Rubrica

 

Informazioni sulla chiesa in altre lingue

Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=205  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=602  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=646  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=4898  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=2779 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=204  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=206  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=207  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=208  Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=3944 
Mirrors.php?cat_id=32&locale=it&id=647         
 

Calendario ortodosso

   

Scuola domenicale della parrocchia

   

Ricerca

 

In evidenza

11/11/2018  Cronologia della crisi ucraina (aggiornamento: 29 giugno 2019)  
30/01/2016  I vescovi ortodossi con giurisdizione sull'Italia (aggiornamento: 22 giugno 2019)  
02/07/2015  Come imparare a distinguere le icone eterodosse  
19/04/2015  Viaggio tra le iconostasi ortodosse in Italia  
17/03/2013  UNA GUIDA ALL'USO DEL SITO (aggiornamento: 19 luglio 2014)  
21/02/2013  Funerali e commemorazioni dei defunti  
10/11/2012  I padrini di battesimo e il loro ruolo nella vita del figlioccio  
31/08/2012  I nostri iconografi: Iurie Braşoveanu  
31/08/2012  I nostri iconografi: Ovidiu Boc  
07/06/2012  I nomi di battesimo nella Chiesa ortodossa  
01/06/2012  Indicazioni per una Veglia di Tutta la Notte  
31/05/2012  La Veglia di Tutta la Notte  
28/05/2012  La preparazione al Matrimonio nella Chiesa ortodossa  
08/05/2012  La Divina Liturgia con note di servizio  
29/04/2012  La preparazione al Battesimo nella Chiesa ortodossa  
11/04/2012  CHIESE ORTODOSSE E ORIENTALI A TORINO  
 



Facebook
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8
  Il patriarca Bartolomeo è una minaccia per l'Oriente ortodosso!

di Dimitrios Anagnostou

AgionOros.ru, 1 febbraio 2019

Clicca per SCARICARE il documento come PDF file  
Condividi:

AgionOros.ru pubblica un articolo dell'ultimo numero del giornale greco-ortodosso Orthodoxos Typos. L'autore è il famoso teologo e pubblicista Dimitrios Anagnostou.

In ogni momento, la pratica della tradizione ecclesiastica di combattere le eresie e le divisioni che minacciano l'unità della Chiesa non comprende solo la protesta e la lotta canonica alle teorie malvagie e alle azioni scismatiche (anticanoniche), ma anche la condanna simultanea di quei leader ecclesiastici che ne sono i portatori, sostenitori e seguaci. in un certo senso [Nota: naturalmente, oggi, dopo un intero secolo di propaganda dell'ecumenismo, che è iniziato con la spedizione da parte del Patriarcato di Costantinopoli della famosa lettera patriarcale generale del 1920 "alle Chiese di Cristo ovunque si trovino" (dove con il termine Chiese di Cristo sono chiamate per la prima volta le comunità eretiche!), che è considerato il documento fondatore dell'ecumenismo, guidato dal Patriarcato ecumenico, abbiamo raggiunto il punto che, per essere "conciliari" e "pan-ortodossi", siamo stati costretti ad abolire i termini "eresia" ed "eretici" nel lessico ecclesiale-sinodale, e così pure qualsiasi documento che condanni gli errori, mentre è asserita l'esistenza di altre chiese al di fuori della Chiesa ortodossa! (si vedano le "Decisioni del Concilio di Creta")].

È significativo che nella storia della Chiesa spesso i corrispondenti fenomeni di eresie e scismi siano registrati sotto nomi che derivano non solo dal contenuto delle teorie pertinenti (per esempio: monofisiti, teopaschiti, iconoclasti, papisti, ecc.), ma anche dai nomi dei loro ispiratori, leader e creatori (per esempio: arianesimo, nestorianesimo, paolinismo, ecc.).

Nel XX secolo, per la prima volta nella storia della Chiesa, questa pratica tradizionale fu neutralizzata artificialmente e con successo in relazione all'emergenza e allo sviluppo dell'eresia moderna dell'ecumenismo, che, secondo il grande dogmatista serbo san Giustino (Popović), è interamente linguistica. Ciò è avvenuto e continua a verificarsi principalmente perché questa eresia (non dichiarata, nonostante la sua ovvietà) è ancora consentita (se non protetta) dalla maggior parte delle Chiese ortodosse locali. Inoltre, questo è dovuto al fatto che in alcuni casi i leader e i sostenitori di questa eresia sono i capi delle stesse Chiese ortodosse locali.

Il più significativo di questi casi e il precedente più serio e pericoloso è l'esempio del patriarca di Costantinopoli, Bartolomeo, che non è solo il portatore della pan eresia moderna, ma anche il suo capo, principale mecenate e guida. Questa non è una valutazione soggettiva né un'opinione privata, ma una convinzione generale dimostrata e incondizionatamente confermata sulla base di azioni, dichiarazioni e testi ufficiali e pubblici di questo patriarca, il capo del trono glorioso e ortodosso della città imperiale.

Il patriarca Bartolomeo, grazie al suo rango, è stato in grado di rimanere intoccabile per lungo tempo, evitando scontri canonici e accuse, sebbene spesso provochi i sentimenti di tutti i fedeli ortodossi (pastori e congregazioni) con le proprie azioni chiaramente antiortodosse e anti-canoniche e le sue convinzioni puramente eretiche.

Egli stesso (per sua stessa dichiarazione) è un fedele seguace della linea del suo predecessore – impegnato nel sincretismo e nella pan-religione del patriarca massone Atenagora. Questa linea è pericolosa per l'Ortodossia. Sta diventando sempre più chiaro di giorno in giorno che il patriarca Bartolomeo si sforza di farsi proclamare e riconoscere come un secondo papa (orientale), oltre a trasformare il Patriarcato di Costantinopoli in un superpatriarcato accettato a livello politico ed ecclesiastico internazionale – un nuovo Vaticano orientale (ovviamente in versione peggiore)!

Recentemente, questo leader apertamente difensore della pan eresia antiecclesiale dell'ecumenismo, dopo l'esperienza traumatica di un tentativo di soggiogare l'Ortodossia mondiale attraverso il suo famoso "Santo e Grande Sinodo", convocato due anni fa a Creta, ha scelto un "nuovo modo" per diffondere e rafforzare la sua autorità e, di conseguenza, le proprie teorie sul "papa orientale".

Bartolomeo ora segue il vecchio metodo collaudato del "divide et impera" (che include anche lo scisma nel corpo della Chiesa) in modo che, anche se lui e i suoi piani si indeboliscono a breve termine, gli stessi, a lungo termine, indeboliscano la forza e l'influenza di coloro che osano impedire il suo grande sogno, cioè la convocazione del primo Concilio ecumenico (o meglio ecumenista), il cui scopo sia legittimare a livello pan-ortodosso e sinodale la paneresia dell'ecumenismo.

In particolare, il patriarca ecumenico Bartolomeo, noto per il suo carattere vendicativo (che la Chiesa greca conosce per sua amara esperienza), ha portato avanti il ​​suo piano per una divisione indiretta dei fedeli e una dissezione ecclesiastica (giurisdizionale) dei suoi "oppositori" di chiesa. Stiamo parlando di quelli che si oppongono alle sue ambizioni di diventare un super-patriarca e di fare del Patriarcato di Costantinopoli un "Vaticano" orientale. Tali oppositori, oltre al Patriarcato di Mosca, sono gli antichi patriarcati antiocheno e serbo.

Per i suoi interessi e in relazione ai suoi obblighi al servizio della ben nota superpotenza politica (gli USA), l'ambizioso patriarca può (come è probabile che vedremo nel prossimo futuro) "condurre" alla "autocefalia" e rendere satelliti del Fanar altre due (dopo l'Ucraina) parti ecclesiastiche di altri patriarcati.

Stiamo parlando del Montenegro (una metropolia del Patriarcato di Serbia) e delle diocesi ecclesiastiche situate al di fuori dei confini della Siria (negli stati confinanti) che ricadono sotto la giurisdizione del Patriarcato di Antiochia! Dopo gli eventi politici legati alla cosiddetta "questione macedone", anche la cosiddetta " chiesa macedone " (canonicamente indicata come arcidiocesi di Ohrid) è una candidata al "sacrificio" nei piani degli abitanti del Fanar, trovandosi nel territorio canonico del patriarcato serbo, da molti anni in uno stato di scisma, isolata e non riconosciuta dal mondo ortodosso.

Posizionandosi come guardiano fedele e scrupoloso difensore dei diritti storici (come lui li vede) del Patriarcato di Costantinopoli, ignorando completamente i diritti degli altri suoi confratelli, pronto a darsi l'immagine di difensore dell'autonomia e di combattente per l'indipendenza delle amministrazioni e delle strutture locali, ripristina miracolosamente gli scismatici, il patriarca Bartolomeo riconosce e semina incondizionatamente differenze e divisioni ecclesiali (violando chiaramente l'ecclesiologia ortodossa e introducendo, nonostante le proprie assicurazioni in senso contrario, criteri etnici e laico-statali in materia di decisioni ecclesiastiche).

In considerazione di quanto sopra, tenendo conto della recente consegna del "tomos d'autocefalia" alla formazione scismatica di una nuova "chiesa" dell'Ucraina (aggirando la sola e unica Chiesa ortodossa canonica esistente nel paese e contro la volontà del Patriarcato di Mosca che vi ha pieni poteri canonici), il patriarca Bartolomeo si è trasformato in una vera minaccia per l'Oriente ortodosso.

Non bisogna dimenticare che questa minaccia erode di nuovo l'Ortodossia e mina l'unità della Chiesa ortodossa, e in ultima analisi serve a preparare i più al riconoscimento dello pseudo-concilio cretese, che è la fine di un inutile dialogo teologico con i papisti e il ripristino della piena comunione con coloro che hanno a lungo e deliberatamente contrastato la nostra fede e il nostro popolo!

La minaccia rivolta direttamente alla fede ortodossa e all'unità della Chiesa ortodossa orientale dovrebbe essere neutralizzata quanto prima e canonicamente dai vescovi ortodossi di tutto il mondo che stanno in terre dove si mantiene la retta fede, pastori rispettosi della Chiesa, che mantengano accordi inviolabili e osservino le sacre regole e gli statuti della santa Chiesa ortodossa di Cristo. Che Dio lo conceda!

Condividi:
Inizio  >  Documenti  >  Sezione 8