Рубрика

 

Информация о приходе на других языках

Mirrors.php?cat_id=33&locale=ru&id=205  Mirrors.php?cat_id=33&locale=ru&id=602  Mirrors.php?cat_id=33&locale=ru&id=646  Mirrors.php?cat_id=33&locale=ru&id=4898  Mirrors.php?cat_id=33&locale=ru&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=33&locale=ru&id=204  Mirrors.php?cat_id=33&locale=ru&id=206  Mirrors.php?cat_id=33&locale=ru&id=207  Mirrors.php?cat_id=33&locale=ru&id=208  Mirrors.php?cat_id=33&locale=ru&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=33&locale=ru&id=647         
 

Православный календарь

   

Воскресная школа прихода

   

Поиск

 

Главное

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 novembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Отпевание и панихиды  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  Подготовка к таинству Брака в Православной Церкви  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  Подготовка к таинству Крещения в Православной Церкви  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Главная  >  Сбор текстов  >  Sezione 9
  Un appello alla fedeltà e all'unità

dal blog del sito Orthodox England

1 agosto 2015

 
Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Поделиться:

Il passato

Quando otto anni fa a Mosca un arciprete anziano della diocesi di Mosca mi chiese di scrivere la storia completa del metropolita Antony, gli risposi che, subito dopo uno scisma, non era ancora giunto il momento, che la gente non erano pronta per questo. Oggi sostengo lo stesso punto di vista – solo a poco a poco si può raccontare quella storia, e solo nella misura in cui serve l'obiettivo edificante e prioritario della fedeltà e pertanto dell'unità. Qualcosa di più è stato detto in questo mese su iniziativa di un sacerdote 'patriarcale' della Chiesa russa nella diaspora, e solo al fine di indicare la strada verso una maggiore unità. Tutte le rivelazioni sono fatte per una buona ragione, non a caso, e sono pensate in anticipo. Per quanto riguarda il resto, ho mantenuto il silenzio su tutta la vicenda per 33 anni – e questo potrà aspettare più a lungo.

Così, l'articolo che abbiamo pubblicato il 25 luglio sul passato dell'Ortodossia inglese e, soprattutto, per fornire una visione per il futuro dell'unità dell'Ortodossia russa e di tutta ortodossia in Europa, è stato come un sasso lanciato in uno stagno – ha creato increspature, molte favorevoli e alcune contrarie. Questo dimostra che la gente è viva. Mostra anche quanto era divisivo il metropolita Antony, soprattutto se si considera che l'articolo è stato scritto molto diplomaticamente, citando il metropolita Kallistos. La conclusione deve essere che personalità divisive creano divisione. Ricordiamo che l'obiettivo della Chiesa è quello di portare lo Spirito Santo sulla terra per produrre santi, come san Giovanni di Shanghai, non per produrre personalità.

Purtroppo, la verità fa male. E l'articolo ha addolorato alcuni, specialmente gli ingenui che sono ancora in fase di diniego. Ma senza dolori della crescita, non ci può essere la maturità. Io ci sono passato. Come si dice, no pain, no gain ('niente dolori, niente guadagni). E, in questo caso, anche se preferiremmo non parlare di tutto questo, ma piuttosto mantenerlo tranquillo proprio come tutti gli altri lo hanno mantenuto tranquillo, questa verità che fa male deve essere ascoltata ora. Ciò è dovuto al fatto che tacere ora significa impedire l'unità e il premio dell'unità è troppo grande, perché nessuna vita ecclesiastica o spirituale potrà mai essere costruita su miti e illusioni, così come nessuna vita ecclesiastica o spirituale potrà mai essere costruita su scismi e frammentazioni. E su scismi e frammentazioni si sono edificate la vecchia diocesi di Surozh e l'esarcato di Parigi e, in realtà, in misura minore, anche le due parti una volta divise della diaspora della Chiesa russa.

Alcuni hanno criticato i dettagli in questo articolo. Due critiche erano perfettamente giuste. Queste menzionano giustamente che il metropolita greco per il Benelux è Athenagoras (non Panteleimon, che era il suo predecessore) e che Maximos non è un nome greco. Grazie. Dato che questi erano errori, come tutti gli errori che faccio, sono stati corretti subito. Come dato di fatto storico, il padre Maximos in questione (che in precedenza aveva il nome perfettamente cristiano di Michael) ha lasciato il sacerdozio ortodosso greco dopo solo due settimane. (Purtroppo non è un record: l'anno scorso è stato battuto da un convertito recente, ordinato senza preparazione, che è rimasto per un solo giorno).

Un altro corrispondente ha chiesto che cosa c'è di sbagliato nei paramenti greci. Non aveva compreso il punto; non c'è niente di sbagliato nei paramenti greci – tranne quando si pretende di seguire 'la tradizione russa'. Oppure queste parole significano un atteggiamento consumistico, 'pick and mix', verso la Chiesa? Un altro ha chiesto sul codice di abbigliamento russo nello spirito di 'Ma io conosco qualcuno che...', e anche qui non ha compreso il punto. Stavo parlando del contesto generale del codice di abbigliamento cristiana (che solo la tradizione ortodossa russa sembra aver conservato), non delle eccezioni delle gonne-pantaloni sciolte indossate da alcune donne contadine in Serbia o degli abiti nativi africani o asiatici. Il codice di abbigliamento ortodosso è universale e può essere riassunto nelle parole, 'modestia senza provocazione'. Purtroppo ad alcuni, in nome di un'ideologia estranea alla Chiesa, ma non estranea alla laicità, piace provocare.

Uno mi ha chiesto il mio punto di vista sulle 'pratiche insolite e uniche' di padre Sophrony (Sakharov). Al che ho risposto semplicemente che non è mia competenza giudicare il valore spirituale delle pratiche che si svolgono nel patriarcato di Costantinopoli. Questo giudizio tocca alla Chiesa e alle sue gerarchie. In questa materia sono un mero osservatore che afferma semplicemente i fatti e accetta il giudizio di tutta la Chiesa, qualunque esso sia.

Un altro ha chiesto perché dovremmo confessarci prima di ogni comunione. Ancora una volta non aveva compreso il punto. Non stavo parlando di un pio monaco convertito che riceveva la comunione tutti i giorni e non aveva bisogno di confessarsi ogni giorno (anche se il suo inesperto e troppo rigido confessore convertito lo richiedeva!), ma degli ortodossi medi nella parrocchia media che riceve la comunione ogni due o tre mesi, e quindi ha bisogno di confessarsi prima di ogni comunione. A maggior ragione del greco che riceve la comunione a ogni liturgia, ma nega caldamente persino l'esistenza della confessione; dal momento che non ne ha mai sentito parlare e, siccome non gli è mai stato chiesto di farla, per lui non esiste.

In questo contesto, la confessione prima della comunione non è una tradizione ortodossa russa un po' esotica, è la tradizione universale della Chiesa – visitate una qualunque Chiesa locale e chiedete ai fedeli; tutto il resto è mera decadenza. C'è solo una tradizione, nonostante i vani tentativi dei liberali di mentalità protestante e sostenuti dai protestanti di inventarsi una tradizione nuova e alternativa e poi di rifiutare la Tradizione come qualcosa 'di vecchio stile' o ultra-conservatrice', spostando i pali della porta in modo da poter giustificare la loro conformità al secolarismo. La loro tecnica di chiamare la Tradizione 'ultra-conservatice' è stata ben praticata dai cattolici e protestanti modernisti molto prima che gli ortodossi di frangia la copiassero ciecamente.

Uno ha detto che l'articolo era semplicemente falso; tuttavia, non è stato assolutamente in grado di confutare un singolo punto, essendo in fase di diniego della realtà. Tutti questi articoli sono scritti per esperienza. Si può negare che qualcuno abbia sperimentato qualcosa se lo si desidera, ma non fa differenza, perché l'esperienza ha avuto luogo. Siete semplicemente in diniego della realtà, perché avete qualche motivo di risentimento. Potete certo non essere d'accordo con le mie interpretazioni dei fatti, ma negare i fatti significa negare la realtà e dimorare nella fantasia. Un altro che ha vissuto quei momenti ne ha risentito e poi ha ammesso a malincuore che l'intero articolo era vero. La dichiarazione più vera è venuta da una terza persona che ha semplicemente detto: 'Sappiamo tutti che questa è la verità, è solo che finora nessuno ha osato dirla ad alta voce'. Tale atteggiamento è simile alla paura della verità per correttezza politica tra gli ebrei moderni.

Uno ha chiesto delle ingenui giovani donne russe in Russia che ammirano gli scritti in russo (non in inglese) del metropolita Antony, che il patriarca Alessio II espressamente gli ha chiesto di scrivere negli anni '90. A mio avviso, hanno ragione di ammirarli, sono molto ben scritti, ideali per i principianti, così come i principianti in Russia ammirano anche gli scritti di C. S. Lewis. Appena entrati nella Chiesa, hanno bisogno di cibo per la mente e il grande talento del metropolita Antonny glie ne offre. Ecco perché era così popolare tra gli anglicani, tra gli altri al di fuori della Chiesa e tra quelli ai margini della Chiesa. Scriveva per loro. Proveniente da un ambiente ateo e secolare, era in grado di affrontare i dubbi razionalisti delle persone che vivono in tale contesto secolare. Tuttavia, se tali giovani donne desiderano approfondire la Chiesa, ed entrare nell'arena, avranno bisogno di andare avanti al di là delle presentazioni e del cibo per la mente razionalizzante, e trovare scritti con cibo per l'anima. Della tragica eredità del metropolita Antony in Inghilterra, che è quello di cui stavamo scrivendo, tali giovani donne, appena entrate nella Chiesa, non sanno nulla a proposito. Noi lo sappiamo, perché siamo stati sottoposti alla tragedia che ha perso così tanti e ha spinto tanti a distanza.

Un corrispondente ha chiesto il perché della necessità di una metropolia europea, e non di una Chiesa ortodossa locale inglese. Il mio suggerimento garbato sarebbe di pensare a quello che ho scritto su una 'Chiesa ortodossa britannica'. Ho scritto che dobbiamo evitare il nazionalismo, da un lato e, dall'altro ammettere che noi siamo troppo piccoli per sognare una Chiesa locale ora. Ci possono essere almeno 300.000 ortodossi nel Regno Unito, ma meno del 10% (30.000) è praticante di quel 10% non è certo se neppure il 5% (1.500) sono inglesi praticanti. E la maggior parte dei 30.000, incluse centinaia di persone inglesi, non ha un desiderio di una Chiesa ortodossa inglese; sono molto felici di appartenere a una Chiesa che ha la sua base in un altro paese. Questo è esattamente ciò che è accaduto nella Chiesa Ortodossa in America (OCA) – per la maggior parte gli americani ortodossi di origine non ortodossa non vi appartengono, rendendo così le sue pretese piuttosto strane.

In ogni caso, chi fornirebbe l'iniziativa per una simile nuova Chiesa locale? Non la Chiesa russa, perché ha imparato dalla sua triste esperienza proprio con l'OCA, la cui canonicità è negata dai più, poiché ha ricevuto la sua contestata autocefalia nella Guerra fredda su un territorio condiviso. Quello che stavo dicendo a questo corrispondente, e ciò che sto dicendo qui, è che ora è il momento per l'unità in una metropolia, che potrebbe con il tempo diventara autonomo e poi, solo con il consenso di tutti, diventare una nuova Chiesa locale. Ora non è il momento di una ristretta divisione nazionale.

In una parola, io sono un po' deluso, anche se non del tutto sorpreso, che alcune persone, di cui alcune forse di proposito, hanno criticato i dettagli degli alberi, ma ha dimenticato di guardare alla foresta – questo era, dopo tutto, il punto. Soprattutto sono deluso dal fatto che alcuni sembrano aver prestato meno attenzione alla seconda parte di questo articolo, una visione di unità per il futuro, che a mio parere è dieci volte più importante della prima parte. La prima parte elenca semplicemente gli errori del passato e così spiega come NON costruire l'unità e il futuro – su personalità divisive e sul modernismo divisivo. Forse alcuni non sono pronti per il futuro. Io lo sono.

Il futuro

Su che cosa allora si può costruire la futura unità della Chiesa? Può essere costruita solo sulla fedeltà alla Tradizione. Non si può costruire l'unità sulla fedeltà ai compromessi, come ho osservato trent'anni fa all'arcivescovo Georgij (Wagner) in Rue Daru, che non ha dato una risposta a questa verità lapalissiana, dopo che aveva appena predicato sulla necessità della fedeltà, ma senza spiegare a cosa dover essere fedeli. Perché la fedeltà? Perché la Chiesa che è fedele produce santi e, come abbiamo detto in precedenza, questa discesa dello Spirito Santo per la produzione di santi è l'obiettivo della Chiesa. Una cosiddetta Chiesa che è contraria al digiuno, al monachesimo e all'ascetismo, riduce radicalmente e cambia i servizi, distrugge un'atmosfera di preghiera, si conforma allo spirito laicista del mondo occidentale, rimprovera continuamente il Monte Athos, viene a compromessi su tutto, e non prepara la prossima generazione di eroi spirituali, i santi e i martiri, come sono stati prodotti dalla Chiesa russa nel XIX secolo, non è una Chiesa.

In una parola, è una Chiesa infedele, è irrispettosa dei santi, non produce santi, produce solo intellettuali che non hanno alcun ruolo da svolgere in un organismo in cui tutte le conoscenze più importanti e salvifiche vengono dallo Spirito Santo, non dai libri aridi di filosofia che ti danno solo il mal di testa. Questa è la Chiesa dei filosofi, non la Chiesa di Abramo, Isacco e Giacobbe, dei pescatori galilei analfabeti, dei santi di Dio. Una tale Chiesa infedele non è più una Chiesa in alcun modo, e invece di santi produce solo apostati, eretici e scismatici. Uno sguardo alla storia della Chiesa del Novecento lo conferma in abbondanza.

Come ho detto a Cambridge nel 1982 a un ex prete di Surozh, che aveva appena negato davanti a me il bisogno di eroi spirituali o addirittura la loro esistenza e aveva appena lanciato una rivista di tale nuova 'Chiesa', una simile Chiesa è solo un'altra organizzazione razionalista, laica e anti-spirituale, non ha nulla con cui nutrire le nostre anime. La Chiesa ha un piede in cielo e un piede sulla terra; i modernisti vogliono fare una Chiesa con due piedi sulla terra. Possono farlo se vogliono, tuttavia non sarà più una Chiesa, ma solo un social club di tipo protestante.

In questi ultimi anni abbiamo girato un angolo generazionale nella diaspora. Alcuni nella vecchia generazione sembrano ancora a pensare che ci sono due parti della Chiesa, coloro che celebrano le funzioni in lingue 'straniere' e quelli che non lo fanno. Alla semplice menzione della parola 'fedeli', pensano ai loro genitori defunti o a generazioni ancora precedenti che avevano un culto del 'vecchio paese' e di una 'lingua straniera'. Questa vecchia generazione con tutto il suo complesso di identità è irrimediabilmente fuori moda e sta scomparendo. Oggi tutti in tutte le giurisdizioni della diaspora usano l'inglese o un'altra lingua locale appropriata.

Oggi ci sono ancora due parti della Chiesa, ma la loro divisione non ha nulla a che fare con la lingua; delle due parti di oggi, la vasto e spesso silenziosa maggioranza sta cercando di essere fedele, una piccola ma molto vocale minoranza non lo fa. Questa ultima parte non si sforza di essere fedele perché crede di essere 'moderna', in altre parole, a causa di complessi psicologici e sociologici, sta cercando di adeguarsi al mondo. 'Fedele' non significa più un etnicismo vecchio stile; solo i vecchi calendaristi credono a causa della loro insicurezza cronica che essere fedeli significhi un mero conformismo e ripetizione anti-creativa del passato con un ritualismo farisaico, imitativo, quasi anglo-cattolico. Essere fedeli significa seguire le pratiche e lo spirito della Chiesa in qualsiasi lingua possiamo avere bisogno. Il linguaggio è del tutto irrilevante alla fedeltà, le lingue sono solo permutazioni di una serie di consonanti e vocali, del linguaggio umano dato da Dio, della parola e del soffio di Dio che distingue gli uomini dagli animali.

È vero che un sacerdote ortodosso georgiano una volta mi ha detto che Dio parla solo georgiano. E, qualche anno prima, lo stesso arcivescovo George (Wagner), un convertito dal cattolicesimo e con un complesso sorprendente sul suo passato a Berlino, mentre si scagliava contro l'uso del romeno 'moderno' nelle funzioni, mi ha detto molto seriamente che Dio capisce solo il latino, il greco e lo slavonico nelle funzioni. (Non c'è da stupirsi che la parrocchia e la famiglia dei Peckstadt, come così tanti altri, abbiano lasciato la sua giurisdizione in quegli anni). Tuttavia, questi si sbagliavano allora e si sbagliano ora! Grazie a Dio che quella generazione, quelli che hanno detto letteralmente, 'preferiamo vedere la nostra chiesa chiudersi che a sentirvi il francese (o l'inglese)' è ormai andata. Oggi, ci sono ancora due parti della Chiesa – ma sono divise non in base alla lingua, come alcuni nella vecchia generazione pensano ancora, sono divise in base alla fedeltà e alla mancanza di fedeltà. Che siate d'accordo con me o no, come volete, ma la mia lotta è sempre stata contro coloro che vogliono distruggere la fedeltà della Chiesa, pregando per la loro illuminazione.

La fedeltà è così importante perché sappiamo che la nostra Chiesa russa ha prodotto decine di migliaia di santi e così è sopravvissuta, mentre il rinnovazionismo non ne ha prodotto uno solo – ha prodotto solo apostati, eretici e scismatici, che si sono conformati al mondo, che hanno collaborato con atei e secolaristi e hanno perseguitato e perseguitano i fedeli. Allora, perché la fedeltà è così necessaria nella diaspora solo ora?

Credo che ora siamo in un momento unico, un punto di svolta nella storia della diaspora della nostra Chiesa russa. Sia in Nord America (ROCOR / Patriarcato di Mosca / OCA) sia in Europa Occidentale (ROCOR / Patriarcato di Mosca / Esarcato di Parigi) ci sono tre gruppi di ortodossa russa (o almeno due che sono ortodossi russi e uno che ha origini ortodosse russe). Tutti e tre i gruppi sono ora di fronte alla possibilità di ulteriori unità – o divisioni. E l'unità diventa possibile proprio attraverso la fedeltà, mentre la disunione diventa possibile proprio per mancanza di fedeltà, come abbiamo visto con tutte quelle piccole sette che hanno respinto l'unità tra le due parti della Chiesa russa nel 2007, o con i vecchi calendaristi e i loro 12/13/14/15/16 (?) piccoli sinodi.

Oggi, in America del Nord, l'ex capo della Chiesa Ortodossa in America (OCA) è un membro della ROCOR – un'unità impensabile nei brutti vecchi tempi della guerra fredda. L'OCA stessa è ora sotto una mano ferma, il metropolita Tikhon, il cui stesso nome riporta il gruppo alle sue origini storiche con un Santo della Chiesa russa. Può essere che l'unità sia a portata di mano, che gli estremisti di mentalità modernista e divisiva, che hanno così a lungo impedito l'unità dell'OCA con il resto della Chiesa russa in Nord America, lasceranno l'OCA, proprio come gli estremisti della ROCOR e della diocesi di Surozh hanno dovuto andarsene prima che la loro unità e quella delle due parti della più ampia Chiesa russa potesse essere raggiunta nel 2007. Gli estremisti, soprattutto di mentalità protestante, gli 'autocefalisti', i modernisti marginali, che non potrebbero accettare l'autorità episcopale unita, potrebbero passare ai patriarcati greci di Costantinopoli e Antiochia. Ciò lascerebbe l'ex-OCA libera di aderire a una Metropolia ortodossa russa unita in Nord America.

Oggi, in Europa occidentale, anche l'Esarcato di Parigi è ora sotto una nuova mano, l'arcivescovo Job, il cui stesso nome indica molto la sofferenza che deve essere sopportata se questo gruppo deve tornare all'unità. Può darsi che anche lì l'unità sia a portata di mano, che gli estremisti di mentalità modernista e divisiva, che hanno così a lungo impedito l'unità con il resto della Chiesa russa in Europa occidentale, lasceranno l'Esarcato di Parigi, proprio come gli estremisti della ROCOR e della diocesi di Surozh hanno dovuto andarsene prima che la loro unità e quella delle due parti della più ampia Chiesa russa potesse essere raggiunta nel 2007. Gli estremisti, soprattutto di mentalità protestante, gli 'autocefalisti', i modernisti marginali, che non potrebbero accettare l'autorità episcopale unita, potrebbero passare ai patriarcati greci di Costantinopoli e Antiochia. Ciò lascerebbe l'ex- Esarcato di Parigi libero di aderire a una Metropolia ortodossa russa unita in Nord America.

Ho sempre rifiutato di prendere parte a movimenti anti-unità, anti-mainstream, di frangia, marginali, sia della diocesi di Surozh, vedendo dove si stava dirigendo nel 1982, e dell'Esarcato di Parigi, vedendo dove si stava dirigendo nel 1988, quando l'arcivescovo Georgij (Wagner) preferì celebrare il millesimo anniversario del Battesimo della Rus' con un cardinale cattolico, piuttosto che con la Chiesa russa, o del vecchio calendarismo che aveva infiltrato la diocesi locale della ROCOR nel 1974 ed era ancora lì nel 1997, ma è ormai andato. Questo perché i movimenti anti-unità sono per definizione infedeli.

Potete essere d'accordo con me perché voglio la fedeltà e così l'unità, oppure lanciare pietre contro di me perché voglio la fedeltà e così l'unità, come alcuni hanno fatto davvero. Questa è la vostra scelta, di cui Dio sarà vostro giudice. Ma io non voglio cambiare la lotta per la fedeltà e l'unità, cioè, per una vera unità, l'unità che si fonda solo sulla verità e che viene solo dalla fedeltà, non fondata su miti, delusioni e infedeltà. Perché è inutile tappezzare le crepe e le voragini, come fanno gli ecumenisti vecchio stile, bloccati negli anni '60, fare, l'unità è sempre nella verità, cioè, nella fedeltà. Chiedete a san Fozio il Grande, san Gregorio Palamas e san Marco di Efeso.

Permettetemi di essere ancora più chiaro. Quello che sto dicendo è questo:

Quando sarà scritta 'La storia della Chiesa ortodossa nella diaspora, 1917-2027', che cosa ci leggeremo? Forse:

'Quella della diaspora della Chiesa ortodossa è una storia triste. A parte il singolomomento brillante dell'unità intra-russa nel 2007, è una storia di disunione e litigi a causa di personalità divisive con politiche divisive. Questo ha continuato fino a oggi e c'è poca speranza per il futuro. A partire dall'unità pan-ortodossa nella diaspora sotto la Chiesa ortodossa russa nel 1917, distrutta dalla tragica rivoluzione russa, l'unità pan-ortodossa nella diaspora non è ancora stata ripristinata dopo 110 anni, fino a oggi'.

O sarà scritto così? Forse:

'A partire dall'unità pan-ortodossa nella diaspora nel 1917, oggi, 110 anni dopo la tragica rivoluzione russa che ha distrutto tale unità, l'unità è una volta di più alla nostra portata. Questo è stato ottenuto grazie all'unità della Chiesa Russa restaurata, le cui solide basi sono state poste nel 2007 dall'adesione di entrambe le parti della Chiesa russa, in Russia e fuori della Russia, alla Tradizione ortodossa russa per mezzo del sangue dei nuovi martiri e confessori, rappresentata nella diaspora dallo spirito universale di san Giovanni di Shanghai. Poi è arrivata la conferma dell'unità quando due ex frammenti, l'ex Chiesa Ortodossa in America (OCA) e i resti dell'Esarcato di Parigi, hanno superato la loro russofobia politicamente ispirata, così come il loro filetismo americano e francese altrettanto divisivo, e, avendo gettato a mare quel secolarismo, sono rientrati nell'unità della Chiesa russa.

Oggi, altri gruppi nazionali nella diaspora, ora di nuovo fedelmente aderenti al principio della Tradizione che crea unità, riscoperto dopo generazioni di decadenza e di conformismo alle pratiche e ai valori del mondo non ortodosso (in Nord America grazie al notevole influsso dei monasteri fondati da padre Ephraim), si stanno unendo intorno a questo esempio di responsabilità. Si stanno unendo alla vita delle quattro metropolie multinazionali, costituite su iniziativa della Chiesa ortodossa russa, in Europa occidentale, America del Nord, America Latina e Australia. La formazione di quattro nuove Chiese locali multinazionali, seguendo l'impulso e gli esempi di queste metropolie russe, è ormai in vista. La pulizia della vita della Chiesa dall'impurità spirituale, dal laicismo di ispirazione eterodossa e dall'ingiustizia storica, sta ora conducendo alla restaurazione e al ritorno alla canonicità'.

In altre parole, l'unità della diaspora, che è ciò che tutti vogliamo, non si può costruire su compromessi divisivi, ma solo sulla fedeltà all'unica Tradizione creatrice di santi, la lotta di tutta la nostra vita.

In altre parole, la nave si appresta a lasciare il porto. Dobbiamo assicurarci di avere i biglietti. Altrimenti ci troveremo isolati e bloccati sul molo fatiscente dell'isola deserta dell'eterodossia morente – un luogo solitario, nei suoi momenti migliori.

Поделиться:
Главная  >  Сбор текстов  >  Sezione 9