Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=35&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 7 maggio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11
  Solidarietà alla Russia nell'ora della tragedia ucraina

dal sito Russkij Most

lunedì 22 dicembre 2014

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

La dichiarazione "Solidarietà alla Russia " è stata scritta da Dimitrij e Tamara Shakhovskoj, con la partecipazione attiva dei membri di Russkij Most ("il ponte russo"). Dal 26 novembre 2014, l'iniziativa ha ricevuto l'approvazione di più di un centinaio di discendenti rappresentativi dell'emigrazione bianca appartenenti alle sue diverse associazioni, residenti in paesi diversi e anche su continenti diversi. Alcune altre persone – con o senza un rapporto speciale con la Russia – hanno voluto, altresì, mostrare il loro sostegno. L'elenco dei firmatari continua a crescere ogni giorno. Rimane aperto all'indirizzo solidairesdelarussie@gmail.com e verrà regolarmente aggiornato sul sito.

Da quasi un anno, gli eventi ucraini coinvolgono noi, discendenti dell'emigrazione bianca, tanto più che le nostre origini ci danno accesso a diverse informazioni, a differenza della maggior parte delle persone che ci circondano. La conoscenza di un vicino passato, quello della Russia prima del 1917, ci dà l'opportunità e il dovere di denunciare le eclatanti falsificazioni storiche che hanno portato all'attuale tragedia in Ucraina.

Di fronte alle crescenti tensioni, nel Donbass come nelle relazioni internazionali, s'impone una conclusione: l'ostilità aggressiva oggi schierata contro la Russia non ha nulla di razionale. La politica di "due pesi, due misure" ha superato ogni limite. La Russia è accusata di tutti i crimini, senza prove, colpevole a priori, mentre altri paesi ricevono un'indulgenza particolarmente rivoltante, in particolare nella sfera dei diritti umani.

Non rinunciamo in nulla alla difesa dei valori trasmessi dalle nostre famiglie costrette all'esilio dopo la rivoluzione del 1917 né alla denuncia dei crimini dei bolscevichi e dei loro successori, né alla promozione della verità storica su quegli anni terribili. Ma questa non è una ragione per accettare le calunnie che si riversano, giorno dopo giorno, sulla Russia attuale, sui suoi leader e sul suo presidente, sanzionati e diffamati contro ogni buon senso. Questo processo stravagante – autodistruttivo per i paesi europei – fornisce forti argomenti a coloro che vi vedono il desiderio occidentale di contrastare lo sviluppo della Russia, piuttosto che di risolvere la crisi ucraina. Attaccare sistematicamente tutto ciò che ha a che fare con la nozione di "mondo russo" è particolarmente ridicolo: si tratta di una realtà storica, geografica, linguistica, culturale e spirituale, di un'alta civiltà che ha dato molto al mondo e della quale siamo fieri.

Non possiamo tollerare il vergognoso silenzio dei media ufficiali e dei paesi europei sui terribili bombardamenti delle popolazioni e delle infrastrutture civili da parte dell'esercito ucraino nel Donbass, sostenuti da milizie portatrici di un simbolismo nazista. Questo silenzio, per le autorità di Kiev, è equivalente a un vero e proprio permesso di sterminio. Da mesi, bambini e anziani muoiono o sono seriamente feriti, si torturano prigionieri. Ora il governo di Kiev ha dichiarato un blocco completo (gas, elettricità, treni, amministrazioni e ospedali, pensioni, stipendi, medicine...) per meglio distruggere una regione che comunque proclama come parte integrante del proprio territorio. E come non denunciare le violenze commesse dai sostenitori di Kiev contro la Chiesa ortodossa russa in Ucraina – sacerdoti minacciati, costretti a fuggire o uccisi, cinquanta chiese bombardate (venti completamente distrutte), fedeli perseguitati. Dove sono i valori europei in tutto questo?

Nonostante il loro totale rifiuto dell'Unione Sovietica, i nostri genitori e nonni sono stati sconvolti dalle sofferenze del popolo russo durante la seconda guerra mondiale. A nostra volta, noi rifiutiamo l'indifferenza e il silenzio – lo sterminio pianificato delle popolazioni di Donbass, la russofobia delirante, l'ipocrisia totalmente contraria agli interessi di un'Europa che a noi è cara. Speriamo che i paesi che hanno accolto le nostre famiglie ritrovino presto la via della ragione e dell'obiettività.

Dimitrij e Tamara Shakhovskoj

Parigi, 26 novembre 2014

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11