Рубрика

 

Информация о приходе на других языках

Mirrors.php?cat_id=32&locale=ru&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&locale=ru&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&locale=ru&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&locale=ru&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&locale=ru&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=ru&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&locale=ru&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&locale=ru&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&locale=ru&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&locale=ru&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=ru&id=647         
 

Православный календарь

   

Воскресная школа прихода

   

Поиск

 

Главное

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 novembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Отпевание и панихиды  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  Подготовка к таинству Брака в Православной Церкви  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  Подготовка к таинству Крещения в Православной Церкви  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Главная  >  Сбор текстов  >  Sezione 8
  Padre Theodoros Zisis: “non stiamo facendo appelli per uno scisma”

Orthochristian.com

15 gennaio 2018

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Поделиться:

Padre Theodoros Zisis, un sacerdote della diocesi di Tessalonica della Chiesa greco-ortodossa, è stato messo sotto accusa a marzo quando ha annunciato che avrebbe smesso di commemorare il suo vescovo, il metropolita Anthimos di Tessalonica, per il suo sostegno al Concilio di Creta del 2016, che è stato deriso come ecumenista da vescovi, clero e monaci provenienti da tutto il mondo ortodosso, ha fatto una dichiarazione per chiarire che lui e altri che hanno fatto lo stesso passo non hanno intenzione di aderire a uno scisma o di creare uno scisma all'interno del Corpo di Cristo, come riferisce Hodigitria.

"Per confutare le malvagie calunnie che si diffondono contro di noi, e per calmare coloro che vogliono ascoltare la nostra spiegazione ufficiale, dichiariamo di sapere quanto sia orribilmente maligno lo scisma, che non viene lavato via nemmeno dal sangue del martirio", ha affermato fermamente padre Theodoros.

Tuttavia, un male ancora più grande dal punto di vista ecclesiologico, continua a spiegare padre Theodoros, è l'eresia, che priva l'uomo della salvezza.

"Nel cessare la commemorazione dei vescovi eretici, stiamo proteggendo noi stessi e i fedeli dalla paneresia dell'ecumenismo: non stiamo creando uno scisma, non ci sottomettiamo a un'altra giurisdizione ecclesiale non canonica, e non commemoriamo altri vescovi durante i servizi", ha dichiarato padre Theodoros, a cui è stato ordinato di non servire e che è stato privato del suo titolo onorario di arciprete, ma che rimane un chierico della diocesi di Salonicco.

Come padre Theodoros ha spesso spiegato, la sua decisione di cessare la commemorazione è stata basata sul canone 15 del Primo-secondo Concilio, svoltosi a Costantinopoli nell'861, presieduto da san Fozio il Grande. Questo canone afferma che se un vescovo predica chiaramente un'eresia precedentemente condannata da un Concilio o dai santi Padri, allora i sacerdoti possono smettere di commemorarlo nella Liturgia e non devono affrontare pene canoniche.

Il canone recita in parte:

Ma quanto a quelle persone, d'altra parte, che, a causa di qualche eresia condannata dai santi concili, o dai padri, si ritirano dalla comunione con colui che presiede, e che sta predicando pubblicamente l'eresia, e insegnandola a viso aperto in chiesa, tali persone non solo non sono soggette ad alcun castigo canonico a causa del fatto di essersi allontanati da ogni comunione con colui che è chiamato vescovo prima che sia stato emesso un verdetto conciliare o sinodale, ma, al contrario, essi saranno ritenuti degni di godere dell'onore che si addice a loro tra i cristiani ortodossi. Perché hanno sfidato non dei vescovi, ma degli pseudo-vescovi e pseudo-maestri; e non hanno scisso l'unione della Chiesa con nessuno scisma, ma, al contrario, sono stati attenti a salvare la Chiesa da scismi e divisioni.

Per una spiegazione più completa, si veda il discorso di padre Theodoros, "Difesa e Dichiarazione di Cessazione della Commemorazione del Vescovo sulla base dell'insegnamento dell'eresia".

"Abbiamo fatto il nostro dovere, quindi la nostra coscienza è chiara; nella nostra decisione abbiamo percorso il cammino fedele delineato dai santi apostoli e dai santi padri. Abbiamo combattuto e continuiamo a combattere contro l'eresia come loro. Torneremo alla commemorazione dei nostri vescovi quando condanneranno pubblicamente la grande eresia dell'ecumenismo e proclameranno il Concilio di Creta come un concilio di briganti. Questa è la nostra posizione, e non devieremo né a destra né a sinistra", ha continuato padre Theodoros, spiegando il suo desiderio di sostenere la purezza della fede ortodossa, rimanendo "murati" per il momento, ma senza entrare in alcun tipo di scisma.

Citando san Teodoro Studita, padre Theodoros termina dicendo: "noi non siamo rinnegati dalla Chiesa di Dio; che questo non accada mai con noi! Anche se siamo colpevoli di molti peccati, siamo un solo corpo con essa e siamo nutriti dai dogmi divini, e cerchiamo di osservarne le regole e i decreti" (Lettera al monaco Basilio 1.76).

Поделиться:
Главная  >  Сбор текстов  >  Sezione 8