Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=35&id=205  Mirrors.php?cat_id=35&id=602  Mirrors.php?cat_id=35&id=646  Mirrors.php?cat_id=35&id=4898  Mirrors.php?cat_id=35&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=35&id=204  Mirrors.php?cat_id=35&id=206  Mirrors.php?cat_id=35&id=207  Mirrors.php?cat_id=35&id=208  Mirrors.php?cat_id=35&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=35&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 13 gennaio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11
  Cosa possono portare alla Chiesa le terre e i popoli dell'Europa occidentale?

Arciprete Andrew Phillips

Dal blog del sito Orthodox England, 25 aprile 2013

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

In Europa centrale e orientale, ogni terra e popolo può imparare l'Ortodossia sia dalla sua storia che dai suoi attuali vicini, offrendo in tal modo il suo particolare genio alla Chiesa di Dio. Così, da nord a sud:

La Finlandia impara l’Ortodossia dalla vicina Carelia russa e dai suoi santi come san Trifone di Pechenga (+1583), Illuminatore della Lapponia.

La Polonia impara la sua Ortodossia da Mieszko I, battezzato in Moravia nel 966, e oggi l’impara dalla Belarus, dall'Ucraina e dai suoi nativi carpato-russi Lemko.

La Slovacchia impara la sua Ortodossia dai santi Cirillo e Metodio, nonché dai carpato-russi, sia nativi che nella vicina Transcarpazia.

Le terre ceche imparano dalla gloriosa eredità di san Rostislav e dai santi Cirillo e Metodio in Moravia, da santa Ludmila e san Vjacheslav a Praga, e impara dalle lotte di Jan Hus in Boemia.

L’Ungheria impara dal patrimonio antico dei suoi primi cristiani, provenienti dalla Nuova Roma con il vescovo Hierotheos attorno al 950, nonché dai suoi vicini ortodossi.

La Slovenia e la Croazia imparano dalle prime missioni slave dei santi Cirillo e Metodio e dei loro discepoli.

Ma che dire delle terre dell'Europa occidentale, che, anche se hanno un glorioso ma lontano passato ortodosso, non hanno alcun vicino ortodosso e così devono imparare da nuove popolazioni immigrate? Che cosa possono portare?

Le terre tedesche, la Germania, l'Austria e la maggior parte della Svizzera, possono portare ordine e disciplina. Non è un caso che il primo libro liturgico tradotto in tedesco sia stato il Tipico.

Le terre francesi, la Francia, il Belgio meridionale e la Svizzera occidentale, possono portare la contemplazione di Dio, la filosofia della fede.

L’Inghilterra e le terre celtiche, Irlanda, Scozia e Galles, possono portare l'ascetismo. Non è un caso che il primo libro liturgico tradotto in inglese sia stato il Triodio quaresimale.

L’Italia, deposito di reliquie della Chiesa, può portare il senso della storia della Chiesa, come centro storico dell’Ortodossia in occidente.

La Spagna e il Portogallo possono portare il loro senso della bellezza, dei riti e dei paramenti.

Le Terre olandesi, i Paesi Bassi, le Fiandre e il Lussemburgo, possono portare la cooperazione e il coordinamento.

Scandinavia, Svezia, Danimarca, Norvegia e Islanda, possono portare l'efficienza e l'efficacia pratica.

Se deve venire alla luce una Metropolia ortodossa russa in Europa occidentale, possiamo suggerire come ognuna delle sue terre e dei suoi popoli potrà contribuire con la propria storia dal primo millennio e anche con le proprie qualità, così come si sono sviluppate nel secondo millennio.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11