Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 11 ottobre 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 17 settembre 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  A Kiev hanno letto il testo degli anatemi contro Bartolomeo

T-34 – Dmitrij Skvortsov, 18 marzo 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

Il 17 marzo, per la festa del Trionfo dell'Ortodossia, a Kiev si è tenuta una processione di parrocchiani della Chiesa ortodossa ucraina del Patriarcato di Mosca. La processione si è conclusa con una preghiera da parte di un unico laico, in cui è stato letto il testo dell'anatema al "falso patriarca Bartolomeo di Istanbul".

Più di duemila abitanti di Kiev hanno preso parte alla processione in onore della festa del Trionfo dell'Ortodossia, che chiude la prima settimana della Grande Quaresima. La processione dalla Lavra delle Grotte di Kiev al monumento al principe Vladimir è stata guidata dal capo dell'Unione delle confraternite ortodosse, Valentin Lukijanik.

È stato celebrato un Moleben con rito laicale per il Trionfo dell'Ortodossia con la tradizionale proclamazione degli anatemi all'atamano Mazepa, a Mikhail Ragoz (fondatore dell'Unia di Brest) e a Mikhail Denisenko (il "patriarca onorario Filaret della santissima Chiesa dell'Ucraina").

Quest'anno sono stati letti anche gli anatemi contro Bartolomeo come "autore di uno scisma nella Chiesa ortodossa universale, violatore dei canoni della Chiesa e delle tradizioni dei Padri, imitatore della brama papale di potere e nemico della Chiesa della Rus', traditore della metropolia di Kiev per mano degli scismatici e leader degli eretici, iniziatore della guerra intestina nel nostro paese, iniquo autore di soppressioni delle leggi, caduto egoisticamente sotto il suo stesso anatema; contaminatore della cattedra dei santi ierarchi del trono di Nuova Roma".

Come spiega il vice capo dell'Unione delle confraternite ortodosse, Vladislav Pustovoj, "secondo le regole apostoliche e il principio stesso della conciliarità della Chiesa ortodossa, per l'approvazione dell'ordinazione di un vescovo, così come per condannare le attività di un particolare vescovo, è richiesta l'approvazione / disapprovazione del popolo ecclesiale, espressa nelle acclamazioni "axios" ("degno") o "anaxios" ("indegno"): "Senza questo, l'ordinazione non è valida. In tal modo, gli anatemi di Bartolomeo, elencati in una preghiera di tipo laicale, significano un impulso dato alla gerarchia per farle proclamare un anatema a livello episcopale. Questo è il primo passo necessario e, soprattutto, decisivo per questo scopo".

Dovremmo notare che il Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa ha anche preso atto il 15 ottobre di quanto segue: "L'accettazione nella comunione di un'altra Chiesa locale di scismatici e di una persona colpita da anatema con tutti i "vescovi"e i "chierici" da questi ordinati, è un assalto alle eredità canoniche altrui, un tentativo di farli rinunciare alle proprie decisioni e impegni storici – tutto questo porta il Patriarcato di Costantinopoli al di fuori dei confini canonici e... ci rende impossibile continuare nella comunione eucaristica con i suoi vescovi, clero e laici".

Pertanto, uno degli organi direttivi della Chiesa ortodossa russa ha già riconosciuto che il Patriarcato di Costantinopoli è al di fuori della Chiesa. Ma questa decisione dovrebbe essere consolidata dal Concilio dei vescovi, a cui è indirizzato il messaggio degli ortodossi di Kiev che hanno pregato il 17 marzo nell'occasione del Trionfo dell'Ortodossia.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8