Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 29 giugno 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 17 settembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  Il tomos ucraino è una trappola per l'Ortodossia in tutto il mondo

dell'arciprete Vadim Leonov

Mospat.ru, 12 marzo 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Articolo dell'arciprete Vadim Leonov, candidato in teologia, professore associato al Seminario teologico Sretenskij, sul "punto di biforcazione" dell'Ortodossia mondiale, gli errori di Costantinopoli e la situazione reale in Ucraina.

In fisica esiste una nozione di "punto di biforcazione", che denota uno stato critico di un sistema quando questo diventa instabile e, sotto l'impatto di eventi esterni anche minori, può passare a un livello inferiore o, al contrario, più elevato di auto-organizzazione.

In un certo senso, gli sviluppi in Ucraina sono un tale "punto di biforcazione" per l'intero mondo l'Ortodossia in tutto il mondo. Le decisioni prese e le azioni intraprese oggi determinano in molti modi la vita futura della Chiesa ortodossa, forse anche per molti secoli. In questa situazione, sarebbe sbagliato fare un passo indietro alludendo al fatto che Cristo è il capo della Chiesa e lasciare che lui gestisca tutto da solo. Certamente, è solo lui a guidare la Chiesa ortodossa, ma la Chiesa è un organismo divino-umano e il Salvatore governa su di essa collaborando con le persone e prendendo in considerazione sia i nostri desideri e le nostre azioni, sia quelle giuste sia quelle sbagliate. Pertanto, un auto-ritiro pseudo-umile derivante dai problemi ecclesiali nascenti può portare al peggiore di tutti i possibili risultati.

Tutte le Chiese ortodosse del mondo ortodosso sono entrate in un difficile periodo decisionale riguardo all'organizzazione religiosa ucraina creata dal Patriarcato di Costantinopoli sotto il nome di "Santa Chiesa dell'Ucraina". Per prendere una decisione cruciale è necessario non solo conoscere la situazione reale in Ucraina, in cui una maggioranza assoluta del popolo ortodosso è contro l'autocefalia imposta da Costantinopoli (2/3 contro 1/3), ma anche fare un approfondito esame del documento – il tomos di concessione dell'autocefalia alla "Santa Chiesa dell'Ucraina" in quanto è rivolto non solo agli scismatici ucraini ma anche al clero auto-consacrato. [1] Le sue dichiarazioni hanno posto l'intera Ortodossia mondiale in una situazione nuova, finora senza precedenti. I rappresentanti delle Chiese locali sono pienamente consapevoli che riconoscendo la "Santa Chiesa dell'Ucraina" sulla base di questo tomos accettano anche la sua sostanza? Attraversando il confine del "riconoscimento", una Chiesa locale entrerà in una trappola dalla quale non uscirà. Allora, in cosa consiste il pericolo? Su che cosa tutti quelli che riconoscono questo Tomos sono implicitamente d'accordo? [2]

1. Riconoscimento del Patriarca di Costantinopoli come capo di tutta la Chiesa ortodossa e in particolare di tutte le Chiese locali

 Nel Tomos, nostro Signore Gesù Cristo non è mai stato chiamato il Capo della Chiesa, ma piuttosto nominato come il suo fondatore: "sotto la protezione del fondatore della Chiesa Una, Santa, Cattolica e Apostolica, il nostro Signore Dio-uomo e Salvatore Gesù Cristo".

Nemmeno "sua Beatitudine il metropolita di Kiev" è chiamato il capo della "Santa Chiesa dell'Ucraina"; è chiamato solo "il primo" e "il primate".

La nozione di capo della Chiesa su scala universale è chiaramente assegnata nel testo del tomos al patriarca di Costantinopoli, mentre i rappresentanti della nuova struttura ucraina dovrebbero vedere chiaramente di non avere un proprio capo indipendente: "La Chiesa autocefala in Ucraina riconosce come suo capo (κεφαλὴν) il santissimo Trono ecumenico apostolico e patriarcale, proprio come il resto dei patriarchi e dei primati". Questa frase da sola rende l'autocefalia della "Santa Chiesa dell'Ucraina" nulla e vuota, poiché l'autocefalia è il titolo indipendente e autosufficiente di una Chiesa locale dal primate eletto e approvato dal proprio Concilio ecclesiale, come riflesso nel termine "autocefalia" (dal greco αὐτός – "se stesso". "+ Κεφαλή – "capo"). Nella Chiesa ortodossa è impensabile che una Chiesa autocefala debba essere avere come capo un rappresentante di un'altra Chiesa locale.

Tuttavia, questa frase demolisce l'autocefalia di tutto il resto delle Chiese locali, poiché si afferma "proprio come il resto dei patriarchi e dei primati". Cioè, questo principio, secondo il tomos, è applicato a tutte le Chiese locali e a tutti i loro primati e, cosa più importante, presumibilmente tutti lo accettano. Quando e dove il Patriarcato di Costantinopoli ha ricevuto dalle Chiese locali il loro consenso a considerare il patriarca di Costantinopoli come il loro capo?

È difficile liberarsi di un sentimento inquietante che i rappresentanti delle altre Chiese non abbiano ancora letto correttamente il testo di questo tomos, perché se si fossero resi conto della sua sostanza la loro reazione sarebbe stata esplicitamente negativa; poiché questa affermazione non solo svaluta la "autocefalia" della "Santa Chiesa dell'Ucraina", ma essenzialmente nega la piena autocefalia di tutte le Chiese locali e dichiara l'eresia del papismo di Costantinopoli, con la quale tutti si dovrebbero dichiarare d'accordo.

2. Riconoscimento del diritto del patriarca di Costantinopoli a essere il supremo giudice perentorio su tutto il clero di tutte le Chiese locali.

Il tomos afferma chiaramente: "... preservando il diritto di tutti i vescovi e degli altri membri del clero di rivolgere petizioni di appello al patriarca ecumenico, che ha la responsabilità canonica di emettere irrevocabilmente un giudizio su questioni relative ai vescovi e agli altri membri del clero nelle Chiese locali". È importante sottolineare che il supremo potere legale del Patriarcato di Costantinopoli è dichiarato non solo sul clero della "Santa Chiesa dell'Ucraina", ma anche su tutto il clero dell'Ortodossia mondiale. Ora chiunque potrebbe appellarsi a Istanbul, e le decisioni prese lì dovrebbero essere accettate "irrevocabilmente" da qualsiasi Chiesa locale.

Nel tomos si fa riferimento ai Canoni 9 e 17 del quarto Concilio ecumenico, in cui non c'è una sola parola sul diritto del patriarca di Costantinopoli a giudicare i rappresentanti di altre Chiese locali. Il più autorevole canonista bizantino, Zonaras, nella sua interpretazione del Canone 17, nega inequivocabilmente questo diritto a Costantinopoli: "Non è affatto normale che i metropoliti si appellino al patriarca di Costantinopoli come giudice, ma solo su quelli che sono subordinati a lui. Non può portare a giudizio i metropoliti della Siria, della Palestina, della Fenicia o dell'Egitto contro la loro volontà; come i metropoliti della Siria sono sottoposti al giudizio del patriarca di Antiochia, i palestinesi – al giudizio del patriarca di Gerusalemme, e gli egiziani devono essere giudicati dal patriarca di Alessandria, poiché questi patriarchi li hanno consacrati e a loro sono subordinati". E san Nicodemo l'Agiorita, commentando questi canoni nel suo famoso "Pedalion", insiste categoricamente che "Il primate di Costantinopoli non ha il diritto di agire nelle diocesi e nelle regioni di altri patriarchi, e questo canone non gli dà il diritto di accettare ricorsi in ogni caso nella Chiesa universale". Aggiungendo una grande quantità di argomenti, san Nicodemo fa questa conclusione: "Al momento... il primate di Costantinopoli è il primo, unico e ultimo giudice sui metropoliti a lui subordinati, ma non su quelli che sono subordinati al resto dei patriarchi. Perché, come abbiamo detto, il giudizio ultimo e universale di tutti i patriarchi è un Concilio ecumenico e nessun altro". Da ciò risulta inequivocabilmente che il Patriarcato di Costantinopoli non ha diritto canonico di cancellare gli ordini dei tribunali emessi da altre Chiese locali.

Allo stesso tempo, il patriarca di Costantinopoli è diventato un soggetto del tutto extragiudiziale. Teoricamente potrebbe essere giudicato da un Concilio ecumenico, ma ha usurpato per se stesso il diritto di convocarlo, rendendosi così arbitro extragiudiziale del destino della Chiesa. È chiaramente scritto negli statuti di tutte le Chiese locali che i primati sono passibili di giudizio ecclesiale [3], e non vi è alcuna disposizione sugli appelli legali al Patriarcato di Costantinopoli come ultima istanza di controversie ecclesiastiche. E le rivendicazioni del Patriarcato di Costantinopoli all'autorità giudiziaria suprema sono sorprendentemente simili alla dottrina papista cattolica: "Pietro e i suoi successori hanno il diritto di pronunciare liberamente il giudizio su tutta la Chiesa, e nessuno dovrebbe affatto ribellarsi o turbare il loro stato; poiché la somma sede non può essere giudicata da alcuno (summa sedes a nemine judicatur)". [4] Coloro che riconoscono l'autocefalia della "Santa Chiesa dell'Ucraina" accettano di introdurre innovazioni del genere basate su questo tomos? Ogni Chiesa locale dovrebbe essere necessariamente porsi questa domanda prima di prendere decisioni definitive.

3. Assoggettamento dell'intera diaspora [5] ortodossa nel mondo al patriarca di Costantinopoli e la limitazione del lavoro delle Chiese locali ai confini dei loro stati nazionali iniziali.

Nel tomos, quest'idea è prescritta per la prima volta alla "Santa Chiesa dell'Ucraina", la cui vita ecclesiastica deve essere vissuta rigorosamente "all'interno dei confini geografici dell'Ucraina..., senza essere quindi autorizzata a stabilire vescovi o a fondare altari extraterritoriali in regioni già legalmente dipendenti dal Trono ecumenico, che ha competenza canonica sulla diaspora, ma limitando invece la propria giurisdizione ai territori dello stato dell'Ucraina". Qui, proprio come negli esempi precedenti, la norma prescritta prima alla "Santa Chiesa dell'Ucraina" è presentata come universale e comunemente accettata da tutte le Chiese locali ("già legalmente dipendenti dal Trono ecumenico, che ha la competenza canonica sulla diaspora"). Il fatto che il Patriarcato di Costantinopoli abbia il diritto di possedere la diaspora del mondo è affermato senza alcuna negoziazione con le altre Chiese. Le Chiese locali che riconoscono la "Santa Chiesa dell'Ucraina" dovrebbero essere pronte ad abbandonare i propri figli spirituali, parrocchie e monasteri in altri paesi a favore del Patriarcato di Costantinopoli. Sono a conoscenza di questo fatto?

4. Riconoscimento del Patriarcato di Costantinopoli come autorità suprema nel trattare questioni dottrinali, canoniche e altre questioni ecclesiali.

Nonostante l'assenza di una giustificazione convincente dei suoi diritti esclusivi, il tomos richiede che la "Santa Chiesa dell'Ucraina" obbedisca al Patriarcato di Costantinopoli nel risolvere problemi dottrinali e canonici: "Nel caso di grandi questioni di natura ecclesiastica, dottrinale e canonica, sua Beatitudine il metropolita di Kiev e di Tutta l'Ucraina deve, a nome del Santo Sinodo della sua Chiesa, rivolgersi al nostro santissimo Trono patriarcale ed ecumenico, chiedendo il suo autorevole parere e il suo sostegno definitivo". Non vi è alcuna chiara affermazione che anche altre Chiese locali facciano altrettanto, perché sarebbe una bugia flagrante, ma non c'è dubbio che il precedente ucraino sarà usato contro altre Chiese locali, specialmente quelle che riconosceranno questo tomos e la "Santa Chiesa dell'Ucraina" appena creata.

Dal momento che il Patriarcato di Costantinopoli ha usurpato il diritto alle decisioni ecclesiastiche finali, sorge la domanda: dov'è la garanzia della validità e della correttezza di queste decisioni? Se non esiste una tale garanzia, allora non può esserci alcun diritto a tali decisioni perentorie. Ma se ci fosse una tale garanzia, allora ci si vorrebbe familiarizzare con essa. Finora, tale garanzia non è stata presentata alla pienezza della Chiesa. Inoltre, la storia ecclesiastica abbonda di fatti di tradimento dottrinale, canonico e morale dell'Ortodossia da parte dei patriarchi di Costantinopoli. Basti ricordare che il trono di Costantinopoli durante tutta la sua esistenza è stato occupato da eretici ufficialmente condannati, il cui numero supera quello di tutte le altre sedi ortodosse prese assieme. Come possono tali diritti essere dati al Patriarcato di Costantinopoli dopo tutto ciò?

Ciò che abbiamo di fronte a noi è una chiara prova dell'usurpazione di un potere ecclesiale che appartiene esclusivamente ai Concili della Chiesa. I rappresentanti di altre Chiese locali sono pronti a rifiutare il principio della sinodalità a favore dell'indefettibilità di Costantinopoli in materia dottrinale e canonica? Accettare questo tomos senza sistemare tali questioni significa di fatto firmare una sentenza di morte sia per la propria autocefalia che per l'ortodossia in tutto il mondo. [6]

5. Riconoscimento del diritto del Patriarca di Costantinopoli di interferire negli affari interni di ogni Chiesa ortodossa.

Il tomos afferma senza fondamento che il Patriarcato di Costantinopoli "è obbligato (ὑποχρεωμένον) per lunga tradizione canonica a prendersi cura delle sante Chiese ortodosse che affrontano difficoltà". Chi esattamente l'ha obbligato a farlo? E sulla base di quali risoluzioni conciliari? Quando mai le Chiese ortodosse hanno accettato questa interferenza obbligatoria? Uno dei pretesti per l'ingerenza del Patriarcato di Costantinopoli negli affari interni delle Chiese autocefale è indicato nel tomos – sarebbe presumibilmente la guarigione degli scismi: "Nella preoccupazione imperativa della Grande Chiesa di Cristo nel mondo ortodosso per la guarigione di scismi di lunga data e divisioni nelle Chiese locali". Quando è sorta questa preoccupazione imperativa del Patriarcato di Costantinopoli di trattare gli scismi in altre Chiese locali? Le altre Chiese locali sono mai state d'accordo con tali affermazioni? I gerarchi di Istanbul non danno risposte a queste domande, né possono darle, poiché non ci sono argomentazioni convincenti per tali affermazioni.

Tuttavia, senza dubbio, tutte le Chiese autocefale che riconosceranno la "Santa Chiesa dell'Ucraina" si dimostreranno così indifese di fronte agli ansiosi gerarchi di Istanbul, che hanno ripetutamente dimostrato la loro capacità di interpretare in modo estensivo le loro stesse dichiarazioni, e sicuramente estenderanno questo precedente di sottoporre alcune Chiese locali a tutte le altre e per sempre. Per esempio, il tomos consegnato dal Patriarcato di Costantinopoli alla Chiesa ortodossa polacca nel 1924 contiene una riserva che vantava che il trasferimento "della metropolia di Kiev e della e della metropolia ortodossa di Lituania e Polonia, dipendente dalla prima, nonché la loro integrazione all'interno della santa Chiesa moscovita era stata compiuta in contrasto con il diritto canonico". È passato del tempo, e i gerarchi di Istanbul, sfruttando l'instabilità politica in Ucraina, hanno iniziato a reclamare la metropolia di Kiev, riferendosi, tra le altre cose, a questa riserva nel tomos polacco. [7] Pertanto, le condizioni stabilite nel tomos ucraino saranno presentate ad altre Chiese locali, non immediatamente, ma non appena si instaureranno instabilità e opportune opportunità di interferenza nella loro vita.

6. False argomentazioni

Il tomos afferma che in Ucraina "i dirigenti civili ed ecclesiastici hanno cercato avidamente la propria auto-amministrazione ecclesiastica per più di trent'anni". Per quanto riguarda i "dirigenti ecclesiastici", si tratta di una vera bugia, perché questi, nei trent'anni citati, non hanno mai fatto appello al Patriarcato di Costantinopoli per "l'auto-amministrazione ecclesiastica" perché per lungo tempo hanno già goduto della piena indipendenza ecclesiastica (dal 1990). Inoltre, il Patriarcato di Costantinopoli ha ignorato oltre 400 mila firme [8] dei fedeli della Chiesa ortodossa ucraina canonica che protestano contro l'autocefalia loro imposta. Il tomos ha completamente ignorato i "leader ecclesiastici" canonici che guidavano una schiacciante maggioranza del gregge ortodosso in Ucraina, ma ha offerto questo onore a chierici scismatici auto-consacrati e scomunicati, principalmente M. Denisenko, che erano stati considerati dal Patriarcato di Costantinopoli fino a poco tempo fa come decaduti dalla Chiesa. Dal lato opposto, ciò che è stato proposto da Istanbul sono state le risoluzioni prese da alcuni politici ucraini che hanno un indice di fiducia incredibilmente basso tra la loro stessa gente. Per questo motivo, le ulteriori parole nel tomos "...in tal modo riecheggiando le precedenti simili richieste rivolte periodicamente dalla sua gente al santissimo Trono apostolico di Costantinopoli" sono una continuazione di una spudorata menzogna.

7. Esorbitante auto-esaltazione del Patriarcato di Costantinopoli

Il tomos è troppo pieno dell'esaltazione del Patriarcato di Costantinopoli su tutte le Chiese autocefale e dell'appropriazione di designazioni assolute. Per esempio, "la grande Chiesa di Cristo" è una designazione appropriata per tutta la Chiesa ortodossa, ma non per un patriarcato. Tuttavia, il Patriarcato di Costantinopoli "umilmente" se ne appropria e si aspetta un atteggiamento appropriato. La "Santa Chiesa dell'Ucraina" per il Patriarcato di Costantinopoli è una "figlia" che il resto della Chiesa locale dovrebbe accettare come "sorella". Ciò implica che il Patriarcato di Costantinopoli si concepisce come "la madre" di tutte le Chiese locali. In altre parole, è così costruito un subordinazionismo, con il Patriarcato di Costantinopoli in cima come la "madre" universale e le sue "figlie" sotto di lei. È interessante notare che nel tomos della Chiesa polacca (1924), il Patriarcato di Costantinopoli si professa come "sorella spirituale". Come possiamo vedere, negli ultimi anni l'autostima dello stato del Patriarcato di Costantinopoli è notevolmente aumentata.

Il Patriarcato di Costantinopoli, "umilmente", si autodefinisce "Il centro dell'Ortodossia", sebbene sia strano che questa nozione debba essere applicata a un trono caduto nell'eresia più spesso di tutti gli altri primati delle Chiese presi insieme.

* * *

Riassumendo questa breve analisi del testo del Tomos ucraino, è possibile affermare che i gerarchi delle Chiese locali che riconosceranno la quasi-autocefalia della "Santa Chiesa dell'Ucraina" sulla base di questo tomos ammetteranno quindi che riconoscono quanto segue :

  • Il patriarca di Costantinopoli come capo della loro Chiesa locale;
  • Il diritto del Patriarca di Costantinopoli di giudicare perentoriamente ogni chierico della loro Chiesa locale;
  • La disponibilità a subordinare la loro diaspora ortodossa al Patriarca di Costantinopoli e a limitare il lavoro della propria Chiesa locale ai confini del proprio stato nazionale;
  • La necessità di negoziare importanti questioni ecclesiali con il Patriarcato di Costantinopoli come autorità suprema nell'area delle verità dottrinali e canoniche;
  • Il diritto del Patriarca di Costantinopoli di interferire negli affari interni della propria Chiesa locale con il pretesto di guarire scismi e per altri motivi;
  • Il riconoscimento del Patriarcato di Costantinopoli come "il centro dell'Ortodossia" e "la grande Chiesa di Cristo" nonostante tutte le azioni ​​illegali e le menzogne contenute nel tomos ucraino.

Inoltre, entrando in comunione liturgica con gli scismatici e il clero auto-consacrato della "Santa Chiesa dell'Ucraina", il clero delle Chiese locali violerà gravemente il canone 10 dei santi apostoli: "Se qualcuno pregherà, anche in una casa privata, con una persona scomunicata, sia anche lui  scomunicato" e il canone 33 del Concilio di Laodicea " Nessuno si unirà in preghiera con eretici o scismatici".

Per farla breve, tutte le affermazioni del Patriarcato di Costantinopoli indicate nel tomos hanno un unico scopo: impiantare nell'Ortodossia l'eresia del papismo, secondo la quale non è più Cristo, ma il patriarca di Costantinopoli che dovrebbe essere riconosciuto come il capo della Chiesa universale, e la sua volontà deve essere obbedita sempre e in ogni cosa. Pertanto, il tomos della "Santa Chiesa dell'Ucraina" non è solo un gioco per gli interessi dei politici ucraini e la legalizzazione di chierici scismatici e auto-consacrati, ma, soprattutto, è una dichiarazione dell'eresia del papismo di Costantinopoli sigillata dalle firme del Patriarca Bartolomeo e tutti i gerarchi supremi del Patriarcato di Costantinopoli. Le Chiese locali che riconosceranno il tomos non solo dimostreranno la loro disponibilità ad obbedire al nuovo papa, ma si assumeranno anche la responsabilità dell'affermazione e della propagazione dell'eresia del papismo di Costantinopoli nell'Ortodossia. Sono convinto che se questa idea sarà compresa correttamente dai primati delle Chiese locali, allora il desiderio di respingere l'avventura della Chiesa ucraina organizzata dal Patriarcato di Costantinopoli sarà comunemente accettato, e questa sarà una cosa salutare non solo per l'Ortodossia in tutto il mondo ma anche per i vescovi di Costantinopoli che sembrano aver già deciso che "la vigna di Dio" è diventata di loro proprietà (cfr Mt 21, 33-41).

Note

[1]  Clero auto-consacrato – sacerdoti e diaconi che hanno abbandonato la Chiesa e, per continuare l'esistenza della loro organizzazione, hanno commesso un sacrilegio 'consacrando' il vescovo da soli immponendo le mani dei sacerdoti sul candidato eletto. Nel XX secolo, fu creata così la "Chiesa ortodossa autocefala ucraina", in cui, contrariamente a tutti i canoni (Canone Apostolico 1, Concilio di Antiochia 19, primo Concilio ecumenico 6, ecc.) una persona scomunicata dalla chiesa, l'arciprete Vasilij Lipkovskij, fu 'consacrato' da chierici e laici sospesi attraverso l'imposizione delle reliquie (mani) dello ieromartire Makarij, metropolita di Kiev. Questo atto sacrilego è stato ripetuto alla conseguente "consacrazione episcopale" dell'arciprete Nestor Sharaevskij, anch'egli scomunicato. In questo modo, la "gerarchia" della "Chiesa ortodossa autocefala ucraina" fu chiamata "auto-consacrata". Nel 1995, il Patriarcato di Costantinopoli ha ammesso nella sua giurisdizione il clero auto-consacrato della "Chiesa ortodossa autocefala ucraina" in Nord America.

[2] Per l'analisi del tomos, è stato utilizzato il testo inserito sul sito ufficiale del Patriarcato di Costantinopoli, https://www.patriarchate.org.

[3] Cfr., per esempio, lo Statuto della Chiesa ortodossa russa: http://www.patriarchia.ru/db/text/133121.html.

[4] Epistolae et decreta pontificia, XXXII // PL. 143, 765.

[5] La diaspora ortodossa è composta dai fedeli ortodossi in vari paesi e chiese locali che vivono e conducono una vita ecclesiale a pieno titolo in paesi in cui la maggior parte della popolazione non è ortodossa. Tra questi ci sono i paesi del Nord e del Sud America, Asia, Australia, Europa occidentale, ecc.

[6] Le rivendicazioni al diritto ultimo di prendere decisioni su questioni ecclesiastiche e canoniche comuni sono invariabilmente presenti nei discorsi del patriarca Bartolomeo. Per esempio, durante la Sinassi nel settembre 2018, ha affermato: "Il patriarca ecumenico ha la responsabilità della soluzione dei problemi nell'ordine ecclesiastico e canonico, poiché egli solo esercita il privilegio canonico di adempiere a questo elevato dovere" . – https://www.uocofusa.org/news_180901_1.html.

[7] cerkvarium.org.

[8] news.church.ua.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8