Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 29 giugno 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 17 settembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  Perché il patriarca Bartolomeo è contrario a un Concilio ecumenico

Kirill Aleksandrov

Unione dei giornalisti ortodossi, 8 marzo 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

le azioni del Patriarca Bartolomeo sono considerate eresia del papismo di Costantinopoli

Perché la Chiesa ha convocato i Concili ecumenici, cos'è stato il Concilio di Creta e perché il Fanar teme una soluzione pan-ortodossa della "questione ucraina"?

Recentemente, il patriarca Bartolomeo di Costantinopoli in una lettera al patriarca Giovanni X di Antiochia ha rifiutato di risolvere il problema ucraino a livello pan-ortodosso. Perché i Concili ecumenici furono convocati nel primo millennio? Cos'è stato il recente Concilio a Creta? E perché il patriarca Bartolomeo ha tanta paura di convocare un vero Concilio ecumenico?

Prima di tutto, alcune parole su ciò che i Concili sono in sostanza e qual è il principio di conciliarità, che la Chiesa di Cristo ha seguito nel corso della sua storia.

Il mondo che ci circonda impone concetti politici, legali, sociali, psicologici e trasferisce questi concetti alla sfera religiosa. Questo fatto causa una visione distorta, talvolta drammaticamente distorta, della realtà religiosa.

Per esempio, non esitiamo a trasferire il concetto politico di democrazia nella sfera religiosa e identificarlo con la conciliarità. Questo è fondamentalmente sbagliato! La democrazia è il potere della maggioranza. Se la maggioranza ha qualche opinione, questo non significa che questa opinione sia corretta. Strumenti democratici – elezioni, referendum, ecc. – permettono di rivelare la volontà della maggioranza. I concili della Chiesa riguardano qualcos'altro.

I concili hanno lo scopo di rivelare, esprimere e mettere in parole la volontà di Dio su una questione specifica. Il concilio è un modo per manifestare la volontà di Dio, non la volontà umana. Ecco perché quelli che non sono d'accordo con i risultati delle elezioni o dei referendum sono chiamati dissidenti, ma quelli che non sono d'accordo con le azioni dei concigli sono chiamati eretici e scomunicati.

Molto spesso il corso e i risultati dei Concili ecumenici si sono rivelati completamente diversi da ciò che i loro iniziatori avevano concepito. Il primo Concilio di Nicea fu convocato nel 325 dall'imperatore Costantino, perché i sostenitori e gli oppositori del presbitero Ario si riconciliassero tra loro e elaborassero una formula teologica che andasse bene per tutti. Questo era richiesto dagli interessi vitali dell'impero. Ma si è rivelato tutto il contrario. Fu adottata una formula che non riunì, ma divise chiaramente gli ortodossi e gli ariani e ciò fu seguito da decenni di disordini religiosi nell'impero.

I cristiani non dovrebbero cercare di imporre la loro volontà a nessuno. Nella preghiera "Padre nostro" chiediamo: "Sia fatta la tua volontà..." Lo stesso nostro Signore Gesù Cristo ha detto di se stesso: "Io non posso creare nulla da me stesso. Come ascolto, così giudico, e il mio giudizio è giusto; poiché io non cerco la mia volontà, ma la volontà del Padre che mi ha mandato" (Giovanni 5,30).

È nei concili che la Santa Chiesa vede un modo per manifestare la volontà di Dio. Tutti gli apostoli di Cristo furono illuminati dallo Spirito Santo, tuttavia nessuno di loro osò risolvere da solo una questione riguardante l'intera Chiesa, invece fu riunito il Concilio Apostolico, che aveva il diritto di proclamare: "È parso bene allo Spirito Santo e a noi..." (Atti 15,28).

Allo stesso tempo, il fatto stesso di tenere un concilio, anche se con la partecipazione di rappresentanti di tutte le Chiese locali, non è ancora sufficiente per confermare che ha espresso la volontà di Dio. È anche importante come la Chiesa di Cristo nella sua pienezza accetterà le decisioni di tale concilio. Nella storia della Chiesa ci sono casi in cui un concilio, tenuto con la partecipazione di tutte le Chiese locali e dichiarato ecumenico, fu in seguito riconosciuto eretico e da briganti. Quindi, i concili non riguardano la democrazia, ma l'identificazione della volontà di Dio.

Perché furono convocati i Concili ecumenici

Si ritiene che ci siano stati sette Concili ecumenici e tutti si sono svolti nel primo millennio.

Come piccola digressione, diciamo che la Chiesa ortodossa non attribuisce alcun valore mistico al numero dei Concili ecumenici. Non crede che ci possano essere solo sette Concili, e un ottavo, se tenuto, dovrebbe essere necessariamente "anti-Cristo".

In ogni momento, alla gente sono piaciute le belle coincidenze numeriche. Per esempio, dopo il terzo Concilio di Efeso del 431, furono espresse opinioni secondo le quali ci possono essere solo tre concili, secondo il numero delle persone della santissima Trinità. Dopo il quarto Concilio a Calcedonia, nel 451, si pensava che ce ne fossero solo quattro secondo il numero degli evangelisti.

Non è chiaro perché il Concilio Apostolico, che è stato tenuto intorno all'anno 49 (secondo altri dati, intorno all'anno 51) a Gerusalemme, non è incluso tra i concili ecumenici. Dopotutto, è stato un vero Concilio ecumenico, sia in termini di composizione dei partecipanti che di importanza della questione in discussione.

Anche altri due Concili non sono considerati ecumenici, sebbene lo fossero essenzialmente. Si tratta del Concilio di Costantinopoli nell'879-880, a cui hanno partecipato 383 vescovi di tutte le Chiese locali, inclusi i legati pontifici, e che ha condannato l'eresia del filioque. Un altro Concilio del 1341-1351, noto come una serie di sei riunioni patriarcali a Costantinopoli, approvò l'insegnamento di san Gregorio Palamas sulla natura increata della luce del Monte Fabor. Molti teologi e storici della Chiesa considerano questi due Concili tra quelli ecumenici, portandoli quindi da sette a nove. E se contiamo quello apostolico, allora ci sono stati dieci concili ecumenici in tutto.

Sono stati convocati concili ecumenici per stabilire la fede ortodossa nei casi in cui vi era una reale minaccia della sua distorsione da parte di eresie, ovvero falsi insegnamenti. Sono stati la reazione della Chiesa alle eresie, quando queste divenivano ovvie e minacciavano la cosa più importante: la salvezza dell'uomo da parte del nostro Signore Gesù Cristo. Ricordiamoli ora brevemente.

I Concilio ecumenico di Nicea, 325 d.C. Condannò l'eresia di Ario, presbitero d'Alessandria, il quale sosteneva che il Figlio di Dio, la seconda persona della santissima Trinità, non è il vero Dio ma la più alta creazione di Dio Padre. Approvò il dogma ortodosso che il Figlio di Dio Gesù Cristo è il vero Dio, nato da Dio Padre prima di tutti i secoli e coessenziale a lui. Il Concilio ha articolato le prime sette proposizioni del Credo.

II Concilio ecumenico di Costantinopoli, 381 d.C. Condannò l'eresia di Macedonio, che rigettava la divinità dello Spirito Santo, la terza persona della santissima Trinità. Macedonio insegnava che lo Spirito Santo non è Dio, ma un certo potere di Dio, creato e asservito a Dio Padre e Dio Figlio. In risposta a questa falsa dottrina, il Concilio approvò il dogma dell'uguaglianza e convivenza di Dio lo Spirito Santo con Dio Padre e Dio Figlio. Ha integrato il Credo niceno con altre cinque proposizioni ed è per questo che questo simbolo di fede si è chiamato niceno-costantinopolitano.

III Concilio ecumenico di Efeso, 431 d.C. Condannò il falso insegnamento del patriarca Nestorio di Costantinopoli, il quale insegnava che la santa vergine Maria non ha dato alla luce Dio, ma l'uomo Gesù Cristo, con il quale Dio il Figlio si unì in seguito e visse in lui come nella propria dimora. Ha risolto di riconoscere che dal tempo dell'incarnazione due nature si sono unite in Gesù Cristo: quella divina e quella umana. Entrambe queste nature erano perfette, senza alcuna deroga. Ha vietato rimuovere o integrare qualsiasi cosa nel Credo niceno-costantinopolitano.

IV Concilio ecumenico di Calcedonia, 451 d.C. Condannò l'eresia dei monofisiti, che rigettavano la natura umana in Gesù Cristo e dicevano che la divinità in Cristo aveva completamente consumato la sua natura umana. Ha articolato l'insegnamento ortodosso secondo cui nostro Signore Gesù Cristo è vero Dio e vero uomo, in tutto simile a noi, tranne che per il peccato. La natura divina e umana si è fusa in lui come "distinta e inalterabile, inseparabile e indivisibile".

V Concilio ecumenico di Costantinopoli, 553 d.C. Condannò gli scritti di tre vescovi morti nel V secolo: Teodoro di Mopsuestia, Teodoreto di Ciro e Iba di Edessa. Questi riguardavano dispute sugli insegnamenti di Nestorio, che era stato condannato dal terzo Concilio ecumenico. L'eresia di Nestorio e quella del monofisismo furono condannate al Concilio.

VI Concilio ecumenico di Costantinopoli, 680 d.C. Condannò l'eresia dei monoteliti che, nonostante riconoscessero in Cristo due nature, divina e umana, asserivano che il Salvatore aveva una sola volontà: quella divina. Ha deciso di riconoscere due nature in Gesù Cristo, divina e umana, così come due volontà. Allo stesso tempo, la volontà umana in Cristo è sottomessa alla volontà divina in ogni cosa.

VII Concilio ecumenico di Nicea, 787 d.C. Condannò l'eresia dell'iconoclastia, che sorse sessant'anni prima del concilio. Il pericolo di questa eresia era che respingendo le immagini di Cristo, si respingeva anche la realtà dell'Incarnazione. Il Concilio ha deciso di onorare le icone sacre e l'immagine della Croce del Signore.

Tutti i Concili ecumenici furono convocati dagli imperatori bizantini, che assicurarono la condotta, sostennero le spese e spesso formularono l'ordine del giorno. Non ci sono decisioni su chi, come, in quale ordine ha l'autorità di convocare il Concilio ecumenico. Le attuali affermazioni del Fanar, che solo esso e nessun altro ha l'autorità di convocarli, sono infondate.

Cos'è stato il Concilio di Creta

Il Concilio di Creta si è svolto nel giugno 2016. I suoi preparativi erano stati condotti per quasi cento anni. Vi hanno partecipato 10 su 15 (o 14) Chiese locali generalmente riconosciute. Questo fatto non consente di riconoscere il Concilio di Creta come pan-ortodosso, anche senza prestare attenzione al fatto che le chiese russa, georgiana, antiochena e bulgara, che non erano presenti al Concilio, riuniscono più della metà di tutti i cristiani ortodossi nel mondo.

Dopo quasi tre anni, si può affermare che l'organizzatore principale del Concilio di Creta, il Patriarcato di Costantinopoli, l'ha concepito per:

1. approvare la supremazia del Patriarcato di Costantinopoli nel mondo ortodosso;

2. aprire la strada ai contatti ecumenici (soprattutto con il Vaticano).

Questi sono gli obiettivi principali del Concilio di Creta. Non è stato convocato per condannare alcuna eresia come i Concili ecumenici. Non era stato originariamente convocato per rispondere a una qualsiasi questione scottante della vita di chiesa contemporanea. Le questioni sottoposte a discussione erano completamente in contrasto con lo status di un concilio.

In realtà, per confermare che il matrimonio è indistruttibile e il digiuno è obbligatorio, bisogna convocare un Concilio pan-ortodosso a 1.200 anni di distanza dal precedente? Ma se si leggono attentamente i documenti del Concilio di Creta, diventa perfettamente chiaro come, con l'aiuto di tali problemi minori, il Fanar sia quasi riuscito a raggiungere i due obiettivi sopra indicati.

Cominciamo dal secondo: creare presupposti teologici e canonici per avviare il processo di unificazione con la Chiesa cattolica a un livello qualitativamente nuovo. Questo è qualcosa che molte persone hanno notato durante la preparazione del Concilio di Creta e questo è il motivo per cui quattro Chiese non si sono presentate.

Molti autorevoli vescovi e teologi, compresi quelli delle Chiese locali che erano presenti al Concilio di Creta, hanno apertamente e pubblicamente espresso il loro disaccordo con le bozze dei suoi documenti. Le principali lamentele sono state fatte contro il testo del documento "Relazioni della Chiesa ortodossa con il resto del mondo cristiano" . La sua essenza è la seguente:

• Il nome delle confessioni non ortodosse come "Chiese". Nel paragrafo 1, la Chiesa ortodossa è chiamata "Una, Santa, Cattolica e Apostolica", mentre il paragrafo 6 parla della "esistenza nella storia di altre Chiese e denominazioni cristiane che non sono in comunione con essa".

• Riferimenti ripetuti a "ripristinare l'unità dei cristiani". Questa tesi è inizialmente insostenibile, poiché quest'unità è conservata nella Chiesa ortodossa. Il paragrafo 6 afferma che "l'unità che la Chiesa possiede per sua natura ontologica non può essere spezzata". Tuttavia, si afferma poco oltre che "l'obiettivo oggettivo" di un dialogo intercristiano è "preparare il cammino verso l'unità". L'unità con la Chiesa di tutti coloro che ne sono decaduti è possibile solo attraverso il pentimento, ma per qualche motivo questo non è discusso nei documenti del Concilio di Creta.

• Sostiene che la struttura conciliare è "il criterio più alto della Chiesa in materia di fede" . Il paragrafo 22 afferma che "la conservazione della vera fede ortodossa è possibile solo grazie alla struttura cattolica, che fin dai tempi antichi ha rappresentato il competente e il più alto criterio della Chiesa in materia di fede ". Tuttavia, ciò è contrario alla tradizione della Chiesa: il Concilio e le sue decisioni diventano legittimi solo perché sono riconosciuti dalla pienezza della Chiesa - chierici, monaci e laici.

Un punto indicativo è che invece di chiamare eresie le eresie, in accordo con le tradizioni dei Concili ecumenici, il Concilio di Crete le definisce con tolleranza "differenze teologiche tradizionali". Anche una non praticante può percepire la differenza: l'eresia è ciò che rende impossibile per una persona rimanere nella Chiesa, mentre le  "differenze teologiche tradizionali" sono opinioni completamente accettabili che devono essere rispettate.

Tuttavia, l'orientamento esplicito e nascosto del Concilio di Creta verso l'ecumenismo è solo uno dei suoi aspetti. Il secondo, forse, ancora più importante e pericoloso per il dogma ortodosso, è l'affermazione del primato del Fanar su tutto il mondo ortodosso. Non è stato praticamente notato durante la preparazione per il Concilio, ma si è manifestato in tutta la sua gloria attraverso le azioni del Fanar in Ucraina.

Costantinopoli ha agito come sovrano unico dei destini e giudice supremo. Tutti sono rimasti semplicemente stupiti dall'impudenza con cui il Fanar ha calpestato i sacri canoni della Chiesa e il buon senso. Tuttavia, si scopre che i motivi (diretti o indiretti) di tali azioni sono enunciati nei documenti del Concilio di Creta che non sono diventati pan-ortodossi.

In molti punti dei documenti del Concilio di Creta, l'autorità è assegnata non solo al patriarca di Costantinopoli, ma anche ai vescovi fanarioti. Per esempio:

• Punto 2-b del documento "Diaspora ortodossa". Si afferma che gli incontri episcopali nei paesi non ortodossi del mondo (diaspora) "saranno costituiti da tutti i vescovi di ogni regione e saranno presieduti dal primo dei vescovi subordinati alla Chiesa di Costantinopoli". Ciò significa che invece di eleggere il presidente di un tale incontro tra i partecipanti all'incontro stesso, il primato è concesso al vescovo del Fanar.

• Paragrafo 6 del documento "Diaspora ortodossa": "Per questioni che sono d'interesse comune e richiedono una considerazione ortodossa generale, il presidente (dell'assemblea episcopale nella diaspora, ndr) si rivolge al patriarca ecumenico per ulteriori azioni". Questo afferma il potere del patriarca di Costantinopoli su tutta la diaspora ortodossa.

• Punto 2-d del documento "L'autonomia e il metodo della sua proclamazione": "Le Chiese autonome non sono stabilite sul territorio della diaspora ortodossa, tranne nei casi di consenso pan-ortodosso concesso dal patriarca ecumenico". Ciò significa che se c'è un consenso ortodosso ma non è stato approvato dal patriarca di Costantinopoli, allora non può essere stabilita una Chiesa autonoma.

• Paragrafo 2 del documento "L'autonomia e il metodo della sua proclamazione": "In caso di disaccordo <...> le parti partecipanti si rivolgono congiuntamente o separatamente al patriarca ecumenico affinché trovi la soluzione canonica del problema". Questo è un sistema giudiziario pronunciato dal Fanar, mediante il quale una sola parte può fare appello, non due.

• Paragrafo 10 del documento "Rapporti della Chiesa ortodossa con il resto del mondo cristiano": "Durante la successiva discussione panortodossa, il patriarca ecumenico rivela il consenso unanime delle Chiese ortodosse". Di conseguenza, nessun altro può rivelare questo consenso.

Inoltre, nel messaggio del Concilio è stato proposto di stabilire il "Santo e Grande Concilio" come organo di governo permanente. Inoltre, il diritto di convocare tale Concilio per qualche ragione viene dato solo al patriarca di Costantinopoli. Questo non è mai accaduto nella storia della Chiesa di Cristo e non ci sono per questo motivi teologici. Questa disposizione mette il patriarca di Costantinopoli praticamente sotto la giurisdizione di nessuno, dal momento che non convocherà mai un concilio che lo condannerà per eventuali azioni anti-canoniche.

In modo sufficientemente dettagliato, la falsa dottrina sul primato del Fanar sul mondo ortodosso è esposta nell'articolo "L'eresia del papismo di Costantinopoli" di padre Georgij Maksimov.

Perché il Patriarca Bartolomeo teme tanto di convocare un vero Concilio ecumenico

La risposta a questa domanda è ovvia: perché in questo Concilio non sarà risolta solo la "questione ucraina", ma anche l'eresia stessa del papismo di Costantinopoli, che è stata così vividamente manifestata in Ucraina, sarà inevitabilmente esposta. Dopo tutto, i Concili ecumenici furono convocati quando una certa eresia non solo si manifestò e fu formulata, ma cominciò anche a portare i suoi frutti nefasti.

Quest'eresia ebbe origine negli anni '20, quando il Fanar dichiarò la propria giurisdizione esclusiva sull'intera diaspora ortodossa. L'ultima formulazione di questa eresia è stata data dal patriarca Bartolomeo nel settembre 2018: "Per l'ortodossia, il Patriarcato ecumenico funge da lievito, che "fa fermentare tutta la pasta "(Gal 5, 9) della Chiesa e della storia. <...> Il principio della Chiesa ortodossa è il Patriarcato ecumenico, "in esso è la vita, e questa vita è la luce delle Chiese". <...> L'Ortodossia non può esistere senza il Patriarcato ecumenico. <...> Il patriarca ecumenico come capo del corpo ortodosso. <...> Se il Patriarcato ecumenico <...> lascia il palcoscenico inter-ortodosso, le Chiese locali diventeranno "come pecore senza il loro pastore" (Mt 9,36)."

Queste parole possono essere integrate con espressioni eloquenti di vescovi e teologi del Fanar. Per esempio, "Cosa sarebbe la Chiesa ortodossa senza il Patriarcato ecumenico? Una specie di protestantesimo <...> È inconcepibile che qualche Chiesa locale <...> interrompa la loro comunione [con il Patriarcato ecumenico, ndr], perché è questo a rendere la sua esistenza canonica" (metropolita Amphilochio di Adrianopoli). "Il Patriarca di Costantinopoli, piaccia o meno a qualcuno, è il primate dell'Ortodossia, un segno visibile della sua unità e il garante del normale funzionamento dell'istituzione, che noi chiamiamo la "Chiesa ortodossa" (Protopresbitero Gheorghios Tsetsis).

Bene, anche i frutti sinistri di questa eresia in Ucraina sono evidenti: sequestri e incendi di chiese, percosse di preti e parrocchiani, intimidazioni, violenze, rapine... Non una guarigione ma un radicamento della spaccatura per molti anni, se non per sempre.

Eresia in evidenza: come risponderà la Chiesa di Cristo?

Diversi Concili ecumenici con la loro autorità hanno stabilito le regole dei concili locali. È possibile che questa volta la base per condannare l'eresia del papismo di Costantinopoli sia il decreto del Concilio episcopale della Chiesa ortodossa russa del 2008:

"Il Concilio esprime profonda preoccupazione per le tendenze <...> manifestate nelle dichiarazioni di alcuni rappresentanti della santa Chiesa di Costantinopoli.

Procedendo dalla comprensione del Canone 28 del IV Concilio Ecumenico, la quale comprensione non è condivisa da tutta la Chiesa ortodossa, questi vescovi e teologi sviluppano un nuovo concetto ecclesiologico, che diventa una sfida per l'unità ortodossa comune. Secondo questo concetto: a) solo una Chiesa locale che è in comunione con il trono di Costantinopoli è considerata appartenente all'Ortodossia universale; b) il Patriarcato di Costantinopoli ha il diritto esclusivo di giurisdizione ecclesiastica in tutti i paesi della diaspora ortodossa; c) in questi paesi, il Patriarcato di Costantinopoli da solo rappresenta le opinioni e gli interessi di tutte le Chiese locali di fronte al governo; d) ogni vescovo o chierico che serve fuori dal territorio canonico della sua Chiesa locale è sotto la giurisdizione della Chiesa di Costantinopoli, anche se lui stesso non è a conoscenza di questo <...>; e) Il Patriarcato di Costantinopoli determina i confini geografici delle Chiese e, se la sua opinione non coincide con l'opinione di una particolare Chiesa su questo tema, può stabilire la propria giurisdizione sul territorio di questa Chiesa. <...>

Tale visione del Patriarcato di Costantinopoli sui propri diritti e poteri entra in un'irresistibile contraddizione con la secolare tradizione canonica su cui si basa l'esistenza della Chiesa ortodossa russa e di altre Chiese locali".

Nel 2013, il Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa ha adottato il documento "Sul primato nella Chiesa universale", che contiene l'insegnamento ortodosso sul rapporto tra le Chiese locali tra loro:

"Nella Santa Chiesa di Cristo, il primato a tutti gli effetti appartiene al suo capo, il Signore e Salvatore Gesù Cristo. <...> Varie forme di primato nella Chiesa sono secondarie all'eterno primato di Cristo come capo della Chiesa. <...> A livello della Chiesa ecumenica come comunità di Chiese locali autocefale, unite in un'unica famiglia da una comune professione di fede e in comunione sacramentale tra loro, il primato è determinato secondo la tradizione dei sacri dittici ed è il primato d'onore. <...> L'ordine dei dittici è storicamente cambiato. <...> Le regole canoniche su cui poggiano i sacri dittici non conferiscono al primate alcuna autorità in tutta la Chiesa. <...> Distorsioni ecclesiologiche attribuiscono funzioni amministrative al primate ecumenico a livello universale <...>

Come si può vedere, nel confronto odierno tra Costantinopoli e la Chiesa ortodossa russa non si tratta di territori canonici e di chi avrà una maggiore influenza sulla Chiesa ortodossa ucraina. Il punto è impedire all'Ortodossia di trasformarsi in Fanarodossia, secondo l'appropriata espressione dell'arcivescovo Feodosij di Bojarka.

I problemi generati dall'eresia hanno tormentato la Chiesa di Cristo, a volte anche per secoli. Ma prima o poi sono stati denunciati ed espulsi dalla Chiesa. Sarà così anche con la Fanarodossia, che prima o poi la Chiesa respingerà come estranea al Credo: "Credo nella Chiesa una, santa, cattolica e apostolica". Tuttavia, quale parte sceglierà ogni vescovo, prete, monaco o laico dipende solo dalla loro scelta personale.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8