Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 29 giugno 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  Media: il patriarca Bartolomeo è risentito della risposta delle Chiese locali al Tomos per la "Chiesa autocefala dell'Ucraina"

di Elena Konstantinova

Unione dei giornalisti ortodossi, 18 giugno 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

il patriarca Bartolomeo di Contantinopoli. Foto: Radio Svoboda

Tutti gli sforzi del patriarca sulla "questione ucraina" sono vani, dal momento che "milioni di ortodossi non riconoscono gli scismatici dell'Ucraina come Chiesa".

Il giornalista, pubblicista e teologo Gheorghios Papatanassopoulos, rinomato nel mondo di lingua greca, crede che il Patriarca ecumenico non nasconda più la sua rabbia per la reazione panortodossa, causata dalla sua proclamazione degli scismatici ucraini come "Chiesa autocefala dell'Ucraina". L'articolo del giornalista è stato pubblicato dalla pubblicazione greca Βήμα ορθοδοξίαί.

In particolare, la pubblicazione afferma che l'11 giugno 2019, nel monastero dell'apostolo Barnaba a Nicosia, il metropolita Emmanuel di Francia ha letto ad alta voce una lettera del patriarca Bartolomeo alla Chiesa di Cipro, in cui "uno sfogo della sua ira è evidente".

Nella sua lettera, il patriarca non parla della Chiesa di Cipro a cui si rivolge, ma si concentra principalmente sul canto della Chiesa di Costantinopoli e, inoltre, lo fa in un tono molto arrogante e senza precedenti, che, alla fine, secondo il giornalista, "lo conduce a inesattezze storiche ed ecclesiologiche".

Il patriarca ecumenico scrive nella sua lettera che "la grande chiesa di Cristo a Costantinopoli è la madre comune di tutte le chiese. Ci dispiace di essere giunti alla necessità di ripetere queste cose ovvie".

Inoltre, secondo il giornalista, la lettera del patriarca sottolinea che "a Costantinopoli non esiste uno strumento di coordinamento sotto forma di un dignitario. L'unico strumento di coordinamento è un cuore amorevole, ricco della mente dell'Ortodossia".

Alla fine del suo messaggio, il patriarca riferisce che il Fanar esiste in tale stato "perché ha i comandi dei divini Padri e dei santi Concili, che hanno dato al Patriarcato ecumenico il sacro, inviolabile e incondizionato privilegio di servizio".

Queste dichiarazioni del patriarca Bartolomeo hanno costretto Gheorghios Papatanassopoulos a commentarle.

Di fatto, il pubblicista crede che il Patriarcato di Costantinopoli non sia stato obbligato da nessuno "a garantire il benessere di altre Chiese" e che nessuno gli abbia conferito un tale "sacro, inviolabile e incondizionato privilegio di servizio".

Inoltre, secondo l'ecclesiologia ortodossa e lo stato di diritto, tutte le Chiese ortodosse possono essere chiamate grandi Chiese perché tutte "sono passate attraverso il fuoco e il ferro, e tutte hanno i loro martiri".

Allo stesso tempo, tutte le Chiese dovrebbero ricordare: "La Chiesa nadre è la Chiesa di Gerusalemme, seguita da Alessandria e Antiochia", mentre Costantinopoli è "una città bizantina che divenne gloriosa solo quando il grande Costantino ne fece la capitale dello stato di Roma e la trasformò in una nuova Roma".

Inoltre, secondo il teologo, la frase della lettera del patriarca Bartolomeo secondo cui la Chiesa di Costantinopoli "serve solo la verità", senza alcuna influenza esterna, sembra molto strana. Soprattutto se teniamo conto del fatto che il Fanar si trova nel territorio di un paese islamico "con una mentalità simile aquella dei sultani", che, peraltro, è attualmente "localizzato nel centro del vortice geopolitico".

Allo stesso tempo, dice il pubblicista, la Chiesa di Grecia ha un'esperienza amara di "atteggiamento passivo e gentile" nei propri confronti da parte del Patriarca Bartolomeo.

Inoltre, esprimendo rispetto per il patriarca Bartolomeo, il teologo sottolinea che "per la vita della Chiesa, credenze arroganti e comportamento egemonico sono ridondanti. Questo è esattamente il motivo per cui non assomiglia ad un'organizzazione laica come il Vaticano".

Sottolinea che nonostante tutti i vigorosi sforzi del patriarca sulla "questione ucraina", non ci saranno comunque risultati positivi, perché "milioni di ortodossi NON riconoscono gli scismatici dell'Ucraina come una chiesa canonica".

Il giornalista pone la domanda del perché il patriarca Bartolomeo chiama l'unità pan-ortodossa "immaginaria", se in un altro luogo scrive che egli stesso è il responsabile di quest'unità?

Inoltre, il teologo sottolinea che "nel caso dell'Ucraina, il Patriarcato di Mosca è nel proprio diritto. E questo diritto è stato riconosciuto dal Patriarcato ecumenico con lo stesso status che esso ha esercitato in relazione alla Chiesa greca per un secolo e mezzo". Se ogni stato deve avere una propria Chiesa, allora "perché il signor Bartolomeo non riconosce la piena autocefalia alla Chiesa di Grecia? Finché Creta, il Dodecanneso, il Monte Athos, Patmos e altri luoghi sono sotto la giurisdizione del Patriarcato ecumenico, il patriarca non ha il diritto di parlare dell'Ucraina".

L'articolo rileva inoltre che "in Ucraina, la lealtà verso la Chiesa canonica è superiore al 70% nonostante l'oppressione a cui è sottoposta".

Il giornalista scrive che un metropolita, leggendo la lettera patriarcale, si è molto turbato e ha detto: "Se il patriarca Bartolomeo si comporta in modo così offensivo e arrogante verso il suo popolo, come si comporterà nel resto del mondo? Capisco ora perché non c'è compassione per lui da nessuna parte. Molti vescovi in Grecia hanno paura del patriarca Bartolomeo, altri si limitano a mostrargli rispetto, alcuni sono superficialmente sottomessi, ma tutti sanno com'è veramente".

In precedenza, l'Unione dei giornalisti ortodossi ha scritto che, secondo il parere del patriarca di Alessandria, il conflitto religioso in Ucraina ha una soluzione.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8