Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 7 maggio 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  Chiesa greco-cattolica ucraina: La posizione del Fanar dà il via libera a servire a un singolo altare

di Ol'ga Tsvilij

Unione dei giornalisti ortodossi, 16 febbraio 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

padre Igor' Shaban, presidente della Commissione per la promozione dell'unità dei cristiani della Chiesa greco-cattolica ucraina

La consapevolezza del Fanar dell'importanza di servire come Protos per l'unità della Chiesa offre opportunità per un servizio comune, dice padre Igor Shaban.

Il Patriarcato di Costantinopoli capisce l'importanza del ruolo di Protos (il primo), e questo offre nuove opportunità per unire ortodossi e cattolici, condivide il suo punto di vista il presidente della Commissione per la promozione dell'unità dei cristiani della Chiesa greco-cattolica ucraina, padre Igor' Shaban, su news.ugcc.ua, la risorsa informativa della Chiesa greco-cattolica ucraina.

È arrivato a questa conclusione grazie alle dichiarazioni del metropolita Emanuel (Adamakis) di Francia.

"Il metropolita Emmanuel di Francia, nel suo discorso di benvenuto, pronunciato dopo l'intronizzazione del metropolita Epifanij, ha sottolineato che il trono di Costantinopoli è la principale tra tutte le Chiese ortodosse di Dio, perché la vita e la pratica della Chiesa hanno fatto sì che ci fosse un'istituzione sacra per risolvere le dispute in qualsiasi questione ecclesiale", ha ricordato Shaban.

Così, il metropolita Emmanuel indirettamente "ha sottolineato l'importanza del ruolo del Protos (il primo) nel mondo cristiano, il cui ruolo nel primo millennio è compiuto e continua a essere compiuto oggi per la Chiesa ecumenica dal vescovo di Roma", ha detto.

Il capo della commissione della Chiesa greco-cattolica ucraina è convinto che una tale consapevolezza dell'importanza di servire come Protos per l'unità della Chiesa "apre nuove opportunità per servire insieme allo stesso altare".

"Per questo fine non c'è bisogno di molto - si deve avere la stessa fede, la stessa comprensione dei santi sacramenti, obbedire al proprio vescovo, che ha una successione apostolica, ed essere in unità con il vescovo di Roma che è segno visibile dell'unità della Chiesa di Cristo", ha assicurato.

Shaban ha anche detto che l'unificazione tra la Chiesa greco-cattolica ucraina e la Chiesa ortodossa dell'Ucraina è possibile solo se la nuova struttura ecclesiastica riconoscerà la supremazia di Roma. "Il santo papa Giovanni Paolo II ha definito l'Ucraina 'il laboratorio dell'ecumenismo'. Forse, ecco perché, a livello locale, le Chiese ucraine come l'apostolo Giovanni, nella loro ricerca dell'unità, sono in anticipo rispetto alle antiche Chiese apostoliche, ma prendendo in considerazione l'obiettivo comune esse dovrebbero, seguendo l'esempio di san Giovanni, non fare passi troppo audaci e frettolosi senza le altre Chiese con cui sono unite nella comunione e nell'amore di Cristo", ha dichiarato.

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8