Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=35&id=205  Mirrors.php?cat_id=35&id=602  Mirrors.php?cat_id=35&id=646  Mirrors.php?cat_id=35&id=4898  Mirrors.php?cat_id=35&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=35&id=204  Mirrors.php?cat_id=35&id=206  Mirrors.php?cat_id=35&id=207  Mirrors.php?cat_id=35&id=208  Mirrors.php?cat_id=35&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=35&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 2 marzo 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11
  Africa Ortodossa: i cristiani della tribù Masai

Neskuchnyj Sad, 29.03.12

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

"Neskuchnyj Sad" ha mandato una corrispondente in una vera spedizione africana per incontrare i cristiani della tribù Masai e pregare in una chiesa ortodossa al confine tra Kenya e Tanzania, ai piedi del monte Kilimanjaro

Masai ortodossi

I Masai sono una tribù africana che vive nelle savane del sud del Kenya. Nonostante lo sviluppo della civiltà moderna, hanno quasi completamente conservato il loro stile di vita tradizionale; nel secolo scorso, sotto l'influenza dei missionari greci, molti Masai hanno accettato l'Ortodossia, mentre il cattolicesimo e il protestantesimo e la religione sono rimasti la religione della popolazione "bianca" del paese. L' uomo in nero è un sacerdote keniota che ha cura pastorale dei Masai.

Funzione in una chiesa ortodossa africana

La chiesa africana sembra molto insolita, in particolare a causa della lingua swahili, che suona così come la lingua Masai molto esotica. Invece della solita strofa dell'inno della comunione i Masai cantano un loro inno di contenuto religioso.

 

Nel territorio del Kenya si trovano 59 parchi nazionali. Alcune persone geniali hanno inventato e implementato un sistema di aree protette in epoca coloniale e così è stato possibile preservare la flora e la fauna del paese nella sua forma originale.

 

Zebre, elefanti, giraffe, antilopi, rinoceronti, leoni - vagano tranquillamente per i parchi, non temono nessuno, perché la gente viene qui solo per i servizi fotografici nei safari.

 

Il safari è un viaggio turistico in jeep attraverso la savana alla ricerca di animali selvatici. Allontanarsi dalla jeep è severamente vietato - per questo ci sono severe sanzioni. Ogni macchina è accompagnata da rangers armati per proteggere i turisti dagli animali selvatici.

 

In generale, i viaggi in savana si fanno al mattino presto e alla sera tardi, quando gli animali escono dai loro nascondigli in cerca di cibo e si muovono da un luogo all'altro.

 

C'è stato un grande successo in tutto il safari a trovare i cinque grandi animali: elefanti, rinoceronti, bufali, leoni e leopardi. In precedenza, quando un cacciatore abbatteva almeno un rappresentante di tutte e cinque le specie, si diceva che aveva raccolto un "grande slam" di trofei africani. Ma oggi la caccia è quasi del tutto vietata e i turisti bianchi devono accontentarsi di champagne, circondati da una natura selvaggia, godendosi la vita al modo coloniale e l'ospitalità dell'Africa.

 

Nei parchi nazionali ci sono comodi rifugi per gli europei, circondati da un recinto con tensione elettrica - sia per gli animali selvatici, sia per i residenti locali - i Masai.

 

I Masai sono un popolo africano semi-nomade che vive nella savana. Nonostante lo sviluppo della civiltà moderna, hanno quasi completamente conservato il loro stile di vita tradizionale, anche se questo sta diventando sempre più difficile ogni anno che passa. Vivono in comunità, in villaggi sul territorio dei parchi nazionali. Quando è arrivato il turismo in Kenya, i Masai non sono stati in grado di approfittare del loro controllo sulla savana. Chi era al potere ha riconosciuto alla tribù Masai la tradizionale "proprietà" di tutti gli animali e ha dato loro la funzione di custodi legali, mentre un gruppo ristretto di manager del mondo " civilizzato" li ha assunti nell'industria del turismo dei safari. Di conseguenza, il turismo praticamente non ha migliorato il benessere dei Masai - non partecipano a un alto reddito se non quello dei "safari dei bianchi" e vivono in grande miseria, praticamente chiusi nelle riserve.

 

Insieme al sacerdote ortodosso Padre Mark Mwangi (rettore della chiesa dei santi Costantino ed Elena nella città di Illasit) sono stata in grado di andare in un villaggio.

 

E con mia grande sorpresa, ho scoperto che la maggior parte dei Masai è cristiana. Tra loro ci sono anche cristiani ortodossi. Padre Mark mi ha raccontato che sa di almeno quattro sacerdoti ortodossi della tribù dei Masai. Foto: una donna Masai dà a padre Mark una croce pettorale, che hanno filato con perline per il suo arrivo.

 

Esternamente, i Masai sono molto diversi da altri africani - sono magri, alti, dai lineamenti delicati. Vestono in abiti tradizionali - un mantello rosso e blu - e si adornano di braccialetti intrecciati e collane di perline. Ai piedi i Masai portano sandali fatti con gli pneumatici delle auto.

 

Un gruppo di donne, riunito per un colloquio con il padre Mark, si è seduto sotto gli alberi e il sacerdote ha tenuto loro una predica. "I Masai sono per la maggior parte già cristiani - mi ha raccontato in seguito padre Mark - e vengono molto facilmente all'Ortodossia Il fatto è che noi e i Masai siamo molto simili gi uni agli altri. Sia loro che noi - da ortodossi -  manteniamo saldamente le tradizion. Loro capiscono perché questo è importante. Vedono che io vengo a loro in abito talare, che per me è importante anche questa cosa apparentemente piccola, e lo apprezzano molto. I Masai sono molto semplici, naturali, sono persone sincere non viziate dalla civiltà".

 

Un anziano ci ha condotti attraverso il villaggio, ha mostrato come vivono. Nonostante la fama dei Masai di feroci guerrieri, al centro della loro cultura è il bestiame. Una delle loro leggende dice che tutti i bovini appartengono al popolo Masai, quindi tutti coloro che possiedono il bestiame, dovevano qualche volta subire furti di bestiame da parte dei Masai. Questo non poche volte ha provocato gravi conflitti con altre tribù, quando i Masai cercavano di riportare a casa la "loro proprietà".

 

Capanne Masai costruite con letame essiccato.

 

L'arredamento è molto scarso. Il pavimento delle capanne è fatto di terra. Non ci sono finestre. Il cibo è cucinato su un fuoco aperto, acceso direttamente sul pavimento. Non c'è elettricità, naturalmente. Ma si noti che l'anziano fa luce con un telefono cellulare - che ricaricano in chioschi speciali in città.

 

A differenza di molte altre tribù, tra i Masai le donne hanno un posto importante nella cultura e nella vita della tribù . Sono facilmente distinguibili dalla testa rasata, dai vestiti brillanti e dalle perline. Nella foto: le ragazze affumicano contenitori per il latte fatti con zucche, per disinfettarli. Dopo questo trattamento il latte si conserva al loro interno per due o tre giorni a una temperatura esterna di 27-30 gradi.

 

I Masai bevono non solo il latte, ma anche il sangue di mucche e capre.

 

Inoltre, per entrambi i sessi erano soliti estrarre uno dei denti anteriori e circoncidere. La circoncisione è eseguita da un anziano dello stesso sesso, i ragazzi sono tenuti a sopportare la procedura senza emettere un suono, ma per le ragazze non c'è tale requisito. I tentativi del governo del Kenya di sradicare questa pratica sono falliti. "Io e la mia matushka - dice padre Mark - andiamo alla tribù, teniamo colloqui sulla salute con i Masai, cerchiamo di convincerli ad abbandonare la circoncisione, o almeno di disinfettare i coltelli, altrimenti la circoncisione di massa porta alla diffusione del virus HIV/AIDS tra i giovani".

 

Le tradizioni dei Masai regolamentano chiaramente le loro vite. I bambini crescono per categorie di età, tra le quali i rapporti sono regolati dalla tradizione. Ragazzi e ragazze compiono cerimonie di iniziazione. Sposarsi in giovane età è severamente vietato, specialmente gli uomini devono dare prova di sé in guerra e nella caccia. Fino a poco tempo, per poter diventare un guerriero (moran), un giovane Masai era tenuto a uccidere un leone. Ufficialmente, questa pratica non si usa più, anche se, secondo alcuni rapporti, continua ad esistere.

 

Bei vestiti e perline - Questa non è una mascherata per il nostro arrivo con padre Mark. I Masai non viaggiano mai veramente a piedi, vanno in bicicletta al negozio, e pascolano gli animali in questi abiti. Inoltre, gli uomini di solito poertano con sé un coltello e un bastone.

 

La chiesa dei santi Costantino ed Elena al confine tra Kenya e Tanzania, dove padre Mark è il rettore, ospita il dipartimento sociale della chiesa locale. Nella chiesa, padre Mark organizza una massiccia ricezione medica gratuita (la medicina in Kenya è a pagamento, quindi non tutti hanno la possibilità di incontrarsi con il medico), ospita 60 orfani, organizza riunioni per aiutare i gruppi di persone con l'AIDS, e fa missione tra i Masai, che sono felici su suo invito di andare alla funzione della domenica.

 

La chiesa di padre Mark è costruita in lamiera ondulata, a un solo piano, senza elettricità.

 

Abbiamo portato al padre paramenti russi dorati da Mosca - sono stati acquistati con le donazioni dei lettori della rivista "Neskuchnyj Sad". Padre Mark ci ha ringraziati  molto, ha detto che avrebbe pregato per tutti i nostri sostenitori! E ha anche ammesso di non aver mai visto in vita sua tanta bellezza: "Come dal patriarca!" In Kenya, è molto difficile acquistare paramenti ortodossi - non ci sono materiali idonei, e pochi sanno come cucire un felonio. Di solito un sacerdote serve per decenni con gli stessi paramenti, finché non cadono a brandelli.

 

Padre Mark legge il Vangelo nelle lingue locali - in swahili, masai e kikuyu.

 

I parrocchiani stessi cantano la funzione. Non c'è nessun coro. Tutti conoscono le parole a memoria.

 

Sulla lavagna sono scritti i brani dal Vangelo, che saranno letti durante la Liturgia.

 

Masai in chiesa.

 

Una delle parti più importanti del culto ortodosso in Africa - la predica.

 

La Liturgia e le Sacre Scritture sono tradotte ancora solo in swahili, così padre Mark deve tradurre e spiegare il significato delle letture ai Masai - nella loro lingua, e ai Kikuyu - nella loro.

 

I Masai sembrano un po' stravaganti nella chiesa ortodossa, ma ascoltano la predica con grande interesse, fanno cenni al prete, sono d'accordo con lui.

 

Nelle chiese ortodosse in Africa ci sono sedie e panche su cui sedersi durante la predica e la lettura dell'Apostolo.

 

Padre Mark è stato colpito dalla notizia che in Russia non ci sono banchi nelle chiese. Ci ha chiesto di parlarne in tutte le riunioni, aggiungendo il pensiero che ecco, per esempio, in Russia, i fedeli in chiesa stanno in piedi davanti a Dio! Ecco la fede, ecco l'Ortodossia! E qui, siamo totalmente rilassati... Nella foto: il pavimento di terra nel santuario della chiesa.

 

Il tavolo dell'offertorio.

 

Il Grande Ingresso, secondo la tradizione greca, si svolge su tutto il perimetro del tempio.

 

Adolescenti e bambini in chiesa sono molto calmi, non corrono, non fanno rumore, non piangono nemmeno. E i giovani seguono il servizio sui libri.

 

Dopo la funzione abbiamo donato a tutti i parrocchiani piccole icone e croci, acquistate con donazioni raccolte a Mosca.

 

Si è scoperto che quasi nessuno della congregazione ortodossa ha una croce da portare sul petto - semplicemente non sanno dove andare e non hanno niente con cui comprare. E tuttavia noi sottovalutiamo molto il fatto che abbiamo a nostra disposizione Sofrino...

 

Nel frattempo, gli attivisti della parrocchia hanno preparato una festa per tutti.

 

Dopo il pasto, l'anziano Masai ha ringraziato batjushka per l'invito in chiesa.

 

Il monte Kilimanjaro - la montagna più alta in Africa. È perfettamente visibile in Kenya, anche se la montagna si trova nel paese vicino - in Tanzania. Gli scienziati non credono ai viaggiatori che dicono che la sua cima è coperta di neve, fino a quando vedono la prima fotografia. Cosa senza precedenti - neve all'equatore!

 Ekaterina Stepanova

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11