Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=7999  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=647       
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

14/03/2020  I consigli di un monaco per chi è bloccato in casa  
11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 novembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  La Chiesa serba ha rifiutato di partecipare con Costantinopoli alla celebrazione dell'800° anniversario dell'autocefalia serba

Orthochristian.com, 16 ottobre 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Quest'anno ricorre l'800° anniversario dell'autocefalia della Chiesa ortodossa serba, occasione che è stata celebrata con feste sia in Serbia che all'estero, dove si trovano parrocchie serbe.

Tuttavia, le conseguenze delle azioni del Patriarcato di Costantinopoli in Ucraina continuano a riverberarsi in modo devastante in tutta la Chiesa, oltre all'Ucraina e alla Russia, e le celebrazioni della Chiesa serba non sono state così festive come ci si aspetterebbe da un anniversario così importante.

I vescovi serbi hanno deciso mesi fa di non invitare ufficialmente delegazioni delle altre Chiese ortodosse locali, in modo da evitare la situazione imbarazzante in cui rappresentanti di Mosca e Costantinopoli non siano in grado di servire insieme o dove sia invitato solo uno dei due.

E, secondo una fonte interna della Chiesa serba, i vescovi serbi hanno anche recentemente rifiutato di inviare una delegazione alla celebrazione della loro autocefalia che Costantinopoli offriva di ospitare, a causa della loro forte posizione contro l'invasione del patriarca Bartolomeo nel territorio canonico della Chiesa ucraina sotto sua Beatitudine il metropolita Onufrij di Kiev e di Tutta l'Ucraina.

La Chiesa serba ha attirato l'ira del Patriarca di Costantinopoli a causa del suo rifiuto di riconoscere la "Chiesa ortodossa dell'Ucraina" scismatica creata da Costantinopoli l'anno scorso.

Alla richiesta di come il patriarca Bartolomeo abbia risposto al rifiuto di partecipare alle celebrazioni a Istanbul, ha affermato la fonte: “Finora con il silenzio. Ma i nostri vescovi serbi sanno che non è la fine".

Ora c'è un serio problema e una preoccupazione tra i vescovi serbi che il patriarca Bartolomeo tenti di annettersi il Kosovo e altri territori della Chiesa serba che furono aggiunti dopo il 1879, quando il Patriarcato di Costantinopoli emise un nuovo tomos di autocefalia per la metropolia di Belgrado, che era limitata solo a una parte della Serbia moderna.

Ricordiamo che il Santo Sinodo di Costantinopoli ha deciso improvvisamente lo scorso ottobre di revocare il documento del 1686 che trasferiva la metropolia di Kiev alla Chiesa russa, rivendicando così tutta l'Ucraina per sé: tuttavia, va notato che i confini della metropolia di Kiev nel 1686 non corrispondono all'odierna Ucraina. Questo è un evidente problema che Costantinopoli non ha mai affrontato.

Quindi, c'è una crescente paura tra i vescovi serbi che il patriarca Bartolomeo passi in futuro il suo sguardo su di loro.

I vescovi della "Chiesa ortodossa macedone", uno scisma di grandi proporzioni dalla Chiesa serba, dichiarano apertamente di voler ricevere un tomos di autocefalia da Costantinopoli e sono certi che questo accadrà. Anche la molto più piccola "Chiesa ortodossa montenegrina" scismatica sta cercando l'autocefalia da Costantinopoli, sebbene il patriarca Bartolomeo abbia dichiarato che non riceveranno un tomos.

Tuttavia, come ha visto il mondo con la situazione ucraina, il patriarca Bartolomeo non è restio a cambiare idea su questioni così importanti.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8