Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 13 gennaio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 4 gennaio 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  Padre Theodoros Zisis: il patriarca Bartolomeo ha agito senza riguardi per alcun primate di Chiesa

Orthochristian.com, 10 gennaio 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

La concessione dell'autocefalia agli scismatici ucraini è stata un'azione "illegale, anti-canonica e divisiva" da parte del Patriarcato di Costantinopoli, fatta sotto "pressioni di circoli occidentali non ecclesiali", ha commentato a RIA-Novosti il teologo greco padre Theodoros Zisis il ​​6 gennaio.

Il patriarca Bartolomeo ha portato il suo progetto d'autocefalia al culmine il 6 gennaio, concedendo unilateralmente un tomos d'autocefalia al "metropolita" Epifanij Dumenko, il primate degli scismatici ucraini, e al presidente ucraino Petro Poroshenko.

La concessione del tomos è stata fatta "impropriamente", con Costantinopoli "priva di diritto" di farlo, ha detto padre Theodoros.

"La Chiesa ucraina è nella Chiesa russa già da tre secoli. Il Patriarcato ecumenico (Costantinopoli) non aveva diritto di invadere senza una richiesta da parte della Chiesa ucraina", ha spiegato padre Theodoros, avendo precedentemente esposto l'argomentazione storica e canonica per l'integrità del territorio canonico della Chiesa russa, inclusa la Chiesa ucraina.

"La Chiesa ucraina canonica, guidata dal metropolita Onufrij, non ha chiesto che fosse concessa tale indipendenza", ha continuato il noto teologo greco.

L'appello per l'autocefalia è venuto dal presidente Poroshenko con il sostegno del parlamento ucraino e dei vescovi delle due strutture scismatiche precedentemente esistenti.

Padre Theodoros ha pure sottolineato il punto importante che anche prima del Concilio di Creta del 2016, in cui il metodo per la concessione dell'autocefalia è stato alla fine tolto dall'ordine del giorno finale, tutte le Chiese ortodosse avevano concordato su come dovrebbe essere concessa l'autocefalia, con una richiesta proveniente da una Chiesa ortodossa canonica, non da scismatici, come primo passo. Nel caso dell'Ucraina, ciò significa che sua Beatitudine il metropolita Onufrij di Kiev e di Tutta l'Ucraina avrebbe dovuto chiedere l'autocefalia, anche se nessuna richiesta di tal genere è stata fatta, ha notato padre Theodoros.

"Ora tutto ciò è stato respinto e, sfortunatamente, il Patriarcato ecumenico mostra un'inclinazione verso il primato come quello del papa di Roma. Non ha avuto riguardo per nessuno e non ha preso contatto con i capi delle altre Chiese autocefale. Se fossero stati intrapresi tutti i passi, se la Chiesa canonica lo avesse richiesto e la richiesta fosse stata accettata, tutti i capi delle Chiese autocefale avrebbero dovuto essere informati", ha spiegato padre Theodoros.

"Il patriarca ecumenico non ha considerato queste cose, ma da se stesso, ereticamente e illegalmente (se si può usare un termine politico), ha proceduto a concedere un'autocefalia a uno scisma – perché lo scisma non è stato rimosso – uno scisma è rimosso da colui che lo ha dichiarato. Lo scisma di Filaret e Makarij avrebbe dovuto essere rimosso dalla Chiesa russa. Per la Chiesa russa e per il resto delle Chiese ortodosse, la cosiddetta "Chiesa dell'Ucraina" di oggi è ancora scismatica", ha osservato il professore di teologia in pensione.

Come sottolineato sul sito Orthodox Synaxis, il patriarca Bartolomeo ha esplicitamente riconosciuto che nel caso attuale con l'Ucraina sta rinnegando la procedura concordata per la concessione dell'autocefalia e che invece sta agendo unilateralmente.

Padre Theodoros ritiene che tutte le Chiese slave "si schiereranno con la Chiesa russa", mentre le Chiese greche "si troveranno in una posizione molto dura" perché ci sarà una forte pressione su di loro per accettare la chiesa nazionalista ucraina.

La posizione delle Chiese polacca e serba contro il riconoscimento della nuova struttura ucraina era già nota prima che padre Theodoros rilasciasse la sua intervista, e da allora è stata resa pubblica la rinnovata richiesta di un concilio pan-ortodosso sulla questione da parte di Antiochia, ed è stato segnalato il rifiuto di sua Beatitudine l'arcivescovo Chrysostomos di Cipro di commemorare il  "metropolita" Epifanij Dumenko, il primate scismatico ucraino.

Il Santo Sinodo greco ha recentemente discusso la questione, ma non ha preso alcuna decisione, rinviando invece il problema al più ampio Concilio dei Vescovi.

Padre Theodoros ha anche osservato che questa concessione d'autocefalia è più un processo politico che ecclesiale. "È risaputo che tutto ciò è avvenuto a causa delle pressioni da parte di circoli occidentali non ecclesiali che vogliono privare l'Ucraina dell'indipendenza ecclesiastica", ha spiegato.

Nessun tentativo di nascondere il coinvolgimento del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nel processo d'autocefalia è stato effettuato da parte ucraina o americana.

"La dipendenza politica dell'Ucraina è l'obiettivo di America, Europa e NATO. Ora vogliono anche la dipendenza ecclesiastica dell'Ucraina. Il Patriarca ecumenico non dovrebbe partecipare a questi giochi", ritiene padre Theodoros.

In conclusione, padre Theodoros ha espresso la speranza che la Chiesa ortodossa russa prenderà delle decisioni che risolveranno la situazione e porteranno Costantinopoli a riesaminare la sua posizione, e che "le altre Chiese ortodosse saranno al vertice della situazione e non saranno d'accordo con le azioni illegali, anti-canoniche e divisive di concessione dell'autocefalia agli scismatici in Ucraina".

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8