Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=33&id=205  Mirrors.php?cat_id=33&id=602  Mirrors.php?cat_id=33&id=646  Mirrors.php?cat_id=33&id=4898  Mirrors.php?cat_id=33&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=33&id=204  Mirrors.php?cat_id=33&id=206  Mirrors.php?cat_id=33&id=207  Mirrors.php?cat_id=33&id=208  Mirrors.php?cat_id=33&id=3944 
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 30 luglio 2017)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 9
  Alcune note missionarie

dal blog del sito Orthodox England

4 agosto 2017

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Dopo 33 anni come chierico ortodosso in tre paesi diversi, vorrei fare le seguenti osservazioni sull'opera missionaria. Prima di tutto, bisogna dire che non si fa mai opera missionaria dall'alto verso il basso. In altre parole, non è una questione di persone sedute in uffici che osservano mappe e ci puntano sopra delle bandierine. Questo sarebbe un grande errore. Noi non siamo McDonalds. L'opera missionaria inizia alle radici con persone ispirate da Dio. Pertanto è un'opera dal basso verso l'alto. Circa 15-20 anni fa ho scritto un articolo su ciò che è vitale per l'opera missionaria. Il suo titolo era qualcosa come 'Le tre P'. Le tre P sono Persone, Posto e Prete – in quest'ordine preciso e in nessun altro. Lasciatemi spiegare.

Persone

La prima P significa che tutte le nuove missioni si aprono perché ci sono persone che lo vogliono. 'Persone' non significa individui che vogliono gratificare se stessi "aprendo una missione" per la propria vanagloria. Né significa gente che ha una mentalità consumista nei confronti della Chiesa: "Esigiamo un prete che farà tutto quello che vogliamo". Persone significa fedeli ortodossi che vogliono pregare insieme in una chiesa ortodossa, partecipando al culto, pregando e ringraziando Dio, ricevendo i sacramenti, fedeli tra i quali almeno uno sappia leggere e cantare. Il loro primo compito è quello di contattare il proprio vescovo e chiedere la sua benedizione, poi decidere a chi vuole dedicare la propria futura chiesa e poi cercare locali appropriati, preparandosi a sacrifici finanziari.

Posto

La seconda P significa un posto adatto per i servizi ortodossi. Non importa molto come sembra all'esterno, almeno inizialmente, ma all'interno deve essere in grado di trasformarsi in modo che possa sembrare e dare il senso di una chiesa ortodossa. Deve essere un locale di accesso pubblico con permessi edilizi, situato in un luogo in cui vivono degli ortodossi, in una città o in una cittadina, ma non nel mezzo del nulla, ancora meno in una parte di una casa di proprietà privata. Idealmente, non dovrebbe essere un luogo troppo piccolo, né troppo grande, anche se è meglio che abbia spazio per espandersi. Se ha una cucina, una sala per le riunioni, servizi igienici, un parcheggio e si possono tenere processioni tutto intorno al Grande Venerdì, nella notte di Pasqua e alla festa patronale, allora è vicino all'ideale.

Prete

La terza e ultima P è il prete. Questa è la questione meno importante perché se hai le persone e un posto, apparirà un prete. Tuttavia, è essenziale che il sacerdote parli la lingua dei suoi parrocchiani – in tutti i sensi. Ciò significa non solo parlare e comprendere almeno alcune delle lingue più comuni dei suoi parrocchiani – che possono essere stranieri – ma avere comprensione e solidarietà nei loro confronti. La soluzione ideale è quando un prete fa parte delle persone che hanno fatto esperienza di tutte le fasi del sacerdozio – lettore, suddiacono, diacono e prete – e quindi sa e capisce di cosa sta parlando.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 9