Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 29 giugno 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  L'arcivescovo di Praga emette un ordine sull'impossibilità di concelebrare con la "Chiesa ortodossa dell'Ucraina"

di Ekaterina Filatova

Unione dei giornalisti ortodossi, 27 febbraio 2018

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

L'arcivescovo Michal (Dandar) di Praga e di tutte le Terre ceche

Nel suo decreto sul servizio con il clero straniero, l'arcivescovo Michal di Praga ha sottolineato che l'unica Chiesa canonica in Ucraina è la Chiesa ortodossa ucraina.

Il 20 febbraio 2019, Michal (Dandar), arcivescovo di Praga e delle Terre ceche, ha emanato un decreto "Sul permesso di servire la santa Liturgia con il clero delle diocesi straniere", che definisce chiaramente la "Chiesa ortodossa dell'Ucraina" come una struttura non canonica, con cui "né le concelebrazioni né l'accesso alla Santa Comunione possono avvenire nella diocesi ortodossa di Praga". I documenti pertinenti sono stati pubblicati dal canale telegrafico Autokephalia.

Secondo il decreto dell'arcivescovo della Chiesa ortodossa delle Terre ceche e della Slovacchia, d'ora in poi per servire la Liturgia con i rappresentanti del clero straniero nel territorio della diocesi di Praga saranno richiesti due documenti:

1. La conferma del metropolita, arcivescovo o vescovo ordinario che tale chierico è membro a pieno titolo di una diocesi della Chiesa ortodossa canonica, non è sospeso dal ministero né è sottoposto ad altre punizioni disciplinari canoniche.

2. La conferma dell'arcivescovo Michal di Praga e delle Terre ceche sulla possibilità di concelebrare la santa Liturgia con il clero di una diocesi ortodossa straniera nella terra della diocesi di Praga.

Si noti che entrambi questi documenti devono essere forniti per iscritto; in casi eccezionali, il vescovo Michal può accettare una conferma orale. Il capo della comunità religiosa deve fare copie dei suddetti documenti e conservarli negli archivi della chiesa.

"Nel caso della Chiesa ortodossa ucraina, dati i canoni della Chiesa ortodossa, la Chiesa ortodossa ucraina (del Patriarcato di Mosca) è considerata canonica. La cosiddetta "Chiesa ortodossa dell'Ucraina" è considerata non canonica, per cui né la celebrazione della santa Liturgia né l'accesso alla santa comunione possono avvenire nella diocesi ortodossa di Praga", afferma il decreto.

Il documento sottolinea che i casi di concelebrazione con il clero della Chiesa non canonica nel territorio della diocesi di Praga "comporteranno un danno non solo per la comunità ortodossa della diocesi di Praga, ma anche per l'intera Chiesa ortodossa delle terre ceche e della Slovacchia. "

"I contravventori saranno puniti per il mancato rispetto di questo ordine", riassume il decreto dell'arcivescovo di Praga e delle Terre ceche.

Come ha riferito l'Unione dei giornalisti ortodossi, il 24 novembre 2018, l'arcivescovo Michal di Praga ha fatto visita a Odessa per un sostegno in preghiera alla Chiesa ortodossa ucraina canonica.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8