Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 7 maggio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  La Chiesa serba per ora mantiene la comunione con Costantinopoli per economia – vescovo Irinej di Bačka

Orthochristian.com, 14 marzo 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

foto: spzh.news

Una dichiarazione ufficiale della posizione della Chiesa serba sulle azioni del Patriarcato di Costantinopoli in Ucraina e sulla chiesa scismatica ucraina ivi creata è stata inviata al patriarca Bartolomeo e pubblicata sul sito del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca a fine febbraio e successivamente sul sito della Chiesa ortodossa serba .

E, come riportato dal sito serbo Politika, i vescovi serbi hanno successivamente inviato la loro dichiarazione a tutte le Chiese locali, informandoli che considerano le azioni di Costantinopoli non canoniche e che l'unica Chiesa che riconoscono in Ucraina è quella guidata da sua Beatitudine il metropolita Onufrij di Kiev e di Tutta l'Ucraina.

I vescovi fanno notare che sono stati tra i primi, a novembre, a reagire a livello ufficiale ai piani di Costantinopoli in Ucraina, ma sfortunatamente la loro voce è rimasta solo una "voce nel deserto", incontrando solo silenzio da parte di Costantinopoli. Anche altri appelli sono stati passati sotto silenzio.

La dichiarazione include inoltre 5 punti:

  • La Chiesa serba non riconosce l'incursione non canonica di Costantinopoli nel territorio canonico della Chiesa russa, che come dimostrano i documenti storici e la testimonianza comune della Chiesa nel corso della storia, include l'antica metropolia di Kiev e il territorio attuale dell'Ucraina.
  • La Chiesa serba non riconosce la cosiddetta "Chiesa ortodossa dell'Ucraina", che non esiste da un punto di vista canonico. Gli scismatici rimangono scismatici, finché non mostreranno sincero pentimento.
  • La Chiesa serba non riconosce l'ingiustificato "concilio d'unificazione" di Kiev, che in realtà è stato un catalizzatore per ulteriori disunità in Ucraina. Le decisioni del concilio non sono affatto vincolanti.
  • La Chiesa serba non riconosce i vescovi o i chierici scismatici come validi, dato che il "patriarcato di Kiev" dipende dal deposto, scomunicato e anatematizzato Filaret Denisenko e la "Chiesa ortodossa autocefala ucraina" dipende da vescovi autoconsacrati senza successione apostolica.
  • "E infine, la Chiesa serba è naturalmente costretta a raccomandare che i suoi vescovi e i suoi pii chierici si astengano dalla comunione liturgica e canonica non solo con il suddetto Epifanij (Dumenko) e altri come lui, ma anche con i vescovi e i chierici che sono in comunione con loro, secondo il principio dei sacri canoni, che coloro che hanno comunione con gli scomunicati si collocano anch'essi fuori dalla comunione".

L'ultimo punto ha sollevato molte domande tra i fedeli circa l'esatta posizione della Chiesa serba nei confronti di Costantinopoli, poiché solo il patriarca Bartolomeo e gli altri vescovi e chierici di Costantinopoli hanno servito con gli scismatici ucraini. Alcune fonti mediatiche sono addirittura giunte a riferire che la Chiesa serba avrebbe rotto la comunione con Costantinopoli.

Dopo aver ricevuto una serie di domande sul punto finale, sua Eccellenza il vescovo Irinej di Bačka, capo del Dipartimento delle informazioni e delle pubblicazioni della Chiesa serba, ha pubblicato una dichiarazione esplicativa sul sito della Chiesa serba.

Il vescovo Irinej rileva innanzitutto che la dichiarazione non dice nulla su una rottura della comunione con Costantinopoli. La comunione si rompe facilmente, dice, ma non è così facile da riparare. "Di fronte a tali sfide e tentazioni, non dovremmo agire in fretta, ma con ragionamento, nella speranza che la grazia dello Spirito Santo guarirà presto la nostra debolezza", scrive il vescovo serbo.

Tuttavia, è impossibile sopravvalutare il principio canonico generalmente vincolante articolato nel quinto punto dalla Chiesa – che non può esserci comunione con coloro che sono privati ​​della grazia, e che coloro che comunicano con gli scismatici rendono se stessi scismatici. "La differenza essenziale tra Chiesa e scisma non deve essere cancellata", scrive il vescovo Irinej.

La Chiesa serba indica questa norma canonica, ma senza applicarla per ora, per economia. "Il nostro Santo Sinodo... chiede la sua applicazione, ma senza fretta... facendo tutto il possibile affinché il Signore restituisca il dono di grazia dell'unità alla Chiesa." Pertanto, si raccomanda, ma non è richiesto, che i vescovi e i chierici serbi si astengano dal servire con chi ha comunione con gli scismatici. Una decisione così pesante come la rottura della comunione può essere fatta solo dal Concilio dei Vescovi, non dal Santo Sinodo, nella Chiesa ortodossa serba.

Quelli che seguono la raccomandazione stanno applicando l'acribia canonica, mentre quelli che non la seguono applicano un'accettabile economia, dice il vescovo Irienej, offrendo la sua opinione personale.

Come già riportato in precedenza, ci saranno celebrazioni separate della Domenica dell'Ortodossia a Chicago, con il clero serbo e quello russo che servono insieme, senza concelebrazione greco-costantinopolitana. Da allora OrthoChristian è stato informato da un sacerdote della Chiesa serba nel Nord America che hanno avuto istruzioni di non concelebrare con il clero di Costantinopoli in America e in Canada.

Se le Chiese locali rimangono nell'attuale posizione comune di non accettare Filaret Denisenko, Epifanij Dumenko e il resto dei vescovi e dei chierici scismatici, ciò significherà un accordo generale con la posizione di principio della Chiesa serba. Tuttavia, se altre Chiese iniziano ad accettare e riconoscere gli scismatici, ciò porterà fine al periodo dell'economia e introdurrà un caos canonico duraturo.

Solo lo Spirito Santo può guarire uno scisma persistente, afferma il vescovo serbo.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8