempo, nel mondo reale...

La realtà fa male

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11