Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=35&id=205  Mirrors.php?cat_id=35&id=602  Mirrors.php?cat_id=35&id=646  Mirrors.php?cat_id=35&id=4898  Mirrors.php?cat_id=35&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=35&id=204  Mirrors.php?cat_id=35&id=206  Mirrors.php?cat_id=35&id=207  Mirrors.php?cat_id=35&id=208  Mirrors.php?cat_id=35&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=35&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 13 gennaio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11
  Una chiesa ortodossa in Afghanistan
Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Oggi in Afghanistan esiste una chiesa ortodossa, forse l’unico vero e proprio edificio religioso cristiano su tutto il territorio afgano.

Nel 2001 la Romania ha inviato un battaglione di fanteria in Afghanistan ed è diventata uno dei paesi più attivi nella missione della NATO. Uno dei tratti distintivi del corpo di spedizione romeno è stato sicuramente la costruzione della propria chiesa, dove le truppe della base militare di Kandahar vengono a pregare prima di partire in missione. L’idea della chiesa è venuta dalle immagini di una cappella di monastero in Transilvania, che i soldati romeni hanno voluto duplicare all’interno del loro compound.

La chiesa è stata progettata da un ingegnere militare americano di etnia romena, e costruita in soli 45 giorni nel 2005. Da allora, migliaia di persone ne hanno varcato la soglia. Questa manifestazione di fede ha contribuito a creare un rispetto per i romeni tra i soldati afgani, sbugiardando le politiche “neutraliste” (di fatto, atee) che vedono nell’ostentazione di simboli cristiani un pericolo di destabilizzazione. In caso di partenza dal paese del contingente militare romeno, comunque, la chiesa è pronta per essere smontata e riportata in Romania.

Una parete della chiesa è dedicata ai 20 soldati dell'esercito romeno morti nei dieci anni di missione in Afghanistan. Per onestà, bisognerebbe ricordare che ben di più sono stati i militari di madre lingua romena morti in missione in Afghanistan nei decenni passati, e ancora oggi la Metropolia ortodossa di Moldova li ricorda nelle proprie preghiere pubbliche.

Nella chiesa hanno celebrato, oltre ai cappellani romeni, anche preti georgiani e americani. Padre David Alexander, un prete dell’Arcidiocesi antiochena d’America, ha lasciato in un’intervista e in una lettera resoconti del suo servizio in Afghanistan come cappellano militare ortodosso.

Padre Sean Levine, cappellano militare della O.C.A., ci ha lasciato questo racconto della Pasqua del 2011, completo di una galleria di foto della funzione pasquale.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 11