Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=34&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=34&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=34&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=34&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=34&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=34&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=34&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=34&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=34&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=34&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=34&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 29 giugno 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 10
  Arciprete Aleksij Uminskij: Predica della domenica dopo la festa della Croce (Marco 8:34-9:1)

pravmir.com, 29 settembre 2013

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Nel nome del Padre, del Figlio e del santo Spirito!

Il Signore disse: "Chiunque vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vorrà salvare la propria vita la perderà, ma chi perderà la sua vita per causa mia e del Vangelo, la salverà. Che giova infatti all'uomo se guadagna tutto il mondo e perde la sua anima? O che cosa potrà dare l'uomo in cambio della propria anima? Chi dunque si vergognerà di me e delle mie parole in questa generazione adultera e peccatrice, anche il Figlio dell'uomo si vergognerà di lui, quando verrà nella gloria del Padre suo con i santi angeli". E disse: "In verità io vi dico, vi sono alcuni qui presenti che non gusteranno la morte, finché non abbiano visto il regno di Dio venire con potenza" (Marco 8:34-9:1).

Nel Vangelo c'è un passo così terribile che, ogni volta che qualcuno lo legge, sembra sempre come il tremendo Giudizio: Chiunque vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Sono parole terribili, che riflettono perfettamente l'essenza della vita spirituale. Espongono ciascuno di noi, in ultima analisi, passandoci attraverso e rendendo ognuno di noi senza risposte davanti a Dio. Perché la Croce di Cristo definisce perfettamente l'essenza dell'uomo, determina il nucleo del suo essere, e definisce la sua vita.

Ognuno di noi porta questa croce su di sé, ognuno di noi si difende per mezzo di questa croce. Con la parola "croce", ognuno di noi capisce qualcosa di suo, naturalmente. Fondamentalmente, questo è un fardello di problemi irrisolvibili che ci uccidono, per così dire, e non ci permettono di vivere, ci schiacciano in ogni modo. Noi chiamiamo questi problemi la nostra "croce" e siamo tormentati da loro. E per noi, nella nostra comprensione umana, una croce è una tortura.

Una croce è davvero una tortura. Si tratta di uno strumento di tortura, nell'antichità era il mezzo più tortuoso di esecuzione. Ed è veramente così. Ma questo mezzo di tortura è una gioia per i cristiani. Noi cantiamo: "Attraverso la Croce, è giunta la gioia in tutto il mondo". E noi veneriamo in ogni modo questa croce, la indossiamo, e rafforziamo la nostra fede per mezzo di essa. Eppure, che cos'è una croce? Come possiamo vivere con questa croce? Cosa significa nella vita di un cristiano?

Un saggio cristiano ha detto: "Chi vive senza la Croce, vive senza speranza". Perché la vita di una tale persona sarà un allontanamento costante da Dio, sarà un costante nascondersi tra le vanità di questo mondo, un desiderio di abbandonare le proprie responsabilità, si perdere la testa, e di abbandonarsi solo a piaceri esterni e a sogni illusori. Una tale persona non ha nessuna speranza, nessuna speranza di sorta.

Ma se porta la propria croce, allora ha questa speranza. Perché vivere secondo la Croce di Cristo non è semplicemente una questione di iniziare la propria vita da zero, non è semplicemente una questione di iniziare un movimento verso Cristo a partire dal nulla. È la possibilità di seguire Cristo dal più spaventoso abisso, di seguire Cristo e di cambiare la propria vita da una condizione in cui non si può più chiamare se stessi umani. Questo è possibile solo con l'aiuto della Croce di Cristo. Questa è una croce che ciascuno di noi è obbligato a portare per il nostro Signore. Questo ci dà la grande speranza che noi che siamo qui riuniti, così malati e così spesso completamente amareggiati da problemi insolubili nella nostra vita e deformati da peccati passati, abbiamo la possibilità, prendendo la nostra croce, di cambiare completamente, di trasformarci completamente, di fuggire dalla morte alla vita, e di rinascere e risorgere in Gesù Cristo nostro Signore. E questa è la più grande gioia e felicità della vita cristiana. Perché la nostra vita è la salvezza nella nostra speranza, perché il Signore stesso, con la croce su cui fu crocifisso, discese a tali profondità di caduta da impalare su questa croce l'intero nucleo della disperazione umana e del peccato. Nulla è rimasto che non sia stato conquistato da questa Croce, che non sia stato spezzato da questa Croce. E non è rimasto che non sia stato reso sicuro da questa Croce, che non sia stato raggiunto attraverso la sete di vita e di immortalità.

Pertanto la nostra croce è la nostra unica speranza di salvezza, la nostra unica fiducia che la nostra vita cambierà, se prendiamo questa croce seguendo Cristo con essa. Questo significa anche essere in grado di negare noi stessi. Questo significa anche essere in grado di buttare via tutto ciò che noi chiamiamo nostro, ma che in realtà non è nostro: i nostri peccati non sono nostri, le nostre passioni non sono nostre, le nostre ferite dell'anima e la mortalità non sono nostre. Questo non è ciò che il Signore ci ha dato, perché questo non ha alcuna relazione con Dio, e tutto ciò che non ha alcuna relazione con Dio non può avere alcun rapporto con noi. E non importa quanto sia radicato in noi, non importa quanto sia diventato la nostra maschera, distorcendo il nostro vero volto, non importa quanto sia diventato la nostra pelle - non è nostro. Abbiamo bisogno di toglierlo, non importa quanto sia doloroso e terribile possa essere. Se siamo in grado di scoprire noi stessi in questo modo, di rinnegare noi stessi, senza paura di rovinare la nostra vita artificiosa, vuota e priva di significato, allora otterremo Cristo, allora acquisiremo la vita vera ed eterna, che il Signore ci ha concesso con la sua crocifissione e la sua risurrezione. Amen.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 10