Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=35&id=205  Mirrors.php?cat_id=35&id=602  Mirrors.php?cat_id=35&id=646  Mirrors.php?cat_id=35&id=4898  Mirrors.php?cat_id=35&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=35&id=204  Mirrors.php?cat_id=35&id=206  Mirrors.php?cat_id=35&id=207  Mirrors.php?cat_id=35&id=208  Mirrors.php?cat_id=35&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=35&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 febbraio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11
  I ruteni ortodossi contro il sistema di difesa missilistico americano in Transcarpazia

Arciprete Dimitrij Sidor

pravoslavie.ru

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Sulla moderna rinascita della identità religiosa e nazionale del popolo ruteno, che vive in Ucraina occidentale dal X secolo, in un'intervista al portale "Interfax-Religion", parla il rettore della cattedrale dell'Esaltazione della Santa Croce a Uzhgorod, presidente del Sojma (Parlamento del Popolo) dei carpato-russi, arciprete Dimitry Sidor.

Padre Dimitrij! Lei è conosciuto non solo come leader religioso, ma anche come uno dei leader del movimento nazionale ruteno, l'autore della grammatica della moderna lingua russina. Qual è la posizione attuale dei ruteni nella vita dell'Ucraina e dell'Europa centrale?

Il destino un milione di ruteni era tale che con la creazione di un nostro Stato, la Repubblica della Rus' Subcarpatica (che è esistita dal 1918 al 1946), non siamo stati in grado di proteggerlo, e quindi siamo stati separati dalle frontiere degli stati dell'Europa centrale.

È accaduto così che i difensori più consistenti degli interessi nazionali del popolo ruteno sono stati i membri del clero. Per esempio, il "revivalista dei ruteni", il sacerdote Aleksandr Dukhnovych, nel XIX secolo era un membro del Parlamento austriaco, e il sacerdote Avgustin Voloshin fu il secondo Primo Ministro della Rus' Subcarpatica, e più tardi il presidente dell'Ucraina carpatica (parte confederale della Cecoslovacchia).

Personalmente, ho avuto la benedizione della Chiesa per essere deputato del parlamento regionale della Transcarpazia, dove ho difeso gli interessi sia dei ruteni sia del cristianesimo ortodosso in generale. Fortunatamente, il parlamento regionale della Transcarpazia il 7 marzo 2007 ha deciso il rilancio della nazionalità "rutena", vietata nel 1946.

Purtroppo, Kiev ha costantemente omesso di rispettare i diritti dei ruteni, anche se nell'agosto del 2006 l'ONU ha esortato l'Ucraina a riconoscere la nazionalità dei "ruteni" in relazione alle sue evidenti differenze con gli ucraini. Generalmente i ruteni si considerano un popolo antico russo, se ne ricordano chiaramente da 1100 anni, e oggi rimangono un partecipante attivo nei processi geopolitici.

Quali sono le caratteristiche della vita religiosa contemporanea della Transcarpazia?

Ora circa il 70% della popolazione della Transcarpazia si considera ortodosso, il 20% greco-cattolico, e ci sono anche considerevoli comunità cattoliche di rito occidentale e protestanti riformate. Con oltre il 98% delle comunità ortodosse incluso nella diocesi di Mukachevo e Khust della Chiesa ortodossa ucraina del Patriarcato di Mosca, non abbiamo tra noi alcuno scisma tra gli ortodossi. In totale ci sono più di 600 parrocchie ortodosse e decine di monasteri, così la nostra terra è chiamata "l'Athos dei Carpazi".

Molto del clero della Chiesa ortodossa russa è nativo delle terre rutene. Qual è la ragione?

I ruteni sono generalmente caratterizzati da un'alta religiosità. La lingua rutena è molto vicina allo slavo ecclesiastico, cosa che elimina sostanzialmente il problema della lingua liturgica, che a volte si sente in Russia e soprattutto in Ucraina.

Nella fede tra i ruteni hanno giocato un ruolo e un desiderio speciale i giovani che anche in un periodo di dilagante ateismo di Stato sono andati volentieri alle scuole teologiche della Chiesa ortodossa russa. E ora siamo particolarmente contenti che uno dei principali promotori della unificazione della Chiesa ortodossa russa e della Chiesa ortodossa russa all'Estero, il metropolita Lavr, sia di fatto un ruteno etnico. Per inciso, i ruteni ora costituiscono la maggioranza dei credenti in Polonia, in Cechia e Slovacchia e nella Chiesa ortodossa in America.

Come vede le prospettive del cristianesimo ortodosso in Ucraina?

Nel 1947, la Chiesa ortodossa autonoma carpato-russa del patriarcato di Serbia si unì alla Chiesa ortodossa russa. Oggi lo scisma nell'Ortodossia ucraina non ci ha colpiti, perché i ruteni ci tengono molto a stare nell'Ortodossia canonica. E ci rimarremo a prescindere dai processi politici in Ucraina. Per inciso, i ruteni considerano gli scismatici filaretisti come membri di una setta, il cui ritorno alla Chiesa passa solo attraverso il pentimento.

Nelle vostre vicinanze, sulle pianure di Rovno e a Stoj, sono previste strutture ricettive del sistema di difesa missilistico degli Stati Uniti. Si parla di creare a Uzhgorod il principale centro d'informazione della NATO in Ucraina. Cosa ne dicono i ruteni?

La cosa mi ha subito ricordato gli anni ottanta, quando mi sono opposto alla costruzione di un potente radar nei pressi di Mukachevo. Se avessi potuto allora pensare che invece di strutture militari sovietiche nelle terre rutene potevano apparire basi americane! La maggior parte delle organizzazioni rutene ha deciso di richiedere la dichiarazione della Transcarpazia come zona smilitarizzata in cui le uniche strutture accettabili sono... sanatori e case di riposo!

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11